Tutto iniziò per un film 4.

Scritto da , il 2021-07-29, genere dominazione

Era ormai da una settimana che n lavoravo e basta e di conseguenza non avevo più giocato a fare il sadico come avevo fatto con Luana. Mi ricordai poi che avevo punzecchiato il culetto di Stella ma di Luna ancora no, quindi telefonai alla negrona Samanta per combinarmi un appuntamento con Luna e lei promise di richiamarmi appena sarebbe stato possbile realizzarlo. Mi trovavo a casa quando suonò il campanello ed era il corriere che doveva consegnarmi un pacco. Scesi al portone e, lasciatogli dieci euro di mancia, volai elettrizzatissimo a casa dove strappai violentemente il nastro adesivo del paccoe potei così vedere subito i bollitori contenenti siringhe ordinate. Effettivamente devo riconoscere di essermi dimanticato da anni lo spessore degli aghi che mi foracchiavano il culetto da bambino ed un brivido scorse alla mia schiena, però, al pensiero che quegli aghi avrebbero bucato le chiappette di Luna ed in seguito certamente anche di Stella, già gongolavo nel vederle ambedue ben tenute ferma da lacci ai polsi ed alle caviglie, con i culetti esposti ai pericoli, in attesa di provare dolore fifficile da interpretare. Decisi di richiamare Samanta ma lei rispose che Luna era in quei giorni assente da Roma e, se volevo, c'era Stella già al corrente che volevo sperimentare gli aghi simili a stecchini ed era consenziente in merito. Stavo per accettare l'incontro con Stella ma ricordai che dovevo prima terminare un lavoro appena sospeso e poi sarei stato libero a lungo e disponibile a giocare da Samanta. Conclusi la telefonata e mi ricordai anche di avere poco mangime a casa così scesi al supermercato accanto al mio portone. Caricai il carrello e, mentre stavo per uscire da lì, vidi al semaforo la bella rossa: Luna, appunto, al volante della sua "modestissima" Mercedes coupè. Iniziai a sbracciare per farmi notare e ci riuscii perchè con la coda dell'occhio verde smeraldo, Luna mi notò e quindi accostò al mio marciapiedi. Dopo un bacio alla guancia le chiesi di incontrarci e lei mi passò un suo biglietto da visita ma io la invitai a venire in casa mia e pranzare insieme con la roba appena acquistata fresca. Accettò e, dopo che parcheggiò la sua auto, venne al mio portone. salimmo al primo piano e, una volta entrati a casa mia, la abbracciai ai fianchi baciandola con la lingua in bocca. Dopo la condussi in camera da letto dove sul comò potè vedere i bollitori con le siringhe chiusi. Le spiegai la mia nuova passione da soddisfare e mi aiutò a portare i bollitori che erano tre, con dentro in ognuno due sirnghe perciò sei siringhe disponibili per i miei giochi. Dopo che bollirono e divennero meno caldi, li posai su un vassoio ed andammo in camera. Lei si spogliò tutta e, dopo che ci baciammo ancora in bocca, le spalancai le cosce per poterle leccare la fighina già eccitata sbrodolante di umori, viscidi e saporosi come fosse di prugna; la feci rivoltare a pancia sotto e le leccai l'ano fino a farla gemere di piacere. Quando intanto il cazzo era notevolmente gonfiato al massimo, glielo infilai in figa e, quando stavo per venirmene, allora lo tirai fuori e, dolo una lunga insalivata all'ano, la inculai di sorpresa facendola gridare un poco ma poi passò ad avere dei fiotti sospiranti ed io le scaricai in culo tantissima sborra, trattenuta nei miei coglioni per una intera settimana. La mandai in bagno a farsi un bidet per rinfrescarsi i bichini slargati dal batacchione e, dopo che si sdraiò nuovamente sul letto, le fissai polsi e caviglie con fascette bloccanti per immobilizzarla, prevedendo che il dolore che avrebbe provato poteva causarle scatti muscolari al punto di non potere rimanere immobile e non farsi ulteriorri dolori. Iniziai quindi a strofinarle il cotone impregnato da alcool sulla natica destra e poi sinistra. Presi un bollitore ed estraetti la siringa che subito montai infilandoci dentro il pistone nel cilindro, inserendo poi l'ago al beccuccio della siringa ed andai ad infilare l'ago nel flacone dell'acqua distillata che si sà benissimo, se iniettata brucia moltissimo. Montai e caricai le sei siringhe e, dopo che le posai sul vassoio in maniera che Luna poteva così osservare la grossezza degli aghi, erti e lunghi assai. Notai che lei stava provando a muoversi sia pur ben legata ed allora mi misi quasi seduto sopra le sue cosce e, dopo un'altra passata di cotone ed alcool, le infilai con molta lentezza e non certo col classico colpo secco indolore, l'erto ago che la fece sobbalzare dal dolore; poi diedi pressione spingendo lo stantuffo, iniettandole così la bruciante acqua distillata per ben cinque centimetri.Sfilai poi l'ago dalla dolorante natica ed andai a posarlo sul vassoio. Seguì la seconda assai dolorosa puntura e lei iniziò a dimenarsi lasciando poi sfociare un lungo pianto e...di solito, davanti a simili episodi, avrei smesso subito l'operazione in corso ma infatti la sospesi senza togliere l'ago dalla polposa natica e, poco dopo, spinsi lo stantuffo ancora e scaricai nel culo l'intero contenuto della siringa. Lei continuò a piangere ed io certamente mi sentivo eccitatissimo e quindi, tolto l'ago dalla natica dolorante, passai immediatamente e senza scrupoli, a prendere la terza sirigna e:"zac!", le infilai l'ago velocemente e subito potei notare che La bella rossa, Luna, non si era resa conto che le avevo appena infilato in culo il terzo ago ma comprese il tutto quando sentì il bruciore dell'acqua distillata nella muscolosa e soffice natica. Mi supplicò di fermarmi, di smettere di bucherellarle il culo ma io fui irreprensibile fino a torturarla con la sesta puntura. Poi però, con l' estrarre l'ultimo ago dalla natica, non finì così la tortura ma anzi, le infilai tre aghi per natica sempre lentamente ed infine chiusi in bellezza il gioco, sfilando il primo ago e rinfilandolo con un colpo secco, rapido e poi lo tirai fuori dal culetto sforacchiato, posandolo sul vassoio. Cosi ripetei con tutti i rimanenti. Le strofinai ancora alcool ma dopo aggiunsi un massaggio sulle natiche con un unguento che le diede sollievo anche se poco. Non contento di avere giocato solo con aghi, andai in bagno a prendere la sacca del clistere che riempii di acqua ben calda con aggiunta di sale fino. Andai poi in camera, appesi ad un gancio sulla parete la sacca e, dopo avere leccato l'ano, le infilai la cannula ben grossa da farla sobbalzare nell'introdurla tutta dentro il culetto martoriato ben bene con le punture dolorose. Lei mi supplicava di smetterla e toglirle dall'ano la cannula grosa e dolorosa. Quando intuii che stava per scaricare il carico dall'intestino, mi precipitai a prendere forbici per tagliare le fascette che la legavano e, presala in braccio la portai al bagno sedendola sul water. La lasciai sola e, solo quando sentii che si stava facendo un bidet, andai a vedere come stava e mi disse subito che il dolore che aveva sentito era straziante ma col ripensarci sopra, si sarebbe fatta di nuovo bucherellare da aghi. Tornammo a sdraiarci sul letto e, senza prepararla, la inculai nuovamente, poi le sborrai tutto dentro. Fu lei poi a rigirarsi a pancia sopra chiedendomi di scoparla e lo feci subito facendola sborrare umori che m'imbrattarono la pancia e dopo lei mi ripulì con lunghe leccate. Senza dire nulla le misi nella borsetta trecanto euro e, dopo rivestiti, ce ne andammo a mangiare ma in trattoria perchè ero stanco e non volevo cucinare. Dopo pranzo lasciai Luna alla sua auto e salii in casa. mentre mi riposavo un poco a letto, arrivò la telefonata di Samanta che voleva dirmi che Luna era introvabile ma Stella era disponibile. Accettai la proposta e rimasi in attesa dell'arrivo di Stella a casa mia.

Questo racconto di è stato letto 8 1 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.