Le confessioni di mia nonna

Scritto da , il 2012-11-12, genere incesti

Come succedeva oramai da alcuni anni,il giorno dedicato all'incontro con mia nonna era il venerdì sera.

Quella era infatti,la sera in cui mia madre e mio padre,si dedicavano ai loro hobby preferiti.

Mio padre andava al circolo con certi suoi coscritti e mia madre andava a giocare a pocker ed a canasta a casa di alcune amiche.

Che io ricordi non sono mai rientrati prima dell'alba.

Raramente capitava anche che,a causa della indisponibilità di una delle case,la bisca di mia madre,si trasferisse a casa nostra.

In verità questo accadeva assai raramente e comunque,io e la nonna ne venivamo informati con un certo anticipo.

Erano oramai anni che mia nonna non si faceva più scopare da me e,credo anche da altri.

Sarà stata l'età-aveva oramai superato i 70-sarà stata la stanchezza o il pieno,totale appagamento dei suoi vizi giovanili ma,oramai,benchè conservasse un suo fascino ed una sua innegabile carica erotica,aveva deciso di "attaccare le mutande al chiodo"come amava ripetermi lei.

I pompini no!Quelli le piaceva troppo farli ed ingorda com'era di sborra non vi avrebbe mai rinunciato.

Dunque,quelli non ha mai smesso di farmeli ed anche nei momenti più critici della sua lunga,intensa esistenza,non vi è stata settimana in cui non abbia rispettato il tacito impegno che aveva con me.

Certo,erano molto diversi i tempi in cui io sedicenne e lei cinquantenne ancora nel pieno vigore della sua inesauribile carica erotica,aveva cominciato ad impartirmi lezioni di sesso.

Già dagli anni della mia adolescenza,mia nonna mi aveva abituato al contatto col suo corpo nudo e le sue mani,la sua bocca ed i suoi baci, placavano i miei primi pruriti regalandomi momenti di piacere che ricordo ancora con languida nostalgia.

Quello era il venerdì precedente al mio matrimonio che si sarebbe svolto la domenica successiva.

Neanche quella circostanza aveva distolto i miei dal loro impegno settimanale.

Dunque,anch'io,liberandomi dalla mia fidanzata colla scusa dell'addio al celibato e rispettando gli accordi settimanali con la nonna,sono andato da lei e,come da suo desiderio,sono presto,entrando in casa immediatamente dopo che ne erano usciti i miei genitori.

Lei mi ha accolto in forma smagliante.

Capelli tinti con delle lucenti meches dorate,tirati sù e raccolti in modo vapososo ed elegante da gran dama.

Trucco leggero ma curatissimo con gli occhi ritoccati da un cosmetico bruno,un fondotinta rosato e illuminato da una spolverata di brillanrini.

Il rimmel le gonfiava le ciglia come un'avvenente trentenne mentre le labbra erano rese gonfie a carnose da una laccatura trasperente dai riflessi dorati.

Chissà cosa avrà raccontati ai miei distratti genitori per giustificare la su eleganza.

Era bellissima.

Indossava una camiciola di seta trasparente sopra al ginocchio e sotto niente!

I suoi seni,parevano miracolosamente ergersi sfidando ogni legge di gravità coi capezzoli che,scuri e altezzosi,spingevano sul tessuto leggero.

In basso,la trasparenza permetteva di vedere il ciuffo scuro che al frusciare del drappo che lo ricopriva,pareva muoversi con la sinuosità di una figura immersa nell'acqua.

Per l'occasione,aveva calzato i vertiginosi sandali rossi borchiati in oro che tante volte le avevo visto indossare da bambino quando usciva per incontrare uno dei suoi amanti.

----------------------------------------
Già nella prima infanzia ero attratto ed ammaliato dalla figura di mia nonna,dal suo sguardo,la sua voce,il suo corpo,le sue carezze...tutto così diverso da quelle di mia madre

Tra le sue braccia di donna fascinosa e matura,mi sentivo come un peluche nelle mani di un bambino.

Ero accarezzato,vezzato,leccato in ogni parte del mio imberbe corpo e quando con le sue grandi labbra della sua vorace bocca,ingoiava il mio pisellino,mi sentivo trascinato nel tanto citato regno dei cieli.

Nelle sue mani ero davvero in paradiso e con gli occhi chiusi avevo addirittura l'impressione di udire il coro degli angeli.

Un giorno ne avevo persino parlato col parroco al catechismo il quale,fortunatamente,dandomi del bambino privilegiato e segnato dalla grazia di dio,non ha voluto approfondire.

Naturalmente,quando ho riferito la cosa a mia nonna,sono stato severamente redarguito e da allora ci lega un solidissimo giuramento di segretezza.

-------------------------------------------

Nel momento stesso in cui sono entrato in casa trovandomi al cospetto della dea che ancora viveva nei miei sogni,lei mi ha abbracciato stringendomi forte al suo seno e dopo avermi baciato con una lunga e potente intrusione della lingua nella mia bocca mi ha detto:

-Vieni bambino.....stasera sarò ancora la tua troia....voglio godere di te e farti godere come mai hai goduto e come mai forse riuscirai più a godere.

Stasera sarò la tua troia e ti rivelerò cose che mai nessuno ha udito dalle mie labbra.-

segue

Questo racconto di è stato letto 1 9 0 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.