Le conseguenze di una masturbazione

Scritto da , il 2021-02-24, genere masturbazione

Le conseguenze di una masturbazione

I-Risveglio

Adoro l’odore dello sperma la mattina presto. O meglio, adoro masturbarmi di prima mattina. E’ un rito che vado a ripetere da qualche settimana.
Ore 7.00: alza bandiera. Dormo coi boxer, quelli con l’apertura davanti. Così ho modo di vederlo meglio quando apro gli occhi. Senza vantarmi ma, sono orgoglioso dei miei 21 cm di potenza sorgente.
Mi alzo, ciabatto per casa senza curarmi di rinfoderarlo nei boxer. Vado in bagno: lisciatina, dentifricio, spazzolino e dentifricio alla menta, lustrata vigorosa, sciacquo, pulitura del viso. Poi, ancora davanti al water, l’uccello ancora eretto. Assaporo l’attimo, lo afferro, lo accarezzo, incomincio a masturbarmi lentamente, non con forza. Il piacere deve arrivare graduale. Penso ad una donna, me la immagino bionda, giovane, carina, con tette enormi. Immagino le sue tette e i capezzoli scuri che mi graffiano la pelle. Immagino la sua fica non troppo pelosa che vuole mordermi il cazzo. Aumento la velocità ma non stringo. Tenue eccitazione, mi lascio andare contro le piastrelle del bagno. Sono in estasi. La donna della mia illusione mi sta effettuando un pompino. Immagino le sue umide labbra che si dischiudono. Immagino la lingua che stuzzica la punta. Immagino…
Ecco che arriva, quella sensazione, quel solletico. Aumento la velocità in maniera frenetica. Appoggio la mano sinistra alla piastrella e comincio a menarmelo a più non posso. Ecco che si gonfia e risale, lo sento che vuole erompere. Di scatto chiudo la parte superiore del glande, lascio che lo sperma riempia il sacchetto e si gonfi, facendomi bruciare la cappella e spegnendo, in parte, l’ardore che mi pervade. Poi, staccando la mano dalle piastrelle e piegando l’uccello verso il basso, lascio che lo sperma esploda, finalmente, nel suo getto liberatorio.
L’immagine della donna nella mia testa ha la faccia sporca del mio sperma. Ride, si pulisce le labbra, si abbassa per finire il lavoro..
Con la coda dell’occhio percepisco qualcosa. Mi giro verso sinistra e mi accorgo di avere lasciato aperta la finestrella. Una ragazza riccioluta in maglietta e mutandine che mi fissa ad occhi sbarrati,lo spazzolino da denti incastrato in bocca. Mi congelo, incapace di dire e fare qualcosa, rimanendo lì, come un fesso con il cazzo in mano ancora gocciolante. Anche se, come misura è troppo tardiva, mi schiaccio contro il muro piastrellato e scivolo a terra, cercando di non sciogliermi nella vergogna. Ma che coglione. Fare l’esibizionista senza controllare prima che la finestra fosse chiusa o aperta. E la ragazza che mi ha guardato masturbarmi… Avrà pensato che sono un pervertito, un maniaco. Chiamerà la Polizia?

II-Tre fighe

Che culo. La signora sta caricando le borse della spesa nel vano porta bagagli. Ha dei pantaloni stretti a zampa di elefante, un po’ fuori moda, ma con il tessuto perfettamente aderente che mette in risalto un culo da urlo. Indossa abiti vintage, anni settanta, con una giacchetta di pelle marrone senza maniche sopra una camicetta bianca dalle larghe maniche.
Chiude il portellone e si volta, rivelando un fisico snello e asciutto, lunghi capelli castani, occhiali fumè che non lasciano trasparire il colore degli occhi. Potrebbe avere quarant’anni. Viene raggiunta da un’altra donna che sembra la sua esatta copia, vestita più o meno nella stessa maniera. Con l’eccezione che la signora in questione ha capelli grigi e neri e qualche ruga attorno agli occhi. Saranno sorelle? Però, quel loro fisico snello e quel culo che si ritrovano.. Me lo fanno venire duro e già mi sto facendo dei film mentali.
“Loro sono mia madre e mia nonna” dice una voce da ragazza al mio fianco “Sembrano sorelle, vero?”
Mi volto e il mio cuore sente che gli salta un battito. Sulla ventina, capelli ricci e neri, un po’ selvaggi, faccia sbarazzina, un tipetto tutto pepe da quello che noto. Ha degli short che le lasciano scoperte gran parte delle sue gambe non troppo magre e una maglietta bianca, poco scollata che mi fa indovinare un corpo tonico e fresco. La ragazza con lo spazzolino da denti in bocca che ho visto mentre mi masturbavo. Imbarazzo totale “Ah..ehm.. Sì.. Notevoli. Due gocce d’acqua”
“Io mi chiamo Jenny” tende la mano verso di me, tutta sorrisi
“Aris” ricambio
“Aris, nome strano”
“Sì, beh.. è il diminutivo di Aristide” faccio imbarazzato “Imbarazzante”
Lei ride in maniera sbarazzina “Aris mi piace”
“jenny” la signora che è sua nonna (accidenti, se tutte le nonne fossero così), la richiama, scoccandomi un’occhiata
“Ciao, ci vediamo, Aris” si volta un attimo verso di me e mi strizza l’occhio. Poi, girate le spalle a me, corre verso la nonna e la madre
Jenny, la mamma e la nonna. Me le farei tutte e tre


III-la spettatrice sulla masturbazione

La notte le sogno. Tutte e tre nude che mi circondando. I loro corpi nudi e snelli che si avvolgono attorno a me, le loro mani che scivolano sul mio petto, sulle mie gambe. Le loro bocche che cercano la mia. La nonna infila la sua mano nei boxer e mi tocca l’uccello insieme alla madre. Jenny mi piace la sua fica umida in faccia e io gliela lecco. Sono in estasi. Toccatemi, masturbatemi, succhiatemi
Le mani mi segano, mi segano…
Mi sveglio. Qualcuno sta bussando alla porta. Apro e mi trovo Jenny, le mani dietro la schiena, tutta sorrisi “Ciao” abbassa lo sguardo, fa un O con la bocca, poi rialza verso di me “Sai, dovresti stare attento a chi apri la porta” entra senza che io la invitassi a farlo
“Cosa…?”
“Hai l’uccello di fuori”
Abbasso lo sguardo e, sì, l’alza bandiera svetta fuori dai pantaloni. Lo rinfodero abbottonando l’unico bottone dei boxer. “Ehi, che ci fai qui?”
“Nulla di particolare” dice lei sedendosi in poltrona “Volevo vederti più da vicino”
“Ok” allargo le braccia “Mi hai visto”
“Oh sì” sorride. Scarta un lecca lecca e mi osserva a lungo “Mi incuriosisci, sai? Non è che sei un maniaco pervertito o cose del genere, vero?”
“Non ho intenzione di violentarti, se è questo che intendi”
“Beh, a dirla tutta, ieri mattina mi sono fatta più di un pensiero, su di te”La squadro da capo a piedi, mi chiedo quanti anni potrebbe avere e se sono a rischio denuncia “Sono maggiorenne, se è questo quello che ti stai chiedendo” continua a leccare quel lollipop lentamente, con una certa sensualità. Sento l’istinto sessuale che si risveglia e lui che vuole uscire dalla patta dei boxer
“Mi sto chiedendo cosa tu voglia da me”
“Voglio guardarti meglio”
“A fare?.. Vuoi che mi masturbi davanti a te?”
“L’hai già fatto”
“Non sapevo che c’era la finestra aperta”
“Questo è quello che pensi tu.Magari, inconsapevolmente, hai lasciato aperta quella finestra sperando che qualcuno ti vedesse” fa il gesto della sega nell’aria “Adoro vedere i film porno in Tube. E, ancora di più, mi piace vedere maschi macho come te che si masturbano così virilmente”
“Vuoi vedermi mentre me lo meno o vuoi fare qualcos’altro?”
“Non so..” fa lei evasiva “Allora, dove sono i pop corn?”

Ripeto il rito pensando ‘Perché no’? potrebbe essere un’esperienza interessante. Me lo sono tirato fuori e ho cominciato a masturbarmi davanti a lei.
Jenny mi osserva succhiando il suo lollipop. Ha lo stesso sguardo che potrebbe avere di fronte ad un documentario sull’accoppiamento dei leoni “Ti sto imbarazzando?”
“Mi stai eccitando”
Lei mi guarda in maniera curiosa, inclinando la testa di lato “Vai più veloce”
Obbedisco e continuo fino a che non mi fa male. Sento che sto per venire e faccio per andare in bagno “Resta qui”
“Qui?” lo stimolo arriva e io non riesco a trattenerlo. Con la mano chiudo la via di fuga e lascio che lo sperma mi gonfi il sacco
“Interessante” dice lei avvicinandosi a me. Ma non c’è nulla di sensuale in lei, solo la classica curiosità di una giovane donna di fronte a qualcosa di nuovo. Allunga una mano verso il mio uccello gravido di sperma e, con un dito, lo tocca. E sorride “Da quanto tempo è che non ti scopi qualcuna?”
La guardo cercando di capire se mi sta lanciando una proposta “Almeno un paio di anni”
“Uh”
“Posso andare in bagno, ora?”
“Va bene” si rialza e si allontana “Ci vediamo.. macho”
Ma che diavolo?..
Corro in bagno…

IV-Nonna super sexy
Un paio d’ore dopo, mentre rientro dal mio giro spesa, mi trovo la nonna super sexy davanti la porta di casa “Buongiorno”
E io che penso. Che diavolo vuole adesso? Anche lei vuole vedermi a fare cose sconce?
“Buongiorno. Posso esserle utile?”
“Volevo parlare con te” colloquialmente al tu. Mi tende la mano “Layla Kreese, ma gli amici mi chiamano Olla”
“Olla?” armeggio con la porta, la invito ad entrare. Lei si guarda intorno incuriosita. Indossa una giacchetta mezze maniche coi fronzoli stile rodeo, le braccia scoperte e i pantaloni aderenti che non lasciano spazio all’immaginazione
“Bello qui, spartano” si, non sono mai stato amante dell’arredamento coi fronzoli “Sì, Olla. Una cosa legata al sesso” ride e allarga le mani, come per enfatizzare quello che mi ha appena detto “Veniamo al punto. Ti va di venire a cena da noi?”
Mi sconcerto della richiesta. Nemmeno ci conosciamo e m’invita a cena? “Beh, sono lusingato. Posso sapere il motivo?”
“Jenny ha detto che sei un tipo a posto”
Jenny le ha raccontato che mi sono masturbato davanti a lei? “Ah sì. Ci siamo parlati poco, in verità”
“Sì, ti ho visto al parcheggio del supermercato. Ho notato il tuo sguardo da maschio arrapato” candore e schiettezza
“Beh, non capita spesso di vedere una nonna super sexy come te” ecco, l’ho detto
Lei sorride “Sì, diresti che ho 64 anni?”
“No, francamente te ne avrei dato massimo cinquanta” ammetto “Cos’altro ti ha detto Jenny?”
“Che ha parlato un po’ con te e si è fatta un’idea di che tipo sei”
“E che tipo sarei?”
“Ti rispondo con un’altra domanda. Dov’è la camera da letto?”
Spiazzato “Wow, che sfrontatezza”
“Non sarai un puritano, vero?”
“No di certo”
“Vedi. Allora..” si toglie gli indumenti rimanendo solo con uno slip addosso. Gran bel fisico asciutto, tette giuste, ventre piatto, liscia e pronta all’uso. Il mio uccello urla “Andiamo?”


Ho l’uccello in fiamme. LA signora si è data un gran da fare. Mi ha spinto sul letto e mi ha intimato di rimanere fermo mentre lei si metteva a cavalcioni su di me e si impalava sul mio uccello. Poi, le mani poggiate sul petto, ha cominciato a dimenarsi come se stesse cavalcando un toro da rodeo. Io non ho fatto nulla, ho lasciato che le sue labbra succhiassero il mio sesso. Ho lasciato che la sua voglia mi bruciasse. Ci ha dato dentro per un po’ prima di crollare su di me, ridente “E’ da un po’ che non cavalco più con cazzo così”
“Non sembri una povera di sesso”
“Ho detto che è un po’ che non provo un cazzo così grosso, non che mi scopo qualcuno”
“Beh, felice di avere rotto la routine” cerco di baciarla ma lei ssi discosta puntellando le mani e rizzandosi a 45 su di me
“Non così in fretta, stallone” ride “La cavalcata non è ancora finita”
La signora ha una pila atomica nella figa e io, non ho idea di come ho fatto a resistere così a lungo. Lo abbiamo fatto almeno tre volte ancora. Nonostante gli umori che ci siamo scambiati, il mio uccello sembra un cerino acceso “Olla” faccio
“Ecco, da qui il soprannome” ride lei
“Nome azzeccato” convengo “Ora, che si fa?”
“Be, direi che per ora sei stato rodato abbastanza”
“Non vorrei essere insistente ma, quando si può fare un altro round?”
“Magari stasera. Ricordi? Sei stato invitato a cena da noi”
“E volevi scoparmi per capire che andavo bene?”
“Beh, volevo capire quali altre qualità avevi, oltre che a saperti masturbare” scivola via da me facendomi l’occhiolino. Mentre esce dalla stanza da letto, la intravedo che raccoglie i vestiti “Ci vediamo per cena”
Ok. Confesso di essere spiazzato da tanta audacia. Prima la nipote che vuole vedermi mentre mi masturbo. Poi la nonna super sexy che mi cavalca più volte come ad un rodeo. Toccherà alla figlia? Me la dovrò scopare? Beh, non sarebbe male, mi fa più sangue che la nonna. Magari un giro a tre. Boh?

Questo racconto di è stato letto 3 5 0 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.