Ho chiavato mia madre e mia sorella-7-ho ingravidato mia sorella

Scritto da , il 2012-11-11, genere incesti

Mi spiace ma,ho scritto questo capitolo con un pò di ritardo.Per meglio capire la storia,consiglio di leggere anche i capitoli precedenti.Ringrazio chi mi leggerà e chi vorrà commentare

-------------------------------------------------------
Capitolo 7


Il marito di mia sorella che era in viaggio per motivi di lavoro,sarebbe rientrato quella sera stessa verso le 21,00.

Il tempo quel giorno di sesso sfrenato e di grandi scoperte per me,era volato ed era già tardi.

Per mia sorella dunque,era già ora di rassettarsi e tornare a casa.

Dopo l'ultima monta,aveva ancora la fica piena della mia sborra e mia madre le aveva suggerito di infilare un tampax e fare la doccia conservando dentro di se il mio seme sino a casa,poi avrebbe potuto decidere se offrirsi al marito piena o fare un profondo bidet per cancellarne le tracce.

Và detto però che,quel giorno tra lei e mia madre,mi avevano spompato e fatto sborrare 6 volte e,dunque,la quantità di seme che aveva in sè era talmente ridotta che per suo marito poteva benissimo trattarsi delle sue secrezioni vaginali tanto più che,essendo rimasto assente per qualche giorno,la moglie poteva anche essere già eccitata e dunque,molto bagnata a causa della "forzata"astinenza.

Certo che,se le avesse leccato la fica,avrebbe potuto notare un sapore strano e diverso dal solito.

Devo dire che la cosa divertiva alquanto mia madre e mia sorella ed ero quasi certo che lei gli avrebbe fatto assaggiare volentieri il mio sperma misto in un cocktail con le sue essenze vaginali.

Quanto a mia madre,non c'erano problemi in quanto mio padre,ingegnere,lavorava all'estero ed a volte rimaneva lontano per diversi mesi.

Dunque per me,si prospettava una notte di fuoco mentre per mia sorella,una notte di routine,forse di penose discussioni.

Prima di uscire,mia sorella ha baciato me e mia madre in modo profondo e appassionato e sull'uscio si è accostata al mio orecchio e mi ha sussurrato:

-Grazie fratellino,penso che presto ci saranno delle novità!-

Novita?
"Quali novità potevano esserci?!" ho pensato mentre la sua stupenda siluette varcava la porta di casa!

La novità più inaspettata e meravigliosa la stavo vivendo in quel momento cos'altro dunque, poteva riservarmi il futuro se non le promesse fattemi dalla mamma e gli incontri di sesso che ancora mi aspettavo con lei e mia sorella?

Mia madre pareva leggermi nel pensiero e dopo che la figura di mia sorella si era dissolta oltre la porta,mi ha preso per mano e mi ha condotto sul divano dove mi aspettavo il seguito dei giochi.

Mia madre mi si è seduta accanto e facendosi seria in volto ha inaspettatamente cominciato a parlarmi:

-Luca,bambino....amore mio...tutto quello che è successo oggi e che avverrà in seguito,non è frutto del caso ma,è parte di un preciso piano che da tempo avevamo in mente di mettere in atto io tua sorella.

Il fatto che sia avvenuto proprio oggi è davvero casuale ma già da molto tempo io e tua sorella avevamo in mente di farti partecipare ai nostri giochi.

Naturalmente,non sapevamo come avresti reagito scoprendo il nostro incestuoso rapporto saffico e ancor meno come avresti preso l'idea di chiavarti tua madre e tua sorella.

Avresti potuto trattarci da puttane e dunque,aspettavamo solo l'occasione propizia che si è miracolosamente concretizzata oggi.

Sai che Marisa e il marito non riescono ad avere figli!

Lui ha insistito più volte par andare dal dottore e verificare la causa di quelle mancate gravidanze nonostante che da più di due anni ormai,cercano assiduamente un figlio.

Io ho sconsigliato a tua sorella di andare insieme a lui alla visita e l'ho portata dal mio dottore che ha verificato che lei è perfettamente in grado di procreare e dunque,il problema è suo marito!

Abbiamo riflettuto a lungo sul da farsi ed infine,un giorno mentre facevamo l'amore,in vena di confidenze,abbiamo scoperto che entrambe ci saremmo volentieri fatte scopare da te ed insieme abbiamo avuto la stessa idea:"Farsi ingravidare da te suo fratello!" all'insaputa del marito il quale,all'oscuro della sua personale infertilità,avrebbe accettato la gravidanza della moglie come frutto del loro amore e delle loro insistenze.

Dunque caro Luca,bambino mio,ciò che è avvenuto oggi non è frutto del caso ma sono state tua madre e tua sorella ad organizzare tutto come due vere streghe.

Questo per tua sorella è un periodo fecondo e se tutto và bene,avendola inseminata per ben 3 volte,ci sono buone possibilità che tu l'abbia già ingravidata per questo le ho messo il tampone e se stasera farà l'amore col marito,tutto apparirà perfettamente normale.

La giornata continuava a riservarmi sorprese sempre più defatiganti.

Avevo in mente di fare ancora l'amore con la mamma ma la stanchezza fisica e cerebrale hanno avuto il sopravvento e senza lavarmi e neanche cenare,mia madre mi ha preso per mano e mi ha accompagnato a dormire nel suo lettone nuziale.

Al mattino,quando mia madre mi ha svegliato,il sole era già alto.

Indossava una vestaglia di seta leggera quando mi ha portato la colazione a letto:

-Buon giorno giovanotto....hai dormito come un ghiro sai...stanotte ho cercato di svegliarti ma non c'è stato niente da fare,d'altra parte la tua stanchezza,con tutto quello che è successo ieri,è ben comprensibile ma vedrai,dopo questa sostanziosa colazione,tutto cambierà e potremo riprendere il discorso interrotto ieri sera.
Oggi tua sorella non ci sarà e voglio godermi il tuo cazzone tutto per me!
A proposito,ha telefonato tua sorella,ieri sera il marito l'ha chiavata due volte e le ha anche leccato la fica spruzzata da te.
Mentre la leccava le ha detto:
"Si sente che sei eccitata tesoro,hai un sapore più forte del solito!"
Non c'è che dire,tua sorella è davvero una gran troia chissà da chi avrà preso!?-

Mia sorella era davvero una gran troia e nei giorni a seguire me ne ha dato continue,concrete prove facendosi chiavare in ogni modo persino nel suo letto matrimoniale.

Un giorno,sono andato a trovarla in ufficio dove,sapendo che sarei andato da lei mi ha aspettato nell'ora di pausa pranzo.

Il tempo era poco e la situazione era comunque a rischio che qualcuno tornasse anzitempo.

Appena sono entrato nel suo ufficio,lei senza alzarsi dalla sua sedia,mi ha fatto avvicinare,mi ha aperto la patta estraendone il cazzo già duro ed appoggiandosi con un gomito sulla scrivania come se stesse lavorando,con l'altra mano ha cominciato a masturbarmi.

La situazione era così eccitante e lei era talmente brava a massaggiarmi col polpastrello il frenulo mentre scappellava il prepuzio che sono bastati pochi movimenti per portarmi nelle sfere più alte del cielo.

Mentre soffocavo in gola il piacere che avrei voluto comunicare al mondo,lei si è chinata su di me imboccandomi e,serrando in modo ermetico le labbra,ha diretto i bollenti fiotti di sborra direttamente in gola.

Dopo aver ingoiato tutto,ha cominciato a leccarmi la cappella per ripulirla dai residui e contemporaneamente,mi strizzava mungendo anche le gocce che ancora conteneva il canale uretrale.

-Grazie fratellino....questo regalo è più gustoso e nutriente di quello che avrei mangiato al bar....e poi....è gratis!-

Mi ha mormorato ridendo mentre con meticolosi e accorti gesti,mi rimetteva il cazzo dentro le mutande e mi richiudeva la cerniera:

-Mi raccomando....abbine cura...credo che io e la mamma ne avremo bisogno ancora per un bel pò!-

Il giorno poi,che ha avuto l'esito positivo al test di gravidanza non stava più nella pelle dalla gioia.

Prima ancora di dare la notizia al marito e dopo essersi accertata con la mamma che anch'io fossi in casa,è corsa da noi e dopo avermi abbracciato,baciato a lungo con la sua gustosa,guizzante lingua,ci ha comunicato la lieta novità.

Sembrava impazzita dalla gioia e non smetteva di baciarmi e ringraziarmi per il dono che le avevo fatto.

Poi,per darmi un concreto segnale di gratitudine,mi ha stretto forte a sè e con le labbra appoggiate al mio orecchio,mi ha offerto la sua rosellina ancora vergine.

Incularla,inculare mia sorelle ancora vergine con l'aiuto della mamma,è stata la più esaltante esperienza della mia vita.

Anche mia madre,nei giorni precedenti si era fatta sodomizzare ed era stato bellissimo ma,con mia sorella che non l'aveva mai concesso neanche a suo marito,in quella circostanza e con quelle modalità è stata davvero un'esperienza straordinaria e irripetibile.

Dopo avermi baciato,si è ritirata in bagno dove la mamma,le ha fatto un profondo,accurato clistere,l'ha lavata nella vasca piena di sali odorosi.

L'ha depilata completamente sul monte di venere eliminando anche la fine e rada peluria che circondava il cresposo forellino anale poi,coperta di veli trasparenti e splendente come la venere del Botticelli,l'ha condotta al mio cospetto che l'aspettavo già nudo e con lo scettro sguainato,ai piedi del letto.

Con un sorriso radioso e fare leggero,come trascinata dal vento,mi ha sfiorato col suo corpo e,rilasciando dietro di se una scia profumata,si è adagiata su letto.

La mamma con aria fiera,l'accompagnava come fosse una sua ancella e quando era gia distesa in posizione supina,mi ha chiamato ed insieme abbiamo cominciato a leccarla in ogni lembo di pelle.

Mia madre ha cominciato baciandole i piedi e risalendo lentamente sulle caviglie,i polpacci,le cosce sino alle grandi labbra che,spoglie dal bruno pelo,apparivano turgide,gonfie e tagliate come una rosea pesca.

Io avevo cominciato accarezzandole i capelli e il viso e dopo averle massaggiato con la lingua i lobi e l'interno delle orecchie,mi sono soffermato a lungo con la bocca sulle sue labbra mentre le nostre lingue danzavano vorticosamente favorendo un reciproco travaso di dolce saliva.

Poi,lasciando con la lingua una scia umida sulla sua pelle vellutata,mi sono soffermato sui seni che a causa della postura languidamente distesa,apparivano rilassati e morbidi ma,sormontati da capezzoli scuri e turgidi come nocciole.

Il corpo di mia sorella,pareva vibrare alle attenzioni che riceveva e dalla sua bocca,sortivano sospiri lunghi e cadenzati in armonia coi fremiti della pelle ed i battiti del suo cuore.

Le pennellate della mia lingua sui suoi capezzoli,erano accompagnate dalle sue dita che come un direttore d'orchestra,essecondavano,forse guidandoli,i miei movimenti.

L'incontro col viso di mia madre è avvenuto nel momento stesso in cui,lei,dopo averle piegato le ginocchia ed allargato le cosce,le leccava la clitoride che si ergeva turgida sotto il monte di venere e che,priva di peli,appariva come un piccolo membro scappellato.

Mentre la mia bocca prendendo il posto di quella di mia madre cominciava a succhiarle il grilletto,lei si intrufolava tra le piccole labbra a lambire le pareti interne della vagina già grondante di umori.

Un'urlo improvviso ha spezzato il sacro silenzio che avvolgeva l'ambiente,e mentre il bacino di Marisa si contorceva come in preda a spasmi di dolore,dalla sua fica,fiotti di "sborra"si riversavano nella mia bocca ed in quella di mia madre.

Dopo quel violento orgasmo,io e mia madre ci siamo stesi accanto a lei e,per diversi minuti ci siamo scambiati parole dolci e teneri bacini.

Dopo averle fatto cambiare la postura offrendo ai nostri occhi ed alle nostre mani la stupenda siluette della schiena,le sue curve e delle protuberanti natiche,io e mia madre,scambiandoci i ruli,abbiamo ripetuto il medesimo percorso di prima.

Quando i nostri visi si sono rincontrati,dopo un'ammiccante,complice sorriso,ci siamo scambiati un voluttuoso bacio,lungo e profondo poi mia madre ha fatto sollevare il bacino di mia sorella facendole assummere la postura a pecora.

-Luca....tra poco ai tuoi occhi si dischiuderà la cosa più preziosa che ancora conserva tua sorella.

Sappi che neanche a me ha mai concesso di profanarla.

Molte volte l'ho tentata e cercato di convincerla quando giocavamo tra noi col vibratore o con lo strap on ma,non c'è stato mai niente da fare.

Chissà....forse lei aveva già in mente che l'avrebbe sacrificato solo per te.-

Mi ha detto mia madre mentre si accingeva a divaricare i glutei di sua figlia,serrati come valve.

Con tono di voce bassa e languida,è intervenuta mia sorella:

-E' vero Luca....forse ha ragione la mamma....senza che io neanche me ne rendessi conto,l'ho conservato puro e inviolato proprio per te!
Prendilo fratellino mio...prendilo ora come segno di gratitudide per il bimbo che porto in grembo e per l'amore che ho per te!

Questo giorno dovremo ricordarlo per sempre...mi hai resa madre ed io ti ho regalato quanto di più prezioso mi appartiene!

Montami fratellino....sodomizzami....inculami,godi di me e riempini le visceri col tuo caldo e fertile seme!-

Mia madre l'aveva già aperta e con la lingua la stava leccando come aveva già fatto chissà quante altre volte.

La leccava e con la punta cercava di aprirsi un varco.

Poi ha lasciato il posto alla mia lingua mentre lei chinandosi su di me,ha iniziato a succhiarmi il cazzo.

Quando le pareva che tutti fossimo pronti,ha preso una boccetta col lubrificante e dopo averne spalmato sulle sue dita e tra le chiappe,ho cominciato un lento massaggio per rilassare i muscoli dello sfintere anale ed iniziare così una lenta penetrazione con un dito.

Mia sorella aveva la testa immersa nel cuscino ed il culo proteso come se dovesse spiccare il volo;era bellissima ed era mia!

Mia sorella!

Dopo averle infilato il secondo dito e poi il terzo senza avere rezioni negative,mia madre mi ha spalmato di lubrificante l'inquieto nerbo e mi ha accompagnato verso la pulsante fessura.

Con le mani ha allargato le chiappe e,ad alta voce,come a voler rassicurare se stessa,ha chiesto:

-Siete pronti ragazzi?-

-Si! Si!-

E' stata la risposta all'unisono mia e di mia sorella.

Con la cappella gonfia e livida,ho cominciato a spingere tenendo mia sorella stretta sui fianchi.

Intanto mia madre si era messa accanto a lei e mentre la copriva di bacini e parole rassicuranti,le dava anche consigli su come comportarsi.

Io spingevo e sentivo che il glande,lentamente e senza incontrare particolare resistenza,entrava nel culo inviolato di mia sorella.

Non un lamento usciva dalla sua bocca mentre mia madre la incitava a spingere come se dovesse evacuare.

Improvvisamente,mentre spingevo,un grido soffocato è sfuggito dalla bocca di mia sorella e contemporaneamente,mi sono sentito inghittito in lei e una stretta come fosse un cappio,mi segnalava che il glande era dentro e che il prepuzio era serrato dallo sfintere che dopo la profanazione,si era richiuso in un'estremo tentativo di imprigionare l'intruso.

Sono rimasto fermo conficcato in lei solo con la cappella sino a che la voce di mia madre ha detto:

-E' tutto passato Luca....vai ma fai piano...piano... piano....-

Lentamente le sono scivolato dentro senza più alcun problema e quando i miei testicoli hanno baciato la sua fica,ho cominciato a ritrarmi per poi entrare ancora.

Via via che le mie escursioni divenivano più decise,cominciavo a sentire anche la partecipazione di mia sorella che ansimava e muoveva il bacino favorendo i miei movimenti nel suo corpo.

D'un tratto,come destandomi da un sogno,ho realizzato che stavo inculando mia sorella,un'attimo è durato quel pensiero e ululando come un'animale ferito,mi sono schiantato in lei e le ho scaricato in corpo una sequela di 5/6 bollenti fiotti di sborra.

Prima di uscire per andare dal marito per dargli la bella notizia della sua gravidanza,mi sorella mi ha abbracciato forte,mi ha baciato con un profondissimo, infinito lingua in bocca,mi ha ringraziato ancora e con un piede sulla soglia,si è girata verso di me dicendomi:

-Bastardo di un fratello,è così che si fà con una sorellina vergine e indifesa?
Lo sai che mi hai fatto eh!
Lo sai?!
Mi hai rotto il culo....hai rotto il culo di tua sorella!
Bastardo.....ti amoooooooooooooooooo-

Quella sera,dopo la bella notizia,il marito ha voluto festeggiare portandola a cena fuori.

Alla domanda di suo marito del perchè fosse claudicante,ha risposto che aveva preso una piccola storta...niente di che!

Comunque,nonostante il buco del culo infiammato e dolorante,quella sera mia sorella e il marito hanno festeggiato con una bella chiavata.

La domenica successiva,il marito ci ha invitati a pranzo a casa loro perchè avevano una sorpresa per noi.

Con orgoglio mio cognato ha mostrato a me e mia madre la pancia di mia sorella che,benchè non ancora gonfia,già conteneva il loro erede.

-Sandro....Sandro.....ho combinato un guaio...mi è caduta la bottiglia di spumante e quella che ha portato mia madre è calda.
Come facciamo....non possiamo festeggiare senza spumante......vai tu a prenderne una fresca?-

Mia sorella si mostrava sempre più una vera troia!

Quando il marito è uscito per andare a ricomprare da bere,lei e mia madre,si sono inginocchiate davanti a me e mi hanno fatto sborrare con un fantastico pompino a due bocche.

segue




Questo racconto di è stato letto 1 6 9 8 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.