Il bravo ragazzo 4

Scritto da , il 2019-01-24, genere dominazione

Dopo il caffè al bar con Maurizio torno a casa, pensando alla conversazione avuta. Sono frastornata. Lui mi eccita tantissimo, ma non so se voglio essere la sua schiava. Preparo la cena ai ragazzi, ma sono particolarmente pensierosa. Anche i ragazzi se ne accorgono e mi chiedono se sto bene e rispondo che sono stanca per il lavoro. Dopo cena accompagno i miei figli da mia madre perché il giorno dopo Devo andare ancora prima a lavoro perché ci sono tanti scarichi e non posso accompagnarli a scuola.
La mattina dopo mi alzo prima, sono sola mi faccio un bagno caldo e mi masturbo col getto dell’acqua del doccino della vasca. Apro l’acqua facendo uscire un getto debole e lo punto sulla mia fica. Adoro questa sensazione. Vengo. Ma non sono contenta voglio di più. Prendo un vibratore nel cassetto e me lo infilo nella patata. Che goduria! Squilla il telefono di casa, mi fermo un secondo è mio marito, vuole sapere come vanno le cose. Chiudo il telefono mi rendo conto che si sta facendo tardi e corro a lavoro.
Al negozio oggi sono venuti tutti presto quindi non ho potuto iniziare la giornata lavorativa come faccio solitamente. La
Giornata è stata dura, durante il lavoro non mi sono incrociata nemmeno una volta con Maurizio. Quando usciamo dal negozio mi si avvicina e mi dice sta sera vengo a cena a casa tua, mi bacia a stampo e scappa via.

Questo racconto di è stato letto 3 4 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.