L'inizio di tutto

Scritto da , il 2020-11-11, genere incesti

Ora racconterò l'inizio della mia vita omosessuale, sarà un racconto lungo, e quindi a puntate, e non potendo fare altro, non dirò l'età della mia iniziazione, ognuno immagini quella che vuole, per la cronaca, ero giovane.
Era la metà degli anni settanta, e tra ragazzini, si facevano i soliti giochi, ma nessuno, pensava che alcuni di noi, diventeranno col passare del tempo, dei frocetti, io in particolare se non fosse stato per mio cugino, di certo non avrei scoperto la mia vera natura sessuale.
Lui era più grande di mè, e allora i giovanotti, usavano fumare, frequentare i bar, ed essere un poco scurrili, e vantarsi di conquiste a volte solo immaginarie, e proprio ascoltando i suoi racconti, che faceva con i suoi coetanei, comincia a capire qualche cosa del sesso.
Io ero molto più piccola, e lui si stimava tutto, e io lo vedevo come un adone, un Dio, e così, un pomeriggio, che eravamo a casa soli, mia zia, era al lavoro, e io ero nella sua camera da letto, mio cugino, mi chiese se mi ero mai toccato, e se avevo erezioni, io non lo avevo mai fatto, e sì, ogni tanto il mio cosino cercava di sollevarsi, ma poi sentivo dolore in punta e tutto tornava normale.
Allora mi spiegò, che cosa volesse dire il dolore e che dovevo, dice lui scappellarlo, vuoi vedere mi dice, certo sono curioso, e così, si toglie pantaloni e slip, e si stende sul letto, si tocca il suo pisello, e in breve è duru ed eretto, mai visto una cosa simile, poi lo afferra e inizia a muoverlo su e giù, e vedo la sua cappella che fa capolino e poi rientra nel suo guscio di pelle, lo osservo, e dopo un poco mi dice, vuoi toccarlo? annuisco,mi prende la mano, e mi insegna a muovermi, è duro, caldo, e freme, è stupendo penso trà mè e mè, brava così mi dice, toccami le palle, le tocco e le palpeggio sono dure, lui chiude gli occhi e mi dice di continuare.
Alterno le mani, e poi lo afferro con tutte due, ansima, si mi dice continua cuginetto dai che vengo, e poco dopo parte uno schizzo di crema biancastra e poi altri, e così mi imbrattano i capelli e le mani, finito, si mette a sedere e mi dice, hai visto cosa vuole dire scappellare?, e poi aggiunge, togliti i pantaloni che te lo insegno.
Mi metto nudo sul letto, lui si spoglia, mi tocca, dai capezzolini, al pisellino, le palline, e mi allarga le gambe, osserva il mio buchetto, insaliva un dito, e inizia a giocare con il mio ano, mi piace, si muove si dilata e restringe, e lui infila una parte del suo dito, la mi eccita e il mio cazzetto si inalbera, ma subito si ferma, mi fa male, allora il cugino, me lo afferra, lo succhia un pochino, e poi con un colpo secco lo scappella, il bruciore è intenso e mi fà male, un poco di sangue colora il mio cazzetto, che libero dalla pelle cresce anche se non diventa come il suo, ma questo è dovuto dalla differenza di età, scoprirò poi, poi rimette la pelle al suo posto, e grazie alla sua saliva mi inizia alla mia prima sega.
E' bello non lo nego, brucia ancora ma il piacere si fa avanti, mi insegna come fare dove toccare come stringere, e poi con pochi colpi mi porta al piacere, e schizzo poche gocce di sperma, e mi libero per la prima volta, poi si avvicina, si stende al mio fianco e mi bacia.
La sua lingua calda mi scioglie e cerco di ricambiare, mi abbraccia e sento il suo cazzo duro sulla pancia, mi palpa un po', e poi si alza, dai andiamo la zia arriverà trà poco, e così mi rivesto.
Il giorno dopo, finita la acuola, corro da mio cugino, il quale mi attende in camera sua, e subito, mi denuda, e così, iniziamo dei pomeriggi intensi, fatti di pompini e di bevute, mi insegna a segarlo, a spompinarlo, a bere il suo caldo sperma, e lui contraccambia facendomi a volte un pompino.
Poi inizia a farmi indossare dei capi intimi da ragazza, per passare al reggicalze, e nel frattempo passano alcuni mesi.
Non potendo sempre incontrarci da lui, spesso veiva a casa mia, dove però c'era mia madre, e quindi mi insegnò a fargli le seghe dalla tasca dei pantaloni, o appena mamma si spostava in casa, subito a fargli un pompino e bere il tutto velocemente.
Dopo circa sei mesi, mi chiese se mi piaceva, e se volevo continuare, dissi subito di sì, e così mi fece promettere di non parlarne con nessuno, e che pero, se volevo continuare la relazione con lui c'erano delle condizioni.
La prima era che sarei stata trattata e chiamata al femminile, e che dovevo diventare la sua ragazza, quindi voleva dire, fare quello che sentivo dai suoi racconti, ossia scopare, e che dovevo indossare sempre intimo femminile con lui, accettai.
Così, dopo ochi giorni, mi venne a prendere a casa un pomeriggio, salutò mamma, e le disse che mi avrebbe portatoa fare un giro con i suoi amici, e così, ci incamminammo verso casa sua, mi prese per mano, e mi disse, oggi cuginetta, ti farò mia, diventerai la mia donna, mi strinsi alui, e sussurrai, ti amo cugino.

Questo racconto di è stato letto 4 8 1 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.