Erotici Racconti

Il mio harem - 9

Scritto da , il 2017-09-14, genere bisex

Consiglio vivamente di leggere il racconto numero 8.

Suonano alla porta.
Mi alzo e bacio ancora Francesca, mentre il mio cazzetto sta perdendo il suo bellissimo gonfiore. Infilo una camicia bianca da uomo che mi sta larga e lunga e mi copre appena l'inguine, tanto lo so che è mia madre e vado ad aprile la porta.
Apro e mi guarda fissa in faccia, seria e senza proferire parola.
Osserva attentamente i miei lineamenti e dopo qualche secondo e vedo una lacrima iniziare a scendere sul suo volto.
Allora la faccio entrare e l'abbraccio forte.
Che strana sensazione abbracciarla e sentire solo le sue di tette che spingono.
" ma Silvia ... cosa hai fatto ? ... eri così carina .... ma perchè fate queste cose ? " mi dice preoccupata inghiozzando.
"mamma non ti preoccupare, è solo una cura ormonale, ho mantenuto la fica .... guarda " e nel mentre mi alzo la camicia.
Lei osserva sgranando gli occhi. Io mi siedo sul divano a gambe aperte e lei mi si siede affianco.Le prendo una mano e me la porto sulla fica.
Lei ancora incredula tocca le grandi labbra e si accorge che c'è qualcosa di strano; mi guarda con aria interrogativa.
" si mamma ... mi sono fatta fare una protesi con due testicoli di silicone ..... ma come vedi ho sempre la fica, ho l'utero e le ovaie e faccio la pipì come prima, non è cambiato nulla " le dico per tranquillizzarla " questo clitoride così sporgente è frutto degli ormoni e mi permette di avere rapporti con Francesca .... mamma è stato bellissimo scoparmi mio marito !!!! "
" ma quel bellissimo seno che avevi ... ? "
" be quello me lo sono tolto ... come farei a sembrare un uomo con il seno ?.
" e tutta questa peluria ? "
" anche questa serve per completare la trasformazione "
" mamma voglio fare l'attrice hard e sarò un uomo con la fica, con la possibilità di rimanere in cinta .... ma ci pensi ? ... farò soldi a palate ..... ".
Nel mentre arriva Francesca e si mette seduta davanti a noi. Si è messa unche lei una camicia da uomo e sedendosi tira su le gambe e se le regge con le braccia.
La conosco troppo bene, si è messa in questa posizione perchè ci può mostrare la sua ficona semiaperta, liscia e depilata come il culo di un gambino.
" ah ... Francesca .... ci sei anche tu ... ? " dice con un groppo in gola.
" si mamma .... è tornata a fare coppia fissa con me .... è per questo ritrovato amore che mi sto trasformando in uomo ".
Mi avvicino a Francesca e la bacio delicatamente " non è un amore .... mamma ?" mentre Francesca ricambia lascivamente.
Rimaniamo a guardare Francesca, come si guarda un quadro raro e devo dire che più la osservo e più mi sto innamorando di questa donnina che mostra meno anni dei miei per essendo naturalmente più grande.
" bha ... contente voi..... ma almeno fatene di soldi che tuo padre ha dovuto assumere un'altra in azienda al tuo posto .... sai di questi tempi .... ".
" non ti preoccupare mamma .... ho già preso accordi con un impresario e anzi oggi pomeriggio lo devo incontrare per gli ultimi dettagli ".
Ci salutiamo e mi preparo per l'incontro che decreterà il mio battesimo nel mondo dei films hard.
Vado all'appuntamento vestita da uomo; mi sono lasciata la peluria sul viso e indosso un completo nero giacca e pantalone con scarpe sempre da uomo.
Il tizio vedendomi rimane sbalordito e parliamo delle eventuali parti che potrei ricoprire ma io insisto nel definirmi un ermafrotido e nel voler interpretare parti da passiva e da attivo.
" ma cosa dici ... io ho esperienza del settore ... non esistono ermafroditi .. ".
Allora io lentamente inizio a spogliarmi; mi levo la giacca, apro la camicia e fino a lì, il tizio non si sorprende più di tanto. Apprezza i miei bicipidi oramai ben definiti, poi tolgo le scarpe e mi sfilo i calzoni.
" bhe ? ... cos'è che devi farmi vedere ".
Allora mi giro e mi tolgo i boxer, licalo fino ai piedi e li sfilo, facendogli vedere il culo tornito e peloso, anche questo frutto della palestra.
Mi porto una mano sulla fica e mi giro. Ancora non vede nulla, anche se il suo sguardo oramai è solo sul mio inguine.
Sposto la mano e divarico leggermente le gambe.
Per poco non gli viene un colpo. Gli cade il sigaro dalla bocca e mi guarda incredulo " mha ... maha ... che cazzo è ? ... cos'hai li in mezzo alle gambe ?".
" te l'avevo detto ... sono un ermafrotido con tanto di fica, palle e cazzetto ".
Alza il telefono e sento che chiama a raccolta diverse persone che sono nella sala accanto dove c'è il set. Mentre si avvicina per toccarmi, sento aprire la porta e una dcina di persone, tra cui qualche uomo e qualche donna seminudi, si avvicinano. Tutti rimangono sbalorditi e mi toccano come un oggetto raro.
Mi fanno le domande più strane e non gli dico che i testicoli sono delle protesi.
" bene ... sei scritturata .... da domani vieni alle 10 che si inizia .... che parti vuoi fare ? " mi dice.
" posso fare di tutto, scopare, prenderlo al culo ma anche scoparmi io una donna " gli rispondo fiera " ma la cosa che mi piacerebbe di più ..... che ci farà fare tanti soldi ..... è girare parti da uomo ma incinta .... pensaci bene sarai .... l'unico impresario ad avere qesta possibilità ".
E così inizia la mia carriera da attrice hard .

Alla prossima

Questo racconto di è stato letto 2 7 9 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.