Erotici Racconti

La Coinquilina cap. 7

Scritto da , il 2018-02-05, genere esibizionismo

Il freddo del marmo della panchina si stava facendo sentire anche attraverso i pantaloni e il giaccone, ma la giornata era così bella che Gustavo si era imposto di pranzare con un panino all’aria aperta e godersi quel sole invernale ma avvolgente. Nei giorni feriali si divideva fra l’ufficio e la casa e si sentiva affogare, sempre rinchiuso fra quelle 4 mura.
Dall’altra parte della strada, degli operai stavano montando un’insegna “L’angolo di Bacco”. Gustavo finì il suo panino e si avvicinò al locale, un cartello indicava l’imminente apertura di una nuova enoteca con ricchi aperitivi dalle 19 alle 21. Avrebbero inaugurato quella stessa sera.
Dette un’occhiata attraverso la porta d’ingresso e vide un arredamento minimal ma molto elegante, il design era sobrio, con uno stile vagamente newyorkese.
C’era un bancone e mobili di legno, simili a librerie, abitati da decine di bottiglie di vino. Ad un primo occhio gli piacque subito e pensò che avrebbe voluto andarci.
Aprì whatsapp per cercare la chat di gruppo con i suoi amici, sullo schermo il primo nome che vide fu quello di Sara. C’era un suo messaggio che ancora non aveva visualizzato . Aveva silenziato il telefono durante la riunione della mattina e non aveva più riattivato la suoneria.
C’erano anche due chiamate perse di Ivan ma preferì leggere il messaggio della sua coinquilina.
“ Hanno appena chiamato i miei genitori, è morto il mio cane...”
A condire il messaggio, un paio di emoji tristi.

La sera in cui avevano mangiato tacos sul divano, Sara aveva parlato a lungo del suo cane a Gustavo. Sapeva che era vecchio e non stava più molto bene.
Sempre quella sera, si erano confidati l’amore sfrenato per Londra, per il punk ed i paesaggi autunnali. Erano finiti poi a raccontarsi dei rispettivi animali domestici che entrambi avevano ma che vivevano nelle case dei genitori. Ed entrambi avevano concluso con la considerazione che gli animali fossero bellissimi ma incompatibili con le vite sempre più frenetiche e disordinate che facevano.
Quella stessa sera fu talmente rapito da quella bella conversazione, che quasi si dimenticò di quello che successe poche ore prima con Michela; gli ritornò in mente solo quando rientrando in camera, vide controluce un lungo capello penzolare incastrato nel cassetto del comodino.
Questo piccolo particolare lo fece riflettere riguardo al comportamento tenuto durante la serata con la sua amante occasionale, gli risalirono negli occhi alcune immagini dal sapore decisamente sgradevole.
Non era mai successo di essere così scortese, freddo e decisamente stronzo.
Pensò che in vita sua non avrebbe mai dovuto comportarsi in quel modo con una donna, che anche in un rifiuto, in una serata andata male servisse sempre un po’ di tatto e dolcezza.
Che questa cosa non sarebbe dovuta succedere mai più.
Prese il telefono con l’intento di mandare un messaggio a Michela formulando una di quelle classiche scuse che si inventano in questi casi per non lasciare l’amaro in bocca.
Ma presto realizzò che aveva cancellato il suo numero e che si era pure cancellata dal sito dove l’aveva contattata.

Era quasi tempo di rientrare in ufficio quando Gustavo pensò che Sara potesse essere molto triste, e che forse lui avrebbe potuto aiutarla. Allora le scrisse un messaggio dicendole che gli dispiaceva tanto, che il suo cagnolino si trovava probabilmente in un luogo pieno di prati e bacchetti da lanciare e che quando sarebbe tornato a casa l’avrebbe abbracciata forte. Sara rispose solo con uno simley ed un bacio.

Gustavo ormai si stava abituando a non esser più solo in casa.
Ogni giorno, quando rientrava, adorava vedere quella presenza che girottolava canticchiando tra una stanza e l’altra. Per molti aspetti sembrava una donna tranquilla e affettuosa. Poi, quando guardava quello che indossava, non riusciva a trattenere la sua disapprovazione che sovente, in pochi istanti, si tramutava in eccitazione.
Aveva ormai capito ed accettato il fatto che quella donna gli suscitasse sentimenti contrastanti, ma in cuor suo sperava sempre di sopire quell’istinto e continuare a vederla come quello che era. D’altronde lasciarsi andare al proprio desiderio avrebbe potuto comportare problemi di convivenza e Gustavo non voleva rischiare di perdere la sua piccola fonte di sussidio economico mensile.
O forse non voleva perdere lei.
Non ebbe il tempo di interrogarsi su questo dilemma a causa di una telefonata.
Era il suo capo, c’era un’emergenza grossa con un loro software.
Bevve l’ultimo goccio di coca cola e scappò in ufficio.

Nello studio di commercialisti Ferri&Co, Marco si stava masturbando nel bagno. Aveva 35 anni e in vita sua non aveva mai avuto così grossi problemi con una collega di lavoro come con Sara. Entrambi si occupavano di archiviare pratiche e aggiornare i database dei clienti.
Sara rimproverava ogni volta a Marco quanto fosse estremamente lento.
Molte volte aveva dovuto aiutarlo a finire il lavoro perché lui non aveva molta dimestichezza con il programma con cui lavoravano al pc. Spesso Sara si era offerta di aiutarlo a scoprirne i “trucchetti”, ma lui era sempre stato distratto dai suoi outfit provocanti e dall’evidente assenza di reggiseno.
In cuor suo la odiava e avrebbe voluto punirla abusando del suo corpo.
Quel giorno però non erano stati i suoi procaci seni a “disturbarlo”. Le loro scrivanie era una davanti all’altra e Marco aveva fatto cadere il portapenne con tutto il suo contenuto. Dovette andare a recuperare penne e lapis sotto la scrivania e vide le gambe di Sara aprirsi e chiudersi mentre era intenta a spulciare dei fascicoli. Indossava una gonna nera molto corta in ecopelle e Marco scoprì subito che non solo indossava autoreggenti ma che evidentemente non portava gli slip. Ad ogni sua apertura poteva vedere il suo sesso nudo incorniciato da una peluria nera. Dopo pochi secondi in cui chiudeva le gambe scompariva, per poi riaffiorare poco dopo. Marco ci mise almeno 5 minuti a raccogliere tutto quello che aveva buttato in terra, totalmente assuefatto a quella visione. Una volta alzato, non poté far altro che dirigersi al bagno ed iniziare a toccarsi. Tornò alla sua postazione con la netta convinzione che prima o poi ci avrebbe provato, magari ad un aperitivo fra colleghi o invitandola direttamente ad uscire.
Ma era appena venuto guardando le sue intimità, quindi decise di rimandare qualsiasi altro approccio ad un momento più consono.

Alle 18.50 Gustavo rientrò a casa alquanto stanco e terribilmente affamato. Non fece in tempo a varcare la porta di casa che vide Sara andargli incontro. Lo abbracciò iniziando a piagnucolare. Gustavo rimase immobile per qualche secondo sentendosi improvvisamente accaldato. I suoi seni schiacciati contro il suo petto e le sue braccia che lo intrappolavano, lo destabilizzarono. Sentendo i suoi mugolii di sofferenza si lasciò andare e l’abbracciò a sua volta.
“Dai forza Saretta, lo so che è dura, ma era vecchietto….”
“Lo so….ma era una parte della mia vita….piccolino….mi mancherà tanto..”
Gustavo tirò fuori un pacchetto di fazzoletti di carta e gliene dette uno.
“Tieni...dai, cerca di distrarti…io ho una fame tremenda, stasera ci abbuffiamo ok?”
Le strappò un mezzo sorriso.
“Va bene...”
“Vado a farmi una doccia e poi pensiamo a cosa mangiarci ok? Chiamiamo il ristorante cinese….porcherie e birra e passa tutto”
Si diresse in bagno e nel chiudere la porta vide Sara di spalle che ancora si stava soffiando il naso. Indossava quella maglietta-vestito nera piena di tagli sulla schiena che le arrivava poco sotto il culo. A coprire le gambe aveva un paio di francesine di lana spessa che la coprivano fino sopra al ginocchio. Aveva la certezza che sotto fosse nuda ed ebbe la sua solita scossa. Sara si girò e lo beccò guardandola.
“Ehi, ti sei imbambolato….”
Gustavo diventò rosso e chiuse definitivamente la porta.
Sotto la doccia vide il suo sesso eretto, aveva il desiderio di toccarsi ma non lo fece. Uscì dalla doccia e prese coraggio.
“Sarettaaaaaa” la chiamò riaprendo la porta del bagno.
Sara andò verso di lui, lo vide avvolto nell’accappatoio mentre si guardava allo specchio.
“Dimmi...”
“Hanno appena aperto una nuova enoteca in centro. Ho dato un’occhiata e mi è sembrata carina. Ti va di andarci venerdì o sabato?”
Sara entrò nel bagno e iniziò a guardarlo con quell’insistenza che lo imbarazzava ogni volta.
“Vuoi uscire con me?” sghignazzò
“No...” rispose seccamente Gustavo
Sara gli fece un sorriso malizioso e lo squadrò da capo a piede.
“Va bene, andiamoci. Mi piace il tuo accappatoio….bel colore” e si diresse in salotto.
Gustavo sentì una strana eccitazione pervaderlo. Stavolta non era sessuale ma emotiva. Nel suo inconscio non poi così tanto profondo, aveva già immaginato la possibilità di finire a letto con lei, togliersi quella voglia malsana e il giorno dopo dimenticare tutto dando la colpa a due bicchieri di vino di troppo. Il piano perfetto.
La cena fu di quelle diaboliche. Ordinarono una quantità di piatti che poi non riuscirono neanche a finire. Spaparanzati sui due divani, digerirono lentamente e con difficoltà guardando un film.
Il venerdì successivo nessuno dei due si era dimenticato dell’invito.
Alle 10 spaccate del mattino Sara rinfrescò la memoria a Gustavo
“Allora Gus….stasera mi porti fuori?”
Dopo pochi minuti arrivò la sua conferma
“Ok, allora andiamo stasera, chiamo per prenotare un tavolo. Facciamo alle 20”
Gustavo pensò a cosa indossare. Nella sua testa c’era una sorta di piccola rivalsa infantile. Anche lui voleva essere bello e desiderabile. Voleva piacerle, voleva che anche lei sentisse il desiderio di toccarlo e possederlo.
Quando varcò la porta di casa, alle 19, Gustavo vide le luci accese, segno che Sara era già rientrata.
“Heiii Saretta ci sei??”
Dalla porta della camera affittata sentì la risposta
“Siiii mi sto preparando!! Fallo anche tu che poi usciamo!!”
Gustavo obbedì e si preparò velocemente. Prese una maglietta abbastanza aderente blu con una scritta rosa e sopra indossò una camicia grigio scura che lasciò sbottonata aperta. Pantaloni sempre grigi sportivi con le tasche laterali. Voleva essere giovanile, informale e un pochino bohemien.
Prese il giaccone e vide Sara che lo aspettava sul divano. Aveva già indosso il suo cappotto nero. Vide solo spuntare delle calze color carne e degli stivali che le arrivavano fino al ginocchio.
“Andiamo?” chiese Sara.
“Sì certo, andiamo a piedi vero?”
“Sì sì”
Durante il tragitto Sara gli parlò di qualcosa ma Gustavo non riusciva a concentrarsi sull’argomento. Rispondeva a monosillabi. Nella sua testa pensava solo al piccolo piano di seduzione che avrebbe voluto mettere in atto quella sera. Vederla avvolta in quel cappotto lo faceva smaniare. Non sapeva cosa indossasse ma si promise che non si sarebbe fatto sconvolgere da niente, voleva condurre lui il gioco. Almeno per una volta.
Tutti i suoi film autoconvincenti svanirono arrivati all’Angolo di Bacco.
Il cameriere assegnò loro un tavolo giusto al centro del locale indicando l’appendiabiti all’angolo.
Sara iniziò a sbottonarsi lentamente il cappotto e Gustavo fece altrettanto, a fianco a lei. Con la coda dell’occhio vide che Sara era vestita con qualcosa color carne, ma non capì realmente cosa si fosse messa fino a che appoggiò il suo soprabito e si girò a guardarla.
Non poteva credere ai suoi occhi. Quel color carne che aveva visto era un mini abito in chiffon trasparente arricciato come un drappo sul davanti dall’attaccatura dei seni a poco sotto il pube. Sotto si poteva vedere tutto e quel tutto non era confortante: Sara stavolta indossava un reggiseno nero, ma era uno di quelli che fungono solo da sostegno, privi di coppa coprente.
Uno di quei capi intimi che normalmente si comprano nella categoria biancheria sexy e che si usano nell’intimità con il proprio partner. I suoi seni erano sì sostenuti ma nudi e scodellati in tutta la loro magnificenza. Si potevano intravedere i suoi grossi capezzoli rosa che tolto il cappotto, per la differenza di temperatura, erano già diventati inevitabilmente duri. Abbassò lo sguardo con timore e vide che almeno nella parte di sotto, Sara aveva avuto l’accortezza di indossare un perizoma. Minuscolo, ma pur sempre un po’ coprente.
Sara gli diede le spalle per dirigersi al tavolo e Gustavo rimase immobile ad ammirare tutte le sue natiche nude ondeggiare sui tacchi dei suoi stivali.
Gustavo si guardò intorno e vide gli occhi sbigottiti degli altri clienti. Due ragazze al tavolo sulla sinistra ridevano guardandola, ma al tavolo a destra c’erano due uomini di una certa età che non sembravano esattamente divertiti.
La scossa di Gustavo triplicò d’intensità e sentì un flusso di nervosismo percorrerlo.
Gustavo raggiunse Sara al tavolo che lo aspettava con un sorriso malizioso.
E lui stava letteralmente iniziando a sudare.
“Saretta…...ma come ti sei vestita? Ti guardano tutti…..stai dando scandalo...”
“Non ti piace? Dai è così carino….e poi ho indossato anche biancheria intima!!” e rise prendendolo un po’ in giro.
“Se avessi saputo che eri vestita così….”
Lo interruppe subito Sara
“Cosa? Se te lo avessi fatto vedere a casa mi avresti fatto cambiare vero? Per questo non te l’ho fatto vedere...Dai non essere sempre bigotto!! “
“Non sono bigotto ma Cristo….ti sei vista? Ti si vede tutto!”
“Ah si? Meglio così rallegro un po’ le loro tristi vite….”
Gustavo pensò che sarebbe stato inutile discutere e prese il menù rapidamente. Scelsero due bicchieri di vino rosso e lo comunicarono al cameriere. Quest’ultimo diventò rosso come un pomodoro rivolgendosi verso Sara che non batté ciglio e ordinò.
“Ragazzi vi porto subito il vino, per il buffet potete recarvi al banco e servirvi da soli”
Gustavo gelò a quelle parole.
Andare avanti e indietro a prendere il cibo significava dare spettacolo.
“Beh andiamo prima che si mangino tutto gli altri no?”
Sara si alzò per dirigersi al bancone. Gli occhi di tutta l’enoteca erano per lei e si vedeva lontano un miglio che lei stessa ne stava godendo. Gli uomini non le toglievano gli occhi di dosso facendo facce sbalordite e compiacenti. Le donne la guardavano con disprezzo o forse era un po’ d’invidia per quelle forme che loro non avevano, imbottite nei loro push up ormai inutili e fuori moda.
Al bancone, Sara si stava mettendo alcune cibarie nel piatto mentre il cameriere, intento ad aprire una bottiglia di vino, non toglieva gli occhi dai suoi seni praticamente nudi.
“Guardi signorina assaggi queste crocchette di patata...sono buonissime….”
“Sì sì adesso le prendiamo, facciamo da soli” rispose seccamente Gustavo.
Ormai non erano più solo sguardi ma iniziavano a prolificare anche commenti. E lui li stava sentendo tutti.
“Ma che svergognata è?”
“Quello si è portato la escort a fare l’aperitivo”
“Quante corna avrà quel poveraccio?”
“E’ praticamente nuda….”
“Che voglia di andare lì e farglielo sentire bene…”
Gustavo non sapeva che fare, si stava vergognando ma al tempo stesso si sentiva eccitato da quegli occhi affamati su di Sara. La immaginò circondata da alcuni di questi che la toccavano attraverso i vestiti mentre lei si lasciava andare al suo piacere.
“è piemontese vero? Guuussss?”
“Come??”
“Uffa ma non mi ascolti neanche, ho chiesto se il vino è piemontese...”
“Ahh sì...”
Per Gustavo era una situazione insostenibile, più la guardava più si eccitava, stava facendo pensieri e fantasie indecenti ma si vergognava profondamente di avere di riflesso anche lui gli occhi addosso. Pensò brevemente ad una via d’uscita rapida e indolore. Doveva trovare un altro posto dove andare subito dopo l’aperitivo, poco illuminato, dove forse Sara avrebbe dato un po’ meno scandalo e lui avrebbe potuto godersela e forse cercare un approccio. Ci pensò a quel momento e per quanto la desiderasse, non riusciva a capire come mai un uomo avrebbe potuto avere una relazione con lei. Chi avrebbe accettato questo modo sfrontato di mostrarsi e farsi guardare?
“Senti” -balbettò Gustavo- “appena finiamo ti porto in un locale da cocktails, così concludiamo degnamente la serata”
“Va bene..!” rispose entusiasticamente Sara.
Dopo poco si alzarono per recuperare i cappotti. Si poteva notare un po’ di insoddisfazione negli altri commensali uomini che stavano perdendo quel ben di dio da guardare.
Una donna sulla cinquantina fece un commento a voce alta per farsi sentire
“Potevano esserci dei bambini qua...non è mica un night club!!”
Sara lo sentì e si girò verso la signora e non fece attendere la sua risposta.
“I bambini non dovrebbero bere vino!!”
Uscirono da quel locale alle 22. Uno dei due stava ridendo e non era Gustavo.
Dall’enoteca al Light Moon c’erano 10 minuti a piedi.
Gustavo pensò che fosse il momento giusto.
“Perché lo fai? Sì insomma, devi riconoscere che il tuo abbigliamento non è normale, dai, non prendiamoci in giro”
Sara lo guardò seria
“Lo sai perché…..”
“Sì...cioè ho capito che ti piace essere guardata ma così è troppo!! Ti guarderebbero anche un po’ più vestita!! Con le tue forme, attrai gli sguardi comunque!”
“Sai chi era Fillide Melandroni?”
“Chi scusa?”
“Fillide Melandroni era una cortigiana di Roma, bella e procace. Un pittore se ne invaghì e iniziò a prenderla come modella per rappresentare sante e Madonne. Nella sua testa voleva vederla come quello che non era. A letto amava quella prostituta ma poi non accettava la sua condizione. Era anche un pittore libertino a cui non piaceva l’ipocrisia e che venne accusato di blasfemia per usare le cortigiane come modelle, però non accettava che Fillide facesse quel lavoro. Ma alla fine della fiera, lei lo abbandonò per andare alla corte di un nobiluomo. Non permise a nessun uomo di cambiare la sua essenza. Che fosse per convenienza o denaro, lei voleva continuare a fare quella vita e a sentirsi sempre mille occhi addosso al suo passaggio”
“Ma almeno il pittore è diventato famoso ritraendola?”
“Sì…..abbastanza...”
“Non capisco molto di arte, ma magari se mi dici il nome lo cerco su internet”
“Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio”.
Gustavo riposò lo smartphone in tasca che aveva preso per cercare il pittore “abbastanza famoso”. Un po’ si vergognò della sua ignoranza ma poi pensò che non era tenuto a conoscere la vita privata degli artisti. Ma quel racconto gli aprì uno spiraglio che non aveva considerato ma che avrebbe dovuto: non poteva cambiare Sara, se lo attraeva perché era oscena e sfacciata non poteva poi pretendere di averla così solo per il suo tornaconto personale.
Alla fine non voleva una relazione con lei, era solo la sua coinquilina.
Ma quella sera la voleva e dopo quella parentesi artistica, la voleva ancora di più.
La cultura e l’intelligenza erano senz’altro un richiamo sessuale forte per Gustavo.
Aveva il mix perfetto.
Al Light Moon le luci erano soffuse. Quando Sara si tolse il cappotto Gustavo notò che solo un paio di uomini l’avevano notata. Certo si vedeva ancora ma molto meno rispetto all’enoteca.
“Vado un attimo in bagno” disse Sara.
Gustavo si accomodò su uno dei sofà a L e guardò rapidamente il menù dei cocktail.
Sara tornò subito e prima di sedersi sistemò la borsa sul divanetto.
“Tieni il menù, guarda cosa vu…...”
Davanti a Gus c’erano le gambe lunghe e tornite di Sara avvolte dalle sue immancabili autoreggenti. Il vestito che lasciava uno spazio di cosce nude gli mostrò nella sua trasparenza che Sara non era andata in bagno a fare pipì.
Davanti alla sua faccia stupita, a meno di 20 cm di distanza c’era il suo sesso di nuovo nudo.
“Ti sei tolta anche il perizoma……..”
“Come noti tutto ehhhh, sì mi dava fastidio, mi sentivo morire con quel filo nel culo”
“Come noto tutto…..ho le tue grazie davanti…...”
Si ricordò del discorso appena fatto e decise di smetterla di fare osservazioni e di iniziare ad osservare. Si sedette sul divanetto davanti e Gustavo decise di non proferire parola per almeno un paio di minuti. Si concentrò sui suoi seni semi nudi e desiderò immensamente tirare quei capezzoli duri con le sue dita, torturarli per poi lenirli con la lingua e succhiarli. Chissà che sapore avevano….
Le sue cosce bianche e infinite sembrava che lo invitassero a metterci una mano in mezzo. Il suo sesso sicuramente era già umido. Le sue labbra già gonfie. “Con tutti quegli sguardi si sarà eccitata, ne sono sicuro” pensò fra se e sentiva crescere la sua erezione.
Passò un ragazzo abbastanza giovane vicino a loro e non si lasciò scappare un commento volgare
“Bella tettona vogliosa sei...”
Gustavo, a quel commento, la guardò, non notò nessuna reazione e quell’impassibilità di Sara lo mandò in tilt. Ordinò un altro cocktail. L’aperitivo era stato misero e l’alcol iniziava a farsi sentire. Non era sicuro di controllare tutte le sue facoltà.
Mentre il cameriere si avvicinò per portare l’ordinazione, Gus vide Sara aprire le gambe davanti a lui per tirarsi su una delle autoreggenti. Vide le sue labbra invitanti aprirsi e non desiderò altro che tuffarcisi in mezzo. Bevve il secondo cocktail in meno di 30 secondi. Andò a sedersi sul divanetto vicino a lei e la guardò con una morbosità del quale lui stesso si meravigliò.
Sara ricambiò il suo sguardo.
“Che c’è?” gli chiese.
“Sara…….”
Una presenza in piedi davanti a loro interruppe quel momento e vide Sara alzarsi di scatto.
“Marco ciaoooo anche tu qua? Gus, lui è Marco, un mio collega”
I due si scambiarono un saluto. Gustavo vide Marco parlare nell’orecchio di Sara. Notò subito che non era molto sobrio, anzi, anche lui doveva essere arrivato al limite quella sera. Barcollava un po’ mentre le parlava all’orecchio e non riusciva a capire cosa le stesse dicendo.
“Gus ti lascio solo un minuto, arrivo subito”
Sara si allontanò con il suo collega e si diressero verso il bancone. Gustavo poteva avere la piena visuale. Dentro di sé montò una rabbia che avrebbe potuto definirsi gelosia, possessione. Quella sera Sara doveva essere per lui, voleva che fosse solo per lui. Dopo pochi minuti vide Marco iniziare a toccarla mentre parlava. Sulle spalle e dietro la schiena. Ad un certo punto vide la sua mano destra accarezzarle una coscia ed andare su fin sopra l’autoreggente. Sara tolse la mano.
Gustavo fece cenno di alzarsi per andare a riscattarla ma si frenò.
Si ricordò che non era la sua fidanzata, che era una donna indipendente a autonoma. Ma avrebbe voluto spaccargli la faccia lo stesso. La sua rassegnazione nell’intervenire durò ben poco. Vide quella stessa mano afferrare con prepotenza un seno di Sara e l’altra avvinghiarla a se. Lei si dimenava cercando di svincolarsi.
Dalla sua postazione a quella di loro due c’erano circa 5 metri che Gustavo fece in un secondo.
Marco tramortì a terra poco dopo con il naso insanguinato.
“Gus…..cosa hai fatto???”
“Non ti permettere mai più, hai capito?? Vattene lurido bavoso!!”
Marco si rialzò barcollante più per l’alcol che per il pugno ricevuto in faccia.
Si asciugò il sangue con la mano.
“Povero scemo, la difendi pure? Non vedi che è una troia??”
Sara vide la faccia di Gustavo diventare paonazza e lo trascinò via di forza.
Anche lui barcollava un po’. Era l’alcol, lo shock. Non aveva mai picchiato nessuno in vita sua.
Sara prese velocemente i cappotti e uscirono da quel locale. Gustavo camminava appoggiato a Sara. Non era più in sé.
“Ce….ce la faccio da solo…..”
“Sì certo come no….dai forza andiamo”
Avrebbero potuto prendere un taxi ma Sara pensò che un po’ d’aria gli avrebbe fatto bene.
“V...vedi….poi come finisce….e io non ci sarò sempre...quello stronzo voleva farti del male….”
“So difendermi da sola Gus, non dovevi farlo!! Era ubriaco, bastava soffiargli addosso per metterlo ko”
“Finirai nei guai prima o poi….”
“Quanto sei esagerato…..!!”
Varcarono la porta di casa e Sara accompagnò Gus in camera sua. Lo stese sul letto e gli tolse i vestiti. Gus era vigile anche se assolutamente imbranato nei movimenti.
Vide il suo corpo muoversi su di lui mentre lo spogliava. Avrebbe voluto farla cadere sopra di lui, possederla e farla godere ma le sue forze lo stavano abbandonando e poi….voleva fare come Marco? Voleva essere così vile e viscido? No, non così. Il suo sesso si gonfiò vedendola agitare i suoi seni su di lui mentre quel triangolo nero di pelo continuava a fare capolino da quell’abito trasparente. Sara lo notò. Rimasto in boxer, la sua erezione era evidente e sfacciata.
Sara sorrise in maniera affettuosa, prese il piumone e lo coprì. Si avvicinò al suo viso, i suoi occhi semichiusi la intenerirono.
Con la mano destra gli accarezzo il viso e senza pensarci lo baciò.
“Grazie mio salvatore…..” lo fece ridere.
Alle 9.00 suonò la sveglia. Gustavo voleva andare a correre quel sabato. Si girò e la spense.
Alle 12 lo svegliò Ivan.
“Gussss cacchioooo, ma perché non mi rispondi?? Dobbiamo vederci, ricordi?”


Continua……..

Questo racconto di è stato letto 5 2 1 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.