Vacanze 2

Scritto da , il 2015-09-22, genere saffico

... mi avvicino a lei e le chiedo: "Quanto per una cosa di bocca?"

Lei mi sorride e aprendosi del tutto la camicettà mi chide se voglio leccare io o deve essere lei a farlo, io sorrido e mi tuffo sui suoi tettoni.

Giovanna è più bassa di me ma ha un bel seno grande, porta la quinta misura di reggiseno e ha il seno ben separato, con aampie e calde tette, splendide aureole ben disegnate, tonde, e in mezzo i capezzoli più dolci che si possano desiderare, a quel punto che potevo volere di più.

Mi ciucciavo proprio uno di quei bei capezzoli, roteando la lingua sull'aureola, soffermandomi su ogni escrescenza ghiandolare che sentivo con la punta della lingua e ogni volta che spingevo un po' di più sentivo la Giò sussultare dal piacere.

Ad un certo punto mi stacco dal seno destro e inizio a fare lo stesso lavoro sul sinistro che stavo comunque già titillando con le dita, un filo di bava unisce la mia bocca al capezzolo destro e ora mi finisce sulla faccia e sui capelli, la cosa non mi infastidisce, anzi, mi eccita l'idea di essere tanto laida, mi vedo come da fuori con lei appoggiata al lampione a seno nudo ed io su quel seno a leccare e bagnarmi della mia stessa saliva, il tutto davanti al mare e illuminate dal lampione, se ci guardano spero si stiano masturbando e non col telefono in mano pronti a chiamare la polizia.

Ma tutto questo non mi passa davvero per la testa, Giò è bollente, la sua pelle scotta e ora potrebbero arrivare tutti i poliziotti del mondo, io da qui non mi stacco.

Anzi, scendo sulla sua pancia con la faccia e inizio a leccare il suo ombelico, ci infilo la punta della lingua, non ho nemmeno più saliva, la bocca è riarsa oramai ma il calore della sua pelle mi piace troppo e mi eccita a dismisura, la guardo negli occhi e le chiedo di andare su in camera.

Giovanna ha gli occhi persi, mi guarda trasognata e poi mi susurra sì andiamo dai.

Cercai di coprirla mentre risalivamo la stradina verso l'albergo ma fu dura perché non ne voleva sapere e anzi ad un certo punto si tolse anche le scarpe camminando a piedi nudi sul cemento, a quel punto ho temuto seriamente che si volesse togliere pure i pantaloni.

E non sapevo se sotto aveva slip o meno dato che quando si è vestita non ho visto cosa avesse indossato.

Ma questa era solo la parte coscente e razionale della mia mente, una parte assolutamente piccola del tutto, mentre l'altra parte, quella irrazionale mi diceva dai vai, non fermarti ora, spogliati pure te se ti va.

Salimmo le scale dell'albergo scalze, abbracciate, io vestita e lei con la camicia completamente slacciata, ma nulla di più eppure già così esprimevanmo una sensualità eccezionale, entrammo nella camera che nessuno ci aveva viste, chiudemmo la porta e ci buttammo sul letto...

Lù, continua tranquilli ;-)

Questo racconto di è stato letto 6 4 2 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.