La mia storia con papà.

Scritto da , il 2022-07-17, genere incesti

Tutto ebbe inizio il giorno che solo in casa perché mamma in giro e papà al lavoro mi chiusi nella mia camera per farmi la sega giornaliera. Dopo l'ennesima sborrata cercai di andare in bagno a pulirmi e passando davanti alla camera grande, con mio grande stupore vidi papà, con un cazzo stratosferico, che faceva la stessa cosa. Fui ammaliato da quella visione e restai incantato. Si accorse solo quando si stava sborrando sulla pancia ma non reagì assolutamente. "Che fai col cazzo in mano"? mi disse "Ti guardavo papà" "Ti sei eccitato a vedere papà che si masturbava"? "No papà stavo andando in bagno a pulirmi perché anch'io mi ero masturbato" "Vieni che ti pulisce papà" Salii sul letto sempre guardando il suo cazzo, ci pulimmo bene e rimessa a posto l'attrezzatura mi venne spontaneo da chiedere "Papà perché ti masturbi, hai la mamma che è bellissima" "Lo so che la mamma è bellissima però a volte bisogna masturbarsi per controllare lo sperma se va tutto bene, solitamente me lo fa la mamma e poi mi pulisce, oggi siccome non c'è ho fatto da solo" "Papà avrei voglia di masturbarti io" "Non farlo sentire alla mamma altrimenti si arrabbia, un giorno col suo permesso lo faremo tutti insieme. Se capiterà come oggi di restare soli proveremo ma fino ad allora acqua in bocca" "Papà è tanto grosso il tuo cazzo, non fai male alla mamma"? "La figa della mamma, come tutte le altre si dilata all'occorrenza, anzi la mamma tranquillamente se sopporterebbe anche due come il mio" "Il tuo e il mio quindi" "Si ci vuole il suo consenso" Rientrò la mamma "Cosa fanno i due miei maschietti a letto"? "Stavamo parlando io e papà" "Di cosa parlavano i miei due porcellini"? "Di cazzo" rispose volgarmente papà. Pensai, papà a me dice acqua in bocca e lui confessa tutto, chi ci capisce. Mi sentivo autorizzato anch'io a rivelare tutto alla mamma, fortunatamente mi astenni. Con papà il rapporto era diventato quasi asfissiante, gli chiedevo tutto "Dove vai? A che ora torni? Cosa vai a fare?" Come fossi geloso di papà, di fatto lo ero, lo avrei voluto sempre vicino. A tavola mi mettevo vicino a lui, cercavo il contatto sempre ed appena ci riuscivo il mio cazzo ne risentiva. Non capitava più l'occasione di stare soli e papà intelligentemente disse a mamma che ormai potevo assistere alle loro scopate. Mamma forse non aspettava altro perché in casa più cazzi c'erano e meglio era per tutti. I primi giorni assistetti alle loro esibizioni, ma quando vedevo uscire il cazzo di papà dalla figa di mamma l'avrei succhiato, leccato, mangiato fin a quando una delle sere mi avventai sul cazzo di papà appena uscito dalla figa di mamma grondante di sborra sorprendendo tutti. Ormai ci eravamo scoperti, papà anelava succhiare anche il mio di cazzo e lo fece davanti a mamma. Fu una scena bellissima vedere padre e figlio succhiarsi il cazzo a vicenda. Mamma alla fine per dimostrare di cosa era capace prima a me e poi a papà ci trascinò in una meravigliosa sborrata con la sua splendida bocca.

Questo racconto di è stato letto 4 8 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.