I piedi di Virna

Scritto da , il 2021-02-19, genere feticismo

Quando Virna entrò il primo giorno in ufficio fui molto deluso. Speravo venisse una donna un po' più giovane e un tantinello più sensuale al posto di Giovanna, appena collocata in pensione. Invece no, invece un'altra cinquantenne insignificante.
Però Virna era simpatica. Legò velocemente con tutti, tanto da entrare in breve a far parte del drappello di noi colleghi con l'abitudine di fare pausa caffè nella stanzetta relax dell'azienda. Sempre sorridente e disponibile alla battuta, da quella semplice a quella anche più maliziosa. Ma fisicamente proprio non c'eravamo. Per di più vestiva sempre con maglioncini accollati, pantaloni scuri e stivaletti da suora.
Insopportabile, per un porco feticista convinto come me, che una donna, se pur insignificante, non indossasse, non dico una scarpa decolletè a tacco 12, ma almeno una scollata bassa, financo una ballerina, che facesse vedere i collant per lasciarmi immaginare un bel piedino da adorare.

Però arrivata la bella stagione, in una mattina di giugno, Virna, mi lasciò senza parole. Quel giorno, infatti, venne in ufficio con un bel vestito colorato poco sotto le ginocchia e indossando un paio di ciabatte con la zeppa che mettevano in mostra dei piedi 37 con unghia grandi curatissime e smaltate di rosso scuro. Bellissimi. Sensualissimi. Incredibile, pensai, da una come lei non me lo sarei aspettato.
Da quel momento e per giorni non riuscivo proprio a staccare gli occhi di dosso ai suoi piedi. Ogni scusa diveniva buona per sbirciare sotto la scrivania per vederla “giocare” con le sue scarpe e quando eravamo in pausa caffè attendevo fosse distratta a parlare con qualche collega ne approfittavo per ammirare quegli autentici splendori assumere tutte le posizioni più sensuali che me lo facevano venire duro.
Insomma, di essere Virna rimaneva una donna insignificante, però con la bella stagione si trasformò. Basta maglioncini da educanda, pantaloni scuri e stivaletti da suora. Ma vestiti più femminili e colorati, ma soprattutto solo scarpe aperte che esaltavano quei piedi stupendi.

Poi un giorno, dopo quasi un mese in cui le sbirciavo i piedi più o meno palesemente, capitò che restammo soli in sala relax. Virna mi stava di fronte seduta su uno dei divanetti a sorseggiare il suo caffè, gambe accavallate dondolando un piede. Io, conversando di cose inerenti l'ufficio, per quanto mi sforzassi proprio non ci riuscivo a non guardarglielo. Così Virna, finito il caffè si accese una sigaretta. Mi fissò con aria sorniona e interrompendomi mi fa: “Posso farti una domanda?”
Io: “Si...dimmi”
Virna: “Sbaglio o da giorni non fai altro che guardarmi i piedi?”
Per un attimo rimasi interdetto. Quella domanda così a bruciapelo non me l'aspettavo proprio. Allora cercai di farfugliare qualche giustificazione per togliermi dall'imbarazzo di essere stato scoperto: “Come!?...No Virna...o meglio, si...magari ti fa quell'impressione...ma...ma...è un modo mio di posare lo sguardo...ecco si...quando parlo...ma no, non ti guardo i piedi così...oddio, metti sempre delle belle scarpe...magari mi scappa di guardare quelle...ma nient'altro, ecco”

Ma Virna, anche dal mio rossore, comprese subito che mi stavo arrampicando sugli specchi e mi incalzò: “Ah le scarpe, certo (ridendo) ...solo quelle. I piedi no.”
Io: “No certo...oddio, anche quelli ce li hai belli, ben curati...ma nessun intendo da parte mia di...di...di chissà cosa...ecco”
Virna: “di cosa? (ridendo)”
Io: “Ecco...nel senso...non so...malizioso o altro...”
Virna: “malizioso o altro...cioè? Cosa ti susciterebbero i miei piedi? (ridendo)...guarda che inconsciamente stai confessando”

Si, era così. Confessavo, ma ero vistosamente in imbarazzo. Come chiuso in un vicolo cieco. Non sapevo cosa risponderle. Virna aveva capito tutto, così mi fa: “Dai, ma perchè non la finisci? (ridendo). Mi guardi i piedi perchè ti piacciono...ti eccitano, meglio...confessalo siamo soli, a me lo puoi dire, non mi scandalizzo...anzi”
Io: “Anzi...cosa?”
Virna, guardando con circospezione in giro: “Che mi piacciono i feticisti!”
Rimasi bloccato.
Come come? Non ci potevo credere! Cosa stavano sentendo le mie orecchie? Da una come lei, poi. Non è che nel caffè ci hanno messo qualche sostanza allucinogena al posto dello zucchero?
Io: “Ma stai parlando seria, Virna?”
Virna ridendo: “Si, assolutamente...guarda che l'ho capito...adesso me lo puoi confessare, anche perchè su queste cose io difficilmente mi sbaglio...anzi mai!...del resto che non sono una modella lo so...però so di avere dei bei piedi, che peraltro curo in maniera maniacale pure d'inverno con le scarpe chiuse, che...diciamo così...non passano inosservati alle persone giuste”

Così per un po rimasi in silenzio guardandola ancora incredulo. Virna con quell'aria da suora laica che conosce certe fantasie. Incredibile.
Poi controllando che nessuno entrasse nella stanza le rispondo: “Allora io sarei una persona giusta?”
Virna:”Certo..te l'ho detto, non sbaglio mai...e non sono la tipa che su certe...ecco...fantasie si apre facilmente...nemmeno con tutti quelli che sono attratti dai miei piedi...sono molto selettiva, il maschio mi deve piacere...altrimenti niente...credimi, se non mi piacevi nemmeno il discorso avrei preso, nemmeno un accenno”
Io: “Ah!...mi lusinghi così...e mi costringi a confessarti che si, hai ragione...sono un feticista e i tuoi piedi mi fanno impazzire!”
Virna sorridendo: “Ooohh finalmente! Lo vedi che non mi sbaglio mai? E comunque se la devo dire tutta pure io...la lusingata dalle tue attenzioni sono anche io...sei davvero un bel maschio, mi sei piaciuto fin dal primo momento che ti ho visto e potrei...ecco...potrei farci un pensierino a...”
Io: “a cosa?”
Virna: “Tu dimmi cosa vorresti fare ai miei piedi?”
Io sottovoce: “Beh...parlarne qui così mi imbarazza...ma leccarteli e averli in faccia sarebbe il minimo e la sola idea mi sta procurando un'erezione...poi,vedi tu”
Virna: “Ah ok...facciamo così. Scambiamoci il numero di cellulare...nel tardo pomeriggio ti mando un messaggio su quando potrai chiamarmi e vediamo un po' di riparlarne con tranquillità e magari, chissà...”
Mi schiaccia l'occhio, si alza e assieme ritornammo a lavorare. Anche se concentrarmi di nuovo sul lavoro mi fu difficile ancora piacevolmente incredulo per quello di che era successo poco prima.

Tornato a casa, poi, pranzai a stento. Avevo lo stomaco chiuso perchè mi sembrava di vivere un'allucinazione e poi perchè divorato dall'ansia di ricevere quell'sms. E mentre stentavo ancora a realizzare che avrei potuto godere di quei piedi fantastici, mi arrivò.
Così la chiamai.
Virna: “...quindi me li vorresti leccare e vorresti prenderli in faccia?”
Io: “Si...anche farti tipo da cuscino poggiapiedi...ma accetterei qualsiasi altra idea tu abbia...mi sottometterei totalmente al tuo volere pur di godere dei tuoi piedi stupendi...”
Virna: “Oh quanto mi piace sentire il maschio che mi piace che mi dice che vuole sottomettersi al mio volere (rise)...però, ecco...è sul concetto godere che dobbiamo trovare un accordo...”
Io: “Cioè?”
Virna: “Che devo godere io, non tu...o almeno non quando vuoi tu, ma solo quando e se te lo concedo io!...E io godo solo quando vedo il mio maschio soffrire umiliato sotto i miei piedi...il che significa, dovessi concederti di stare al mio cospetto, che non dovrai mai toccarti mentre mi stai sotto...non voglio assolutamente vedere il tuo cazzo in nessuna maniera e forma se non sono io a volerlo...e non dovrai farlo nemmeno da solo a casa...per esempio sono arcisicura che in questo momento ce l'hai duro e magari starai pensando pure di masturbarti, no?”
Io: “Si è vero, Virna...già con la sola discussione sono eccitato e duro!”
Virna: “Lo vedi? Le azzecco tutte (ridendo) ...e allora se vuoi meritarti di stare ai miei piedi devi mantenerti casto per questi due giorni che precedono il fine settimana...e in ufficio dovrai servirmi colazione e caffè direttamente alla mia scrivania e fare anche il mio lavoro...e allora, forse...forse...potrei decidere di farti stare ai miei piedi in un giorno fra venerdì, sabato o domenica..vedremo...deciderò io e io soltanto, chiaro?
Io: “Si...si...Virna...ok, ci sto...”
Virna: “Benissimo...e mi raccomando, fatti una doccia ghiacciata se ce l'hai troppo duro, ma non toccarti per nessun motivo!!...ci vediamo domani in ufficio...ciao!”
Chiuse la comunicazione senza nemmeno darmi tempo di risponderle: “si Virna ubbidirò!!”

Quei due giorni che precedettero il fatidico fine settimana, li passai in una sorta di limbo. Da un lato la voglia di ubbidire a quell'ordine di mantenermi casto ed in ufficio servirla di tutto quanto stabilito, mi procuravano un piacere indescrivibile, dall'altro mi consumava l'ansia di non vedere l'ora arrivasse ìl venerdì sera.
Lei, dal suo canto, non toccò più l'argomento. Anzi era piuttosto fredda e distaccata nei miei confronti, da portarmi a pensare che se ne fosse pentita. Poi il venerdì all'uscita dall'ufficio, nel parcheggio mentre mi accingo a salire in auto, Virna mi si avvicina e sottovoce mi fa: “Tieni sottocchio il cellulare...nel pomeriggio potrebbe arrivarti qualcosa...potrebbe, eh...non è detto...ma stai in campana!”
Sorrise sorniona, mi saluta e va via.

Anche questa volta, a casa, pranzai a stento e sempre con il cellulare davanti. Non stavo nella pelle. Di tanto in tanto lo aprivo per vedere se mi era arrivato qualche sms e magari non me ne ero accorto. Ma niente.
Poi all'imbrunire, quando mi stavo per rassegnare al nulla di fatto, sentì il tono dell'sms. Col cuore in gola aprii il cellulare e si, era lei!
“Ti aspetto alle 21 in via Verdi 18 citofona Studio F. “ scrisse.
Le risposi subito: “Ok si. Sarò puntuale!!”
Virna utilizzando un vocale: “Ecco...sarà bene per te...ritarda anche solo di un minuto e ti cancello per sempre, chiaro?”
Anche io in vocale: “Si Virna, si...tranquilla!”
Alle 20.55 fui sul posto. Il cuore mi batteva a mille. Citofonai e una voce mi fa: “Piano terra, troverai la porta aperta”. In effetti fu così. Entrai chiesi permesso e la voce di Virna da una stanza accanto mi risponde di chiudere la porta e raggiungerla nella stanza accanto.

Virna era su un divano semidistesa con la tv accesa. Accappatoio rosso addosso e i suoi bellissimi piedi nudi accavallati. Mi guarda sorridente e mi fa: “Pure qualche minuto in anticipo...complimenti...allora ci tieni proprio ad essere il mio maschio leccapiedi personale?”
Io: “Uh altrochè...da giorni non faccio che sognarlo. Non mi pare nemmeno vero che...”
Non mi diede il tempo di finire che mi ordina: “Allora spogliati! Ti voglio con le sole mutande addosso e vatti a sedere li (indicando i suoi piedi)...fammi vedere cosa sai fare. Sbrigati!”
In men che non si dica, fui nudo in mutande seduto coi suoi piedi sulle cosce. L'eccitazione e la gioia di essere li ai suoi piedi, mi misero in confusione. Non sapevo da dove iniziare. Se usare le mani o passare direttamente alla lingua.
Virna se ne accorse, così sempre con tono di comando, mi fa: “Prima massaggiali. Poi quando lo dico io, li lecchi e sempre quando lo dico io, usi la faccia per fargli da cuscino. Chiaro, no?...muoviti e non dire una sola parola. Quando guardo la tv non voglio essere disturbata!”

Così iniziai. I suoi piedi al tatto erano morbidi e lisci, emanavano un odore fantastico che descriverei come un misto tra pelle naturale e creme cosmetiche. Con molta dolcezza, ma deciso, gli massaggiai le prima piante e poi, una per una, le dita. Lei, algida e in apparenza distratta dalla tv, sembrava gradire. Io invece, passata l'emozione dell'inizio, ero eccitato. L'erezione, di pari passo coi massaggi, diventava sempre più evidente e cercavo in tutte le maniere di nasconderla per obbedire all'ammonimento che non avrebbe voluto vedere il mio cazzo in nessuna maniera.
Dopo parecchi minuti di massaggi, Virna abbassa gli occhi su di me e mi ordina: “Adesso leccali! E leccali bene...con passione...vai!!” E riprese a guardare la tv.
Obbedii, presi il primo piede e me lo portai alla bocca. Iniziai a leccarlo dalla pianta alla monta fino alla caviglia, tutto, tallone compreso. Poi passai alle dita. Leccai gli interstizi e le succhiai partendo dall'alluce. Dopo un po' passai all'altro piede e feci lo stesso. Avevano un sapore buonissimo e il cazzo mi diventava sempre più grosso e duro. Cercavo di accavallare le gambe per nasconderlo, ma avevo una voglia di venirmene che stavo impazzendo.
Virna, ad un certo punto, se ne accorse. Spegne la tv col telecomando e arrabbiata mi fa: “Cosa ti avevo detto?...Cosa!?...Copri quello schifo che sto vedendo...coprilo!!...e concentrati solo a leccare!!”

Poi da una mensola sopra il divano gli vedo prendere un vibratore a forma di cazzo in silicone trasparente. Allarga le gambe e con la coda degli occhi, mentre lecco, noto la fica arrossata per l'eccitazione. Inizia a strusciarci addosso il vibratore, ma si accorge che gliela sto guardando e allora mi lancia una minaccia: “Non osare guardare o ti caccio fuori a calci!!...occhi e, soprattutto, lingua solo sui miei piedi e basta!!...capito, verme!!??”
Io:”Si Virna...si...scusa!”
Virna ansimando per l'eccitazione: “Scusa un cazzo, verme!...lecca bene che lo stai facendo da schifo!!...lecca bene i divini piedi della tua signora e padrona e umiliati a lei!!”
Io abbasso gli occhi concentrandomi solo sui suoi piedi che nel frattempo, appoggiandoli entrambi sulla spalliera del divano, mi aveva messo davanti la faccia. Lecco con passione e trasporto. Ma sono eccitato a mille ed ho paura di venirmene da solo. In altre occasioni mi è capitato. Ho paura che se succede anche adesso, Virna, si possa incazzare e mi possa cacciare via. E io a questa meraviglia dei suoi piedi non ci voglio rinunciare nemmeno per tutto l'oro del mondo.

Nel frattempo smesso di accarezzarsi la fica, il vibratore se lo penetra in profondità e inizia a scoparsi. I suoi movimenti da lenti si fanno sempre più veloci. Ansima di piacere, mentre io non smetto un solo secondo di leccare. Adesso si scopa più velocemente. Mugolando per la goduria con gli occhi chiusi mi fa: “Lecca...lecca...verme bastardo...lecca che la tua padrona sta godendo...lecca, non ti fermare o ti schiaccio la testa come un verme quale sei!!”
Poi li riapre. Mi guarda e sempre scopandosi mi fa: “Sei eccitato pure tu, vero?...vero...verme bastardo?...vorresti sborrare, vero?...vorresti segarti o forse vorresti che lo faccia io, vero?...merda che sei!...lecca e nascondi quell'inutile cazzo o te lo strappo...perchè con me non te ne verrai mai...tu non devi godere!...tu devi solo soffrire!!...tu devi essere solo il mio giocattolo da goduria umiliato dai miei piedi!...dimmi che stai soffrendo e che vuoi venire...dimmelo!!”
Io: “Si...sto impazzendo dalla voglia...ti prego concedimelo!”
Virna: “Mai!!...Supplicami ancora, bastardo!”
Io: “Virna ti imploro fammi segare...ho troppa voglia..sto soffrendo!”
Virna: “Mai!! Devi impazzire dalla sofferenza, verme!”
Poi scalciandomi mi fa posizionare in modo da mettermi entrambi i piedi sulla faccia sfregandoglieli sopra per asciugare la saliva. Mentre si scopa sempre più velocemente, me li schiaccia sugli occhi e sulla bocca lasciandomi solo il naso libero, riprendendo col le ingiurie: “Soffri bastardo...soffri sotto i miei piedi...soffri che godo...godoo...godooooo si!!...siiii...siiiiiii!!!...aaaahhhhh è bellissimo...aaaahhh...oh dio che bello!!...che bello!” e si distese completamente rilassata sul divano con il vibratore in mano ancora dentro la fica e i piedi sempre sulla mia faccia.
Io rimasi immobile. Ero in paradiso ma stavo impazzendo davvero dalla voglia di sborrare. Con una mano lentamente mi toccai indeciso se fregarmene dell'ordine di non segarmi o il coprire per non farle vedere l'erezione oramai incontenibile.
Quando Virna alzò di scatto la testa e fulminandomi con gli occhi mi fa: “Non ti azzardare a farlo o ti faccio sparire dalla mia vista per sempre!”
Io: “...ma io sto impazzendo dalla voglia, Virna...ti prego...un colpettino solo, faccio io...ti prego e troppo bello stare ai tuoi piedi...abbi pietà di me!”
Virna:”Ho detto no!...il patto è questo...o obbedisci o altrimenti con me hai chiuso!”
Mi veniva da piangere dalla sofferenza. Ma obbedii.
Tolse il vibratore dalla fica e i piedi dalla mia faccia. Si sedette ricomponendosi e mi fa: “Adesso alzati...vestiti e vattene....che non mi servi più...sparisci!”
Io: “Si Virna, subito...” mi alzai e mi rivestii velocemente.
Mentre stavo per uscire mi blocca: “Come...vai via senza salutare la tua dea?...in ginocchio e baciami i piedi, verme...muoviti!”
Eseguii e mentre lo facevo aggiunse: “E mantieniti casto pure arrivando a casa...e fino alla prossima volta che deciderò io di incontrarti...mi raccomando...da questo momento in poi appartieni a me”
Queste sue ultime parole mi aumentarono l'eccitazione e di conseguenza la sofferenza nel resistere a non masturbarmi. Arrivato a casa feci una doccia. Ce lo avevo sempre duro e teso, con l'acqua calda poi la voglia di segarmi era ancora più forte. Ma resistetti. L'idea di quel “ora mi appartieni” mi faceva impazzire di piacere e volli obbedire.

I giorni successivi mi sembrarono infiniti. In ufficio servivo Virna, stando attento che gli altri colleghi non se ne accorgessero. Lei gradiva, ma a parte chiedermi sottovoce se mi stavo attenendo ai suoi ordini circa la castità, mi trattava con distacco. Questo da un lato mi faceva soffrire, ma dall'altro mi aumentava il piacere, perchè mi sentivo in balia sua, come uno schiavo ignorato quando non serve e pronto a servire quando la padrona lo chiama.
Nei pomeriggi, poi, di lei non avevo notizie. Nemmeno un sms. Io avevo voglia di sentirla, ma soprattutto di rivederla. Non sapevo se fare io il primo passo o no, perchè sarebbe stato come disobbedire alla volontà della dea, così come continuavo a sforzarmi a mantenermi casto che con questa situazione che si era creata era veramente un sofferenza enorme.
Poi un pomeriggio presto, quando meno me lo sarei aspettato, senti il tono dell'sms sul cellulare. Era lei. Il cuore mi balzò in gola. Erano già passate quasi due settimane dal primo incontro.
L'sms diceva: “Ciao Verme! Spero per te ti sia mantenuto casto (e guarda che se osi mentirmi io me ne accorgo) perchè ho voglia di vederti subito. Qualsiasi cosa tu stia facendo o con chiunque tu sei, lascia e vieni adesso! Al solito indirizzo. Sbrigati che non posso aspettare i tuoi porci comodi”

Velocemente mi feci una doccia e letteralmente volai allo studio. Fu Virna ad aprirmi la porta. Stavolta era in tuta e scarpe da tennis. Mi fa accomodare nella solita stanza e mi fa: “Al solito...spogliati e rimani in mutande...sbrigati!”
Poi mi ordina di mettermi in ginocchio davanti il divano. Mi lega i polsi dietro la schiena con delle manette. Si siede davanti a me, si toglie le scarpe, poi i pantaloni della tuta e rimanendo pure lei in mutande mi fa: “Sono appena tornata dalla palestra e ho tanta voglia di farti assaggiare la fragranza dei miei calzini e dei miei piedi sudati” e si mise a ridere.
Così prima mi mise una alla volta le scarpe in faccia tra naso e bocca, per farmi gustare l'odore acre di sudore. Poi mi ordinò di aprire la bocca e mi ci infilò entrambi i calzini sudati spingendoli in fondo con un piede nudo. Fra il sapore sgradevole del cotone sudato e la spinta verso la gola, mi veniva da vomitare. Ma resistetti. L'eccitazione per essere il gioco capriccioso della mia dea ebbe il sopravvento.
Vedendomi lacrimare dalla sofferenza decise che era abbastanza. Me li tolse dalla bocca. Si sfilò gli slip. Mi mise entrambi i piedi umidicci di sudore in faccia asciugandoseli e iniziò a toccarsi il clitoride. L'espressione della mia sofferenza e del disgusto per la puzza di sudore, aumentarono il suo piacere. Mi ordinò di leccarglieli bene e aumentando la frequenza di carezze sul clitoride, raggiunse ululando l'orgasmo.

Dopo di che mi fece alzare e sempre legato mi condusse in un altra stanza dove c'era un letto matrimoniale. Mi slegò solo per ordinarmi di togliermi le mutande. Stavolta guardarmi il cazzo eretto gli piacque. Così mi fece stendere al centro del letto e di nuovo mi legò polsi e caviglie alla spalliera e alla pediera, poi con aria beffarda e soddisfatta mi fa: “Un regalino te lo sei meritato...sai soffrire e umiliarti come piace a me...così la tua signora e padrona ti premierà!” e si mise a ridere.
Si spogliò completamente. Il fisico era cadente, ma a me interessavano solo quei piedi che sudati o meno erano una meraviglia. Salì sul letto mettendosi in modo da avere i piedi sulla mia faccia e una mano che mi afferrava il cazzo. Così, tormentandomi il viso fra naso bocca e occhi, iniziò a masturbarmi lentamente. Io ero letteralmente in estasi per quello che stavo subendo. Ma la sega che mi fece fu veramente bastarda. I suoi piedi in faccia mi facevano impazzire, ma lei non appena si accorgeva che sarei potuto venire, fermava la mano. Mi accarezzava le palle e poi riprendeva. Prima veloce, poi lentamente. Poi improvvisamente si rifermava. Mi stava suppliziando con un sadismo incredibile. La voglia repressa di sborrare mi procurava una sofferenza incredibile. Ma allo stesso tempo la goduria di essere totalmente in balia dei suoi capricci mi faceva impazzire di gioia.

La imploravo di farmi sborrare perchè non ce la facevo più. Ma lei me lo negava godendo della mia sofferenza. Anzi, ad un certo punto si alzò pure dal letto, lasciandomi il cazzo a sventolare, e si andò a fare una doccia. Io legato mani e piedi non potevo fare niente e soffrivo maledettamente.
Poi dopo alcuni lunghi interminabili minuti tornò coperta dal telospugna, si rimise in posizione, piedi sulla mia faccia e riprese la sega a patimento.
Mi prendeva la cappella fra pollice e indice, massaggiandomela dolcemente così da aumentare la mia voglia di sborrare. Ma sul più bello si fermava ridendo di gusto.
Poi quando mi vide arrivare alle lacrime di sofferenza per il supplizio che mi stava infliggendo e che ormai durava da ore. Prima si masturbò di gusto, poi come una contorsionista, mantenendo sempre i piedi sulla mia faccia, si piegò sul mio cazzo e mentre con una mano mi masturbava iniziò a leccarmi la cappella. In questa maniera mi fece raggiungere un orgasmo che sborrando sembravo il Vesuvio quando seppellì Pompei.

“Oh madonna santa...è stato bellissimo Virna...bellissimo” le dissi io mentre mi slegava dal letto. Poi totalmente libero seduto sul letto, mentre lentamente mi rivestivo ringraziando il fato di avermela fatta incontrare, vidi Virna frugare e uscire, dal cassetto di un comò lì accanto, un collarino a catenella. Si sedette accanto a me. Attaccata alla catenella c'era una placchetta metallica con incise le sue iniziali “V.F.”. Me lo mette al collo, mi guarda fisso negli occhi e mi dice: “Lo sai che da questo momento in poi sei mio. Di mia proprietà.”
Io: “In che senso?...tipo fidanzati o cosa?”
Virna: “Quale fidanzati e fidanzati...sti rapporti non fanno per me. Io sono e resto libera...sei tu che sei mio...mio nel senso proprio che mi appartieni, il collarino che da ora in poi dovrai portare al collo indica che sei proprietà mia. Cioè che faccio di te quello voglio...ti chiamo e ti lascio a mio piacimento e tu obbedisci senza pretendere nulla da me...non so se hai fidanzate, compagne o amiche...non mi frega un cazzo...ma qualunque rapporto tu abbia con qualcuno, lo tronchi subito perchè adesso appartieni a me. Solo a me...chiaro?”
Io:”...no no Virna...sono single pure io...ma ho capito...Virna, si...sarò tuo...tuo per sempre...è bellissimo si, questo collare poi è fantastico non me lo toglierò mai...mi hai fatto felice, perchè anche io non sopporterei un rapporto alla pari con una donna...ne ho avuti parecchi in passato ma mi annoiavano...poi ho capito che quel che cercavo era una dea da adorare e servire...e adesso che l'ho trovata l'adorerò e la servirò fino a quando lei lo vorrà”
Virna: “Benissimo verme...adesso vattene che mi hai stancato...sparisci!!”
Le baciai i piedi e andai. Uscito in strada per tornare a casa mi sentivo felice. Leggero. La donna che mai mi sarei aspettato era la dea che avevo sempre cercato. Adesso, ogni giorno, ogni momento, non vedo l'ora di stare ai suoi piedi. I piedi di Virna.













Questo racconto di è stato letto 3 7 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.