Pianeta Yu-K0

Scritto da , il 2021-08-07, genere sentimentali

Pianeta Yu-K0

Asteroide della fascia orbitante tra Marte e Giove, scoperto negli anni novanta da astronomi giapponesi dall'osservatorio dell'ESA sulle Ande.
Piccole dimensioni e massa contenuta, dalle variazione della luminosità durante la sua orbita si è postulata una forma molto irregolare e allungata. Dotato di orbita molto eccentrica, in talune rotazioni intorno al sole si avvicina a Marte, specialmente quando questo si trova al suo afelio.
Per questa ragione di prossimità al pianeta recentemente sottoposto a profondo studio con multiple sonde planetarie e per via dell'analisi spettrale che farebbe pensare a contenuti di terre preziose e metalli rari, l'ultima sonda inviata su Marte da un corpo di scienziati e ricercatori giapponesi e cinesi, si è dedicata a un rapido studio di questo bizzarro asteroide.
La sonda Mars and Yu-K0 orbiter, dopo aver oltrepassato il satellite marziano Deimos, ha trovato l'asteroide in oggetto relativamente vicino, per via della sua orbita particolare in questo periodo della sua rotazione.
Mentre le prime immagini venivano inviate dalle telecamere della sonda, lo stupore degli scienziati a terra cresceva.
La forma si è confermata molto allungata e irregolare. Da un consistente blocco centrale, discretamente snello e allungato, si staccano due lunghe appendici lievemente divaricate, nella regione a sud; ognuna con alcune ripiegature, si allontana dal corpo principale in forma affusolata, proprio come le due gambe di una donna rilasciate nella posizione di un sonno profondo.
Nella regione nord si distaccano altre due lunghe appendici, più minute delle precedenti e con direzioni all'incirca perpendicolari all'asse principale del pianeta. Queste diramazioni sono più corte delle precedenti e si allontanano in direzioni opposte con nette angolature,
Il tutto fa assumere all'asteroide le sembianze di un corpo femminile, una donna nuda che vaga nello spazio in lenta rotazione su se stessa e intorno al sole. Tantopiù che, a completare la suggestiva fisionomia, un abbozzo ovalare come di una testa, si trova incastonata esattamente tra le tue appendici che simulano le braccia. Come si sia formato questo peculiare asteriode non si sa. O per agglomerazione di pezzi separati, uniti dalla forza di gravità, oppure per piccoli getti di lava dal suo corpo quando era ancora una massa di magma semi incandescente. Sta di fatto che ora il corpo spaziale è gelido e immobile e continua a ruotare malinconicamente su se stesso con moto lento e circolare e in grandi orbite irregolari intorno al sole.
Sembra quasi in attesa di qualcosa o di qualcuno, questa vena di rocce e di ghiaccio dispersa nello spazio.
E con la sua rotazione irregolare, si avvicina ora a Marte ora ad altri asteroidi quasi chiedendo con pietà un po' di compagnia o un fugace contatto. Un accenno di empatia.
Così è da quando si è formato. L'asteroide ruota autonomamente e negli anni, nei secoli, continua a sfiorare le orbite di altri corpi fluttuanti, senza mai toccarle, senza che mai un contatto, una corrente anomala, un evento fuori dal previsto ne turbi il lento e monotono andare, in perfetta solitudine, sebbene circondata da altre migliaia di pianetini.
Fa quasi tenerezza.
Le forme attraenti di questa reginetta dello spazio si stagliano e si delineano lungo la lenta rotazione e la luce del sole vi gioca accentuando l'ombra di quei rilievi montuosi che sembrano seni, oppure insinuandosi maliziosi nella piega di quelle che sembrano le gambe.
Unico accenno di attenzione che riceve il piccolo pianete, è quello dei raggi del sole che periodicamente sfiorano senza toccarlo, il corpo di questa donna prigioniera dei ghiacci e degli spazi eterni, in attesa di un principe, di una sonda, di un contatto che probabilmente non avverrà mai.
La fantasia degli scienziati si è scatenata in descrizioni di storie e leggende, nel dare senso ai piccoli fenomeni fisici che avvengono durante le rotazioni dell'asteroide.
Lì, un brillamento in un incavo della testa che sembra una lacrima furtiva, là l'ombra del sole scolpisce un mesto sorriso in una increspatura che sembra una bocca.
A volte le rotazioni del corpo celeste sembrano allargare le cosce come nell'offerta di un unione carnale e passionale, ogni tanto l'ombra ne delinea i seni in una carezza senza materia.
Molto si è fantasticato su questo bizzarro corpo celeste e la figura del pianetino verrà ripresa in libri di fiabe e poesie per bambini.
Ecco, ora la sonda spaziale cinese ha terminato i rilievi spettrografici confermando che Yu-K0 è veramente ricco di materie molto rare e preziose. La navicella cambia rotta e si dirige verso il pianeta rosso per le più importanti missioni cui è stata adibita, lasciando l'asteroide nella sua imperturbabile lenta rotazione, riconsegnandolo al suo ignoto destino e a un lungo nuovo periodo di anonimato e oblio. Le sue bellezze, le sue ricchezze resteranno nello scrigno dei segreti della donna di ghiaccio che lentamente continuerà a ruotare sola e disperata nell'immensità dello spazio, in perenne immutata attesa de bacio di un principe che ne faccia la sua sposa, che però non arriverà mai.

Questo racconto di è stato letto 5 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.