Erotici Racconti

Una nuova vita 7

Scritto da , il 2016-12-18, genere trans

Ci risvegliamo la mattina successiva ancora abbracciati e, dopo il bacio del buongiorno, ci alziamo per fare colazione. Carlo si dedica ad accendere il camino mentre io, dopo essermi cambiata, preparo il caffè e cerco nei vari armadietti se ci sono biscotti o toast per la colazione. Mentre sono intenta ad accendere il gas sotto la moka, sento che il mio amico è alle mie spalle e, prendendomi per i fianchi, si appoggia al mio sedere. Sento la sua erezione mattutina e mi viene voglia della mia seconda scopata e, quindi, comincio a strusciare i glutei sul suo cazzo. Carlo mi alza la gonna, nota che non indosso intimo e, dopo essersi sputato sulla mano e aver lubrificato il suo uccello, prova a penetrarmi. Purtroppo sento molto dolore e dobbiamo rimandare la penetrazione. Il mio amico prende un po' d'olio dal ripiano della cucina, si unge le dita e inizia un piacevolissimo massaggio al mio buchetto: piano piano, riesce a inserire un dito senza provocarmi dolore e, dopo avermi masturbata così per un po', infila anche un secondo dito. Mi piace sentirmi aprire così, ma vorrei poter essere scopata anche senza preliminari perché mi piace moltissimo pensare di essere sempre pronta a dare piacere al mio uomo, oltre che riceverlo. Il mio partner è molto esperto e riesce abbastanza rapidamente a infilare anche il terzo dito, mentre io inizio a godere per questo trattamento che mi porta a un ottimo livello di eccitazione. Quando sente che sono pronta, toglie le dita e riprova a penetrarmi con il suo grosso cazzo che fatica comunque a entrare. Per aumentare la mia voglia, Carlo da dietro inserisce le mani sotto la mia camicetta e inizia a stimolarmi i capezzoli stuzzicandoli, pizzicandoli e tirandoli. Non pensavo che i miei capezzoli fossero così sensibili e potessero regalarmi delle emozioni e delle sensazioni così forti, ma soprattutto non sapevo che una zona così poco stimolata fino ad oggi potesse farmi dilatare così tanto. Senza più toccarmi dietro, Carlo riesce senza fatica e senza dolore a penetrarmi in un sol colpo. Mi sento piena e gli chiedo di non smettere di giocare con i miei capezzoli che amplificano le sensazioni che vengono dal mio culo, tanto che in pochissimo tempo ricomincia uno dei miei nuovo prolungati orgasmi. E' bellissimo venire così e le contrazioni derivanti dall'orgasmo mi fanno tendere i muscoli dell'ano che sembra quasi pompare il cazzo del mio partner. Anche lui viene quasi subito, riempiendomi l'intestino di sperma che comincia a colarmi sulle gambe, appena il cazzo viene sfilato e questo mi fa pensare che dovrò procurarmi degli assorbenti interni per evitare di sporcarmi, in caso facessimo sesso quando non siamo a casa. Sono contenta di aver portato così tanti indumenti, visto che in due scopate ne ho resi inutilizzabili già due...
Stanchi ma soddisfatti, facciamo colazione mentre io mi scuso per non essere stata pronta quando lui aveva voglia, ma Carlo mi risponde di non preoccuparmi perché è normale. Con il tempo, sarò sempre più elastica e potremo farlo quando e dove vorremo.
Il resto della giornata, la trascorriamo con una lunga passeggiata nel bosco con pranzo al sacco e, quando rientriamo, è già quasi ora di cena. Carlo ha prenotato presso un ristorante non molto lontano e voglio essere molto elegante e sexy per l'occasione. Dopo la doccia, ripasso la depilazione e mi stendo una crema profumata su tutto il corpo, due gocce di profumo e passo all'abbigliamento. Reggicalze, calze, gonna, stivali... Mi do una pettinata alla parrucca e mi trucco. Sono diventata piuttosto brava con il trucco e, soprattutto, sono diventata più veloce. Siamo pronti e usciamo. Raggiungiamo rapidamente il ristorante che è rustico ma molto romantico. Anche qui la gente mi guarda con un'aria un po' stranita, ma nessuno dice niente. Carlo, a tavola, mi tiene spesso la mano e a me piace moltissimo. Non sono abituata al vino che mi rende piuttosto allegra e disinibita e ho di nuovo voglia di farmi scopare. Porto la mano sotto al tavolo e, nascosta dalla tovaglia, la appoggio sulla patta del mio compagno e inizio a massaggiare, sentendo presto l'effetto delle mie carezze. Dalla consistenza del suo cazzo, suppongo che anche Carlo abbia voglia adesso e, sperando che capisca, mi alzo per andare in bagno. Non ho neanche il tempo di rimuovere il plug dal mio culo che il mio amico bussa alla porta; lo faccio entrare e lui, senza dire una parola, mi gira, mi fa piegare sul lavandino e estrae rapidamente il plug per sostituirlo con il suo cazzo. Non abbiamo tempo perché non vogliamo dare troppo nell'occhio e ci dedichiamo alla mia prima sveltina. Carlo viene quasi subito, mentre io resto con la voglia, ma sono contenta ugualmente. Per fortuna, lo sperma riversato in me non è troppo e un po' di carta igienica, tenuta ferma da un paio di slip che mi ero portata in borsa riescono a evitare che le mie gambe e le calze vengano sporcate. Torniamo al tavolo, con Carlo visibilmente soddisfatto e io con ancora più voglia di prima, e finiamo di cenare. In auto, sulla via di casa, rimetto la mia mano sul cazzo del mio amico pur sapendo che, non essendo più un ragazzino, non sarà probabilmente pronto subito. Infatti, nonostante il mio massaggio, l'uccello non dà segni di vita e la cosa un po' mi dispiace. Arriviamo così alla baita e io non insisto ma, quando siamo a letto, Carlo mi dice che vuole che goda anch'io prima di dormire e prende la chiave della mia gabbietta e me la rimuove. Il mio uccello, ormai abituato alla costrizione, non si muove e anche se inizio a toccarlo e a stimolarlo, non mi dà alcuna sensazione né sembra indurirsi, ma appena Carlo inizia a mordicchiare e succhiare i miei capezzoli, la situazione cambia e le sensazioni aumentano ancor più quando, oltre al petto, vengo stimolata con le dita nel buchetto. Il cazzo mi si indurisce e tutti gli stimoli sessuali, uniti alla lunga astinenza dalle seghe, mi portano a godere molto rapidamente. Per evitare di dormire nuovamente vestita, vado in bagno a lavarmi e mi preparo per la notte, ma quando torno a letto, trovo Carlo che mi aspetta per rimettermi la mia cintura di castità che ormai porto senza problemi. Dopo che la mia virilità è stata nuovamente ingabbiata, ci mettiamo sotto le coperte e ci addormentiamo abbracciati.
La mattina successiva, ci svegliamo tardi e dobbiamo prepararci a partire. Facciamo una rapida colazione, rifacciamo le valigie e ripartiamo verso la stazione per evitare che un qualsiasi contrattempo mi faccia perdere il tempo. Ci fermiamo a pranzo in un ristorante lungo la strada e, dopo mangiato, raggiungiamo velocemente la stazione. Non ho voglia di tornare alla mia normale vita da uomo perché il mio nuovo ruolo femminile, così nuovo e insolito, mi piace moltissimo, ma devo comunque farlo.
Il viaggio si svolge senza problemi e senza avvenimenti degni di nota e, prima di arrivare, decido di tornare al maschile: mi reco in bagno, come avevo fatto all'andata, e tolgo ogni traccia femminile, a parte l'intimo. Arrivo a casa senza intoppi e, dopo una breve telefonata con Carlo, disfo le valigie, mi preparo la cena, mi lavo e vado a dormire.
Tornare al lavoro il lunedì è dura e non so se riesco sempre a nascondere il mio nuovo ruolo femminile, ma nessuno pare accorgersi di niente e la giornata scorre velocemente. Prima di tornare a casa, decido di fermarmi in farmacia per acquistare gli assorbenti e chiedere alla ragazza se mi spiega come si inseriscano. Entro in farmacia e trovo la mia bella amica che, quando mi vede, mi saluta e mi chiede scusa per non avermi chiamato, ma ha perso il mio numero di telefono. Le do nuovamente il mio numero e le spiego perché io sia lì e lei mi chiede di tornare poco prima dell'ora di chiusura, in modo da poter chiacchierare senza clienti che ci disturbino. Quindi torno a casa e approfitto dell'attesa per farmi un clistere, lavarmi e cambiarmi e arriva il momento di uscire. In farmacia, trovo la mia amica pronta a ricevermi che, dopo che sono entrato, chiude la saracinesca e mi accompagna nel retro del negozio. Un po' imbarazzato, le spiego il motivo per cui penso di comprare degli assorbenti interni e lei mi risponde che può funzionare. Mi dà una scatola di assorbenti e poi mi spiega come utilizzarli. Già che ci sono, decido di provare a chiederle un'altra cosa: le domando se esiste un qualche prodotto che rallenti la ricrescita dei peli e della barba, in special modo, ma purtroppo non esiste niente di specifico che possa aiutarmi. Però se desidero, mi può dare delle confezioni di pillole contraccettive che contengono molti ormoni femminili tra i cui effetti c'è anche un rallentamento della ricrescita dei peli, la sensibilizzazione dei capezzoli e una leggera femminilizzazione generale del corpo. Mi dice che devo prenderne grandi quantità, se voglio notare qualche effetto e anche che, in teoria, non potrebbe darmele senza ricetta medica. Decido di provare per un mese e poi deciderò se proseguire o smettere. Prima di salutarmi, la farmacista mi chiede di poter controllare lo stato del mio ano. E' curiosa di vedere quanto si sia dilatato dopo un weekend di sesso. Mi spoglia e mi fa appoggiare ad un lettino e, dopo essersi lubrificata le dita, inizia un sensualissimo massaggio con le sue dita magiche. Comincia a massaggiarmi all'esterno e passa presto a inserire un dito che muove in modo stupendo dentro di me per diversi minuti. Quando sente che sono ben dilatato, inserisce un secondo e anche un terzo dito, iniziando un lento avanti e indietro che prosegue per molto tempo, portandomi a uno stato di eccitazione molto elevato che permette alla mia amica di inserire anche il quarto dito. Ha le dita piccole e non mi sembra di essere più dilatato di quando Carlo mi scopa e infatti presto sento l'orgasmo che si avvicina e glielo dico. La farmacista aumenta il ritmo, ma poco prima di farmi venire, si ferma, toglie la mano, si allontana e mi lascia lì con la voglia. Torna subito e mi viene di fianco e, sollevando la gonna, mi fa vedere che indossa uno strap on di buone dimensioni. Mi dice di prenderlo in bocca e di inumidirlo con la saliva e inizia a scoparmi la bocca per qualche minuto, dopo di che, torna dietro di me e mi penetra in un solo colpo. Dilatato e eccitato, non sento alcun dolore e spingo il culo verso di lei per farla arrivare più in fondo. Mi scopa con forza e ha quasi subito un orgasmo che la porta ad accasciarsi sulla mia schiena. Sentire il suo seno su di me mi eccita ancora di più e, appena riprende a scoparmi, sento di nuovo che sto per godere e glielo dico, ma lei mi chiede di cercare di trattenermi perché sta per godere di nuovo e vuole che veniamo insieme. Appena sento che il suo respiro accelera nuovamente, mi lascio andare a uno dei miei lunghissimi orgasmi e riusciamo a venire contemporaneamente. Rimane per breve tempo appoggiata alla mia schiena e quando i nostri respiri si regolarizzano, ci alziamo e ci sistemiamo un po' e poi ci salutiamo, con l'accordo che ci saremmo sentiti in settimana.

Vi è piaciuto?

Questo racconto di è stato letto 1 9 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.