Il desiderio di mio padre - parte 2

Scritto da , il 2021-09-20, genere incesti

Stanotte non ho pensato ad altro di quello che ho fatto con mio padre, mi è piaciuto, e a via di pensarci mi sono addormentata molto tardi, e stamattina alle 10 mi sono alzata, vedo mio padre farsi il caffè, mi sorride, come fa ogni mattina quando mi vede.
Anche oggi mamma torna stasera e il pomeriggio è tutto nostro, il pranzo cucinato da papà è sempre speciale e fa il mio piatto preferito, la TV accesa fa passare un film e stranamente una scena erotica passa nel mezzo, torna la voglia, io guardo mio padre e lui guarda me, "lo vogliamo fare anche oggi?" dico sorridendo a mio padre, "no, dai, ieri è stato un caso, bellissimo, ma non voglio esagerare" dice lui, "ma che esagerare, è un piacere, per Te e per me" rispondo, poi riprendendo "ma dimmi sinceramente, da quando non lo fate con mamma?", lui un po deluso risponde sotto voce "da almeno 6 anni", "cosa? 6 anni?" stupita rispondo, "allora è tempo di rimediare" aggiungo alzandomi, lui non osa parlare perché sa che con me perderebbe, sono testarda, glielo esco e inizio con la classica sega, poi mi tolgo i vestiti, sono di nuovo nuda davanti a lui, che mi accarezza ogni forma, poi gli tolgo i vestiti, mi metto in ginocchio e inizio a succhiargliela, "e ora tocca a Te" dico alzandomi in piedi, "ma no dai, non ho neppure il preservativo" risponde lui, "con te non serve, penetrami come piace a Te, basta stare attento" dico mettendo un piede sulla sedia aprendo le gambe, poi lui si posiziona avanti a me, e pieno di eccitazione inizia a penetrarmi, lo sento forte, si spinge dentro di me ripetutamente, mi piace, "ancora! Si!" gli dico per incoraggiato, spinge insistente, "ti posso venire dopo di nuovo in bocca?" dice col respiro affannato dallo sforzo, "dove vuoi, basta che ti piaccia, a me piace tutto" rispondo io, piena di eccitazione, "distenditi sul letto" poco dopo ribatto, lui si stende ed io mi metto su di lui, penetrata dal suo cazzo duro e pieno di eccitazione, "così! Mi piace!" dice lui spingendosi dentro di me, io sorrido, mentre lui si gode il piacere e guarda le mie grandi tette saltellare a ritmo. Poi lo esco e mi metto a pecorina, lui risponde prontamente e torna penetrando con violenza, "si pa! Continua così!" gli dico per incitarlo, vorrei non finisse mai, "Y, sto per venire" grida mio padre uscendola velocemente, io mi giro e lo metto subito in bocca, uso la lingua, che lo eccita di più, "oh! Si! Sii!" grida lui, mentre mi viene in bocca, schizzando sulla mia lingua il suo nettare bianco, ingoio e poi torno a succhiare, entrambi sudati e col respiro affannoso ci stendiamo sul letto, lui mi tocca, "è stato troppo bello! Non lo facevo da anni così" mi dice lui, che sorridendomi mi da una carezza, io mi abbasso e torno a succhiarla ancora, "devo lasciare tutto pulito, me lo hai insegnato tu" dico poi tornando a peccare e lui sorride e mi lascia fare.

Questo racconto di è stato letto 6 2 5 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.