Un piacevole soccorso stradale 6.

Scritto da , il 2021-02-26, genere etero

Venne il Sabato che Lucrezia venne da me con la sua auto e, dopo avere stretto a se Isabella, baciandola dolcemente, passò a dare un casto bacio a me ma poi, dopo che uscimmo insieme dalla stanza di Isabella, allora mi abbracciò ringraziandomi di come mi stavo dedicando a sua figlia e poi mi chiese di farmi fare una doccia per essere più desiderabile nel fare l'amore con me ed io subito la mordicchiai al collo sapendo quanto le piaceva lo scorrere su di lei la mia lingua. Fece quindi la doccia e poi mi raggiunse sul letto dove la stavo aspettando e, liberatasi dall'accappatoio che la avvolgeva interamente, le andai incontro abbracciandola, stringendola con passione che ci fece godere per molto tempo e, solo quando sentimmo Isabella chiamarci per pensare a mangiare qualcosa, allora andammo insieme da lei e programmammo il pranzo che poi consumammo insieme a tavola ma poi Isabella che non aveva perduto un colpo dei nostri scambi di sguardi, trovò la scusa di avere bisogno di riposare ma io che nel frattempo, con l'improvviso arrivo di Lucrezia in primo mattino non le avevo praticato l'intramuscolare iniezione, le dissi di attendermi a letto e subito dopo le avrei fatto la terza iniezione. Lì volle essere presente anche Lucrezia che avrebbe coccolato sua figlia ma fu Isabella a chiederle di lasciarla sola con me perchè si sentiva tranquillissima nel non sentire dolore, quindi la invitò a lascirla sola con me ed io come sempre, velocemente feci il tutto senza farle sentire dolore. Dopo l'iniezione lasciai Isabella a riposare e raggiunsi Lucrezia che mi chiese se sua figlia avesse sentito dolore ma la tranquillizzai dicendole che con me non sentiva proprio nulla ed allora lei mi abbracciò, chiedendomi se gradivo un suo pompino e me lo feci fare subito contento di godere anche pensando al bel culetto della ragazza e poi a quello della mammina che sapevo penetrare assai lentamente per farla godere senza soffrire. Andai subito dopo ad osservare Isabella se stava dormendo ma invece guardava la televisione ed allora la baciai in bocca e poi la lasciai sola per occuparmi di su madre che già mi attendeva sul letto nuda e fremente. La leccai dalla testa alle ginocchia poi la scopai a lungo facendola godere di continuo e le sborrai più di tre volte ma non posso giurare quante scopate godemmo. Il giorno dopo Lucrezia dovette ripartire per i suoi impegni di lavoro ed io ed Isabella ci ritrovammo di nuovo da soli ma sapemmo ben confortare la solitudine scopando come porci in calore. Dopo che venni nella fighina le penetrai nel culetto e rimanemmo abbracciati col cazzo dentro di lei.

Questo racconto di è stato letto 2 1 5 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.