Erotici Racconti

La Coinquilina cap.9

Scritto da , il 2018-02-13, genere esibizionismo

Gustavo accese la moka ripensando a quella grottesca avventura avuta la sera prima. Più ci ripensava meno si capacitava di come fosse stato possibile arrivare a tal punto. L’ansia incombeva pensando a come sarebbero stati i prossimi incontri e le conversazioni con Ivan. Un amico a cui confidava tutto e a cui era affezionato come a un fratello. In tutti questi anni, nonostante la spassionata amicizia, la cosa più intima che avessero fatto insieme era stata la doccia dopo il calcetto. Anche durante l’adolescenza, il loro rapporto non si era mai spinto oltre i racconti intimi che entrambi si scambiavano. Adesso non sapeva come si sarebbe sentito con lui, imbarazzato? Freddo? Avrebbe fatto di tutto per stendere un velo sull’episodio?
Nella sua testa c’era solo un’unica scena che non riusciva ad archiviare: le mani di Ivan che masturbavano Sara e il volto di lei in preda a piccole convulsioni di piacere mentre aveva iniziato a toccarle i seni e a dimenare il suo sesso sulle sue natiche. Quell’immagine lo eccitava ma ne vedeva tutte le conseguenze, a suo avviso disastrose, dalle quali non sarebbe potuto scappare.
Non era riuscito a dire di no a quella donna in una situazione così borderline e molto probabilmente ce ne sarebbero state altre, non poteva sapere di che genere, ma aveva la netta sensazione che non sarebbe mai riuscito a confezionare un rifiuto. In Sara c’era qualcosa che Gustavo non aveva mai trovato in altre donne, una spregiudicatezza tale, una visione del sesso come una qualsiasi altra attività ludica che mal si congegnavano con Gustavo, eppure, quell’aspetto era ciò che più lo attraeva. Il sesso per lui era divertente, bello, poteva essere incorniciato da sentimenti più o meno forti o da nessuna emozione. Ma era qualcosa di intimo, che doveva rimanere segreto e condiviso solo con la partner di turno. Esibirlo era qualcosa di inconcepibile, o almeno lo era stato fino alla sera prima. “Benvenuto nel mio mondo”, aveva detto Sara, baciandolo. Cosa voleva dire? Il suo mondo era fare dei threesome ? Il suo mondo era fare sesso davanti e con più persone? Perché era così? Cosa frullava nella sua mente?
Pensò che forse, non molto tardi, glielo avrebbe chiesto, forse avrebbe avuto il coraggio di prenderla seriamente e domandarle cosa mai l’avesse portata ad interpretare il sesso in maniera così superficiale e frivola. “Superficiale e frivola….forse per me”, si disse mentre beveva il caffè. Tutte le sue certezze della sfera sentimentale/erotica si stavano sgretolando. E Gustavo lo sapeva.

La prima mestruazione arrivò tre mesi prima di compiere i 14 anni. Quasi tutte le sue compagne di classe erano già passate per quel fatidico momento e a lei sembrò di essere un po’ in “ritardo”. Ciò nonostante il suo sviluppo si era già fatto notare raggiungendo un’altezza notevole, i suoi fianchi si erano arrotondati e da più di un anno la madre l’aveva costretta ad indossare il reggiseno.
Le sue forme erano già molto generose e spesso venivano solo leggermente nascoste da ampi maglioni, come andavano di moda allora, o da tute da ginnastica.
Si stava rendendo conto dell’attenzione del genere maschile che era notevolmente cambiato nei suoi confronti. Dalle tipiche prese in giro fra maschi e femmine, adesso gli occhi dei suoi compagni erano rivolti solo al suo petto o al suo lato B. Qualcuno di loro aveva cercato maldestramente di palparla ma Sara aveva saputo bene come reagire. Durante l’ultimo anno delle scuole medie erano volati un paio di schiaffi e tre sgambetti.
Non le piacevano i “provoloni”, voleva essere lei ad iniziare il gioco, lei doveva condurlo e finirlo, non per niente si era innamorata di ragazzini che non se la filavano proprio. Alcuni era riuscita a conquistarli, altri no, ma il gioco e la sfida erano quello che la stimolava.
I suoi ormoni avevano iniziato la repentina rivoluzione adolescenziale già dall’estate prima, quando aveva “sedotto” un amichetto del mare più piccolo di lei di un anno.
Si conoscevano da quando avevano 3/4 anni e tutte le estati si ritrovavano alla stessa spiaggia a giocare. Sara però era cambiata, i suoi bikini erano ormai da donna e coprivano un corpo in via di sviluppo. Fu un pomeriggio come altri, quando si ritrovarono insieme in acqua e giocando a schizzarsi e a spingersi, il suo amichetto Federico aveva iniziato con totale non chalance a toccarle i seni sotto le onde. Sara non aveva opposto resistenza e si lasciò palpare sopra il costume. Niente che non avesse visto fare in qualche film o a qualche coppia non troppo appartata.
Quelle mani su di lei le avevano fatto sentire qualcosa nel basso ventre, un calore e un piacere strano che non aveva mai provato. Non aveva ancora neanche chiarissimo come avvenisse un rapporto sessuale, non se ne era mai interessata. Ma da quell’episodio capì che voleva saperne di più. Nei giorni successivi e con un’estrema naturalezza, Sara trascinò il suo amico nei posti più nascosti della spiaggia per farsi toccare. Si toglieva il pezzo di sopra del bikini e si faceva palpare da Federico che, forse più per gioco che sul serio, simulava mugolii di piacere. Gli ordinava lei cosa fare. Le prime volte furono solo mani. Poi Sara lo spinse ad usare anche la bocca e a succhiarle i capezzoli. Il gioco si fermò lì, quando una volta vennero quasi sorpresi da un vicino di ombrellone del padre di Federico. Ci mancò poco e i due decisero di non rischiare più.
La sera, quando tornava a casa, Sara si ricordava di quelle esperienze. Le prime volte si era limitata a riprodurre i giochi fatti da Federico con i suoi seni, poi piano piano, l’istinto l’aveva portata a toccare il suo pube e lì aveva cominciato a sentire che il piacere era molto più forte e viscerale. Fu una di quelle sere in cui ebbe il suo primo orgasmo e la prima cosa che pensò fu a come una cosa così incredibilmente piacevole e ricca di energia da sprigionare potesse essere demonizzata o tenuta nascosta.
Da quando scoprì cos’era un orgasmo, Sara si fece travolgere dall’edonismo più sfrenato. Non c’era giorno in cui non si masturbasse o non si sentisse eccitata. Tuttavia non si spingeva oltre. Non si sentiva pronta a condividere ancora le sue voglie con il sesso maschile ma aveva capito che avrebbe potuto farlo più o meno con chiunque, in qualsiasi momento. Il suo patto con le amichette di non portare più il reggiseno l’aveva portata piano piano a sentirsi totalmente naturale nella sua semi nudità. I suoi seni erano cresciuti a dismisura in un paio di anni e aveva la piena consapevolezza di attirare l’attenzione. Si crogiolava negli sguardi altrui, in quegli occhi pieni di voglia che la scrutavano e la desideravano. Non era importante il soggetto ma l’intento. Poteva trattarsi di un giovane aitante o di un viscido vecchio. Essere desiderata sessualmente era la cosa che più la faceva sentire viva.
Aveva iniziato a vestirsi in maniera sempre più provocante, le minigonne erano di un numero molto maggiore rispetto ai pantaloni e le sue magliette attillatissime lasciavano pochissimo spazio all’immaginazione. Fra le sue compagne di classe l’apostrofavano in modi poco carini. Tutti avevano la certezza che si fosse già ripassata mezzo liceo. Invece Sara era vergine e lo sarebbe stata ancora a lungo. Non che non avesse una sfrenata curiosità di provare cosa un uomo potesse darle ma in quel frangente della sua vita voleva prima capire cosa le piacesse davvero, esplorare bene i suoi desideri più nascosti e scoprire il suo corpo.
Arrivò al suo primo rapporto sessuale con una consapevolezza rara per la sua età.
A 18 anni conobbe Manuel ad una festa di compleanno. Lui l’aveva subito notata come il resto degli invitati. Era estate e Sara indossava una di quelle tutine corte fine anni ‘90, verde scuro, aderentissima che le lasciava totalmente le gambe scoperte. A quell’epoca indossava ancora slip e perizoma anche se microscopici. Manuel si era avvicinato a lei con una scusa qualsiasi e non aveva cercato in nessun modo di rimorchiarla. Fu quello che fece capitolare Sara. Un uomo che non ci provasse subito con lei era una sfida che non si sarebbe mai lasciata scappare. L’adrenalina scaturita della conquista e della seduzione era forse ancora più eccitante del sesso in sé. Nel breve tempo in cui parlarono seduti sul divano, Sara aveva cercato di rapirlo avvicinandosi spesso a lui, accavallando continuamente le gambe e tirando in fuori il suo prosperoso petto. Se si fosse rivista oggi, probabilmente avrebbe riso di quella performance imbranata.
La capitolazione di Manuel arrivò solo quando Sara, presa dall’impazienza lo portò nello sgabuzzino della casa del festeggiato con la scusa di cercare delle birre. In quello stanzino illuminato da una lampadina in fin di vita, Sara baciò Manuel d’impeto, senza che ci fossero stati sguardi complici o frasi a doppio senso. Dopo pochi minuti rimase piacevolmente sorpresa dall’intraprendenza di lui che aveva iniziato a toccarla ovunque. Le sue mani le avevano accarezzato il collo e si erano depositate sui suoi seni stringendoli e facendoli muovere. Poco dopo l’aveva afferrata per i glutei e stretta a lui per farle sentire la sua erezione. La curiosità di Sara insieme al piacere che stava provando la fecero disinibire al punto di sbottonargli i pantaloni e iniziare a masturbarlo. Non aveva idea di come si facesse ma sembrava gli stesse piacendo. Una delle mani di Manuel era intenta a stimolare le sue labbra umide. Entrambi vennero quasi all’unisono più per l’eccitazione del momento che per i rispettivi atti. Ma fu solo l’inizio di una storia che durò poco ma fece scoprire a Sara quell’universo del quale non avrebbe più fatto a meno.
Nei giorni seguenti riuscirono a pagarsi un hotel per vedersi da soli ed ebbero veri rapporti completi. Sara perse la verginità un lunedì piovoso fra quelle quattro mura. Sentire per la prima volta il sesso di un uomo dentro di lei non la fece sentire vulnerabile, né dominata, non sentì nessun dolore, anzi, pensò che non ci fosse piacere più forte ed intenso. Volle farlo una e un’altra volta ancora. Una volta raggiunto l’orgasmo, ne cercava subito un altro, in posizioni diverse, facendosi stimolare ovunque. Più godeva più voleva continuare. Si rese conto che stava trattando Manuel come un oggetto capace di compiacerla. Non voleva in realtà niente da lui, neanche le piaceva così tanto, ma le serviva.
Così come le servirono tutti gli uomini che conobbe negli anni successivi. Dopo l’infatuazione iniziale che si affievoliva dopo poco, Sara pretendeva solo ed esclusivamente sesso. Dai 20 ai 28 anni circa ebbe decine di amanti. Ognuno di essi le insegnò qualcosa sul mondo dell’eros. Capì se stessa, cosa le piaceva, cosa no, ma soprattutto scoprì cosa piaceva a loro. Scoprì che dare e ricevere piacere era in egual modo eccitante. Fu un periodo lungo di scoperta che Sara ricordava comunque sempre con divertimento. Le cose poi erano cambiate, lei era cambiata. Non era più donna solo esteriormente. La sua personalità si era formata e nonostante continuasse ad amare il sesso in maniera inequivocabile, aveva trovato nell’esibizionismo la sua vera natura.
Da quando si era liberata della sua biancheria intima, ad ogni suo movimento corrispondeva una reazione. I suoi capi striminziti non facevano che richiamare l’attenzione su di lei ma il suo scopo non era portarsi qualcuno a letto. Si sentiva molto femminista nell’essere disinibita con il suo abbigliamento, sentiva il suo corpo come parte integrante della natura e non vi trovava niente di osceno. Gli sguardi maliziosi erano inevitabili ma Sara sapeva gestirli. Si concedeva solo quando la persona che aveva di fronte le piaceva davvero, o quando la situazione era terribilmente eccitante come la sera prima con Gus e Ivan.
Negli anni aveva provato ad immergersi in relazioni serie, aveva anche provato a convivere. I risultati erano stati scarsi se non addirittura catastrofici. Il suo processo per accettare che non era fatta per stare in coppia era stato arduo, spesso doloroso. I primi tempi erano sempre rose e fiori, poi come ogni relazione, l’euforia si perdeva e rimaneva la grande responsabilità di portare avanti un progetto comune. Il sesso diventava mera routine e Sara si spegneva, insieme a quei rapporti ormai consolidati ma sterili. Come tute le persone voleva sentirsi amata ed amare, ma non convenzionalmente. Aveva quindi provato a instaurare rapporti “ambigui”, senza impegno, in cui si percepiva affetto ma non si parlava di ambizioni che andassero oltre il divertimento e lo stare bene insieme. Spesso aveva optato per uscire con ragazzi di altre città, un po’ distanti, in modo da non avere già in partenza nessuna aspettativa. Le frequentazioni erano poco assidue ma quando avvenivano, il sesso era esplosivo e nella distanza si manteneva un rapporto vivo e ricco di desiderio. Così era stato con Lorenzo, ma vedersi una volta ogni due/tre anni era oggettivamente troppo misero per considerarlo una relazione.
La sua crescita e maturità l’avevano portata a questa consapevolezza spesso difficile da accettare ma dalla quale non poteva fuggire. Il sesso per Sara era fondamentale non solo per il proprio piacere ma per esprimere tutta la sua energia. Sentiva di dimostrare molto di più con il su corpo che con le parole. Il suo modo di sfoggiare con oscenità le proprie forme non era certo il desiderio di ogni uomo, molti la trovavano assolutamente sfacciata e non si perdevano troppo a conoscerla. Ci voleva un uomo davvero dalla mente molto aperta, non geloso e anzi fiero della sua meravigliosa sfrontatezza. Con alcuni uomini che davvero le erano piaciuti Sara aveva cercato di inibire la sua natura ma con enorme sacrificio. Sapeva quello che voleva ma non era facile ottenerlo.
In quell’ultimo mese Sara si era stranamente affezionata a Gus, lo vedeva come una sorta di protettore, un fratello maggiore. Le piaceva quel suo modo elegante e un po’ aristocratico, introverso ma generoso, paternalista ma tenero. Adorava vedere i suo occhi volgersi altrove quando lei lo fissava, sapeva che non reggeva il suo sguardo e questo la eccitava. Gli creava enorme imbarazzo, ne era cosciente, ma sapeva che non lo stava in nessun modo violentando. Gus non approvava i suoi outfit e forse il suo modus vivendi, ma era attratto da lei e Sara lo sapeva. Non era attratto solo dal suo corpo, era chiaro che Gus non fosse il tipo da farsi imbambolare solo da quello. Era il suo mondo, così lontano dal suo che forse lo attirava. Si sentiva come le Sirene con Ulisse e le piaceva.
Quella mattina in ufficio, Sara rivide Marco. Sperava in delle scuse che non arrivarono. Aveva ancora il naso viola per il pugno sferrato da Gus. Non si parlarono per tutta la mattinata ma Sara sentiva i suoi occhi addosso. Indossava una camicetta di raso bianca molto trasparente dentro una gonna che le arrivava sopra il ginocchio.
All’ora di pranzo tutti uscirono per andare al bar sotto l’ufficio. Sara andò nella saletta fornita di microonde per scaldarsi il pasto. Poco dopo la seguì Marco con in mano un panino.
Pranzarono senza proferire parola. Sara trovò il suo atteggiamento assolutamente meschino e si infuriò. Quando si infuriava si bagnava terribilmente come se la sua rabbia si trasformasse in energia sessuale. Si avvicinò a Marco che era in piedi a riempire la macchina del caffè. La guardò in maniera superficiale fino a che non si accorse che si stava sbottonando la camicia. Marco si bloccò con ancora il cucchiaio colmo di caffè in mano e vide come piano piano i suoi seni affioravano da quella camicia. Sara si sollevò la gonna e si mise a sedere fra il lavandino e i fornelli della cucina.
“Mettiti lì seduto, davanti a me” gli ordinò Sara
Marco incredulo obbedì e si mise seduto.
Sara allargò le gambe sollevandosi ulteriormente la gonna. Marco poteva vedere che oltre le autoreggenti non c’era niente. Iniziò a sentire il suo sesso esplodere dentro i pantaloni e se li slacciò, tirandolo fuori. Sara iniziò a palparsi i seni guardandolo, mentre lui aveva iniziato a masturbarsi. Giocò con i suoi capezzoli tirandoli e inumidendoli con le sue dita pregne di saliva.
Iniziò a sfiorarsi le labbra già piene di umori e stimolò il suo clitoride fino a sentirlo gonfio e duro fra le sue dita.
A quella visione Marco accelerò i suoi movimenti, vide i suoi seni duri e caldi muoversi ad ogni sua contrazione e notò i suoi liquidi che colavano dalle sue cosce nude e bianche.
Aspettò di vedere il suo orgasmo per venire e vederla godere lo fece esplodere macchiando il pavimento. Si guardarono ancora per qualche minuto poi Sara si ricompose i vestiti, si alzò e andò verso di lui che ancora seduto cercava di riprendersi.
“E non ti azzardare più a cercare di toccarmi”
Sara uscì da quella stanza senza ricevere una risposta. Ripreso il lavoro, Marco si avvicinò alla sua scrivania.
“Questi dati sono già tutti nel database, puoi archiviarli”.

Questo racconto di è stato letto 2 6 6 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.