Erotici Racconti

Una nuova vita 2

Scritto da , il 2016-11-28, genere trans

Grazie per i commenti. Spero di non deludere le aspettative con il secondo capitolo.

Arrivo a casa e sono sempre più confuso. Quest'uomo mi fa stare proprio bene e non so il perché. Anche il gioco di farmi indossare alcuni capi femminili, mi piace. Mi fa sentire strano, ma bene. Godo nel vedere la sua eccitazione quando mi guarda e mi piace che mi faccia fare cose così imbarazzanti per me. Stanco, mi metto a letto e faccio un lungo sonno profondo. L'indomani, vado al lavoro, pensando sempre al mio amico: chissà quando ci rivedremo e chissà cosa si inventerà questa volta. Chissà perché mi chiede sempre qualcosa in più, in ambito vestiti, e non pretende di più, in campo personale.

Quando, la sera, chattiamo non oso fargli queste domande e la chiacchierata verte più che altro sul weekend appena trascorso, sulle nostre sensazioni, ecc. Mi propone di ripeterlo il fine settimana successivo e accetto molto volentieri. La settimana passa velocemente e mi sembra incredibile che sia già arrivato il momento di partire. Mi metto in treno, impaziente di arrivare, e quando scendo, lo trovo al binario ad aspettarmi. Dopo i soliti saluti piuttosto formali, mi chiede se mi va di fare una pazzia e gli rispondo che, ovviamente, dipende da cosa si tratti. Mi dice di fidarmi di lui e non posso che accettare. Salgo in auto, partiamo e, invece che portarmi subito all'hotel, si ferma davanti al salone di un'estetista e scende. Mi apre la portiera e mi accompagna all'interno del negozio. Quando arriva la ragazza, le dice che mi sta accompagnando perché io non avevo il coraggio di entrare da solo, che sono un ciclista e che avrei bisogno di una depilazione integrale. Mi lascia, quindi, con la ragazza e si siede a sfogliare una rivista. Io vengo portato in una saletta e qui comincerà uno dei pomeriggi più dolorosi della mia vita. La ceretta fa malissimo ma quando è finita sembro un neonato, senza più alcun pelo sul corpo. Quando usciamo, gli chiedo se sia impazzito e cosa gli sia saltato in mente, ma lui mi risponde che non mi ha costretto a fare niente e che, se avessi voluto, avrei potuto uscire senza dover dare alcun tipo di spiegazione. Mi rendo conto che una tale possibilità non mi era neanche venuta in mente e non ne capisco il perché. Forse inconsciamente, volevo davvero farmi depilare? Oppure sono così intimorito e sottomesso al mio amico da non prendere neppure in considerazione la possibilità di far qualcosa di diverso da quello che lui vorrebbe? Fatto sta che sono come un maialino senza peli ormai e non so come giustificherò la cosa con i colleghi lunedì. Il mio amico si accorge del mio disappunto e mi chiede spiegazioni. Quando gli rispondo, mi dice che non devo farmi tanti problemi ma che, visto che non ero del tutto consenziente, saprà farsi perdonare. Arrivati in hotel, mi dice di farmi una doccia e di scendere subito nella hall che ha un'idea. Eseguo gli ordini e scendo alla reception spinto da una grande curiosità. Lui non mi dice niente e mi fa salire in auto. Mi porta in un centro commerciale e entriamo in un negozio di intimo femminile. La commessa, una donna avanti con gli anni, ma ancora piacente, ci viene incontro e ci chiede cosa desideriamo. Il mio amico risponde che sta cercando dei completi intimi per sua moglie e che io lo accompagno perché ho delle misure simili a quelle della donna. Io mi rendo conto dell'assurdità della cosa ma ormai non posso fare più niente e, imbarazzato, sto al gioco. Il mio imbarazzo cresce ancora quando il mio amico chiede alla donna se io possa provare gli indumenti e lei risponde che, purché io tenga sotto i miei capi, lo posso fare. Entro quindi in camerino con dei completi molto sexy e mi spoglio per provarli. Quando ho indossato il primo, la donna scosta la tenda, offrendosi di dare un parere. Se prima potevo sperare che si fosse bevuta la nostra bugia, ora che vedeva che sotto i suoi capi, indossavo già delle culottes di pizzo e che sono tutto depilato, dovevo rassegnarmi al fatto che le fosse tutto chiaro. Infatti la signora, con molto coraggio, entra nel camerino e mi chiede il permesso di sistemarmi. Ricevuta l'autorizzazione, mi infila una mano negli slip e mi dice che il mio pene deve essere rivolto verso il basso, per non deformare troppo le culottes. Mi fa allargare le gambe e spinge il pene tra le mie gambe. Poi sistema il reggicalze e mi consiglia un reggiseno abbinato. Ormai nella confusione più totale, le dico che io non ho il seno ma lei ribatte che ha delle imbottiture fatte apposta per le donne con poco seno e, in pochi secondi, mi trovo ad indossare un reggiseno e le imbottiture. Forzando la pelle del mio petto verso il centro, sembra davvero che io abbia due belle tette e quando il mio amico mi chiede di poter dare un'occhiata, vedo la sua reazione incontrollata. Sembra abbia visto una modella e la sua eccitazione è molto evidente. Fa i complimenti alla negoziante e le chiede di farci vedere altri capi. Trascorriamo molto tempo nel negozio e ne usciamo con un guardaroba completo per me. Tra l'altro, mi dice di tenere uno dei completi sotto il mio abbigliamento e, per fortuna, la giacca e il maglione nascondono le forme e le sporgenze del mio seno imbottito.

Il passeggiare tra la gente, sapendo che indosso un completo intimo femminile e che solo la giacca non faccia intuire che ho il seno, mi fa eccitare all'inverosimile. Il mio amico mi dice di essere eccitatissimo e questo aumenta ulteriormente la mia erezione. Penso che il pomeriggio sia terminato e, invece, vedo che entriamo in un negozio di calzature. Per fortuna, le commesse sono tutte occupate e il mio amico può prendere da solo un paio di stivali dallo scaffale. Io porto il 41 che è un numero grande per una donna, ma non introvabile e il mio amico mi dice di provare lo stivale che ha in mano. E' bellissimo (ho sempre avuto un grande amore per le calzature femminili) e, anche se con molta vergogna, lo provo. Stare in piedi è molto difficile, ma camminare sembra impossibile. Appena posso, me li tolgo e gli dico che mi vanno bene. Dopo avermi fatto provare un paio di zoccoli sempre con il tacco, si avvia verso la cassa e paga. Anche se non ho potuto scegliere niente, lo ringrazio per il regalo e, finalmente, usciamo dal negozio e ci avviamo verso l'auto. Mi porta in un ristorante romantico, come ormai d'abitudine, e dopo cena mi invita alla solita passeggiata. Questa volta, però, non andiamo in spiaggia, ma sul lungomare asfaltato. Dopo aver parcheggiato, mi chiede di indossare gli stivali e di scendere dall'auto. Viene ad aprirmi la portiera e ad aiutarmi a uscire dalla macchina. Per camminare, devo appoggiarmi al suo braccio che stringo forte per restare in equilibrio. Camminiamo lentamente, molto stretti l'uno all'altro. Per fortuna non ci vede nessuno, ma io sono eccitatissimo. Mi sembra di fare una cosa proibita e questo mi piace moltissimo. Il movimento necessario per camminare con i tacchi mi eccita e mi viene naturale ancheggiare. Appena arriviamo in una zona ancor più buia delle altre, il mio amico si ferma e mi stringe a sé in un abbraccio. Rimaniamo così, faccia a faccia, per qualche secondo e a me viene spontaneo dargli un bacio sulle labbra. Sarebbe stato un bacio piuttosto innocente, ma appena mi sono staccato, lui mi mette una mano dietro la nuca e mi tira a sé, baciandomi con la lingua. Mi piace il suo prendere l'iniziativa e il bacio mi eccita ancora di più. Nonostante i tacchi, sono ancora più basso di lui e sentire la sua eccitazione sulla mia pancia aumenta la mia eccitazione. Il bacio non dura molto e ci stacchiamo, per avviarci nuovamente verso l'auto. Saliamo e partiamo e mentre guida verso l'hotel, il mio amico appoggia una mano sul mio ginocchio e me lo accarezza. Guardare la sua mano appoggiata su un paio di jeans sotto ai quali vedo gli stivali così belli e femminili mi piace e mi eccita di nuovo. Lui interrompe il silenzio, dicendomi: "Peccato soltanto che tu non stia indossando la gonna"... E io non posso che dargli ragione. Mi piacerebbe sentire la sua mano sulle calze che ricoprono le mie gambe depilate.
Arrivati in albergo, mi accompagna alla porta della stanza e mi dà un nuovo pacchettino. Appena entro in camera, apro il pacchetto e vi trovo una camicia da notte molto corta e tutta di pizzo. E' molto carina e voglio dormire con quella. Mi spoglio, mi tolgo le calze e il reggicalze, ma tengo il reggiseno. Indosso la camicia da notte e appena mi metto a letto, mi arriva un messaggio dal mio amico: "Come ti sta?". Gli chiedo se vuole vederlo di persona e appena inviato il messaggio, lo sento bussare. Gli apro e vedo che mi squadra e mi dice che sono stupenda... Lo ringrazio e gli auguro la buonanotte e richiudo la porta. So di essere stato un po' sgarbato, ma non mi sento ancora pronto a un altro grande passo.
Quando ci troviamo per la colazione, mi chiede come abbia dormito con la camicia da notte e gli rispondo che è stata una bellissima esperienza. Mi dice che gli piacerebbe che la indossassi anche quando dormo a casa e, anzi, che d'ora in poi indossassi sempre l'intimo che mi ha comprato, anche quando non sono con lui. Gli rispondo che lo farò con piacere. Mi chiede se mi andrebbe di fare una passeggiata, indossando anche la gonna, ma gli rispondo che non mi sento ancora pronto, soprattutto perché è giorno e non più una buia sera e tutti vedrebbero che sono un uomo che indossa tacchi e gonna. Lui accetta il mio rifiuto senza ribattere, ma si vede che è rattristato e ciò mi dispiace. Allora gli dico che, se vuole, possiamo fare un giro in auto, con me vestito da donna. Vedo che la cosa lo rallegra e quindi, dopo aver lasciato l'hotel, entriamo in auto. Mi sfilo i pantaloni, indosso la gonna che mi ha regalato la volta scorsa e partiamo. Immagino sia strano vedermi: mezzo uomo e mezza donna. Lui rimette la mano sulla mia gamba e la sensazione è stupenda. Mi accarezza mentre guida e questa volta risale fino al bordo delle calze e tiene la mano sotto la mia gonna anche quando ci fermiamo ad un semaforo. Un ragazzino con il motorino si accosta a noi e guarda molto interessato le mie gambe e la sua mano sotto la gonna. Si vede che è confuso... Vede due uomini, dei quali uno ha la parte inferiore femminile e molto sexy. Il suo sguardo mi eccita moltissimo e il mio amico sposta la mano e mi abbassa la cerniera della giacca, mettendo in evidenza il mio seno che sembra molto naturale. Il ragazzino ha uno sguardo sempre più confuso e sempre più eccitato quando il semaforo diventa verde e noi partiamo. Scherziamo un po' sulla vicenda e poi torniamo a parlare di noi. Il tempo passa e arriva l'ora del mio treno. Così mi rimetto i miei jeans, tolgo il reggiseno e gli stivali e ci avviamo alla stazione.
Dopo i soliti saluti, salgo in treno e passo tutto il tempo del viaggio tentando di scacciare la sensazione di confusione e di eccitazione in cui il weekend mi ha inabissato.

Spero di leggere ancora i vostri commenti...

Questo racconto di è stato letto 2 3 6 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.