Erotici Racconti

Una nuova vita 1

Scritto da , il 2016-11-27, genere trans

Eccovi un altro racconto, nella speranza che vi piaccia. Inizia descrivendo la mia situazione reale, ma si sviluppa seguendo solo la mia fantasia, purtroppo. Se vi piace o se, addirittura vorreste aiutarmi a realizzarlo, fatemelo sapere.

Ho superato i 40 anni e sono single, pur avendo molte storie, sia di sesso sia sentimentali. Storie assolutamente etero e, evidentemente, assolutamente deludenti. Più passa il tempo, più mi sembra che donne e uomini non siano fatti per stare insieme, se non per scopi riproduttivi. Non avendo mai desiderato avere figli e, quindi, mancando lo scopo principale per una relazione di coppia, non sono mai stato disposto ad accettare tutti i compromessi necessari a superare le incomprensioni che derivano dall'essere uomini e donne così diversi. Sto molto bene da solo, ma mi manca qualcosa che, ciclicamente, torna a farsi sentire... Ho pensato che con un uomo ci potrebbe essere più complicità e più intesa, ma tutte le volte che mi immagino insieme ad un uomo, mi passa completamente la voglia di provare. Questo fino a qualche tempo fa quando...

Giusto per dare un'occhiata a un mondo nuovo, mi sono iscritto ad una chat gay e ho provato a chiacchierare con uomini gay e bisex. Devo dire che non mi sembra che con gli uomini sia molto più facile che con le donne. Se quest'ultime sono, quasi sempre, mancanti di qualunque fantasia e originalità, i primi non sembrano molto meglio. L'unica cosa che mi sembra distinguere gli uni dalle altre è la carica sessuale. Nelle donne scarseggia quasi costantemente, mentre negli uomini è fin troppo presente. Tutti gli uomini che mi hanno contattato, mi hanno subito chiesto se mi andasse di scopare o di fare sesso con loro. Così non mi va e, come detto, immaginarmi a letto con un uomo non mi eccita in alcun modo. Con questa nuova esperienza, per quanto virtuale, mi sento ancor più un pesce fuor d'acqua, ma riesco a inquadrare con più efficienza il problema: quello di cui ho sempre sentito la mancanza nei rapporti con le donne, non sono i loro minori bisogni sessuali, ma la loro cronica mancanza di fantasia. E questo sembra non migliorare con gli uomini. Mi sembra quasi di guardare un formicaio da un vetro: gli esseri umani sembrano così lontani da me, da apparire quasi un'altra specie. Gli esemplari maschili cercano solo dei buchi in cui inserire i loro organi sessuali e le femmine, invece, hanno bisogno di sentimenti e sembrano usare i loro buchi come merce di scambio per le loro altre necessità. Ma veniamo alla svolta...
Un giorno, mi contatta un uomo maturo che non mi chiede subito una foto o quanto io ce l'abbia grosso e la chat con lui sembra interessante, tanto che mi sento di potermi aprire e comincio a raccontargli quello che ho scritto qui sopra. Lui sembra capire e, in qualche modo, concordare con me. Mi dice che, secondo lui, ho ragione sul fatto che uomini e donne siano troppo diversi per capirsi e pensa di capire perché io non riesca a immaginarmi con un uomo. Ritiene che io sia stato eterosessuale per troppo tempo e che questo abbia condizionato troppo i miei gusti e i miei pensieri. Rispondo che potrebbe aver ragione, ma che se così fosse, io sarei spacciato perché dovrei rassegnarmi a una vita in solitudine, ma lui dice che non è detto... Per verificare la sua ipotesi, mi invia un filmato porno tra due uomini, di cui è uno vestito da donna, e mi chiede di dirgli cosa mi susciti. Appena lo vedo, devo ammettere che sono molto eccitato e glielo dico. Lui sostiene che questo confermi la sua ipotesi... Io però non so dove voglia arrivare.
Le nostre chiacchierate serali proseguono e io non vedo l'ora, ogni giorno, di tornare a casa per ritrovarlo online. La complicità e l'intesa tra noi crescono, tanto che dopo qualche tempo cominciamo a parlare di sesso e la cosa non mi infastidisce come ha fatto finora. Nel parlarne, lui mi confessa di essere solo attivo, sia nel rapporto sia nel sesso, e noto che la cosa non mi dispiace. L'idea di penetrare un uomo, mi fa quasi senso. Quest'uomo sa sempre quando cambiare discorso e questo mi porta ad apprezzare ancora di più il confrontarmi con lui.
Dopo diverse settimane di chiacchierate, mi propone un incontro e io sarei disponibile, se non fosse che abita piuttosto lontano. Oltre a ciò, né io né lui vorremmo essere visti in compagnia di un altro uomo, nel posto dove viviamo. Mi propone, quindi, un incontro in una cittadina di mare a metà strada per il successivo fine settimana. Accetto e passo i giorni che mi separano dall'incontro nella confusione più totale: avrò fatto bene? Sarà la cosa giusta da fare? I giorni passano comunque e arriva il momento della partenza. Mi metto in treno e mi avvio verso il mio destino. Quando arrivo, lo trovo alla stazione che mi aspetta e ci salutiamo piuttosto freddamente con una stretta di mano. Entriamo, quindi, nella sua auto dove temo la sua riservatezza e la sua eleganza possano sparire, ma mi stupisce nuovamente. Appena saliti, infatti, comincia a chiacchierare, a chiedere come sia andato il viaggio, come mi senta, ecc. Tutte domande discrete e rispettose e ne sono contento... Mi dice che il suo programma sarebbe quello di andare a prendere possesso delle nostre stanze in hotel e poi di andare a cena in un ristorante carino. Concordo con il programma e apprezzo moltissimo che abbia parlato di stanze al plurale e non di una stanza. Quindi, andiamo in hotel e ci diamo appuntamento nella hall dopo un paio d'ore. Io approfitto del tempo prima dell'appuntamento per farmi una doccia e fare una dormitina. Scendo nella hall, all'ora stabilita e andiamo al ristorante: un posto molto carino in riva al mare. Per fortuna, non fa niente che mi possa mettere in imbarazzo e la cena si svolge piacevolmente, accompagnata dalle nostre chiacchierate interessanti. Nonostante io mi opponga, offre lui la cena e, una volta usciti, mi chiede se mi vada una passeggiata sulla spiaggia. Accetto con piacere e ci avviamo. Siamo fuori stagione e siamo assolutamente soli sulla spiaggia, tanto che lui azzarda a prendermi la mano. Non mi oppongo, anche se la sensazione è molto strana e camminiamo così per un po' finché si ferma per guardarmi negli occhi e farmi una dichiarazione che cambierà la mia vita. Mi dice che gli piaccio molto, che trova il mio cervello molto interessante, che trova adorabile il contrasto tra il mio aspetto molto maschile e il mio animo così dolce. Anche se non capisco quest'ultima affermazione, lo ringrazio per l'apprezzamento e gli dico che a me piace molto passare il tempo con lui, ma che non posso ancora spingermi più in là con le dichiarazioni. Mi risponde che lo sa, che mi ha capito e che non ha alcuna fretta. Riprendiamo la passeggiata e quando arriviamo alla fine della spiaggia, torniamo all'auto e rientriamo in hotel. Beviamo qualcosa al bar e poi, stanchi, decidiamo di andare a dormire. Mi accompagna fino alla porta della mia stanza e, prima di salutarmi, mi dà un pacchettino. Mi chiede di aspettare di essere in stanza per aprirlo, ma mi dice di non sentirmi obbligato a fare niente che non mi vada. Mi saluta e mi lascia solo con la curiosità. Entro in stanza e, con impazienza, apro il pacchetto: contiene un reggicalze, delle coulottes di pizzo e delle calze velate. Sono stranito e incuriosito da questo strano regalo, ma rimando all'indomani le domande e le decisioni. Dopo una doccia, mi metto a letto e mi addormento quasi subito. Quando mi sveglio, la mattina, mi lavo e torno in stanza per vestirmi ma non so ancora cosa fare con il regalo. Ci penso un po' su e mi dico che, se al mio amico fa piacere, per me non è un grande sacrificio indossarli e, quindi, decido di metterli; infilare le calze mi dà uno strano piacere e lo stesso indossare coulottes e reggicalze. Mi fa uno stranissimo effetto sapere di portare indumenti così femminili. Mi sono sempre piaciute le cose segrete e immagino sia per questo che mi sento così eccitato. Indosso i jeans, polo e scarpe sportive e mi avvio verso la sala per la colazione dove trovo il mio amico. Lo saluto, mi siedo al tavolo con lui e, dopo aver ordinato la colazione, gli chiedo spiegazioni per quello strano regalo. Lui mi risponde che dovrò capire da solo, ma che è felice che io li abbia indossati. Gli chiedo come faccia a saperlo e mi risponde che i gancetti del reggicalze si vedono sotto i jeans. In un primo momento, sono un po' preoccupato, ma poi penso che nessuno mi conosce e me ne frego di cosa pensino. Però la mia strana sensazione non mi abbandona e non riesco a capire neppure cosa sia esattamente. Gioia, eccitazione, curiosità,...? Non lo so, ma so che sto bene.
Passiamo una bella mattinata, in giro per posti belli e in solitudine, e terminiamo il nostro incontro a pranzo. Dopo aver mangiato, mi porta alla stazione e, prima di salutarci, mi chiede se mi vada di rivederlo. Gli rispondo di sì, che è stato un bellissimo fine settimana, che ho apprezzato la sua pazienza e discrezione e che sarei molto contento di ripetere l'esperienza al più presto. Mi accompagna al binario e mi saluta con una stretta di mano.
Appena sono sul treno, sento la sua mancanza e gli invio un messaggio, ringraziandolo nuovamente per tutto e dicendogli che mi ha fatto stare proprio bene. Mi risponde subito che è stato molto bene anche lui e che spera possiamo rivederci il weekend successivo. Ho davvero apprezzato la sua compagnia e il suo saper fare sempre la cosa giusta. Quando mi ha preso la mano sulla spiaggia, era il momento giusto. Se lo avesse fatto prima, sarebbe stato troppo presto per me, se lo avesse fatto dopo, probabilmente il momento magico sarebbe stato già passato. Il non avermi mai baciato è stato sintomo di grande sensibilità perché non mi sentivo ancora pronto. Gli rispondo, quindi, che mi sarei organizzato per il finesettimana successivo.
Mentre sto pensando ai bei momenti appena passati, mi rendo conto che le due ragazze sedute di fronte a me si sono accorte delle mie calze e, parlandosi nell'orecchio, sghignazzano di me. Mi vergogno molto, ma ormai qualsiasi cosa io faccia, renderebbe la situazione più imbarazzante. Non posso tentare di coprire le calze con i pantaloni, né fare altro, quindi, faccio finta di non accorgermi di niente e, nell'imbarazzo, cerco di schiacciare un pisolino.
Arrivato a casa, mi spoglio e metto i miei nuovi capi a lavare, chiedendomi se al prossimo incontro dovrò indossarli nuovamente.
I giorni della settimana passano tra il lavoro e le chattate con il mio amico e arriva presto il giorno dell'incontro. Anche questa volta, lui è molto gentile e paziente. Ci troviamo in un'altra cittadina, per evitare di dare troppo nell'occhio e passiamo il finesettimana più o meno esattamente come quello precedente. Lui apprezza molto che io stia indossando i capi che mi ha regalato e quando entriamo in auto, dopo la cena, mi dà un nuovo pacchettino che mi dice di aprire subito. Lo apro e vi trovo una gonna... Mi dice se mi andrebbe di indossarla subito per la nostra passeggiata sulla spiaggia. Io ho paura che qualcuno mi veda e gli dico che preferirei di no, ma lui insiste e io, ricordando che nessuno mi conosce da queste parti, accetto. Mi lascia solo un momento in auto e io sfilo i pantaloni e indosso la gonna. Quando rientra in macchina, mi fa i complimenti per il mio coraggio e mi chiede come mi senta. Gli rispondo che sono stranamente molto eccitato, ma anche molto in imbarazzo. Inoltre, vedere i peli sulle gambe che si vedono in trasparenza sotto le calze, mi fanno un po' schifo...
Partiamo e, mentre guida, appoggia la sua mano sul mio ginocchio e la cosa non mi dà fastidio. Quante nuove emozioni sto provando... Quando scendo dall'auto, sento una sferzata di aria fredda sulle mie parti intime e capisco di essermi mosso in modo molto sgraziato e tento di fare attenzione a come mi muovo. L'aria fredda cui non sono abituato su certe parti mi fa tremare ma anche eccitare e, senza accorgermi, mi stringo al mio amico, forse per scaldarmi. Per fortuna, non incontriamo nessuno sulla spiaggia e torno indenne all'auto, ma quando mi accingo a infilare i pantaloni, il mio amico mi dice di avere un po' di coraggio. In hotel non ci sarà più nessuno alla reception, dato che abbiamo la chiave del portone di ingresso, e comunque, non mi conosce nessuno. Così, rimango con la gonna e entrare in albergo mi fa tremare e impaurire non poco. Va tutto liscio e arrivo alla porta della stanza senza esser visto da nessuno.
Il giorno successivo, indosso l'intimo femminile sotto i vestiti da uomo e passiamo un'altra piacevole giornata fino al momento di salutarci. Questa volta, mi dà due baci sulle guance e riparto con il treno.

Vi piace? Proseguo?

Questo racconto di è stato letto 3 7 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.