Erotici Racconti

La Coinquilina cap. 6

Scritto da , il 2018-01-30, genere etero

Sul tavolo della cucina una mano distratta pescava dei biscotti da una confezione ormai stropicciata.
Inzuppandoli nel caffè, Sara ebbe la sensazione che avrebbe avuto bisogno di un bel po’ di carica per affrontare quella giornata di lavoro.
“Aspetta, dammi qua” Gustavo prese la sua tazzina e la versò in una più grande dove aveva montato un po’ di latte caldo per farlo somigliare il più possibile ad un cappuccino.
“Adesso i biscotti avranno un altro sapore” disse mentre la guardava ancora sonnecchiare. Addosso aveva una sottoveste nera di raso, con la quale sicuramente aveva dormito, ma le sue forme giunoniche erano un po’ nascoste da una vestaglia molto colorata, con la quale si copriva. I capelli tirati in su che terminavano con un ciuffetto disordinato, la faccia struccata e gli occhi un po’ persi nel vuoto per la stanchezza, dettero a Gustavo il coraggio di indagare sulla notte appena trascorsa.
Aveva capito che cercare di dimenticare ogni singolo episodio non gli sarebbe servito a molto, pensò quindi che esorcizzarli sarebbe stato il modo più realista per archiviarli.
La sfrontatezza del suo esibizionismo si scontrava con la sua riservatezza. Sara non parlava troppo di se stessa a meno che non le si facessero delle domande concrete. Si era aperta con lui per giustificare alcuni suoi comportamenti ma non c’erano state grandi rivelazioni. Questo mistero che incorniciava la sua presenza era forse una delle cause dell’attrazione inspiegabile che Gustavo provava verso di lei. Percorrere quella strada forse lo avrebbe aiutato a ridimensionare quella situazione diventata ormai grottesca ai suoi occhi.
“Ti piacciono i capelloni ehhh...” le disse guardandola con aria frivola.
“Come scusa?”
“Dico.. ti piacciono i ragazzi con i capelli lunghi, un po’ trasandati, molto bohemien”
“Ah lo dici per Lorenzo? No, in realtà mi piacciono i ragazzi con la barba. La trovo virile e seducente” rispose un po’ seccata Sara. Non era seccata per quella domanda. Stava solo facendo mente locale su tutte le scartoffie con cui avrebbe avuto a che fare quel giorno allo studio.
“Ah….capisco, comunque simpatico, puoi invitarlo quando vuoi”
“Grazie, se fra 2 o 3 anni sarò ancora qui lo inviterò. Non credo tornerà prima”. Si alzò per lavare la tazza, ma Gustavo gliela prese di mano e per una volta fu lui a cercare il suo sguardo che però non trovò. La osservò per altri 10 secondi di schiena mentre si dirigeva al bagno. Si ricordò rapidamente che Lorenzo viveva all’estero e che quindi non sarebbe tornato in quella casa molto presto. Si sentì un po’ in colpa. Forse la sua affermazione aveva ferito Sara, magari a lei dispiaceva non poterlo vedere e ricordarglielo non era stato carino. Dentro di sé provò uno strano sollievo pensando che non li avrebbe più visti insieme.
Intanto, sotto la doccia, Sara pensava a tutto tranne che a Lorenzo. Non vedeva l’ora che arrivassero le 18 per tornare a casa e ancora non era uscita.
Si preparò con una certa fretta ed uscì di casa. Gustavo, davanti allo specchio decise che non avrebbe usato il rasoio. Si guardò in mutande, prima di lavarsi. “ Devo andare a correre, questa pancetta va buttata giù” pensò fra se mentre si ricordò che avrebbe dovuto contattare Michela, la ragazza conosciuta in chat la sera prima. Non che fosse così importante essere in forma strepitosa per una tizia con la quale avrebbe sicuramente fatto solo sesso, ma gli piaceva fare buona impressione.
A differenza di molti suoi colleghi informatici, Gustavo non si era mai lasciato andare. Fin da ragazzo aveva sempre avuto un discreto successo con le ragazze e ne andava orgoglioso. Il suo fisico robusto e tonico distribuito sui suoi 185 centimetri aveva sempre attirato lo sguardo delle donne giovani e meno giovani. I suoi occhi nero pece, intravidero allo specchio dei capelli bianchi all’attaccatura della fronte. Non se ne preoccupò, anzi, gli davano un tocco di fascino maturo che avrebbe completato con i suoi occhiali con montatura nera. Gustavo si piaceva, era abbastanza sicuro di se stesso. E proprio da questa sicurezza scaturivano i suoi momenti di calma piatta sentimentale. Poteva prenderseli come e quando voleva. Sapeva che si sarebbero interrotti facilmente appena si fosse interessato di nuovo al genere femminile.
Inspiegabilmente però, da un paio di settimane, si sentiva esattamente come i suoi colleghi: insicuro e goffo. La presenza di Sara gli stava facendo provare un sentimento violento e contraddittorio. Non la voleva ma lo attraeva come una calamita.
Le stava provando tutte per staccarsi da quel desiderio torbido e che, secondo lui, non lo avrebbe portato a nulla di buono. Le sue relazioni con le donne erano sempre state standard, classiche e voleva che così rimanessero. Che fossero storielle di sesso o fidanzamenti anche lunghi, Gustavo aveva sempre avuto il pieno controllo della situazione. Non c’erano mai stati grossi colpi di scena, nessuna lo aveva destabilizzato.
Non sarebbe stata Sara a farlo. Non lei.
La schiuma bianca del sapone si mischiò con la sua pelle scura. Ma fu trascinata via dall’acqua calda della doccia.
Nella pausa pranzo Gustavo scrisse a Michela. Ci fu uno scambio piuttosto asettico e rimasero d’accordo sul sentirsi la sera stessa dopo cena.
Appena entrato in casa, guardò l’attaccapanni nel corridoio. Vide il cappotto di Sara. Era rientrata.
“Sarettaaaaaaaa! Ciao, sono a casa!! Ti va di ordinare una pizza dopo?”
Sara uscì da camera sua con in mano dei capi di abbigliamento.
Aveva addosso una gonna-salopette di jeans e sotto una maglietta, di quelle con le maniche tagliate sulle spalle e totalmente aperte ai lati, sotto le ascelle.
“Sì certo, ascolta sto preparando un trolley”
“Perché, dove vai?”
“La mia collega Valeria….Va in ferie per 10 giorni e non sa a chi lasciare il cane. Mi ha chiesto di tenerglielo ma io non volevo portarlo qui. Non so se ti piacciono gli animali ma soprattutto potrebbe sentirsi disorientato in un altro ambiente e fare casino. Così mi sono offerta di stare da lei nel periodo in cui è fuori. Ti farò risparmiare pure sulle bollette, non sei contento?”
Gustavo la guardò con sufficienza per quella frase.
“Per me potevi portare il cane qua….ma forse hai ragione. Dove vive?”
“Qua vicino, difatti mi porto solo 4 cose, poi verrò qua per fare la lavatrice e portarmi i cambi. Non so se combaceremo in casa, ma stai tranquillo, torno presto. Non ti lascerò solo!” disse scherzando mentre con il pollice e l’indice gli pizzicava una guancia.
Gustavo pensò che fino ad allora, Sara non lo aveva mai toccato. Era esibizionista, a tratti oscena eppure non aveva mai cercato di sfiorarlo. Quel gesto era tutto meno che sensuale. Eppure sentì un brivido ricorrere tutta la sua schiena.
Sara si girò e si mise a piegare sul tavolino della sala quel mucchietto di vestiti che teneva disordinatamente sul braccio sinistro.
Questa operazione la fece mettere di lato rispetto alla visuale di Gustavo. La canottiera e la salopette, erano totalmente inadeguate a trattenere i suoi seni liberi.
Ad ogni movimento che faceva, Gustavo poteva distinguere la silhouette distesa dalla forza di gravità.
Gustavo pensò che era ora di ordinare le pizze per distrarsi da quella ennesima visione provocante.
Alle 20:30 in punto arrivò la pizza. Sara corse ad aprire. Era lì sulla porta che aspettava che salisse il porta pizze. Gustavo prese i soldi e si avvicinò. Una spallina di Sara era scesa pericolosamente lungo la spalla. Di profilo poteva vedere il suo seno sinistro che spuntava per metà, racchiuso in quella salopette un po’ ammucchiata. Il suo culo prosperoso era fasciato dal jeans. Sembrava che il suo unico scopo fosse quello di sostenere le sue lunghissime gambe ma che ne sopportasse bene il peso visto che era alto e fiero. La sua coda di cavallo la faceva sembrare ancora più alta.
Il ragazzo entrò con due cartoni di pizza ancora fumanti. Si fermò un secondo a guardare Sara che gli sorrise e prese il goloso malloppo. Mentre Gustavo gli dava i soldi, vide lo sguardo del ragazzo rivolgersi verso Sara che ormai si era girata e camminava verso la cucina.
Lo pagò e gli chiuse la porta in faccia.
Divorarono quelle pizze in meno di dieci minuti. Sara si toccò la pancia ed emise uno sbuffo di sazietà, prese il bicchiere pieno di birra e dette un ultimo sorso. Nel farlo guardò negli occhi Gustavo. Lui ricambiò il suo sguardo. Si sentiva invadere l’anima ogni volta, come se lo spiasse dentro. Era totalmente inerme e vulnerabile. Lui, che le donne le fulminava con i suoi occhi scuri….
Prese il telefono e non ci pensò due volte.
“Allora, quando ci vediamo?”
Michela visualizzò il messaggio dopo 10 minuti.
“Purtroppo ho beccato l’influenza ma spero di uscirne presto. Ho proprio voglia di incontrarti...”
Gustavo si alzò e fece per lasciare la cucina.
“Lascia pure tutto così Saretta, queste 4 posate le lavo io domattina”
“No no ci mancherebbe, vai pure, finisco io”.
Gustavo andò in camera sua e iniziò a conversare con Michela. Dalle poche foto che aveva visto sul sito di incontri aveva intravisto un corpo minuto, non doveva essere molto alta. Aveva una pelle olivastra e capelli castano scuro. Gli erano piaciuti i suoi occhi, grandi e dolci e il suo abbigliamento sobrio e molto pudico. Tutto l’opposto di Sara. Se ne compiacque così tanto che una volta sdraiato sul letto alzò il tiro della conversazione.
Iniziarono a parlare di gusti sessuali. Alla fine lo scopo era quello quindi non c’era niente di male. Niente di morboso si ripeté come un mantra Gustavo.
Entrambi amavano il sesso “classico”, niente pratiche estreme, niente feticismi. Michela gli mandò una sua foto in pigiama, sotto lo coperte e con gli occhi lucidi per la febbre.
Gustavo pensò che assomigliasse a molte donne con le quali era stato. La sua immagine lo faceva sentire sicuro e dominante. Pensò a quando l’avrebbe posseduta. Avrebbe condotto lui il gioco. Gli piaceva farlo, si sentiva uomo e riusciva a soddisfare benissimo le sue partner.
Si eccitò al pensiero e lo comunicò a Michela, la quale continuò a stuzzicarlo mandando qualche foto del repertorio estivo. In costume, con il bikini, con dei vestitini svolazzanti. Niente di eccezionalmente erotico, ma tanto bastò per iniziare a masturbarsi. Non fecero del vero e proprio sexting, non vi furono frasi oscene ma misero in chiaro che entrambi volevano del sesso l’uno dall’altro. Ecco, Gustavo riconobbe se stesso. Ebbe il suo orgasmo quando Michela gli confessò che amava il sesso orale e che glielo avrebbe praticato molto volentieri.
Non aveva pensato a Sara. Non gli aveva neanche sfiorato il cervello. “Ci siamo...pensò..questa ridicola situazione sta finendo”.
La salutò con un minimo di tenerezza, d’obbligo in questi casi.
“Guarisci presto, ho voglia di vederti”.
La settimana cominciava a farsi sentire. Gustavo era uscito un paio di sere a cena con i colleghi e altre due aveva fatto tardi guardando Netflix. L’assenza di Sara non gli stava causando turbamenti, anzi...si era quasi dimenticato di lei quando sul suo telefono arrivò una foto. Era Sara che si era scattata un selfie con il cagnetto dell’amica.
“Questo è Pollo ed è molto contento di conoscerti”.
Gustavo sorrise e si imbambolò guardando quella foto. Sara era accucciata, sorridente con Pollo per metà sulle gambe. Indossava di nuovo quella salopette, con una maglietta bianca aderente. Dalla foto poteva intravedere solo la profondità delle sue cosce e niente più. Di nuovo pensieri contrastanti lo pervasero.
Subito fu investito da un senso di calore pensando che gli sarebbe davvero piaciuto diventare più amici ed averla come confidente. La sorella che non aveva mai avuto.
Poi pensò che probabilmente, sotto quella salopette non stava indossando nulla ed il pensiero lo turbò, eccitandolo.
Le rispose con un emoji e se ne andò a letto.
Anche quel sabato era agli sgoccioli . L’indomani sarebbe andato a correre.
Nel parco incrociò 4 cani con i rispettivi padroni. Il ritmo della sua corsa era scandito dalle note di Under Pressure quando squillò il telefono. Un messaggio.
“Se vuoi oggi ci vediamo. Sto molto meglio”
Michela era guarita, voleva vederlo. Non si fece scappare l’occasione. Sara era ancora fuori, avrebbero avuto tutta la casa a disposizione.
“Vieni nel tardo pomeriggio, questo è l’indirizzo”.
Tornò a casa eccitato per quella situazione che gli si prospettava davanti. Si fece una doccia accurata e notò come la sua barba fosse cresciuta. La pareggiò un po’ e poi si vestì molto casual. Pantaloni neri e una camicia bianca che risaltava la sua pelle bruna.
Alle 18 suonò il campanello.
Michela si presentò in quella casa avvolta in un cappotto corto marrone e una sciarpa di lana amaranto. Addosso aveva un golfino blu abbastanza attillato, jeans chiari e delle sneakers rosse ai piedi.
“Ciao Michela, piacere, vieni pure”.
C’era un leggero velo di imbarazzo, tipico di quelle situazioni. Ma Gustavo sapeva benissimo come rompere il ghiaccio.
“Ti porto una birra? O del vino?”
“Birra grazie”.
Si sedettero sul divano ed iniziarono a bere e a parlare. In quelle circostanze si parla del nulla. La casa, il lavoro, cercando di mettersi a proprio agio prima di “attaccare il nemico” .
Le birre da due diventarono quattro e la conversazione si sciolse quando con un po’ di malizia Gustavo pulì con un dito il labbro di Michela sporco di schiuma.
Si guardarono con una certa intensità e Gustavo si avvicinò per baciarla. In quello stesso istante sentì aprirsi la porta di casa.
“Guuussssssss ci sei??? “
Sara era rientrata. Nella frazione di pochi secondi Gustavo pensò che fosse venuta solo per prendere qualche vestito e non si rammaricò più di tanto.
Sara si affacciò subito in salotto e vide i due sul divano.
“Ohh scusa, hai ospiti, piacere io sono Sara, la coinquilina di Gus.”
Michela la salutò educatamente alzandosi dal divano.
“Sei venuta a fare la lavatrice?” chiese Gustavo.
“No, sono tornata. E’ arrivata la madre di Valeria, voleva spupazzarsi un po’ il cane, quindi per questi ultimi tre giorni se ne occuperà lei”.
Si tolse il cappotto velocemente e lo sconforto di Gustavo iniziò a manifestarsi rapidamente.
Aveva un maglioncino verde scuro molto attillato, nel quale i suoi seni si manifestavano in tutta la sua grandezza. Ad ogni suo movimento si agitavano come dei flan su un piatto. La minigonna grigio chiaro aveva uno spacco a V sul davanti che partiva da poco sotto il pube. Ma furono le calze a rete a richiamare l’attenzione di Michela.
“Ma… come è vestita?” Sussurrò all’orecchio di Gustavo.
“Spero di non aver interrotto nulla, ragazzi, Gus scusa se non ti ho avvisato del mio ritorno ma davvero…..non credevo...Comunque tranquilli che io sparisco in camera mia in un nano secondo”.
“No Saretta figurati…. Non ti preoccupare, anzi se vuoi resta, noi andiamo in camera”.
Sara guardò Gustavo con occhi maliziosi, gli strizzò l’occhio e gli tirò un bacio schioccando con le labbra.
Gustavo lo prese come un gesto di sfida. Sentì ribollire il sangue.
Portò Michela in camera e una volta chiusa la porta la spinse contro la parete e iniziò a baciarla con forza e trasporto. Le alzò le braccia per immobilizzarla ed iniziò a toccarle il collo. Scese con la mano e le palpò i seni che già con il reggiseno sembravano estremamente piccoli. Gli mise una mano fra le gambe e iniziò a toccarle il sesso attraverso i jeans. Michela non tardò nel far sentire il suo piacere. Ansimava sulla bocca di Gustavo e si liberò della sua “prigionia” in pochi minuti. Lo allontanò un attimo da lei e iniziò a spogliarsi. Altrettanto fece lui. Una volta nudi non si guardarono neanche. Gustavo la scaraventò sul letto e si collocò sopra di lei. Iniziò a morderle il collo e a stringere forte i suoi seni. Subito dopo, la mano di Michela iniziò a masturbare Gustavo che soffocò i suoi gemiti succhiandole i capezzoli.
Ormai era abbandonato ai suoi sensi. La guardò negli occhi e cercò lo sguardo di Sara, senza trovarlo. La girò con violenza e la mise a quattro zampe. Le afferrò i capelli e iniziò a penetrarla. Michela iniziò ad urlare e lui le tappò la bocca abbandonandola solo per sferrare qualche fragoroso schiaffo su quel piccolo culetto ritto verso di lui. Sentiva il suo pene duro e gonfio trovare conforto nel sesso umido di quella semi sconosciuta.
Pensò di venirle sulla schiena rigida o di voltarla e sporcarle i seni, o magari la faccia.
“Aspetta…..non venire…voglio che mi vieni in bocca”.
Gustavo l’assecondò. Si sdraiò sul letto e vide Michela immergersi fra le sue gambe. Lei lo guardava mentre succhiava il suo sesso con avidità. Lui ci provò. La guardò una e un’altra volta ancora. Era brava, non c’era niente da dire, ma non era lei.
Non era Sara. Ormai non c’era più niente da combattere.
Era chiaro, limpido, cristallino. Voleva lei e in quel momento, mentre Michela era intenta a farlo venire, lo capì. Era inutile continuare a ingannarsi. Smise di guardare quella fragile creatura e chiuse gli occhi.
Immaginò lo sguardo penetrante di Sara guardarlo mentre lo succhiava.
Rivide quei vestiti striminziti, l’immensità dei suoi seni che lo stuzzicavano ad ogni suo movimento, vide il suo sesso coperto di peli neri fare capolino da una delle sue mille gonne oscene. Si ricordò dei guardoni al supermercato e la immaginò sola in un bar con decine di uomini che la osservavano nei suoi outfit da svergognata.
La bocca di Michela si riempì in quell’istante mentre Gustavo esausto ansimava con fatica per il traguardo finalmente raggiunto.
Michela bevve un po’ d’acqua dalla bottiglietta che era sul comodino e si adagiò su Gustavo. Fece per baciarlo ma lui si scansò.
“Non ti è piaciuto?” chiese
“Sì certo….è stato bello..” rispose Gustavo accarezzandole i capelli. “Se hai bisogno del bagno è fuori sulla sinistra. Scusa ma ho una cena con degli amici quindi….”
Michela si alzò di scatto, era infastidita da quell’atteggiamento freddo e distaccato.
Andò in bagno, si rivestì e tornata in camera si rivolse verso Gustavo.
“Ci rivediamo?”
“Non ti ho neanche fatto venire e vuoi rivedermi?”
Si sorprese per quella frase così dura. Non era il suo stile, ma gli uscì spontanea.
“Beh sì…...mi piacerebbe...magari con più calma….”
“Ok, dai, vediamo, sai dov’è la porta vero?”
Michela se ne andò con la netta sensazione che non avrebbe più messo piede in quella casa.
Gustavo si rigirò 5 minuti nel letto poi decise di andare in bagno e lavarsi. Appena uscito vide Sara che impiastricciava in cucina.
Lei lo guardò e sorridendo gli disse a voce medio alta
“Heiii molto carina la tua fidanzata!! Perché è già andata via? Poteva rimanere a cena!”
Si avvicinò verso di lei e aprì il frigorifero.
“Non è la mia fidanzata, è una così. Non credo ritornerà”.
“Ahhh una bottarella e via ahahaha, bravo Gus. Comunque adesso ho un’idea più chiara sul tuo tipo di donna. Cioè il mio esatto contrario, ahahaha.
Bene a sapersi così posso presentarti qualche amica.”
“Mi piacciono tanti tipi di donne” disse per la prima volta in vita sua Gustavo. Non era vero. Almeno, non fino a quell’istante. Forse fino a prima di conoscere Sara.
Sara si aprì una birra. Stava preparando il ripieno per fare dei tacos.
“Ci sono anche per me?”
Sara aspettò di finire il suo sorso di birra per rispondere e lo guardò dritto negli occhi.
“Secondo te, non ho fatto i tacos anche per il mio coinquilino?”
Gustavo si sentì rapito ma non provò disagio. Forse quella sfrenata attrazione non era così sbagliata o forse gli avrebbe portato un mare di guai. Ma in quel momento lei era lì e la vide bella, riconobbe a se stesso che lo era davvero.
Avvicinò il suo volto a quello di Sara e per la seconda volta, in meno di 3 ore, compì lo stesso gesto: tolse la schiuma dalle sue labbra.
Solo che quella seconda volta sentì qualcosa nello stomaco che con Michela non aveva sentito.
Mentre la puliva la guardò intensamente.
“Tacos e Netflix sul divano, ti va?”
“Ti stai facendo crescere la barba…...”
Sul divano fra un episodio di Black Mirror e l’altro, Gustavo cancellò il numero di Michela dalla rubrica del telefono.

Continua……..

Questo racconto di è stato letto 6 5 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.