Ho chiavato mia madre e mia sorella 4

Scritto da , il 2012-09-12, genere incesti

-Certo che siete davvero due porcelloni,basta lasciarvi soli un'attimo che subito combinate qualche marachella.

Proprio come quando eravate piccoli...dovrei sculacciarvi per questo!-

-Ma mamma...non abbiamo combinato marachelle io e Luca!

Io e mio fratello,abbiamo semplicemente fatto l'amore con la stessa naturalezza con la quale giocavamo da bambini e da ragazzi ed è stato bellissimo!

Così come è stato stupendo quando tu e tuo figlio avete fatto l'amore ed io vi ho aiutati...non è stato stupendo forse?

-Dai mamma non fare così,non essere gelosa e datti da fare altrimenti ci pensiamo noi a completare l'opera!-

Ha risposto con tono scherzoso mia sorella così continuando:

-Sai,io ho già bevuto il nettare di Luca,sapessi com'è dolce il suo seme..dovresti provarlo anche tu!

Ti assicuro che mai ne avevo assaggiato di più buoni ma lui,non ha ancora gustato la cremina che sgorga dalla mia passerina.

Lo sento inquieto dentro di me e assai voglioso,non vorrei che si fiondasse a bere il cocktail che sgorgherà quando il tappo sarà saltato lasciandoti così a bocca asciutta!-

Immediata e stizzita la risposta di mia madre:

-Marisa,sei proprio una puttanella,lo sapevo che non dovevo lasciarti sola con tuo fratello!-

La mamma indossava,sui capelli raccolti,una vezzosa cuffietta bianca decorata da leggeri merletti e pois rosa.

Che io ricordi,era la stessa che le vedevo in testa quando,io e mia sorella,ancora bambini,sedevamo a tavola in attesa che ci servisse da mangiare.

Era molto brava la mamma e,in considerazione della diversa età,differenziava la cucina in funzione dei rispettivi gusti e dell'età giustappunto!.

Oltre la romantica cuffietta,la mamma indossava un modellato,comodo,camicione bianco che,stretto in vita da un grembiulino a fiori,faceva risaltare magnificamente le sue generose e sensuali forme.

Benché così abbigliata da angelo del focolare e con il pranzo già servito in tavola,mia madre,non si è lasciata ripetere l'invito da mia sorella e senza esitare,si è distesa sul letto con la testa sotto le natiche di sua figlia e la bocca appoggiata ai nostri sessi ancora accoppiati.

Quando la sua postazione pareva saldamente conquistata,è bastato un piccolo tocco della sua mano perché mia sorella si sollevasse liberando il mio arnese ancora semiduro che,come una frustata sull'acqua,si è schiantato rumorosamente sulla mia pancia.

Dalle labbra dischiuse del sesso di Marisa,un fiume di sperma e umori vaginali ha cominciato a colare verso l'esterno trovando nel suo tracimare,le labbra di mia madre pronte e raccoglierlo nella sua bocca.

Mia madre leccava e succhiava come se stesse gustando un frutto di mare ed anche i suoni che rilasciava rammentavano quella gustosa leccornia.

Quando il grosso del flusso è rallentato e,solo sottili,viscidi rivoli continuavano a colare,lei,con golosa ingordigia,ha continuato a leccare e bere incuneando la lingua oltre le umide grandi e piccole labbra per lambire le pareti interna della vagina di sua figlia che così bene già conosceva.

Quando ogni traccia degli umori del godimento dei suoi figli era stata ripulita e ingoiata,si è dedicata al bottoncino a guardia dell'accesso del paradiso di sua figlia.

Ha imboccato la clitoride già gonfia e satura di sangue e come fosse un piccolo pene,aiutandosi con le mani,lo ha scappellato e pennellandolo sapientemente con la punta della lingua,ha accompagnato mia sorella ad un nuovo,silenzioso orgasmo segnalato da lunghi gemiti soffocati a dalle incontenibili convulsioni del bacino.

Poi ha voluto dedicarsi al mio membro che,oramai completamente vuoto e floscio,ha leccato,succhiato e,come fosse un esotico frutto maturo,ne ha estratto gli ultimi residui cremosi.

A pranzo mia sorella era seduta di fronte a me.

Aveva il viso disteso,un sorriso dolce le segnava le labbra ma gli occhi...gli occhi erano grandi,le pupille dilatate e splendenti come non le avevo mai viste.

Era il ritratto della felicità mia sorella.

Mentre nostra madre si affaccendava a prepararci i piatti,lei mi guardava e,come due amanti clandestini,col piede si intrufolava tra le mie gambe e con le dita nude,mi massaggiava proprio lì!

Contemporaneamente,con voce bassa come a non volersi far sentire dalla mamma mi diceva:

-Luca...ma sai che hai proprio una faccia da scemo....non ti riconosco più...hai gli occhi troppo belli e...anche i tuoi capelli sono tutti sciancicati ma....hanno un fascino strano....mi sa che dovremo fare ancora l'amore per toglierti quell'aria da scemo di chi sà di averla fatta grossa!-

Poi,alzando la voce perchè anche la mamma sentisse:

-Francamente fratellino.....non sono neanche sicura che basterà fare l'amore un'altra volta per toglierti quella faccia da scemo.....chissà...forse dovremo farlo ancora molte volte....forse lo dovremo fare per sempre.....cosa ne pensi tu mamma....riusciremo a togliere dal viso di Luca quell'espressione ebete?-

-Certo che ce la faremo Marisa,sono sicura che col nostro aiuto,riusciremo a raddrizzare questo furfantello ed a togliergli quella faccia da scemo!-

Ha risposto mia madre mentre,dopo aver servito a tavola,mi baciava sulle labbra.

-Marisa,sono certa che Luca muore dalla curiosità di sapere di me e di te.

Vuoi essere tu o comincio io il racconto?-

-Comincia tu mamma,sei più brava di me e certamente troverai le parole più giuste.

E così,mentre con gli occhi lucidi di gioia abbiamo cominciato a mangiare,la mamma ha iniziato il suo racconto.

-Dunque..........



Questo racconto di è stato letto 1 3 4 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.