Che bello scopare la madre e la sorella

Scritto da , il 2012-11-08, genere incesti


Che bello scopare la madre e la sorella.

Mia sorella Lisa scese le scale che portavano dalle camere da letto al soggiorno, mi saluto con un buffetto sulla guancia ed assieme a mia madre fecero una veloce colazione per poi recarsi al lavoro nel magazzino all'ingrosso di nostra proprietà situato poco distante da casa nostra.

Appena uscite esternai tutta la mia soddisfazione con un urlo di gioia al grido di... e Vaiii!! mi gettai sul divano avevo la casa a mia disposizione, ero libero di fare quello che volevo, come prima cosa provai la temperatura corporea infatti la sera precedente una leggera alterazione dei valori aveva convinto mia mamma di lasciarmi a casa da scuola poi espressi tutta la mia soddisfazione d'indipendenza facendo tutte quelle cose che mi venivano vietate come

Bighellonando fra computer e TV e smangiucchiando vari tipi di porcherie passai la maggior parte della mattinata, poi a corto di idee mi diressi nella camera di mia sorella, l'intenzione di curiosare al suo interno, spiare e scoprire gli eventuali segreti che celava fra le sue cose era fonte di enorme interesse, il mio sogno si stavo avverando... infatti questa pratica sarebbe risultata impossibile se lei fosse in casa, ma dal momento che non c'era... sbirciai nei suoi cassetti, fra la sua posta, fra i suoi vestiti alla ricerca di un qualcosa che stuzzicasse la mia fantasia alla ricerca di sensazioni intriganti, stimolanti e perché no erotiche.... mia sorella era una bella ragazza era oggetto di particolari attenzioni da parte di molti ragazzi.

La nostra famiglia oltre a me a Lisa e a mia madre Azzurra era composta da un gatto di nome Spuk e un cane che definirlo scemo era un complimento per il semplice motivo che abbaiava con tutti, poi quando due anni fa i ladri svuotarono la casa lo trovammo rintanato sotto il salice del giardino che guaiva impaurito e tremante.... forse perché si era reso conto della figura di merda che aveva fatto, c'era anche un padre fino a sette anni prima poi una mattina ci lasciò tutti in braghe di tela per scappare con una ballerina dei paesi dell'est, e le ultime informazioni lo davano in Germania a Monaco dove lavorava come cameriere in un ristorante italiano.

Lo scrocchio della porta d'ingresso mi avvisò che la signora Maria la donna che faceva le pulizie era arrivata, la Maria era una donna di quarantotto anni, una bella signora bionda leggermente robusta ma ben fatta i suoi anni li portava molto bene, poteva reggere bene il confronto con signore più giovani di lei e in tutta onestà le sue gambe sode e potenti mi avevano sempre eccitato, mi salutò e dopo i soliti convenevoli cominciò i suoi lavori, non so il perché ma quella mattina la sua presenza mi stimolava particolarmente, seguì i suoi movimenti e quando la vidi salire sulla scaletta per pulire i vetri del soggiorno mi offrii di aiutarla, stimoli intensi e una forma esaltante di vuoyerismo mi assalii improvvisamente.

In un primo momento mi ringraziò, ma notai un leggero d'imbarazzo sul suo volto tardivamente si rese conto di avere la gonna un indumento non proprio indicato per quel tipo di lavoro, in particolare se chi regge la scala è un uomo comunque probabilmente per rispetto nei miei riguardi non rifiutò l'aiuto.... anche perché nella sua testa l'idea che io potessi fare pensieri particolari su di lei non la sfiorò minimamente.

Cercai di essere il più calmo possibile e quando la sua attenzione si poso sul lavoro che stava eseguendo sbirciai verso l'alto fra le sue gambe, in un brevissimo lasso di tempo il mio cervello memorizzò la scena che mi si stava parando davanti, le gambe di Maria erano tornite, benfatte e sebbene coperte dal nylon dei collant il candore delle mutandine spiccava chiaramente, era una visione con un alto tasso erotico in un attimo rividi la scena del film “Malizia” inconsciamente mi eccitai al punto di avere un'erezione.

Cercai di pensare ad altre cose ma la situazione rimase invariata e purtroppo la cosa non passò inosservata a Maria la quale accennò ad un sorrisino ma fece finta di nulla poi scendendo dalla scaletta mi guardò e disse: ”Marco qualcosa non va?” poi sempre con il sorriso sulle labbra aggiunse: ”Ti è piaciuto il panorama” balbettando le chiesi scusa sentendomi in imbarazzo, lei vedendomi in difficoltà mi venne incontro e disse: ”Tranquillo Marco non è successo nulla..... ti sei cavato la curiosità di gustarti la parte più nascosta del mio corpo, solo mio marito fino ad ora aveva avuto questo privilegio e in tutta onestà mi sento gratificata della tua attenzione, vuol dire che riesco ancora ad attirare lo sguardo degli uomini” e concluse facendomi una carezza sulla guancia.

Passarono diverse settimane eravamo in prossimità delle festività natalizie mia madre e mia sorella stavano come si suol dire “tirando la carretta” arrivavano a casa alla sera stanche morte, una sera che mia madre appena arrivata a casa andò subito a letto, mia sorella Lisa dopo aver cenato si accucciò accanto a me sul divano, il suo braccio mi abbracciò e pretese che anch'io facessi altrettanto capì che voleva alcune coccole infatti la settimana precedente si era lasciata con il suo ragazzo..... lo feci volentieri avevo sempre avuto una predilezione per Lisa mi piaceva molto, e sebbene la differenza di età fra lei e me fosse solo di un anno, fin da quando eravamo adolescenti per un certo periodo era stata l'oggetto delle mie masturbazioni mentali e manuali.

Ci guardammo per un secondo, istintivamente sentii il bisogno di baciarla accostai le mie labbra alle sue gote, sfiorai con le labbra la sua pelle morbida e vellutata, poi con la mano le sollevai il mento ,lei mi sorrise e mi disse: “Come sei dolce Marco, peccato che sei mio fratello...” per un attimo i nostri sguardi s'incrociarono la mia bocca si avvicinò al suo viso prima timorosa, poi con sicurezza si appoggiò alle sue labbra morbide e carnose, Lisa ne fu sorpresa ma non si ritrasse anzi mi abbracciò e con il palmo della mano mi accarezzò i capelli lasciandola aperta e appoggiata alla mia nuca.....mentre la mia lingua con delicatezza violò la barriera dei denti, con le dita le palpai il seno stringendolo teneramente.....fu tutto tutto un susseguirsi di situazioni coinvolgenti, ci trovammo distesi sul divano, abbracciati l'uno all'altra, con il mio pene appoggiato alla pancia di Lisa e la sua gonna sollevata oltre la vita, in una posizione piuttosto azzardata.

La situazione stava sfuggendoci di mano..... forse per paura e vergogna mia sorella mi allontanò e con voce ferma disse: “Marco non possiamo.... (ci fu un attimo di silenzio) mi piacerebbe provare però ho il panico di eventuali conseguenze.....siamo fratelli, poi.... poi.... ora non sono neanche protetta, per ordine del medico debbo stare un mese senza prendere la pillola e se rimanessi incinta non oso pensare quello che succederebbe” lentamente si alzò riassettandosi il vestito, e salì in camera sua.

Rimasi davanti alla TV per un tempo non quantificabile in uno stato di assoluta apatia non riuscivo a coordinare le idee, meccanicamente salì le scale e mi diressi verso la mia stanza... passando davanti alla camera di Lisa mi fermai, per un attimo mi sfiorò l'idea di bussare alla porta ma non lo feci, stavo allontanandomi quando mia sorella si affacciò sulla soglia e mi fece cenno di entrare, sottovoce mi disse: “Andiamo in camera tua è più distante da quella di mamma, dai forza!! ho bisogno di parlarti” la guardai e le dissi: “Lisa sei ancora vestita credevo che tu fossi già a letto”

”La colpa è tua brutto stronzo mi hai messo addosso un'agitazione tale che fino ad ora sono rimasta seduta sul letto a pensarti”.
Il cuore mi batteva forte, e ci avviammo verso la mia stanza.

“Ascolta Marco ho preso una decisione..... però ho due raccomandazioni da farti, quando sarà il momento non venirmi dentro la pancia, come già ti ho detto non prendo la pillola e non voglio rimanere incinta, solo questa volta poi STOP.....secondo..... ricordati che dovrà rimanere il nostro segreto per sempre, CAPITO!!!”

Non la feci finire la sollevai di peso e l'adagiai sul letto come una ventosa la bocca di Lisa si attaccò alla mia, convulsamente ci liberammo dei vestiti, il suo corpo rimase coperto solo dai collant dalle mutandine e dal reggiseno, il mio volto s'incuneò fra le sue gambe, era quello che avevo sempre sognato annusare l'aroma della passera di mia sorella, era un odore aspro, pungente, ma gradevolissimo ed estremamente sensuale... fra poco il mio pene sarebbe entrato dentro lei....l'avrei penetrata si realizzava la mia voglia più turpe ma anche la più agognata , sentivo aumentare la mia eccitazione la paura di eiaculare mi condizionò ad accelerare i tempi, le sfilai le calze spostai di lato le mutandine e cominciai a leccarle la figa, la mia lingua entro dentro la sua fessura e ne seguii ogni anfratto poi con insistenza, ed ardore titillai il clitoride fino a farlo diventare turgido e rosso, il gusto della sua vagina era salato e il fatto che lei non l'avesse lavata prima di fare l'amore mi eccitava incredibilmente accrescendo enormemente la mia carica erotica.

Il suo sesso cominciò a secernere umori vaginali , nella mia mente si fecero strada i pensieri più libidinosi e sconci, su quello che mi sarebbe piaciuto farle, la sentivo terribilmente mia ogni suo muscolo vibrava sotto le mie carezze e dalla sua bocca uscivano frasi dolci ed invitanti..... le sue gambe erano spalancate a compasso, morsicai delicatamente le cosce lasciandole dei vistosi succhiotti sulla delicata pelle dell'interno coscia, eravamo tesi ed eccitati, le nostre pulsioni erano talmente intense ed emozionanti che acceleravano i nostri respiri facendoci andare in iperventilazione, con voce sibilante Lisa disse: “Marco entrami dentro, sono una lurida troia incestuosa però mi solletica sapere che tu mi scopi, che sto per essere penetrata da mio fratello, dai!!...riempimi la figa”

Con violenza le strappai le mutandine azzurre, la mia cappella si fece strada fra le pareti irrorate e calde della vagina, e con violenza affondai il mio arnese fino alla radice lei lancio un urlo di piacere e per un attimo mi sentii il mondo crollare addosso, la paura che mia madre ci avesse sentito ci creo un po di panico, con il cuore in gola ci fermammo un attimo in attesa di sviluppi poi visto che non succedeva nulla tutto continuò con maggiore veemenza.
Stavo pompando dentro la pancia di mia sorella con tutta la mia potenza, il mio pene era duro e possente con movimenti cadenzati e ritmici s'immergeva dentro di lei in profondità, e sebbene Lisa mi avesse avvisato di non venirle dentro la pancia la tentazione di riempirla di sperma era molto forte, ma poi la ragione e la paura delle conseguenze mi fece desistere.

Ora i suoi gemiti erano diventati urletti di puro godimento... perciò cercai con la mano di soffocare il suo gaudio, ma lei liberandosi da quella stretta in piena bramosia erotica disse: ”Lasciami godere Marco, anche se la mamma ci sente non me ne frega nulla, non ti credere che lei sia una santerellina, tu non lo sai ma nostra madre era ed è una puttana, quando era giovane si faceva trombare da un suo cugino e una volta ha dovuto anche abortire perché era rimasta incinta,
L'essere venuto a conoscenza di questo lato oscuro di mia madre mi eccitò al punto che il mio pene diventò come il marmo, con infinita soddisfazione di Lisa che senza più ritegno venne con un rantolo disumano un attimo dopo il suo urlo venni anch'io e depositai il mio godimento sul ventre piatto di mia sorella.

Passarono alcuni giorni e mia sorella partii per le vacanze invernali a Canazei con le sue amiche , prima di partire mi catechizzò dicendomi di fare il bravo l'ultima notte dell'anno di non trovarmi la ragazza perché sarebbe diventata gelosa, lo disse ridendo ma il dubbio che fosse una battuta o rispondesse a verità mi fece sorridere, sta di fatto che prima di partire mentre eravamo soli mi bacio sulle labbra e mi palpo il pene dicendo: “E' stato molto bravo l'altra sera, non consumarlo fratellino, potrebbe tornarmi ancora utile ho lasciato un paio di mutandine sporche sotto il tuo cuscino cosi se ti senti solo e hai voglia di toccarti il profumo della mia passerotta ti potrà aiutare e si fece una risata”
Colsi la palla al volo e le chiesi: “ Perché l'altra sera hai detto che la mamma e una puttana?” sul momento sorvolò dribblando questo discorso poi dietro mia insistenza disse: “Una sera siamo uscite con i suoi amici ad una festa nella casa di campagna di uno di loro, quasi mi vergogno a dirlo ma le uniche donne eravamo io e la mamma perciò dopo averci fatto bere ed ubriacare la mamma l'hanno spogliata e se la sono fatta tutti davanti e dietro ed io mi sono trovata a dover respingere gli assalti di queste persone assatanate, me la sono cavata solo perché sono scappata mezza nuda e uno di loro impietosito dal mio pianto mi ha portato a casa.”

Sempre più allibito e sconcertato mi sentivo quasi incredulo di quello che mi aveva raccontato Lisa pensieroso e triste vidi mia sorella salire in auto ed allontanarsi in direzione di Canazei.

Essendo la vigilia di Natale mia madre si svegliò presto mi trovai la colazione pronta in camera da letto, poco dopo lei entro in camera mia per prendere il vassoio vuoto, a quel punto elaborando i discorsi fatti in precedenza con mia sorella non potei fare a meno di valutarla non come genitrice ma come donna e il risultato fu sicuramente da 8 + spontaneamente le dissi: “Mamma sei bella” lei mi guardò e sorridendomi rispose: “Grazie tesoro sei molto gentile” poi prima di uscire si avvicino per baciarmi sulle guance io l'anticipai e con una mossa rapida spostai leggermente il mio volto di lato facendo in modo che le mie labbra trovassero le sue, lei mi guardò incuriosita e con un sorrisino sulle labbra disse: “Come mai questa novità” con la sfrontatezza acquisita dalle confidenze di Lisa le risposi: “Mi andava di baciarti sulle labbra per me è stato bellissimo mamma sono morbide e carnose” la mia risposta la lascio perplessa e con aria interrogativa mi guardò ed uscii.

La giornata trascorse normalmente, poi la telefonata di Lisa mi sorprese però facendomi un piacere immenso “Ciao fratellino qua e bellissimo la prossima volta vieni anche tu, sai Marco ti sto pensando in ogni momento sto stressando le mie amiche parlando di te, ho voglia di sentirti dentro di me... Marco mi hai stregato” di tutta risposta le dissi: “Anch'io ti penso Lisa e ti amo” ridemmo tutti e due per quest'ultima mia frase e ci mettemmo d'accordo che ci saremmo sentiti il giorno dopo.

Mia madre rientrò alle otto di sera era molto stanca e io suggerii di andare a cena al ristorante lei accettò con entusiasmo, perciò dopo esserci fatti la doccia e cambiati d'abito salimmo sulla sua Mini Cooper e partimmo in direzione del mare.

Alle nove eravamo a tavola e alle dieci avevamo terminato di cenare, Luigi il proprietario venne da noi, mi si presentò come amico di mia madre la riempi di complimenti... in effetti vestita cosi casual, con una gonna sbarazzina un maglioncino nero a collo alto stivaletti modello texano e pettinata con la coda di cavallo, sembrava una ragazzina e non dimostrava affatto 41 anni, inoltre mi chiese di salutare anche mia sorella (Seppi poi da Lisa in un secondo tempo che lui fu uno di quelli che quella sera si fecero mia madre e che cercarono di violentare Lisa spogliandola e lasciandola solo con il collant, il reggiseno e le mutandine).

Ci alzammo e sebbene mia madre avesse bevuto solo due birre il suo stato era alquanto problematico, era alticcia ma quando al banco del bar ordinò anche una vodka questa fu la classica goccia che fece traboccare il vaso, la presi sotto braccio e mi feci consegnare le chiavi dell'auto, e visto il tasso alcolico di mia mamma avrei guidato io.

Il parcheggio del ristorante fortunatamente era vuoto la gente era ancora all'interno pertanto riusci a farla salire in auto senza problemi evitando gli sguardi indiscreti degli avventori, la feci sedere e le allacciai la cintura di sicurezza lei con gli occhi chiusi e la voce impastata disse: “Tesoro voglio stare più distesa” cercai la leva che comandava l'inclinazione del sedile ma nel fare questo la mia mano sfiorò la sua gamba all'altezza del ginocchio, visto che non ebbe alcuna reazione memore dei discorsi fatti con Lisa insinuai la mano sotto il bordo della gonna per poi farla risalire verso l'alto, nella mia testa un mare di pensieri mi assalirono, uno in particolare mi eccitò liberando tutti i miei istinti bestiali e perversi, mi stavo eccitando toccando le gambe di mia madre, lei la donna che mi aveva partorito era alla mia portata inerme e incosciente.

Le mie dita sfiorarono la trama delle calze palparono la morbida carne delle cosce, sollevai la gonna fino alla vita facendo risaltare le bianche mutandine nella semioscurità dell'abitacolo la mia mano toccò l'inguine accarezzando il solco che separava le labbra della fessura soffermandosi sul quel dolce avvallamento più del dovuto, la sua voce ruppe quell'incantesimo e la senti dire: “Marco cosa mi stai facendo?”

Il cancello elettrico si apri cigolando con premura mi diressi subito dal lato passeggero e l'aiutai a scendere ma notai a malincuore che lo stato di torpore le stava passando, era più sveglia e reattiva la segui mentre faceva gli scalini che portavano alla porta d'ingresso, poi una volta entrati in casa lei si fermò e guardandomi fissa negli occhi mi disse: “Marco pensi che il tuo comportamento sia stato leale e adatto per un figlio? trovi una cosa ben fatta palpare tua madre, cosa volevi farmi volevi vedermi nuda.....ecco!!!! guarda sei contento si sfilò il maglioncino si slacciò la gonna, rimanendo solo con le calze e la biancheria intima, la successione degli eventi mi colse impreparato e dentro me un senso di vergogna mi colpì come un pugno allo stomaco poi continuando disse: “Vuoi che continui? sganciò il reggiseno lasciando i seni liberi da costrizioni....con una mossa rapida e decisa si abbassò le mutandine mostrando un boschetto dorato, curato, con peli cortissimi che facevano da perfetta cornice ad una vagina priva di imperfezioni.

Mia madre ora era nuda davanti a me, mi sentivo come un verme, mi aveva dato la classica lezione ero combattuto fra l'imbarazzo e l'umiliazione con gli occhi bassi m'incamminai verso la mia stanza e una volta dentro mi gettai sul letto in uno stato di completa confusione mentale

Dopo un paio di ore mia madre entro in camera mia, era più calma e più serena, si era rivestita completamente ed appoggiandosi al bordo del mio letto iniziò a parlarmi della sua gioventù ero come ammaliato dai suoi discorsi erano ricordi di una vita vissuta totalmente all'insegna della libertà, dell'indipendenza, di situazioni intense e mirabili, di avventure a volte sgradevoli e complesse, mi raccontò della relazione con suo cugino del loro rapporto tralasciando il particolare dell'aborto e di altre vicende che riempirono la sua vita di ragazza ribelle e libera da pregiudizi.

Poi abbracciandomi mi sussurrò all'orecchio: “ Marco so che tu mi desideri ma poi se la cosa piacesse anche a me? sarebbe problematico, tua sorella vive qui cosa potrebbe pensare? cosa succerebbe se io rimanessi incinta?”.

Per un attimo ci guardammo negli occhi poi come una se una forza misteriosa ci spingesse l'uno contro l'altra ci baciammo le nostre lingue si avvinghiarono si attorcigliarono, in un attimo le fui sopra, convulsamente esplorammo nostri corpi, i respiri si fecero affannosi ed eccitati, lei mi lacerò la camicia, ed io le sfilai il maglioncino nero con altrettanta veemenza, le mie mani frugarono sotto la gonna alla ricerca della fonte del suo piacere, in questa strana lotta le calze di mia madre erano scese sotto al ginocchio dandole ancora una maggiore carica erotica, nella fretta di spogliarla le strappai le impalpabili mutandine poi fu tutto un susseguirsi di azioni coinvolgenti ed erotiche, la sollevai per i fianchi e la mia bocca partendo dal suo inguine solcò la delicata pelle del ventre e dello stomaco fino a convergere sui seni, lasciando dietro se una leggera scia di saliva.

I nostri corpi si adattarono a variegate posizione le più strane fino ad assumere quella che io amavo in particolar modo, mentre io leccavo le tenere pareti interne della sua vagina titillandole il clitoride, lei con sapiente maestria avvolse il mio pene ingoiandolo tutto nella profondità della gola, poi manipolando i testicoli con grazia e delicatezza mi portò alla soglia della eiaculazione facendo pervenire al mio cervello sensazioni e stimoli raramente provati per alcuni momenti la paura di venirle dentro la bocca mi portò a pensare ad altre cose infatti desideravo che il mio godimento finisse dentro la sua pancia e non in altri posti.

Forzando le lisce pareti vaginali la mia cappella lucida e rossa s'immerse dentro l'antro di mia madre lei divarico le gambe aggrappandosi con i polpacci ai miei fianchi e mentre il mio inguine sbatteva contro il suo lasciava partire colpi sordi e cupi, lei con movimenti lenti e calcolati del bacino accolse il mio pene fino alla radice aspirandolo tutto dentro quel passaggio che anni prima mi aveva partorito e che ora ostinatamente forzavo per rientrarvi con il chiaro intento di fecondarlo.
Il volto di mia mamma era un omaggio alla bellezza il suo sguardo da ragazzina era scomparso per lasciare il posto a quella di donna vissuta, le sensazioni che lei riusciva a farmi provare in quel momento erano fuori dal comune e mentre il mio cervello elaborava questi pensieri, il piacere di mia madre passò da gemiti quasi impercettibili a veri e propri rantoli, la stavo “MONTANDO” con decisione, il mio pene al massimo della sua espansione e durezza entrava in profondità immergendosi come una lama nel burro, una smorfia di dolore le si disegno sul volto quando le strinsi i seni in uno spasmo di godimento, ma fu questione di un attimo poi in rapida successione il rantolo di mia madre si trasformò in un urlo vero e proprio l'esaltazione del godimento subentrò alla libido, nello stesso momento una vampata di calore partii dalle mie gambe per raggiungere il tronco ed il cervello, il mio corpo fu percorso da una scossa e da contrazioni muscolari che anticiparono la eiaculazione dentro la sua pancia, lei non cercò di divincolarsi, ne io feci nulla per evitare la possibilità di una gravidanza, era stata una cosa cosi sentita e bellissima che nessuno di noi due ebbe la voglia di contrastare la fase finale, la baciai e le dissi: “mamma ti amo” lei mi sorrise e con aria scanzonata disse “Speriamo Marco di non aver combinato un pasticcio non vorrei trovarmi di nuovo incinta a 41 anni e si diresse in bagno per lavarsi.

La notte la passammo insieme nel suo letto e facemmo l'amore altre due volte......... ma ora per me cominciava il difficile avrei dovuto gestire una situazione problematica e complicata tra lei e Lisa e mentre affondavo il volto fra le sue gambe mi gettai questi pensieri dietro alle spalle sapendo che domani sarebbe stato un altro giorno con altri problemi e altre soluzioni.

Questo racconto di è stato letto 3 0 2 8 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.