Ho chiavato mia madre e mia sorella 6°

Scritto da , il 2012-09-15, genere incesti

Mentre mia madre,con voce flebile e sensuale e con gli occhia illuminati da una strana,misteriosa luce continuava nel suo racconto,mia sorella la osservava con lo sguardo meravigliato di chi,come me,quel racconto, ascoltava per la prima volta.

Aveva gli occhi spalancati e lucenti di una bambina che ascolta una favola aspettando,con ingenua curiosità la fine della storia che,come sempre,finisce col prevalere del bene sul male.

Mentre fissa,non muoveva lo sguarso dalle labbra della mamma,teneva sempre il piede nudo appoggiato alla mia patta.

A differenza di prima però,la pianta rimaneva attaccata ma ferma al mio pigiama senza cioè,esercitare quel movimento rotatorio e quel massaggio con le dita che avevano,sino a pochi momenti prima,tenuto il mio membro in erezione.

Mentre anch'io ascoltavo rapito le parole della mamma pendendo letteralmente dalle sue labbra,il mio sesso era a "riposo" e veniva,solo di tanto in tanto, schiacciato da un repentino tocco simile ad un tic nervoso che,mia sorella lasciava partire,sicuramente in modo inconscio,allorchè voleva segnalarmi un passaggio per lei particolarmente significativo del racconto che la mamma,andava facendo.

Al colpetto segnaletico,corrispondeva un rapido spostamento dello sguardo sui miei occhi e,con fare ammiccante e complice mi segnalava la sua tacita,orgoliosa approvazione mentre la mamma,così continuava nel suo racconto:

-Quando Marisa mi ha abbracciata per consolarmi col suo amore di figlia,non aveva ancora compiuto i 16 anni e,dunque,l'ho immediatamente assimilata alla mia esperienza.

Quel caldo abbraccio e l'intenso,fresco profumo che emanava il suo giovane corpo,mi hanno inebriata come una droga e,mi hanno precipitata in una frazione infinitesimale di tempo,nella realtà che avevo vissuto in collegio con le mie compagne(allora sua coetanee) in un'epoca ormai lontanissima e sino a quell'istante,sopita nella mia memoria.

Non avrei mai potuto perdere l'occasione che mi offriva mia figlia per tornare a vivere in quel tempo e rivivere quelle circostanze che mi avevano formata,resa felice e libera nell'uso del mio corpo e nelle conquiste della mia mente.

E come avrei potuto privare la mia bambina di quella preziosa occasione di varcare insieme a me le soglie di quel paradiso ritrovato?!

Carpe diem bambina,benvenuta nella valle dell'eden insieme alla mamma!

Mia figlia,percependo nel mio abbraccio e nel mio sguardo un segnale diverso da quello di una madre afflitta da consolare,ha chiuso gli occhi e mentre dischiudeva le tumide labbra mi pareva che la sua voce mi dicesse
-Mamma...cogliamo quest'attimo...non lasciamolo sfuggire nel tempo che mai più potremo riprendere!-

Naturalmente,tutto avveniva nel tumulto dei miei pensieri e dei miei gesti che,tremanti,mi hanno portato ad unire le mie bramose labbra a quelle di mia figlia.

.......le sue rosse labbra carnose e tumide....la sua pelle bianca e liscia profanata solo dalla sporadica presenza di segni di acne che ne denunciavano la tempesta ormonale che sconvolgeva il suo corpo e confondeva la sua identità ancora in bilico tra l'imberbe bambina e la nascente ragazza prossima al suo nuovo ruolo di femmina adatta alla riproduzione e, di amante soggetto e oggetto di piacere.

Il corpo di mia figlia,languidamente abbandonato alle mie premurose ed ardenti attenzioni,mi appariva armonioso nelle sue morbide acerbe fattezze,promesse certe di femminili rotondità ancora nascoste.

I seni apparivano appena abbozzati sull'esile corpo di adolescente,ma già pieni e sodi come frutti in fase di maturazione.

Gonfi come collinette col cuspide decorato da rosee areole disegnate con mano leggera e da piccoli,inquieti capezzoli impazienti di ergersi impertinenti sulle mammelle non ancora mature.

Le braccia erano lunghe e sinuose con le ascelle stranamente velate da filamenti invisibili e dai riflessi dorati.

Anche il monte di venere era cosparso da una rada peluria lucida e scura che si perdeva diradandosi ulteriormente tra le cosce verso le grandi labbra che,gonfie,serrate e prive di peli,si intuivano solo grazie ad una linea rosata scolpita come un bassorilievo.

Le piccole labbra così come il bottoncino della clitoride,non erano ancora visibili giacchè,quello scrigno,non era mai stato aperto.

Le prime mani e le prime labbra che si sono posate a dischiudere quel bocciolo,sono state le mie;quelle di sua madre.

Quel dì,come in una favola,ha avuto inizio una meragliosa avventura durata sino al suo matrimonio.

Da quel giorno,seppur col cuore spezzato,avevamo deciso di interrompere la nostra relazione anche lei come me infatti,si era ripromessa di non tradire mai lo sposo del quale era molto innamorata.

Solo una spiacevole circostanza intervenuta a turbare l'armonia nei rapporti con suo marito,hanno creato l'occasione per la ripresa dei nostri rapporti.

Devo confessare che quando ho potuto stringerla ancora a me,mi sono sntita rinascere ed ho ricominciato,grazie a lei a risorgere a nuova vita.-

Queste ultime parole,sono state pronunciate da mia madre con gli occhi lucidi colmi di lacrime.

Io e mia sorella ci siamo alzati e mettendoci al suo fianco,le abbiamo asciugato gli occhi ed abbiamo cominciato ad accarezzarla e tempestarla di bacini affettuosi.

Poi,per confermarle che anch'io avevo notato alcuni cambiamenti in lei,le ho detto:

-Sai mamma,negli ultimi tempi,ti trovavo più bella ed allegra.

Avevo notato che curavi di più il tuo aspetto con un abbigliamento più giovanile ed un trucco più ricercato.

Francament,non sapevo a cosa attribuire quei cambiamenti....adesso capisco.....è tutto merito di Marisa che ha rimesso in moto la tua attività erotica e ti ha dato i giusti consigli per renderti ancora più bella e desiderabile di quanto tu non lo sia già.-

Il viso della mamma si era immediatamente ripreso esplodendo in un sorriso luminoso quando mia sorella è intervenuta dicendo che avrebbe voluto continuare lei il racconto ma che,siccome si sarebbe fatto troppo tardi,preferiva fare ancora l'amore e rinviare il proseguo del discorso all'indomani.

Tenendom entrambe sottobraccio,mi hanno accompagnato in camera da letto e dopo avermi spogliato,mi hanno fatto distendere in posizione supina ed insieme,hanno cominciato ad occuparsi di me accarezzandomi e baciando ogni parte sensibile del mio corpo ed alternandosi con la bocca sul mio membro che rispondeva alle loro labbra ad alle loro attenzioni contraendosi ed emettendo dal livido glande,gocce di umori prespermatici.

Poi mia sorella,aiutata dalle mani di mia madre,si è calata su di me inghiottendo il cazzo sino al contatto con l'utero e mentre con movimenti alternati si chiavava da sola,mia madre sdraiata accanto a me mi bisbigliava:

-Godi bambino,goditi la meraviglia che ti offre tua sorella ma sappi che io ho molte cose da insegnarti.

Prima,quando ti succhiavo i capezzoli per esempio,ho notato che sono poco sensibili.

Dovrò fare qualcosa.....cominceremo proprio da quelli la prima lezione.....-

Perso tra le sensuali parole di mia madre e le pompate sempre più veloci e profonde di mia sorella,con un lungo e acuto grido di piacere,mi sono sciolto con numerosi fiotti di sperma che hanno scaldato l'accogliente corpo di mia sorella.

Dopo pochi secondi,anche lei,accasciandosi di schianto sul mio corpo e soffocando i suoi rantoli di godimento,ha raggiunto l'orgasmo contorcendosi come una serpe ferita.-





Questo racconto di è stato letto 1 5 4 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.