Mai sfidare una puttana come Anna!

Scritto da , il 2021-02-19, genere tradimenti

Se qualche lettore ha gradito i precedenti racconti, faccia suo questo consiglio: stia particolarmente attento a questo.
Chi lo scrive lo reputa uno dei più eccitanti!
Non che gli altri racconti siano trascurabili ma ciò di cui sta raccontando ora è decisivo ai fini di capire intimamente di che razza di zoccola stiamo parlando.
Molto di più che in altre circostanze che, comunque, tanto trascurabili non sono.
Nel racconto" un inaspettata sorpresa e ...un cimitero" abbiamo visto che Luca fece una sorpresa alla troia. Un sabato pomeriggio con due porci e finì con una memorabile doppia penetrazione.
Siamo sempre nel 2014.
Ma cosa accadde immediatamente dopo la prima sorpresa?
Ci fu la scommessa riscossa da un porco con un pompino con ingoio in auto.
Ma successivamente che seguito ebbe?
Accade che la vacca si fece scaltra tanto che Luca pensò che non sarebbe stato possibile farle una ulteriore sorpresa. Almeno non nelle stesse modalità.
Capitò che la puttana (equivocando qualche parola) aspettò Luca al rientro a casa dal lavoro nel letto pronta e vestita nel consueto indumenti della monta.
Rimase delusa e dovette accontentarsi masturbandosi.
Inoltre, ogniqualvolta Luca usciva di casa lei gli dicesse:" Amore dimmelo se rientri con qualche porco, che mi preparo!!"
Luca credette quindi che le sorprese si fossero chiuse con quell'episodio.
A meno che…
Esisteva solo un momento in cui la vacca non avrebbe mai sospettato alcunché: al mattino presto! Praticamente all'alba! Quando Luca usciva per andare al lavoro!
A quell'ora la zoccola si svegliava ma rimaneva nel letto a pigrare. Troppo presto per alzarsi tanto che il più delle volte si riaddormentava ancora. Non lavorava quindi non aveva molti impegni se non il caffè con le amiche al bar. Ma era presto anche per quello.
Luca è un distratto. Non è inconsueto che esca di casa per poi rientrare precipitevolmente in quanto aveva dimenticato qualcosa come tipo il tesserino o altro.
Quella mattina uscì e rientrò.
"Amore, cosa hai dimenticato stavolta?" La voce della vacca che usciva dalla porta socchiusa fino a raggiungere ingresso.
Luca non rispose.
Otto passi esatti ed entro in camera.
Insieme a un toro mai visto prima di quell'istante! Un certo Bruto.
Il nick non è casuale. Il porco agisce sia da solo sia con Hammer (il maiale che demolì il letto del cornuto dalla violenza con cui inculava la troia). Anche lui parecchio brutale come l'amico che demolì il letto.
Detto questo Bruto accettò l’unica condizione che dette Luca: doveva essere la troia a fare la prima mossa.
La vacca era in pigiama. Un casto pigiama con alcuni orsacchiotti sulla maglia.
Bruto a fianco di Luca senza proferire parola le offriva il cazzo che, inutile ripeterlo, anche questo di dimensioni ampiamente superiori alla media.
La vacca ebbe un sussulto. Sussulto che durò un istante.
Poi, senza aggiungere una parola (ma letteralmente senza aggiungere una parola!) si sedette sul bordo del letto e cominciò a divorare il nuovo cazzo.
I capelli in disordine, il viso senza trucco, il pigiama ancora indossato e succhiava, succhiava e leccava.
Luca di disse un "cazzo... cazzo...la videocamera!". Si era dimenticato anche della videocamera!
Corse in sala. La cercò perché come sempre capita quando servono le cose non sono mai al loro posto.
La accese e tornò in camera.
La vacca era totalmente nuda. Il pigiama buttato su un fianco. Il letto ovviamente ancora caldo dalla notte.
Bruto voleva scopare. Estrasse il profilattico, lo indossò e iniziò la monta.
Come poteva essere una monta fatta da Bruto? Ovviamente brutale!
Ogni episodio con la vacca ha qualche chicca. Qualcosa che esce dai binari del consueto.
Con Bruto ce ne furono tre.
La prima vede protagonista il cornuto: Luca. La situazione lo aveva talmente arrapato che si mise in gioco. Appoggiò la videocamera sul tavolino a fianco, in funzione.
Quella parte del video vede la cagna sopra di lui. Luca la tira a sé mentre Bruto le martella il culo!
È in doppietta la vacca: a cavallo del cornuto mentre Bruto se la incula!
Luca sentirà chiaramente il cazzone del porco diviso dal suo solo da una piccola parete di carne. Cazzone del porco che stantuffava con impeto.
Bruto accompagnava la monta con un turpiloquio spinto e sprezzante.
"Sei proprio una cagna in calore!" era uno dei commenti più soft.
Ma non si limitava a questo.
È vero, inizialmente rispettò fedelmente i patti di non intervenire, aspettando il primo passo della zoccola, ma una volta che questo accade, prese lui decisamente iniziativa.
Bruto sudava vistosamente. Dopo la doppietta, la scopata di figa, la consueta inculata alla pecorina, il porco prendeva per la testa la vacca obbligandola a succhiare.
A Luca parve che Anna fosse in sofferenza o così poteva apparire anche ad un osservatore esterno. Si poteva immaginare che la vacca volesse finire la monta.
Anche Bruto pareva non ne avesse più tanto, che chiese, ansimando, alla troia:" Vuoi che ti scopo ancora o che ti sborro in bocca?"
Invece la troia rispose:" Scopami ancora"!!!
Evidentemente il cornuto pensava di conoscerla meglio di quanto fosse in realtà: la vacca voleva ancora cazzo!
E Bruto fece un altro giro di culo e figa.
Veniamo alla terza chicca che indica, per ennesima volta, come la puttana adora farsi sborrare in bocca.
Bruto è sopra di lei. Le solleva le gambe mentre la pompa.
Orgasmo per il maiale evidentemente arrivò senza preavviso.
Se avesse voluto sborrare in bocca alla troia avrebbe dovuto fare velocemente.
Si alzò in piedi sul letto. Si sfilò furiosamente il profilattico e lo gettò per terra quindi si precipitò sulla bocca della troia che nel frattempo (ecco il particolare porco) si era alzata anche lei per avvicinarsi all'uccello già a bocca spalancata.
Pareva quegli uccellini che attendono il cibo dalla madre.
Solo che in questo caso non era del mangime ma dell’abbondante sborra!
"Stavolta mi hai proprio fregato. Porco!" Fu il commento della vacca dopo che Bruto se ne andò" ma stai attento che io potrei…"
"E cosa faresti?"
" Mah, potrei essere io a farti una sorpresa. Ma te le farei con chi voglio io e come voglio io!'
Luca pensò a una boutade. Una cosa buttata lì. In quel periodo erano già stati decine e decine di incontri. Aveva anche già avuto modo di fare la prostituta un paio di anni prima.
Quello era il periodo delle gang sistematiche, ogni weekend, con aggiunta di cazzi singoli durante la settimana.
Luca pensò, quindi, che fosse una boutade.
E qui la abilità della vacca nel rispondere:" Hai ragione amore mio! Io non riuscirei mai ad organizzare senza di te !!"
Ovviamente falsa come Giuda! Lo aveva avvisato. Il sasso lo aveva gettato. Se il cornuto non le credeva tanto meglio.
Luca se ne dimenticò. Completamente.
Ora immaginate una coppia. Lui lavora e lei no. Dal mattino in cui lui (ovviamente stiamo parlando di Luca e Anna) esce a quando rientra si telefonano una decina di volte.
Telefonate il più delle volte brevissime. Chi risponde lo fa con il consueto “ciao amore". Poche parole fatte da "come va?" Oppure "cosa preparo per cena?" O ancora "come sta andando?"
Questo da almeno tre anni!
Certo c'erano anche le (come dicevamo prima) le telefonate porche ma erano concordate. In quel caso la zoccola era in motel con un toro al primo incontro. Nel caso ospitassero avveniva la sera con la presenza di Luca non fosse altro che aveva il compito di portare in casa il porco o i porci di turno.
Era una tarda mattinata di aprile. Luca e Anna si erano già sentiti almeno tre o quattro volte.
A Luca squillò il telefono. Vide il nome di Anna.
A pochi passi da lui aveva un collega.
Fortuna volle che come di istinto si allontanasse di qualche passo.
La zoccola urlava la sua goduria nel telefono!
Nessun ciao. Nessuna permessa. Solo urla di goduria!
Luca si spavento pensando che il collega avesse sentito. Quando constatò che non era accaduto chiuse comunque la comunicazione. Si avvicinò a lui e con una scusa disse che doveva assentarsi un istante.
Dovette fare molti passi. Prima di poter richiamare.
Quando lo fece risposero ancora delle urla.
La vacca non chiamo più. Il suo piano aveva funzionato.
Il cornuto sapeva che stava scopando. Non sapeva con chi! Non sapeva dove! Ma lo sapeva. Se avesse voluto sentirla ancora avrebbe dovuto chiamare lui.
Lei, nel frattempo, pensava solo a godere!
Dopo oltre un’ora fu un messaggio che arrivò a Luca a dire:" amore. È andato. Abbiamo appena finito. Chiama quando vuoi".
Luca si soffermò su quell’”andato”.
Che significava? Che aveva ospitato a casa loro? Senza di lui? Senza la sua gestione?
Quando la chiamo la vacca aveva un tono di voce allusivo e quasi irridente.
"Io te lo avevo detto di non sfidarmi. Tu non mi hai creduto!"
"Con chi eri?" È inevitabile domanda di Luca.
"Lo scoprirai stasera! Quando guarderei il video!"
" Ma...ti sei filmata?"
Fino a quel giorno la vacca non aveva mai messo mano alla telecamera.
"Certo che mi sono filmata! Così vedi!"
"Ma chi era?"
"Non te lo dicoooo! Lo vedi dal video. Comunque Lo conosci!"
"Ma almeno mi dici dove eravate?"
"Ma amore che domande fai! Nel nostro letto. Ovviamente! A casa nostra!"
Il cornuto non strappò ulteriori notizie e finché non giunse a casa non seppe niente di più.
Quando entro in casa la vacca era volutamente in bagno. Nella vasca.
"Ho lasciato la telecamera pronta. Se la vuoi vedere" urlò dietro la porta del bagno.
Quando il cornuto accese impiegò un attimo e poi capì
Dopo pochi istanti lo bloccò. Il fermo immagine garantiva meglio la visuale e per prima cosa voleva capire chi fosse il porco.
Impiegò un attimo ad averne certezza. Erano passati oltre tre anni da quella serata. Ma era indubbiamente lui.
Che razza di troia. Che cagna in calore. Ebbe la conferma che si trattasse veramente della più grande zoccola che sia mai esistita sulla faccia della terra.
Che la vacca desiderasse ricambiare le sorprese subite ci stava. Ma avrebbe avuto una scelta sterminata di porci. In quel periodo era nel pieno di un cazzo dietro altro. Motel, a casa, nei prive, gang in ogni luogo.
Esisteva un’agenda cartacea. Zeppa di riferimento dalla A alla Z.
Nick, nomi, mail, numeri telefonici.
Avrebbe potuto scegliere chiunque tra un centinaio almeno, ma ne cercò uno in particolare.
Lo scelse con cura sapendo, soprattutto sapendo, che Luca fece di tutto perché non ci fosse un secondo incontro.
Il motivo è legato a un episodio di tre anni prima. Una gang a casa di Steve. Presenti lo stesso Steve, Dorian, una coppia, e per appunto questo bull. Il Nick è Amicolbull.
La vacca è al centro dell'attenzione tanto da richiamare anche il marito della coppia lasciando all'altra donna solo le briciole.
Luca è unico vestito che filma.
La zoccola si affida totalmente a Steve tanto che pare lui il suo uomo. Si fa prendere per mano per essere riportata in camera, quando fa capire al momento del congedo (si era presentata in sala ancora nuda. Unica ad esserlo) che gradiva ancora cazzo.
Mentre per Steve era oramai una consuetudine (che non si è mai interrotta) con Amicolbull era una prima volta.
E quel porco le piaceva da impazzire!
Piccolo ma palestrato. Di una decina anni circa più giovane della troia.
Il cazzo? Sentiamo un giudizio attualmente della troia;" il migliore che abbia mai preso. Un giusto mix tra dimensioni, durezza e anche il sapore. Mi piace da morire quel cazzo! non è il più lungo o grosso ma è il migliore!"
Il cornuto li trova (vestiti) che limonano appassionatamente lingua con lingua. Abbracciati come due ragazzini, in piedi, in un angolo della camera.
Ovviamente al rientro in casa ci fu una accesa discussione tra Luca e la troia.
In realtà parlava solo Luca in quanto la vacca usava solo un profilo basso parlando di equivoci e di malintesi.
Amicobull aveva (ha ancora) un account come singolo toro da monta. Molto referenziato. Il porco, dopo qualche tempo, dal primo incontro si propose per scoparsi nuovamente la vacca.
Stavolta avrebbe gradito farsela da sola. Niente gang. Lui e la zoccola. Era disponibile anche a ospitarla in motel se non si fosse potuto a casa della troia.
Luca non dimenticò mai quell’affronto avvenuto durante la gang e ad ogni invito del porco declinava trovando un pretesto sempre diverso.
Ovviamente senza dire niente alla zoccola!
Questo comportava cancellare i messaggi in arrivo e in partenza. Ma probabilmente non bastò perché la cagna se ne rese conto.
Passarono quindi tre anni. Nel frattempo, Amicobull continuava la sua carriera da maiale sul sito e non si fece più sentire.
La vacca pensò a lui per fare una sorpresa al cornuto. Chi meglio di lui??
Come dicevamo pocanzi, avrebbe avuto la possibilità di sceglierne altri cento.
No! Fu lui che chiamò.
E poi desiderava farlo in casa propria. Nel letto di casa. Certo, c’era il problema che il porco non era maia stato in quella casa (diversamente da altri). C’era il problema che era nel pieno del mattino, sotto gli occhi di tutti, con il cornuto fuori, a lavoro.
Pur di farsi fare tutto da quel porco avrebbe corso qualsiasi rischio.
Per arrivare a casa lo avrebbe indirizzato al telefono e sul fatto che fosse notato il tipo; la zoccola era o non era ultra-insospettabile?
“Porta qualcosa con te. Tipo una cartellina. Se ti vedono e dovessero chiedermi dirò che eri un assicuratore” disse la cagna ad Amicobull il quale, quando la sentì, rimase dapprima incredulo e poi entusiasta dalla proposta.
Fu lei ovviamente a cercarlo parlando di “Una bella sorpresa da fare al cornuto”.
La vacca, infatti, quando non era sicura che Luca non la sentisse non esitava ad apostrofarlo come tale!
Amicobull fu entusiasta. Tutto il tempo che voleva. Lui e la cagna. E nel comodo della casa.
Unico dubbio che aveva era relativo a “un video da fare per dimostrare al cornuto il nostro incontro”. Questo disse la troia.
Amicobull aveva una vita ufficiale da tutelare ed era sempre molto scettico sui video. Troppe volte aveva sentito di casini memorabili causati da questi.
La vacca lo tranquillizzò:” Solo pochi minuti. Giusto per farglielo vedere. Staremo attenti al tuo viso. Il mio non è un problema. “
La monta sarebbe stata tutto il tempo che il porco gradiva, il video una parte molto piccola di questo tempo.
Amicobull era infoiatissimo da questo incontro. Dopo tre anni. E quella vacca non lo aveva dimenticata!
E la zoccola?
Si preparò alla monta con largo anticipo tanto che fece un paio delle consuete chiamate all’ignaro cornuto (di quello che da lì a poco sarebbe accaduto) già vestita pronta per la monta.
La vacca era talmente eccitata che, nella attesa, si sdraiò sul letto e iniziò a masturbarsi.
Per tre volte! Consecutive! Da quanta fu la voglia di quel porco.
“Tra poco sarò la sua puttana! Voglio essere la sua puttana” confiderà in seguito.
Quindi il suo arrivo in casa.
Subito in camera. Lei seduta sul bordo del letto e lui ancora vestito.
Pareva che il cazzo esplodesse dentro i pantaloni.
E la vacca non paga ci mette la chicca: confida al porco che si era masturbata tre volte pensando a lui. Mentre era in attesa.
Ovviamente parte immediatamente la monta.
La vacca decide solo in seguito di chiamare il cornuto. Prima vuole goderselo per bene.
Arriva il momento del video.
Solo sette minuti. Ma che minuti!!!
Quello che vedrà, e sentirà, il cornuto al prossimo racconto.

Questo racconto di è stato letto 2 6 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.