Gianluigi

Scritto da , il 2017-06-05, genere tradimenti

Ciao a tutti sono ancora io Marika...scusate ma in questo periodo non ho avuto molto tempo per condividere le mie esperienze perché tra esami, studio, lezioni non ho mai tempo per scrivere benché sia il mio passatempo preferito. Ora però sono riuscita a trovarmi un buco nella mia giornata per scrivere un'esperienza accadutami un'ora fa!!! Buona lettura.

Io sono Marika ragazza di 22anni, studentessa universitaria. Sono alta, magra, con un fisico tonico. Tette buone (una terza molto soda), culo che solitamente imbambola gli uomini. Capelli biondi e occhi verdi da gattina.  Come vi ho raccontato nelle mie precedenti avventure, sono una che ama i bei ragazzi con dei bei cazzi. Appena ne trovo uno che mi attira, me lo scopo senza troppi romanticismi. Non sono in grado di mantenere un rapporto serio e duraturo...amo troppo avere ogni notte un uomo diverso a letto, insomma sono una a cui piace variare...scopare sempre con lo stesso per anni...no non riuscirei.Tanti pensano che sono una troia solo perché mi piace fare sesso con tanti bei ragazzi...io sono una ragazza che ama divertirsi e ama vivere la sua vita sessuale in modo libero, punto. Di recente però sono stata sfortunata con i miei partner sessuali: tutti bellissimi ragazzi per carità, ma che a letto mi hanno deluso parecchio. Morale della favola è da un mese che non scopo veramente, che non godo come una vacca come amo fare. Il primo di questo mese sfortunato con cui ho "scopato" è un certo Leonardo. Un modello da copertina...ma sotto lì non era ben messo come speravo...anzi...era proprio un incubo: 12cm scarsi in erezione, una tragedia per una abituata a prenderne il doppio. Prima di scopare con un ragazzo faccio un controllo qualità: lo palpo da sopra i pantaloni per capire com'è messo di misure. La stessa cosa ho fatto con Leonardo e mi sembrava di aver sentito un bel missile duro...invece mi sono sbagliata sta volta...non so cosa sia successo, ero sicura di aver sentito un grosso cazzo e invece. Con lui ho "scopato" per un po, e poi lo mandato via con una scusa. Non ho nemmeno raggiunto un mini orgasmo, nulla. Vabene capita di sbagliarsi o avere sfiga una volta cosi ho deciso di riprovare la sera stessa con un nuovo ragazzo...avevo una voglia di cazzo!!! Ne trovo uno in un locale: si chiama Andrea, è alto, biondo e muscoloso. Gli faccio il controllo qualità e...sento un pisello lungo e grosso. Lo porto a casa mia per scoparlo. Quando libero il suo pene dalle mutande è enorme...22 cm per un bel po di larghezza. Sono felicissima e penso "stasera si scopa alla grande". Inizia a penetrarmi e mi piace un sacco...mi sento piena e godo parecchio! Passano 2 minuti ripeto 2 MINUTI e questo mi sborra dentro senza chiedermi se potesse farlo. Prendo la pillola quindi non ci sono problemi, ma non c'entra se stai scopando per la prima volta con una ragazza non puoi sborrargli dentro senza chiedere. E poi apparte sta roba, Andrea è venuto dopo 2 minuti 2 cazzo di minuti di penetrazione lentissima e questo sborra subito. Io sono fuori di me e lo sbatto fuori di casa. Ma porca vacca possibile un'altro flop! Neanche oggi si gode maledizione. Ero furiosa e avevo talmente tanta voglia che ho preso una zucchina e ho cominciato a masturbarmi...ma una zucchina non è un bel pisellone e neanche con la zucchina non ho raggiunto il tanto bramato orgasmo!!! Ero disperata. Il colpo di grazie me la dato Alberto un trentenne con cui ho provato a scopare due giorni dopo. Questo era un gran figo e il fatto che fosse più grande di me mi fece sperare che riuscisse a durare di più. Invece anche sto scemo aveva un cazzo mini e una durata ancora più mini. Lo sbattuto fuori di casa urlando la mia disperazione...che sfiga e che voglia!!!!un mese senza cazzo serio per me è come 10 anni per una donna normale. Stavo esplodendo dalla voglia e ripresi qiella cazzo di zucchina che mi fece solo male alle pareti vaginali intrise di voglia. Non ce la facevo più volevo scopare era un bisogno primario e mi rattristavo pensando ai cari vecchi tempi( 2 settimane prima) in cui si godeva alla grandissima con maschi degni di questo nome che sapevano come farmi urlare. Ero fuori di me. Cosi stamattina ho preso il telefono e disperata ho chiamato Gianluigi. Per chi ha letto il mio rcconto "due maschi per una figa" sa chi è Gianluigi. Lui è un ragazzo mio coetaneo,alto, slanciato e di corporatura media. Lui è bello muscoloso con dei bicipiti che mi fanno eccitare solo a vederli. Addominali da sballo e dei glutei molto belli. Muscoli a parte è anche un bel ragazzo: capelli scuri, occhi di ghiaccio e ha una pelle chiarissima, bianca come il latte. Come dicevo prima io e lui ci conosciamo già da tempo( lui è il fidanzato di una mia cara amica) e insieme abbiamo avuto un'esperienza unica a tre. Io, lui e un certo Paolo, altro fidanzato di una mia amica. L'esperienza a tre è raccontata nel racconto "due maschi per una figa" che vi consiglio di leggere. Ma torniamo a Gianluigi. Con lui e Paolo quel giorno mi son divertita e ho goduto come mai prima...lui ha una verga di 22 cm di lunghezza (e oltre a questo è molto grosso) e sa usare il suo cazzo davvero bene. Il suo amico Paolo era altrettanto ben dotato e quel giorno mi hanno fatto urlare come una pazza e ki hanno fatto provare la mia prima doppia penetrazione. Non vi dico quanti orgasmi intensi mi hanmo fatto provare. Sapevo che Gianluigi era un mestro a letto sia a leccare la vagina( quella volta mi ha fatto raggiungere l'orgasmo solo con la lingua è il secondo che ci è riuscito insieme con mio cugino). Anche a scopare è un dio e le sue misure molto generose gli danno una marcia in più.  Inoltre come ciliegina sulla torta lui sa controllarsi molto bene...riesce a scopare le sue partner intensamente anche per mezzora o più. Insomma era la persona adatta per farmi urlare dal piacere che da troppo tempo non provo. Cosi prendo il telefono e compongo il numero. Mi risponde lui:"Ciao Marika che bello sentirti. A cosa devo la tua chiamata?" Lo so quello che sto per dirli è da troia e un po mi vergogno,ma alla fine glielo dico:" Gian ho una voglia matta di scopare e di godere...è da un mese che non scopo come dio comanda, ti prego Gian ho bisogno di te voglio che mi sbatti come quella volta con Paolo". Lui rimane dall'altro capo del telefono e dopo un po mi dice": Porca troia incredibile io stavo proprio per chiamarti per chiederti la stessa cosa! Sai anche io è da un po' che sono in astinenza perché. Io e Sara (la sua fidanzata) abbiamo litigato e lei non me la da più ma ti spiegherò". Io allora concludo dicendo:" Gian mi sto bagnando solo a sentirti parlare...corri ti prego..ti aspetto ho bisogno di te..del tuo lungo cazzo delle tua sborra ti prego fa presto sono fradicia". Lui conclude e mi dice:" sto arrivando piccola tra poco sono da te con uan sorpresa". E riaggancia. Stavo ansimando solo a sentire quelle parole:non vedevo l'ora. Dopo 10 min Gianluigi era da me,mi suona e io li apro al porta. Me lo trovo davanti e mi eccito un casino. Lui è speciale, non è  solo uno dei miei compagni di letto...lui è qualcosa di più per me...l'attrazione forte e passionale che mi atttrae a lui è qualcosa di più profodo intimo...non è solo sesso è un gradino più in alto la mia eccitazione per lui. Era vestito con una t-shirt aderente che faceva vedere i suoi muscoli molto invitanti. Lui mi dice ciao e io sto zitta e lo bacio,ficcandogli la lingua in bocca e attorciagliandola alla sua. Le nostre lingue danzano nelle nostre bocche vogliose, la nostra saliva e i nostri sapori si mischiano mentre gli mordo il labbro inferiore con i denti. Ci stacchiamo a fatica dopo 5 minuti buoni. Lui ki dice:" cazzo che accoglienza, sei bella eccitata eh". Io ribatto:" Anche tu non mi sembravi freddo anzi mi hai indolenzito la lingua. Adesso come farò a sentire il sapore del tuo cazzo". Io e lui ci mettiamo a ridere. Con lui sto prorio bene penso tra me. Torniamo a baciarci intensamente divorandoci le labbra e consumandoci le lingue,amo come mi sta baciando. Quel bacio che ci stavamo dando non era solo un pre-scopata,era un bacio vero passionale tra due persone che si vogliono bene. Dopo un tempo che non so quantificare ci stacchiamo,un rivolo di saliva congiunge ancora le nostre labbra ormai staccate,cosi gli mordo il labbro  per rompere quel filo di desiderio residuo della nostra limonata. Ma il morso al labbro è solo un pretesto per tornare a divorarci sempre di più, un pretesto per reinfilarci le lingue in bocca e tornare ad assaporarci e a bere i nostri fluidi orali. Senza mai staccarmi da lui ci trasciniamo verso la camera. Allo stipite della porta lui mi sbatte adosso al muro e mi limona così aumemtando ancora di più il gia forsennato ritmo delle nostre lingue. Stiamo li incollati al muro per un quarto d'ora a divorarci, cercando di arrivare con le lingue più in fondo possibile  alla bocca dell'altro,bevendo più saliva possibile dell'altro. Non ci fa schifo...anzi è bellissimo stare lì a scambiarci la nostra saliva con la lingua,e contemporaneamente morderci le labbra fino a farle tagliare. Poi ci stacchiamo e lui mi prende in braccio,arriviamo in camera e mi butta in malo modo sul letto,si china e mi ficca la lingua in bocca cominciando la danza appena interrotta,poi si stacca dalla bocca e succhia il collo con forza. In seguito mi toglie la maglia e mi strappa con forza il reggiseno esponendo le mie tette. Lui si fionda su di besse e prende a baciarle e a succhiarle in ogni punto. Poi arriva ai capezzoli e comincia a succhiarli come se me li volesse staccare. Me li prende in bocca con i denti e fa dei movimenti circolari tutto intorno all'aurea che li circonda. Mi sta facendo impazzire,mi sto bagnando in modo impressionante. Continua per un bel po a succhiare i miei capezzoli che ormai sono viola tra eccitazione e lui che continua a morderli. Poi prende un punto a caso della mia tetta e ci posa la bocca e inizia a succhiare come un aspirapolvere. Mi sta facendo un succhiotto e io a quel punto inizio ad ansimare e a mugulare. Incredibile Gianluigi mi sta facendo godere in modo sublime senza neanche avermi sfiorato la figa...e quella stupida di Sara che non lo lascia trombare pensai. Lui continuava a succhiare forte, facendo colare la sua saliva lungo la tetta che era lucida della sua saliva copiosa. Dopo dieci minuti si tolse e io ho potuto ammirare lo spettacolo: una grossa macchia violacea faceva capolino su mio seno sudato e grondante di saliva. Era davvero viola scurissimo e risaltava parecchio. Si tira su e mi bacia. Poi riprende la discesa versi la mia vagina che ormai è un lago. Mentre mi bacia la pancia continua a stuzzicarmi i capezzoli per non smettere di darmi piacere,con i soliti movimenti circolari che mi fanno uscire di testa. Mi toglie le braghe e poi mi bacia la figa ancora protetta dalle mutande. Mi toglie le mutande con i denti...questo gesto mi fa impazzire e poi è stato il paradiso perché ha cominciato a leccarmi la vagina. Prima mi ha baciato e succhiato cosce e monte di Venere, poi mi ha leccato l'apertura completamente bagnata. Si è intrufolato con la lingua nella mia figa e mi ha tirato leggermente in fuori le grandi labbra che ora penzolavano per fuori. Poi ha preso a succhiarmi le labbra intime,prendendole in bocca e tirandole con i denti. Io intanto mugolavo dal piacere e gli spingevo la testa contro la figa per farlo continuare a succhiare. Lui comincia ad essere più audace e mi penetra a fondo con la lingua...di fatto spingendo dentro la figa tutto il suo mento. Io urlavo...e mi contorcevo...lui faceva muovere su e giù la lingua lungo le mie pareti vaginali...come se le volesse pulire dagli umori di cui erano imbevute. Io stavo grondando umori come una cascata...lo sentivo più volte deglutire per mandare giù i succhi che stava bevendo.  Poi si tira su mi ficca un dito nella figa e poi me lo porta alla bocca. Io lo succhio con foga..ha un buon sapore. Lui ha tutte le guance e la bocca lucide dei miei succhi intimi e prima di baciarmi deglutisce per l'ennesima volta i succhi nella sua bocca. Lui mo dice:" Marika che buona la tua figa...è dolce mmmmm col cazzo che ti scopo sto qui tutto il giorno a bere questo succo buonissimo". Io dissi:"no no amore prima mi bevi tutti i succhi e poi mi monti". Lui torna giù e riprende a succhiarmi le labbra vaginali, le pareti vaginali e il ciltoide con foga. Non lecca più quasi...si attacca come una ventosa alla mia figa infilandoci mezza faccia dentro e succhia...succhia forte con lo scopo di attirare nella sua bocca più succhi possibili e li beve contento gustandoseli. Poi una volta dissetato riprende a leccarmi con una certa intensità mentre con il suo naso mi stuzzica il ciltoide. Manca poco al mio orgasmo lo sento. Il colpo di grazia arriva quando lui mi tira con i denti le grandi labbra...con il naso mi tortura il ciltoide e infine si mette ad aspirare succhi vaginali con il labbro. Io esplodo urlando e inizio a schizzare umori ovunque...è lq seconda volta che mi capita di squirtare...ed è bellissimo vedere tante gocce di fluidi vaginali schizzare fuori con violenza e arriavre alti anche mezzo metro. Ho continuato a schizzare umori in aria per più di 30s. Ero esausta. Mentre io schizzavo Gianluigo era lì sotto investito da una dolce pioggia e beveva tutto. Quando anche l'ultimo schizzo si libera in aria dalla kia figa,lui si tira su e mi bacia. Aveva tutta la faccia lucida di umori come quando d'estate mangi una pesca e ti sbrodoli tutto. Sulla sua schiena c'erano schizzi del mio godimento. Io ero esausta e dovevo riprendermi un secondo prima di continuare cosi parliamo un po. Lui mi dice:" Marika sei stupenda...hai una figa bellissima e dei succhi buonissimi. Altro che aranciata dovrebbero fare una bibita agli umori do Marika". Io mi misi a ridere:" Stupido che sei...avevi un sacco di sete oggi ti sei bevuto mezzo litro di umori..sentivo che deglutivi come un matto". Lui mi bacia e mi dice:" Da quando squirti marika? È stato bellissimo essere schizzato addosso". Io rispondo:" Bo non so un po di. Tempo fa ho fatto sesso con mio cugino e lì è stata la prima volta che ho squirtato...ma oggi è stato molto ma molto più intenso...oggi ho proprio schizzato quasi come te". Lui dice:" mi stati sfidando a chi schizza di più". Io risi...con lui sto proprio bene. Dopo cinque minuti mi sono ripresa dalla mia gran squirtata e sono pronta per rincominciare,ma ora tocca a lui. Comincio a spogliarlo, levandogli la maglia ed esponendo il suo fisico mozzafiato. Pettorali scolpiti, addominali che a me eccitavano molto e quei bicipiti cosi voluminosi. Comincion a baciare la sua pelle bianchissima, succhiandoli i capezzoli come lui aveva fatto con me. Lui era diateso con le braccia sopra la testa e gli occhi rivoltati dal piacere che li stavo dando. Poi gli slaccio la cintura e gli tolgo le braghe, esponendo le sue gambe muscolose e atletiche. Il suo lungo cazzo spuntava fuori dai boxer da quanto era eccitato...potevo vedere spuntare a sua cappella violacea grossa e bagnata. Gli abbasso i boxer con i denti come lui aveva fatto con me prima e il suo cazzo spunta fuori come una molla sbattendo sui sui addominali. Ogni volta rimango soprpresa nel vedere quanto è lungo e bello il suo cazzo. Era bianchissimo come il suo corpo, tre grosse vene pompavano sangue a quel palo di carne. Era lungo 22 cm secondo lui..ma per me arrivava a 24-25cm quando era tanto eccitato come oggi. Lo poggiai sulla sua pancia per farmi un'idea della sua lunghezza...gli arrivava molto al di sopra dell'ombelico...era enorme anche perché oltre che lungo era grosso. Era il sogno di ogni donna. Lentamemte lo tirai su con il labbro riportandolo dritto e iniziai a susucchiarlo.Volevo farli un pompino da favola, volevo farlo urlare dal piacere.  Inizia a succhiare le sue cosce muscolose (fa calcio)  e con tanti piccoli bacetti arrivai di fornte ai suoi testicoli,gonfi per l'astinenza imposta dalla sua ragazza e incredibilmente belli. Comiciai a prenderne uno in bocca succhiandolo intensamente come se lo volessi staccare e muovendoci la lingua tutto intorno...era buonissimo sapeva di maschio. Poi feci lo stesso sull'altro,lui spspirava. Poi mi tuffai con al faccia nel suo scroto e mi misi a succhiarlo e a leccarlo tutto, facendolo arrossire e impregnandolo di saliva. Poi afferrai alla base con la bocca il suo cazzo e iniziai una lenta risalita.  Mentre risalivo lungo il suo cazzo con la lingua glielo massaggiavo tutto intorno impregandolo per bene con i miei succhi orali. Dopo una lunga risalita finalmente sono arrivata in cima al suo lungo bastone  e a quel punto l' ho fissato negli occhi e l'ho ingoiato tutto o almeno ho ingoiato quello che sono riuscita. Ho cercato di infilarne in bocca il più possibile, ma sono riuscita ad arrivare fino a metà. Sentivo i conati di vomito ma mi trattenni e lo tenni in bocca ficcato in gola per dieci secondi, mentre continuava a scendere copiosa la mia saliva lungo la sua asta e mentre continuavo a stuzzicarli la cappella con dei movimenti circoclari della lingua. Lo tenni ben piantato nella gola e quando sentivo che mi mancava il respiro lo ritiravo fuori senza mai smettere di torturargli la cappella con la lingua. Ripetei questa operazione per molte volte: prima gli succhiavo intensamente le palle e lo scroto, poi afferravo il suo bastone alla base come un cane che afferra l'osso,e risalivo piano lungo tutta l'asta leccando al mia passaggio tutta la circonferenza e bagnandola per bene. Una volta in cima, lo ingoiavo tutto facendo sparire dentro di me più in fondo che potevo. Poi mi fermavo lo guardavo negli occhi e rimanevo ferma con il suo cazzo piantato in gola e la saliva che scendeva abbondante lungo l'asta fino a impregnarli i testicoli.  Questa danza andò avanti per quindici minuti e lui continuava a mugolare e a sospirare dal piacere soprattutto mentre tenevo il cazzo piantato in gola e lavoravo parecchio di lingua lungo la cappella. Poi lui mi mise una mano sulla testa e mi accarezzo'  i capelli facendomi una specie di treccia. Poi mi prese la testa con forza e iniziò a condurre il gioco...di fatto scopandomi la bocca. Lui decideva il ritmo del pompino ,io ci mettevo la bocca e la lingua.Cominciò a succhiare  lento, premendomi piano la testa sul suo bastone e spingendomelo più in fondo che riusciva..piantandolo nella mia gola arrossata. Poi accelerò il ritmo cominciando a spingere con violenza. Lui con la mano faceva uscire e entrare veloce il suo cazzo dalla bocca, io cercavo di emettere più saliva possibile per lubrificare il suo lungo cazzo e per renderlo sempre più lucido e bello. Inoltre stringevo forte le labbra lungo l'asta in modo da simulare una figa con le mie labbra carnose che stritolavano il suo pene. Lui era violento,ma a me piaceva.  Mi faceva entrare più di metà pene in bocca, tirandomi ogni volta una grossa sberla sulla gola con la sua cappella. Poi si fermava e mi teneva premuto il suo bastone in fondo alla gola per trenta secondi, quando sentiva che stava per soffocarmi me lo tirava fuori tutto mentre io accompagnavo l'uscita con delle belle leccate al frenulo.  Poi bum di nuovo tutto dentro e nuovo sberla alla gola...nuova ingoiata da primato. La saliva scendeva copiosa,il suo cazzo ne era tamlmente pieno che una gran parte colava per terra o sul letto, io ero stanchissima, e mi mancava sempre più il respiro..il suo cazzo ki bloccava tutta la trachea. Lui accelera ancora il ritmo e ora veramente sta andando forte e le botte in gola si fanno dolorose ma ame non importa io voglio solo darli piacere.  I rimuri nella stanza erano le secche stoccate del cazzo nella mia gola, e il cik ciak che il cazzo di Gian faceva a causa dello sfregamento con le mie labbra ormai arrossate per lo sforzo di tenere un bastone di 23cm in bocca.Dopo altri 10 minuti Gianluigi era spompato e decise di venire anche perché io non avrei retto un tale rirmo ancora a lungo. Lui prese ora a cavalcarmi la bocca fortissimo lanciando sonore stoccate all'ugola e all'epiglottide che faceva un sonoro ciak ad ogni cappellata. La salliva era abbondante e colava un po ovunque dal suo cazzo, dal mio mento, lungo i suoi testicoli. Sentivo che stava per venire perché il suo cazzo aveva preso a pulsare in modo anomalo. Era il momento,lui si mette ad ansimare molto forte comincia a tirarmi delle stoccate fortissime, e rapidissime , io stringo le labbra e muovo la lingua lungo tutta la cappella e lui per concludere si butta verso di me premendo con forza la mia testa contro di lui facendo penetrare il suo pene completamente nella mia bocca...tutto dentro fino alle palle.  Quando fu tutto dentro e le mie povere labbra furono a contatto con i suoi peli pubici lui mi erutto'. Iniziò a schizzare direttamente sul fondo della mia gola una smisurata quantità di sbotra calda e molto buona. Incredibile...lui mi ha schizzato con forza sul fondo della gola almeno 6 volte e poi ho perso il conto di quante schizzate minori abbia fatto. Non ho mai deglutito...lui mi ha sparato la sborra direttamente nell'esofago...è finita tutto direttamente nel mio stomaco senza neanche passare per la bocca. Dopo 30 secondi di questa schizata anomala io stavo seriamente soffocando così a malincuore sono stata costratta a sputare il suo lungo cazzo che continuò a sborrare come un matto per altri 30s,  tutto lo sborp ora finì un po' ovunque: schizzi sulle kie tette, sulle mie e sue cosce , schizzi sul pavimento, sul letto. Sembrava che ci avessw sbottato una squadra di calcio...invece quei litri di sborra venivano tutti dalla palle di Gianluigi.  Incedibile quel pompino violento mi aveva distrutta..la mia bocca e la mia gola erano in fiamme,  mi sentivo la sua sborra ancora sul fondo della gola e me la sentivo proprio dentro...nello stomaco doce lui me l'aveva iniettata. Io ero esausta e anche lui quindi ci buttammo sul letto esausti. Io gli dissi ancora con il fiatone:" ho capito che eri in astinenza da una settimana ma ne hai fatta tantissima, ho tutto lo stomaco e l'esofago pieno...e mi hai imbrattato anche la camera. Avevo visto che le tue palle erano gonfissime ma mai avrei immagianto una tal tempesta". Lui il solito spiritoso mi dice:" Avevo una gara di schizzata da vincere e sai che odio perdere.  Comunque Marika questo è stato il miglior pompino della mia vita. Col cazzo che la mia fidanzata si lascia scopare la bocca cosi". Io gli rispondo:" non farti illusioni, oggi avevo molta voglia e mi son fatta scopare la bocca come l'ultima delle cagne...ma non faccio sempre così..solo con chi chi mi  fa impazzire"  .Dopo 10 minuti di pausa passati a coccolarci siamo pronti ler riprendere dato che io mi sono un po' ripresa dallo sforzo di poco prima e anche il suo cazzo sembrava rinvigorito e più duro di prima. Io mi metto nella classica posizione del missionario con le gambe oscenamente aperte verso di lui. Lui va verso la sua borsa per terra e inizia a frugarco dentro. Io lo guardo perplessa e gli dico:" che fai la mia figa ha tanta fretta di averti dentro è da un mese che non riceve un cazzo degno di questo nome". Lui ribatte:" un attimo sto prendendo la sorpresa di cui ti parlavo...ecco trovata".  Tira fuori dalla borsa una bustina azzurra di un preservativo. Io lo guardo perplesso e mi domando che ci fa con un preservativo se io prendo la pillola...e poi non amo molto il durex...preferisco la pelle nuda.  Lui apre la busta se lo srotola lungo il cazzo e butta la bustina sul letto, di fianco a me. Io butto l'occhio sulla busta e leggo: taglia xxl e sotto "Ritardante". Io sono confusa...di solito i ritardanti li usano le persone con eiaculazione precoce...ma Gianluigi casomai soffriva della malattia opposta dato che di norma durava mezzora o più. Lui capì il mio sguardo interrogativo e mi disse:" Sorpresa! Con questo riesco a raddoppiare la durata...con questo ti scopo per più di un'ora e fidati di me godrai come una porca a scopare così a lungo". Io mi fidai. Lui mi punta il cazzo sulla figa e inizia pian piano a entrare. Io per aiutarlo a penetrare mi allargo con due dita le labbra vaginali. Mentre entra sento le mie zuppe pareti vaginali dilatarsi e aprirsi per accogliere il suo grosso membro. Ogni centimetro è un piccolo gemito...ogni centimetro è una parte del mio utero che si allarga dandomi piacere.Lui centimetro dopo centimetro entra tutto e con un piccolo suono sordo entra tutto fino alle palle, toccandomi la cervice uterina con la punta della cappella. Io sussulto e mi dimeno, mi sento piena..mi arriva fino in pancia...è lunghissimo mi fa quasi male. Lui inizia a muoversi molto lentamemte per abituarmi a misure di molto sopra la norma e io sospiro e lo bacio per farli capire quanto mi piaccia e quanto sto godendo.  Lui è molto delicato, fa movimenti molto profondi e ampi ma lenti che mi fanno uscire di testa. Lui esce completamente dalla mia figa, con cappella e tutto, con il durx imbrattato dai miei umori e poi lo reinfila lentamente facendomi gustare ogni centimetro. Arriva più a fondo che può e poi ritorno tutto fuori e così via in una danza lenta ma che mi da un piacere mai provato. Molte volte non è il sesso veloce e violento il più appagante, questa è una piccola perla da una che di sesso ne sa. Lui continua cosi per dieci minuti, poi aumenta il ritmo, sollevandosi sulle braccia per dare più forza alle spinte. Comincia a scoparmi molto più veloce quasi con violenza mentre soffoca le mie urla baciandomi e ficcandomi a fondo la lingua in bocca.  Il ritmo è molto forte, lui so muove avanti e indietro molto veloce...abbassando lo sguardo posso vedere il suo cazzo mentre esce tutto dalla figa zuppo dei miei umori e poi rientra con violenza fino alla palle, e quando mi arriva sul fondo le sue belle palle sbattono con forza sulle mie natiche, e si sente un sonoro toc, segno che la punta del suo membro smisurato ha toccato la parte più profonda di me facendomi urlare. Io continuo a grondare umori che imbrattano il suo cazzo e anche il letto su cui lo stiamo facendo che cigola sotto le forti spinte del mio amate. Io sono molto vicina all'orgasmo, lui lo capisce e allora decide di farmelo rahgiungere in bellezza. Inizia a scoparmi con una violenza quasi brutale. Mi colpisce fortissimo..estrae tutto il pene dalla figa,  prende " la rincorsa" e pam me lo sbatte dentro tutto in un colpo colpendomi il fondo della figa con una sonora cappellata. Questo procedimento sarebbe stato sostenibile se il ritmo fosse lento e invece lui faceva questo ad una velocità folle, dandosi più spinta possibile aggrappandoai allo schienale del letto. Pum pum pum nella stanza si sente il suo cazzo che mi sbatte la figa in modo molto forte e violento, le mie tette vanno su e giù velocissime e a volte le mie tette mi sbattono violentemente sul mento. Lui mi stantuffa in questa maniera per 5 minuti e io sto iniziando a sentire un piacere immenso mischiato al dolore per le botte ricevute. Lui non si è fermato un attimo ha sempre continuato a sbattermi così...ogni suo muscolo sudato contratto per darmi piacere. Avrei voluto urlare il mio piacere ad ogni stoccata ma la mia bocca era bloccata dalla sua lingua che continuava a baciarmi. Non ce la facevo più avevo bisogno di sfogare il mio piacere urlando come una matta cosi l con una spinta lo allontano dalla mia bocca e inizio a urlare come una matta. Un unico urlo prolungato che ha dei grossi picchi quando me lo sbatte tutto dentro. Io sono molto vicina all'orgasmo...lo sento montare...ad ogni botta sul fondo dell'utero lo sento più vicino altre 5 stoccate molto potenti ed esplodo. Anche stavolta squirto anche se in modo più contenuto rispetto a prima.  Tanti piccoli schizzi si levano dalla mia figa, andando a depositarsi sugli addominali di lui. Le contrazioni e gli spasmi della mia figa andaro o avanti per più di un minuto mentre lui si era fermato pur rimando dentro di me. Dopo un minuto di schizzi mie urla mi abbatto sul materasso esusta e lui si accascia su di me baciandomi. Finita la schizzata io gli dico:" Mio dio mi hai distrutta...nessuno mi aveva mai sbattuto cosi forte...mamma mia che bello mi sento la figa aperta come non mai e poi che schizzata". Lui mi bacia...tutti i suoi addominali erano ricoperti dei miei succhi. Dopo cambiamo posizione e io mi metto sopra di lui per cavalcarmelo. Quando mi siedo su di lui un bel po di umori colano dalla mia figa e finiscono sulle sue cosce formando una specie di laghetto. Lui prende su con un dito quei residui del mio orgasmo e gli lecca tutti.  Poi gli afferro il cazzo e me lo metto dentro molto lentamente gustandomi quella bella sensazione di allargamentl che il suo cazzo ti provoca. Era stata bellissima quella sessione di sesso violento, ma ora volevo fare una scopata tranquilla una scopata serena e passionale. Cosi inizio a cavalcarlo ad una velocità discreta ne a rallentatore né forte, ad un ritmo giusto. Nel mentre mi sono attaccata alla sua bocca come una ventosa e ho preso a limonarlo molto intensamente. Le nostre lingue si uniscono in una danza magnifica...si cercano nelle bocche ora unite in una cosa sola, le lingue quando non si succhiano e non si attorcigliano vanno ad esplorare le parti nascoste della bocca dell'altro...nel mentre le labbra si mordono o si strusciano l'una sull'altra mentre ceechiamo di scambiarci più saliva possibile. La saliva è talmente tanta tra le nostre bocche che un bel po cola dal bacio e va a depositarsi sui nostri sessi che vengono lubrificati. Mentte questo bacio passionale procede io continuo a cavalcare Gianluigi sempre con il mio solito ritmo che mi fa godere da metti ma senza bisogno di urlare come prima...non mi fermo mai mi muovo continuamemte. I rumori del nostro bacio e delle lingue che si avvinghiano si accompagnano al rumore del suo cazzo che sprofonda nella figa. Perdo la nozione del tempo...per davvero, quello che stavamo facendo in quel momento non era sesso e basta...era qualcosa di più non mi azzardo a dire amore...ma mi azzardo a dire affetto. Per una volta non stavo scopando pensando solo ad andare più forte possibile, stavo scopando mentre con il bacio dimostravo il mio affetto a Gianluigi. Dopo un tempo non precisato vengo nuovamente ma senza dir nulla semplicemente vengo godendo come non mai e rilasciando una nuova cascata di fluidi vaginali sulle cosce di Gianluigi che ormai gocciolavano da quanti succhi avevo sptuzzato. Dopo altri 10 min vengo nuovamente mentre soffoco l'urlo che vorrei tirare mordendo le labbra di gian. Dopo un tempo inqualificabile ci stacchiamo e un rivolo di saliva cade copioso dalle nostre bocche lucide e con le labbra gonfie per la limonata. Io senza mai togliermi il suo cazzo da dentro mi fermo e lo fisso negli occhi. Lui mi dice :" Sei bellissima,  manon ti ho sentita venire". Io sorrido e gli dico: "sono venuta altre tre volte scemo...è stato bellissimo questa scopata passionale mi ha fatto impazzire anche perché limonare con te è bello". Io era curiosa di vedere quanto tempo era passato...per la prima volta non sapevo se era passata 1 ora o 5 minuti. Guardo l'orologio. Era passata un'ora e un quarto. Lo guardo e lui mi guarda:" Ma....cosa è da un'ora e un quarto che ti cavalco limonandoti e non sei venuto!!! Ma sei sicuro di essere normale!" Lui mi dice:" che ti dicevo...con il ritardante si fanno magie e si che ti giuro ho goduto tantissimo...anzi è stata una delle migliori scopate della mia vita...baciarti così mentre tu saltavi sul mio cazzo è stato molto bello" .  Ora toccava a lui decidere per dove voleva prendermi e ovviamente scelse la pecorina posizione a lui molto gradita...anche perché sapevo benissimo che quando scopava a pecorina alla donna di turno gli faceva i lividi da qianto forte sbatteva. Io mi posiziono a gattoni sul letto con il culo sollevato verso l'alto per mostrare la mia figa oscenamente aperta e grondante di fertili succhi. Giro la testa e lo guardo e gli dico:" Sbattimi per bene". Lui sorride e mi posiziona il cazzo ancora fasciato nel preservativo all'entrata della figa e tutto in un colpo me lo sbatte dentro fino alle palle. Quando è arrivato in fondo lo sento sul fondo dell'utero e che bello che è sentirsi piena...sentire le labbra vaginali che finalmente si allargano violentemente per far scorrere un cazzo enorme...a me è questo che mi da più piacere sentire le pareti vaginali che si dilatano. Lui resta piantato dentro più in fondo che può per alcuni minuti per farmi sentire piena e poi mi dice:" come vuoi che ti prendo?". Io torno a ripetere:" Voglio che mi sbatti come l'ultima delle troie, voglio che mi sfondi che me lo fai sentire tutto ad ogni stoccata...e non provare a schizzare nel durex...è un peccato sprecarla la tua sborra così buona". Lui sorrise:" È stata chiarissima madame ora il servizio sarà effettuato".  Lui piano fa uscire tutto il cazzo dalla mia figa e quando è completamente fuori, prende la rincorsa e me lo sbatte tutto dentro con violenza dandomi una bella botta sul fondo della figa. Io lancio un'urlo e giro la testa incrociando i suoi occhi e mi lecco il labbro con fare da puttana come a incitarlo a continuare. Lui riprende e mi tira qualche sonora stoccata facendomi urlare ogni volta. Poi ki dice:"Adesso inizio a spingere". Io penso...o mio dio se queste botte da primato non erano spinte...quelle vere cosa sono? Presto l'avrei scoperto. Lui si butta su di me puntando i polsi sul letto per darsi più spinta e inizia a spingere. Partiamo ad un ritmo sostenuto e lui accelera progressivamente andando sempre più veloce. Dopo una vemtina di stoccate lui arriva a pieno ritmo e io ora capisco cosa sono le sue spinte. È un toro, è instacabile....prima fa uscire tutto il cazzo da me lasciandoi una sensazione di vuoto...poi prende la rincorsa e pum meo stantuffa dentro fino in fondo...dandomi una sonora sberla al fondo dell'utero con la cappella...mentre il suo pube peloso mi sbattte con gran prepotenza sulle natiche facendomi tutto il segno rosso. Poi ritira fuori tutto e rincomincia a stantuffare tutto questo ad una velocità incredibile...fuori , dentro , botta, fuori , dentro botta tutto uno dietro l'altro tutto in fretta. Io urlavo...me ne fottevo urlavo,  un unico grande urlo che aveva dei fortissimi picchi quando me lo spingeva fino in pancia, i colpi erano talmente forti e decisi che ogni volta la sua forza mi faceva spostare di una decina di centimetri lungo il letto facendo sobbalzare i miei 40 chili in avanti. Lui come una toro teneva piantate le braccia sul letto, usandole per darsi spinta, per sbatterlo ancora più in fondo...per farmi sentire quel bastone fino in pancia. La scopata romantica di poco prima era un lontano ricordo..ora c'erano solo i suoi colpi fortissimi...che bello quando le sue palle mi sbattevano sul cilto mmmmmm. Io sono vicina ad un orgasmo molto intenso...lo sento ..sta montando de tro di me lo sento arrivare fortissimo...manca poco...sento le pareti vagonali contraesi intorno al suo cazzo e poi esplodo lui rallenta per darmi modo di squirtare. Io per la terza volta in quel pomeriggio vengo squirtando e schizzando i mieo umori un po ovunque...ma soprattutto sul mio povero letto che ormai è pregno di ogni sorta di liquido corporeo. Io urlo fortissimo mentre schizzo liquidi trasparenti. Finito l'orgasmo lui come nulla fosse riprende a spingere ancora più forte di prima...mi monta con rabbia..con ferocia addirittura ringhia quando me lo sbatte dentro con tutta la sua grande forza...poi mi prende per i lunghi capelli e mi tira su il collo continuando a cavalcarmi...tirandomi i capelli...continua a sbattermi come l'ultima delle zoccole per 10 minuti io provo un altro orgasmo e ora sto iniziando a sentire misto al piacere anche dolore...proveniente dalla figa che dopo due ore di sesso e un quarto d'ora di botte violentissime ricevute da un cazzo di tutto rispetto aveva il dirotto di essere stanca. Lui ringhia più forte e me lo sbatte per l'ennesima volta dentro fino in fondo io urlo ma stavolta per il dolore...cazzo devo avere la figa nera per le botte. Sento che si ferma esce da me e mi sussurra:" Sto per venire piccola...dove mi vuoi?"
Io ero talmente stordita che ci misi 1 minuto per articolare una semplice parola:" dentro" dissi mentre respiravo rumorosamente. Lui si tolse il preservativo ritardante che era ridotto maluccio...tutto deformato a causa delle...emmm solecitazioni intense...era imbevuto dei miei e suoi umori.Lui mi fece girare di schiena e lui mi si mise sopra..un classico missionario. Me lo mette dentro delicatamente e finalmente sento la pelle nuda del sho cazzo che allarga le mie pareti vaginali...ogni volta mi stupisco,ora mi scopa in modo romantico e passionale..fino a conque minuti fa mi cavalcava con violenza mentre mi tirava i capelli urlando. Inizia a scoparmi ad un ritmo sostenuto ma non forte...mentre mi bacia e mi limona con pasione attorcigliando la mia lingua alla sua. Dopo poco sento che mi morde il labbro mentre si ferma...poi sento distintamente i suoi fiotti di sborra caldi e abbondanti allagandomi ogni angolo della figa. Va avanti per più di due minuti a sborrare mentre si stacca dalla mia bocca e ansima forte...mentre sento il suo cazzo che spruzza parecchio sul fondo della figa...fortuna che prendo la pillola sennò con questa quantità di sborra sarei incinta all'istante. Lui si accascia su di me come morto e aspetta che il suo cazzone si afflosci dentro di me. Quando ha perso completamente l'erezione esce da me accompagnato da un fiotto di sborra che esce dal mio buco andando a formare una pozza sul mio povero letto che e' distrutto e zuppo. Ci distendiamo distrutti ma appagati. Rimaniamo abbracciati per mezzora prima di trovare la forza di parlare io dico:" Cazzo...ti giuro sono distrutta non mi sento più la figa". Con un dito mi tocco il buco della figa e appena lo tocco un'altro fiotto di sborra scende sul letto e forma una nuova pozza. Mi metto a ridere:" ok...mi sa che mi uscirà sborra per tutta la prossima settimana..mi sento un lago dentro e si che ne è già uscito un bicchiere sul letto....e poi questa dei ritardanti è una scoperta....incredibile due ore di sesso...questa si che e'una durata ovvio è stato tanto anche merito tuo ". Lui non mi ascolta sembra strano...fissa un punto indefinito dello spazio. Io gli tocco piano il pene moscio che giace immobile sulla sua coscia muscolosa. Gli chiedo:"che c'è? Sei sconvolto dalla sborrata". Lui mi guarda negli occhi:" Marika...è stata la migliore scopata della mia vita...davvero ho provato delle sensazioni incredibili...e mi sento in colpa perché la migliore scopata della mia vita l'ho provata con te e non con la mia fidanzata. La verità Marika è che
Io provo dei sentimenti per te....sentimenti che vanno oltre al sesso..oltre all'amicizia...non m'azzardo a dire amore...ma comunque è qualcosa che ci va vicino". Io stavo quasi piangendo ma non per la tristezza..ma neanche per la gioia. Io lo bacio in bocca come non ho mai baciato nessuno...effondendogli amore...non passione amore. Gli sussurro:"io provo la stessa cosa...anzi io mi azzardo a dire: Gianluigi ti amo...ti amo e voglio stare con te". Torniamo a baciarci...con amore..come due persone che si amano...ma in fondo forse siamo due persone che si amano.

Marika...



Se vi va leggete anche gli altri miei racconti mi scuso se mi sono dilungata troppo ma questa cosa che mi è successa oggi stesso è....come avete capito leggendo è più di una scopata ( molto molto bella) è forse la nascita di un nuovo amore. Vi terrò aggiornati.

Questo racconto di è stato letto 7 9 0 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.