La vacanza che mi rese troia 3

Scritto da , il 2017-03-26, genere orge

Questo dubbio, se, pur essendo una ragazza seria, mi sarebbe piaciuto sentire nuovi cazzi, la risolsi dopo qualche altro giorno di vacanza.
Infatti nel nostro gruppo, il fatto che scopavo con Paolo e Andrea insieme si rese di pubblico dominio e suscitò la curiosità di Marco, uno dei due non accoppiati.

Lui scopava Mara, che era stata lasciata da Roberto, appunto perché l’aveva trovata nella doccia del camping a fargli un pompino e se n’era andato con la sua macchina, ritornando a casa incazzato.

Vedevo che lui mi guardava le tette e capivo che mi desiderava, anche se stava abbracciato a Mara, e io quando sentivo gli sguardi sul mio corpo ero in uno stato di eccitazione notevole e sarebbe bastato un niente per farmi scatenare di bramosia sessuale.

Avevamo piantato le tende su una spiaggia e quella sera Marco tirò fuori un lungo chiodo che serviva per i giochini in spiaggia, si faceva un quadrato sulla sabbia con dei settori a punti chi lo conficcava tirandolo nel settore con più punti vinceva. Poi avevamo tre bottiglie di gin che ci passavamo e succhiavamo a turno. Due le finimmo, ed eravamo tutti un po’ brilli.

L’alcool mi eccitava e stare li con i maschi ancora di più. Per stare vicino e Marco .

Usai la mia solita tecnica di far finta di essere maldestra e siccome si erano formate le squadre, Paolo e Mara, Andrea e Isabella, io con Marco e i due superfedeli Gianni e Francesca , la mano di Marco guidò la mia e per farlo lui mi fu vicino a contatto di pelle.

Quel contatto fu la scintilla, mi girai e appoggiai la mano sul suo pisello che era più che evidente da sotto il costume.

Isabella se ne era accorta e vidi che diceva ad Andrea “guarda quella troia della tua fidanzata cosa fa…” e lui lo notò e fece finta di niente, anzi vidi che si era eccitato anche lui.

Paolo era distratto da Mara che in effetti è una gran figa e con un mini tanga mostrava tanto del suo corpo e faceva lo stupido con lei. Mentre Gianni e Francesca scherzavano e si slinguavano.

Dopo un’oretta era venuto buio e i due fidanzatini si ritirarono a scopare e Isabella disse che scottava dal sole e si ritirò nella sua tenda, dove pensavo che si sarebbe fatta un po’ di dildo prima di dormire, come mi aveva confidato che lo faceva sempre.
Anche Mara andò a dormire, disse che aveva mal di testa per il gin.

Rimasi io vicino a Marco e Paolo e Andrea, e presi l’iniziativa, immedesimata ormai nel ruolo di troia, dissi facciamo il gioco diverso…il gioco di chi sborra prima!
Erano allibiti, e ne approfittai e fuori il cazzo di Marco e, con suo stupore, iniziai a accarezzarlo.

Dopo qualche minuto, vidi un cenno d’intesa tra Andrea e Paolo ed entrambi allora si posizionarono dietro di me, introdussero le mani nel mio reggiseno e iniziarono a palparmi , dicendo che ero diventata proprio una puttana esperta .

Il contatto delle mani mi eccitò ulteriormente e loro esprimendo molti complimenti, mi sedetti dentro la tenda x agevolare le loro mani sul resto del mio corpo e pian piano il seno uscì dal bikini e divaricai le gambe scostando gli slip bagnati e aprendo il mio sesso alle loro mani.

Ero già tutta bagnata e la cosa fece molto piacere agli amici. Tolto reggiseno e slip, rimasi completamente nuda, iniziai a eccitarmi e gemevo con le pupille rivoltate all’insù per l’eccitazione, sentendo le mani di 3 uomini diversi sul mio corpo offerto in maniera così sfacciata che lo esploravano con minuziosa bramosità .

Andrea e Paolo al massimo dell’eccitazione cercavano di liberare la tensione dei loro piselli durissimi estratti dai costumi un po’ sgambati menandoli con una mano, mentre l’altra era su di me… entravano ed uscivano le loro dita dalla mia figa, facendomi godere…e Marco stava accarezzandomi i fianchi e io ero oramai così eccitata che mi sentii anche sua preda. Io ero contemporaneamente imbarazzata ed eccitata e mi sono stesa sulla brandina su cui dormivo in tenda.

Marco comincia a massaggiarmi cosce, piedi, senza negarmi carezze che sfiorano la figa. Il massaggio e le toccatine proseguono ancora, mentre con sorpresa Paolo che fino a quel momento non vedevo dov’era mi bacia ripetutamente le labbra, bacio a cui corrispondo voluttuosamente.

Ora tutti e tre si sfilano gli slip da bagno e i tre cazzi sono pronti per me, in un certo senso mi spaventano per quanto si offrono orgogliosi. Superato l'imbarazzo della scelta mi godo questo meraviglioso momento e afferro quello di Andrea e quello nuovo di Marco .

Sento quello di Andrea duro e pulsante, e penso sia così eccitato che stia per sborrare, conoscendolo come mio fidanzato, Quello di Marco è durissimo e faccio fatica a scappellarlo. Intanto Paolo mi appoggia il suo sulla faccia e me lo fa lisciare con la lingua. Mentre questa gradevole operazione prosegue, Paolo mi prende di peso e mi volta, con un sorriso mi esorta a lasciarmi andare e mi bacia tra le cosce, bagnandomi con la sua saliva.

Marco mi toglie il cazzo dalla mano e comincia a strofinarmi la sua cappella all'ingresso della mia vagina. Mi lascio andare, stesa sul lettino, mentre la mia eccitazione cresce costantemente, e lui continua, ma senza penetrarmi.

Paolo davanti mi spinge per intero il suo uccello in bocca ed io non ho più il controllo di me stessa. Marco con un movimento si pone sotto di me e dopo avere allargato con forza le cosce, con il cazzo turgido e dritto mi infila e io lo sento entrare .

Sento una fitta meravigliosa e il suo grande arnese che comincia ad andare su e giù dentro la mia vagina. Paolo riporta la mia concentrazione al suo pompino. Ansimo e mi agito, impalata da Marco e il mio fidanzato Andrea mi accarezza la fronte mi giro e vedo che si sta masturbando.

Marco viene e mi riempie la figa di una quantità di sborra, che, quando lui si ritira un po’ ammorbidito, mi cola fuori e va a lubrificarmi il buchetto, in cui lui inizia ad infilare il pisello semirigido che però quando è dentro si rigonfia.

Ora sono perforata da tre cosi enormi che lavorano in sincrono e mi sento tutta trafitta senza pietà. Sono fuori di me e comincio a gemere come mai mi era successo prima. Tre insieme, mai mi erano capitati e solo nei sogni avevo pensato a come mi avrebbero resa felice.

Loro lavorano di fianchi quasi senza pietà ed io cerco di sfruttare ogni secondo di questa enorme goduria. Li assecondo col bacino, per Marco che mi sta inculando e in figa Paolo abilissimo che mi sta trombando con maestria, e continuo a succhiare il grosso cazzo di Andrea, che esige la sua parte e viene in bocca , mi sento soffocare e un po’ ingoio e un po’ sputo.

Gli altri resistono da svariati minuti, ma poco dopo si fermano di intesa, e si riposizionano, Marco dall'ano alla bocca Andrea nella figa entrando un po’ soft Paolo che non è ancora venuto si sposta.

Lui mi gira, mi si mette dietro e mi solleva e mi infilza il culetto mentre Andrea dopo averlo facilitato mi scopa con nuovo vigore a ritmo sostenuto, e l'unica differenza è che quello che ora mi incula è più frenetico e molto lubrificato.

Marco , quello della bocca mi fa sentire il sapore sul suo uccello, dato che lui mi piace non mi chiedo di più.
Mi sbattono e mi scuotono ed io sono felice di essere strapazzata da questi magnifici maschi. Il loro vigore mi percuote fino dentro il più intimo, arrivando con le loro cappelle alla mia coscienza.
La loro energia mi fa venire più e più volte. Grido, "ahhh...vengo dai dai non smettete! mi scoppiala figa..ahhhh!" E intanto vedo alla luce della lampada da tenda che Paolo che mi accarezza la testa .

Sarei felice se venisse anche se non ho più buchi per lui.
Con la mano gli prendo il pisello e lo scuoto, è già molto bagnato ma appena lo tocco viene pulsando e mi spruzza il seno e la testa.

Anche Marco e Andrea vengono, insieme dentro, sento il loro calore diffondersi in tutta la pancia nell’utero, mi riempiono, urlo “siiii sborratemi tuttaaa!” ! mi tocco il clitoride mi tocco i capezzoli, li tiro, me li stringo…gemo “ vengoooooo. Vengooooo”. Tremo per un orgasmo prolungato che mai avevo provato.

Le secrezioni escono dai miei orifizi, mi coprono quasi totalmente. Sono piena del loro liquido dentro e fuori di me, e più mi vedono in estasi, più spingono e spruzzano ancora su di me fino all’ultima goccia.. Non avevo mai provato nulla di simile, consiglio a tutte le amiche di fare sesso con tre uomini contemporaneamente.

Essere penetrata da tre cazzi insieme, che coprano tutti i tre buchi utili, è la più bella esperienza che possa capitare ad una donna.

Ora sono spossata e stremata, riversa sul piccolo lettino da campo, loro si strofinano con spugne apparse all’improvviso e profumate e poi puliscono me, in ogni angolo del mio corpo.

Rimango riversa su quel lettino per un tempo indefinibile, mi addormento, per svegliarmi in giorno dopo sentendo le voci allegre dei campeggiatori che passavano di fianco alla tenda, Andrea mi guarda e si piazza alle mie spalle e comincia a massaggiarmi le tempie e le guance, e mi pratica un rilassante massaggio al busto e ai seni, sfiorandoli e massaggiandoli con consumata abilità.

Dice, eravamo ubriachi, abbiamo fatto un sogno, ti amo, ora stiamo meglio, era un sogno, ma toccandomi mi sento strana, un po’ dolorante in certi punti.

Gli dico ma era solo un sogno? Lui disse si, ma vidi che era in erezione e sentii appoggiare il suo affare grosso come non me lo ricordavo sulla figa, assicurandosi di farmelo sentire bene. Il massaggio dentro leniva quel senso di dolore.

Lui mi pompa finchè io raggiungo un rapidissimo orgasmo vaginale urlando ancora" ahhhh siiii--ti ammoooo--vengoooo!" e lui per la prima volta viene dopo di me.

…sarà stato un sogno ..o no?
Se vi va leggete anche gli altri miei racconti.

Questo racconto di è stato letto 6 1 8 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.