Mai sfidare una puttana come Anna! (parte seconda)

Scritto da , il 2021-02-19, genere tradimenti



In questo racconto si è fatta una scelta: si sono riprodotte esattamente le stesse identiche parole che si odono nel video!
Le medesime! A costo di apparire sgrammaticate ma è l’esatta riproduzione di ciò che è accaduto!
La videocamera è sul comò a circa un metro di distanza dal letto.
Il porco compare quasi completamente. Manca solo il viso che comunque si intravede. Un sottofondo di musica si irradia per la stanza. Servirà solo in parte a coprire i gemiti della troia ma le parole arriveranno chiarissime.
-Non si vede il viso vero? - dice il porco del quale si intravede il corpo fino alla altezza del collo. Il cazzo si vede distintamente. Duro, grosso e superdotato. Sta dritto da solo e sembra di marmo.
-No, tranquillo. - risponde la vacca. Le parole sono chiare.
La vacca si posiziona immediatamente alla pecorina.
Il porco in ginocchio e glielo schiaffa in figa.
-Oh, siiii- esclama la troia appena lo sente entrare.
Il toro inizia a darci dentro. Senza troppi preamboli e la stanza di riempie dei colpi dello sbattimento.
La vacca geme con una serie di “siiii” accompagnati da tanti “uuuuhhhh.”
La si sente bisbigliare anche un “tutto si tutto”.
Improvvisamente il porco si ferma mentre la troia rimane immobile alla pecorina continuando ad ansimare.
Il viso della vacca è chiaramente rivolto verso la telecamera. E rimarrà così per tutto il video. L’immagine è chiarissima. Comincia ad accennare ad un sorriso porco.
Il maiale si sistema meglio il preservativo. Si alza in piedi e piega le ginocchia.
Le sta cercando chiaramente il culo. Vuole incularla.
La vacca caccia una serie di “oooohhh” prolungati.
Ora ce l’ha in culo!
A questo punto è il porco a parlare. Le parole sono scandite perfettamente. Udibili perfettamente.
Il tono è sprezzante. Le parole hanno il tono di uno che si rivolge ad una vera puttana da strada.
Le riporto fedelmente.
-Dai, che ce l’hai tutto nel culo!! Vera troia? Lo senti bene nel culo? - inizia il porco.
-Oh, siiiiii- risponde la vacca.
Il maiale le prende le spalle e spinge.
-Dai che hai tutto il mio cazzo nel culo! -
-Oooh siii oooh siii !-
-Ti piace il cazzo nel culo vero? -
-Oh, sii, oh sii-
-Il mio cazzo nel culo che ti sfondo! Sei una troia! Vero, che sei una troia? -
La vacca comincia ad alzare il volume della voce:
-Ohh siii ooooh siiiiiii!!-
-Ti piace essere una puttana? Vero??
Siii siii siiiii- ora la vacca aumenta il volume della voce e i sii sono tanti. Uno attaccato all’altro.
-Troia di una puttana rotta in culo! -
Il toro la incula come un animale per una ventina di colpi. La zoccola ha sempre il viso rivolto verso la camera. Gode e sorride contemporaneamente.
-Guarda come prendi bene il mio cazzo! -
La incula dandoci dentro per circa un altro minuto. Ora il toro non parla. La prende per le spalle e spinge.
La battona urla dei “siii siii siiiii” e si mette a novanta gradi. Ha quindi alzato il busto.
Il porco rallenta il ritmo per poi accelerare di colpo. Si sentono i colpi sulle natiche.
Ogni volta che accelera la vacca urla dalla goduria.
Per altri trenta secondi il porco diventa un animale. Pensa solo ad incularla. La vacca geme emettendo varie vocali alternate a dei chiari sii.
A quel punto il porco si rimette in ginocchio. Accompagna i colpi, ma lentamente. Quindi solleva la schiena della troia. Le cerca la lingua. La vacca gira la testa e limonano come porci. Lingua con lingua fuori.
Il toro emette un ordine:
-Dai scopati! scopati il culo! -
La vacca non si fa pregare. È lei ad andare avanti indietro. Fino in fondo. Il porco rimane fermo.
-Dai scopati! Ti piace scoparti culo, vero? -
-Sii è fantastico! -
Il maiale di tanto in tanto le schiaffeggia le natiche. I suoni degli schiaffi risuonano nella camera.
Il maiale di tanto in tanto la risolleva come aveva fatto qualche minuto prima e limonano per vari secondi. Sempre lingua con lingua.
Ora la zoccola deve sentirlo bene in culo perché il suo “oooooohhh” è prolungato e urlato.
La musica di sottofondo è inutile. Si odono chiaramente sia le urla che le parole.
Improvvisamente e senza essere sollecitata la zoccola dice:
-Quanto mi piace!!!-
-Ti piace? Dillo forza !!-il porco non perde l’occasione.
-Mi piace !!-
-Cosa è che ti piace? - insiste il maiale.
-Mi piace il cazzo in culo! -
-Non ho sentito!!- dice il toro, chiaramente mentendo.
-Quando sento il cazzo in culo mi piace da impazzire! - confida la puttana con la massima tranquillità.
Ovviamente l’inculata nel frattempo continua.
-Mi piace da morire il cazzo in culo!!!- la vacca ora è lanciata.
-Ah ti piace da morire il cazzo in culo! Vero? -
-Mi piace tutto il cazzo-
-Ti piace tutto il cazzo? Che ti sborra in bocca vero troia? -
-Mi piace sentirlo tutto, mi piace pulirlo. -
-Della sborra, vero? Dopo voglio che mi pulisci il cazzo. Dopo che ti ho sborrato dentro! -
La monta continua senza interruzioni.
-Oh, sì si si si si si sii- li ho contati. Sono sei i sii che la puttana emette. Uno dietro l’altro.
-Che bel culo sfondato che hai !!- dice il porco impugnandole i fianchi e dandoci dentro come una vera bestia.
-Ohhh fantastico! Fantastico- dice la vacca ancora una volta senza essere sollecitata.
Ora è la vacca a tenere banco. I suoi precedenti “ooohh” ora si trasformano in “uuuuhhhh….uuuuhhh”.
Il porco ora pensa solo a inculare e ad ogni colpo sulle natiche corrisponde un si, si della troia.
Al porco manca il fiato ma riesce a dire:
-Sei una rotta in culo!! Ti piace essere una rotta in culo!!-
Ancora circa un minuto di inculata selvaggia, fatta solo di gemiti della puttana.
Quando il porco rallenta le allarga le natiche per piantarglielo ancora più in fondo.
Ad ogni colpo la vacca dice:
-Tutto nel culo sì! Tutto nel culo! Tutto nel culo! -
Dopo un bel periodo di monta senza parole fatta solo di ansimi e goduria, il porco non può esimersi da chiederle:
-Come è il mio cazzo? Ti scopa bene? È bello vero? -
-Oh, sii è buono!!!- la vacca pensa al sapore evidentemente.
-E com’è, troia? È bello duro? -
-Sii!! È bello duro!!-
_E poi? Ti scopo per bene vero? -
Ed ecco la rivelazione della troia. Inaspettata anche dal toro. avrebbe potuto solo confermare con i consueti sì invece fa di più. Senza essere sollecitata aggiunge:
-Ha un buon sapore! Chissà la tua sborra!!! Non ricordo più il suo sapore!!!
Il toro pensa di aver capito male, forse. Sta di fatto che glielo fa ripetere e la vacca lo ripete. Senza indugiare:
_-Chissà la tua sborra. Non ricordo più il suo sapore! Non la ricordo più!!!-
Il toro è ancora incredulo. La voce è roca dall’ eccitazione e dice:
-Dopo te la faccio sentire! -
Tutto questo imbestialisce il toro ancora di più di quanto lo fosse prima e la incula come una bestia!
Nel frattempo, la troia si è allungata una mano sotto la pancia. Vuole toccarsi la figa.
E il toro ovviamente se ne accorge. La vacca gli dà, inoltre, una occasione unica.
Gli fornisce l’assist per fare sapere al cornuto di Luca che aveva talmente tanta voglia di farselo da non riuscire a trattenersi dal masturbarsi nell’attesa che arrivasse a casa.
Quindi è il toro a rendere nota la cosa:
_-Dai masturbati che ti piace! Ti sei masturbata tre volte mente mi aspettavi!!-
E la vacca da monta non può che confermare!
Ma il maiale ha ancora voglia di culo. Ha ancora tanta voglia di inculare. E continua a farlo.
-Che culo rotto che hai!!-
-Ti piace? - risponde sorridendo la puttana
-Siii. E a te piace farti rompere il culo vero?
-Mi piace! Si mi piace, sii !
-Senti come entra bene!!
Ora il toro ha cambiato ritmo. Prende la ricorsa e affonda il colpo. Lei guarda la videocamera e gode!! Sorride sempre la puttana!!
- Uuuuhhh! Uuuuuuhhh ! - le manca il fiato da quanto le piace.
Ancora vari secondi da autentica bestia. I colpi coprono la musica della tv. Una grande inculata animalesca.
La troia è stanca di rimanere alla pecorina e chiede di alzarsi.
Arriva il momento della sborrata.
Il porco scompare dall’immagine in quanto è andato a gettare il profilattico nel cestino.
Ma la sua voce giunge chiaramente. La vacca è seduta sul bordo del letto a meno di un metro dalla videocamera che ha di fronte a sé.
Ma la troia non guarda la camera. Osserva estasiata il cazzone del porco.
Finché arrivano le parole del toro: -Guarda che bel cazzo che ho! Ti aspetta ora per bere! -
La vacca lo osserva. Si passa la lingua tra le labbra. Lentamente ed emette un mmmmm.
Esattamente come una bambina che vuole il suo gelato.
Il maiale impugna la telecamera. Con una mano. Con l’altra appoggia il cazzone sulla lingua della vacca. E inquadra tutta la scena in primissimo piano.
Il cazzo appoggiato sulla lingua della troia.
La vacca ha la bocca spalancata. Pochi istanti e urlo del maiale.
Un primo schizzo di sperma. Poi un secondo e un terzo. Un quarto. La lingua ora è tutta bianca,
La vacca chiude la bocca e deglutisce con gusto. A lungo.
Quindi la riapre. Ha bevuto tutto!!!
-Fammelo pulire per bene. - aggiunge la zoccola.
Il porco glielo rimette in bocca ma deve lasciare la videocamera da quanto è sfinito.
Il video si chiude.

Dopo la visione del video Luca non si sentì tanto arrabbiato quanto sconfitto. Per un lungo periodo aveva cercato di evitare che si incontrassero e ora la vacca con un abile manovra era riuscita nell'intento.
E il video era solo una piccolissima percentuale di quanto era successo. Il porco rimase in casa quasi un paio ore e sicuramente non avevano parlato di filosofia nel rimanente tempo!
Non lo avrebbe mai confessato ma si sentiva un gran cornuto!
La vacca uscì dal bagno. Osservava Luca con uno sguardo ricettivo nel cercare di cogliere qualche segnale.
La mise sul piano" non credevo di riuscirci!"
Trascurò volutamente il fatto che aveva scelto quel porco, trascurò anche che si fosse masturbata tre volte nella sua attesa.
Furbescamente indirizzo il discorso sulla sorpresa in sé.
"Amore mio. Non credevo di riuscirci! Mamma mia che paura che mi scoprisse qualcuno! E poi non era mai stato qui. Ho dovuto indirizzarlo io. Mica potevamo rientrare insieme in casa!
Luca avrebbe voluto obiettare che sarebbe stato più semplice andare in motel. Ma tralasciò. Era evidente che la puttana trovava un valore aggiunto di eccitazione nel farlo nel loro letto.
"Ora te ho dimostrato. Ce l’ho fatta. Ora basta. Mamma mia che paura che avevo!"
Dopo poche ore Luca a letto le chiese conto di come fosse andata.
La vacca sussurrando:" Cazzo quanto ho goduto. Quanto ho goduto! Ero la sua Troia. Lui voleva la sua puttana! E ha avuta!"
Dopo la scopata con il cornuto si ricomponeva mentre diceva:" ora mi sono tolta la soddisfazione di dimostrarti che sono capace anche da sola. Adesso Basta!"
Luca le credette.
Quattro giorni dopo è un pomeriggio. Saranno alla sesta o settimana telefonata reciproca della giornata.
Squilla il cellulare. "Ciao amore come …"
Rispondono urla di goduria. E una voce. Maschile. Non la conosce ma una cosa è certa: non è quella di Amicobull.
La vacca sta scopando con un altro porco!
Le parole sono chiare in quanto dette a pochi centimetri dal microfono del cellulare:" la senti come gode? La senti come gode?"
E si sentiva come godeva. Cazzo se si sentiva!
Il cornuto ci era cascato una seconda volta!


Mail: annaluca050@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 1 1 5 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.