Cornuto e' bello

Scritto da , il 2011-02-23, genere tradimenti

Dopo cena come sua abitudine mia moglie controllava alcuni conti dell'ufficio disbrigava la posta elettronica del suo PC e dopo un breve riepilogo del programma per il giorno dopo si accoccolava sul divano vicino a me per assistere a qualche film per televisione.

Quanto descritto era la prassi sino a qualche mese fa, però ultimamente avevo notato un radicale cambiamento sia umorale, che gestionale,in particolar modo dalla cura del suo corpo fino ad arrivare alla scelta del vestiario per il giorno seguente, l'uso smodato di profumi di marca e una maggiore ricercatezza estetica sugli accessori come occhiali o pelletteria, oddio non che prima si trascurasse, ma queste operazioni venivano eseguite in modo blando, come una routine,con scelte meno ricercate e di minor gusto.

La vidi andare in bagno e con aria allegra e squillante disse “Giuliano vado a fare un po di restauro e poi di corsa a nanna”

Ripensando a queste cose credetti che il motivo principale fosse dovuto al fatto che nostra figlia abitando a Bologna per gli studi universitari, le lasciava maggior spazio e libertà cosa che fino all'anno scorso non aveva.

Come tutti i sabati mia figlia di ritorno da Bologna portò una ventata di allegria e festa, Federica era una ragazza molto bella e solare con una voglia di vivere e conoscere cose sempre nuove era una vera festa ogni qualvolta ritornava a casa.

Federica grande appassionata di teatro chiese se potevo accompagnarla per la programmazione “del mistero buffo” includendo nell'invito anche la madre

Gianna (mia moglie) rientrò a casa più tardi del solito la misi al corrente dell'invito di Federica, lei rimase un po perplessa e declinò la partecipazione tanto che io e mia figlia ne fummo sorpresi e amareggiati

Lei si scuso dicendo che avrei dovuto accompagnarla io a teatro perchè lei aveva già preso un impegno con le sue amiche dell'ufficio per recarsi a cena nella zona del mare, e dicendo questo snocciolò anche i nomi delle amiche che avrebbero fatto parte del gruppo.

A quel punto io e Federica chiamammo un Taxi e ci facemmo portare al teatro, ma il diavolo come si suol dire ci mise le corna, una delle persone che Gianna aveva nominato si trovava assieme al marito al botteghino del teatro, e quando mi vide il suo imbarazzo fu evidentissimo, ed alla mia precisa domanda "ma tu non dovevi essere con Gianna" una cappa di gelo scese fra noi.

Mi resi conto in quel momento che Gianna mi stava nascondendo qualcosa, ma il triste fu che anche Federica lo capì, infatti volle tornare subito a casa e con immensa tristezza mi abbraccio' e disse "papa io torno nel mio appartamentino non voglio vedere quella la'" capi la sua rabbia e il suo stato d'animo, la salutai e la vidi che salire in auto con direzione Bologna.

A quel punto mi accinsi ad aspettare Gianna, infatti verso le due senti la sua auto arrivare, senti il ticchettio dei tacchi sui gradini dell'ingresso, si apri la porta e quando mi vide rimase sorpresa e meravigliata, notai sul suo volto una leggera curiosità che diventò paura quando mi chiese dove fosse Federica, alla mia risposta con i motivi e il perchè si era allontanata la fece crollare sulla poltrona, nel fare questa mossa improvvisa la borsa cadde e ne fuoriusci il reggiseno bianco di pizzo, allora ebbi la conferma dei miei sospetti e lei capì che io avevo capito.

Gianna ebbe una crisi di pianto e cerco di scusarsi mi disse "Giuliano due mesi fa un mio collega d'ufficio dopo una cena di lavoro si era offerto di accompagnarmi in auto a casa, io mi sono fidata anche perché potevo essere sua madre dal momento, che ha un paio di anni in più della nostra Federica, durante il tragitto forse perchè ero alticcia, perchè lui è più forte di me ha fermato l'auto in campagna mi ha spogliata e mi ha fatto tutto" alla mia domanda “tutto” cosa voleva dire lei disse "mi ha scopato senza preservativo e sodomizzata" le chiesi con impeto se le era piaciuto lei rispose " sul momento sono rimasta traumatizzata, poi visto che la cosa mi eccita spesso con la scusa delle amiche ci ritroviamo e facciamo sesso" come stasera aggiunsi io lei accennò sussurando “si come stasera”.

La rabbia e nello stesso momento, l'eccitazione mi pervasero la presi per un braccio e la trascinai in camera da letto, le mollai due ceffoni, lei urlo ma nessuno poteva sentirci perchè abitando in una villetta singola acusticamente eravamo isolati.

Come un assatanato le montai sopra le strappai la camicetta facendo venire alla luce le sue tette monumentali, le morsi le succhiai, le strizzai i capezzoli poi le tirai su la gonna lei piangeva e urlava non voleva che la scopassi, le strappai i collant e buttai la mia faccia fra le sue gambe dalle mutandine aspirai l'odore forte del suo sesso misto all'odore di pipi e forse anche di sborra di quell'altro.

Con una manovra secca le strappai le mutandine bianche di pizzo, e cominciai a pomparla il mio uccello era duro, la rabbia e l'eccitazione erano una curiosa miscela esplosiva, la scopavo con violenza, il mio cazzo s'infilava fra le labbra della sua figa la guardavo in faccia dicendogli della troia,della puttana, della vacca, mentre lei continuava a piangere e graffiarmi le braccia, alla fine le venni sulla pancia e le spalmai il mio cremoso lattice anche sul viso.

A quel punto decisi di volerla sodomizzare volevo farle lo stesso servizietto che le aveva fatto l'altro , in tanti anni di matrimonio non mi ero mai permesso di chiederle questo, quando lei capi le mie intenzioni comincio ad agitarsi ma alla fine con non poche difficoltà riusci ad infilargli il cazzo nel culo e mentre lei urlava dal dolore le mordevo le spalle e le facevo dei succhiotti nel collo venni per la seconda volta.

Ero stanco e incazzato lei disfatta e piangente raccolse quello che era rimasto della sua biancheria ed andò in camera da letto.
Sono passati quasi 20 giorni abbiamo ripreso a parlarci lei voleva lasciare l'altro ma io non ho voluto perchè il prossimo numero lo voglio fare in tre desidero vedere un altro che scopa mia moglie (la mia troia) e voglio anche vedere fino a dove mi porterà la mia perversione, nel frattempo ho preso il vizio di raccogliere fra la biancheria sporca le mutandine di mia figlia per annusare l'odore della sua figa e del suo culo e di masturbarmi su loro.

Sta di fatto che per la prossima settimana si avvererà la seconda parte del mio programma sono molto eccitato

Questo racconto di è stato letto 2 2 2 5 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.