Amsterdam- Babilonia

Scritto da , il 2020-10-12, genere etero

Lecco il viso di Debbie. Per la precisione, lecco quella metà del viso di Debbie che non è appoggiata sul ripiano del tavolo. Passo labbra e lingua anche su qualche ciocca, sentendone il solletico e quel po' di fastidio che possono dare i capelli. Per dirla proprio tutta, sto leccando via da lei lo sperma che Wim le ha scaricato addosso. Poi passerò alla sua schiena, per assaggiare il sapore dello sperma di Juan.

Debbie lascia fare, ansima con la bocca semiaperta, gli occhi un po' assenti, ancora ripiegata a novanta sul tavolo del salone. Ha smesso di tremare da poco. Wim e Juan ci guardano. Non li vedo ma sento i loro occhi addosso. Non è essenziale in questo momento sapere ciò che pensano. E' essenziale adesso inginocchiarmi davanti all'olandese e prenderglielo in bocca ancora teso, come se volessi completare il lavoro cominciato qualche minuto fa. Anche lui ansima ancora, io invece penso che adesso forse ce la faccio a farmelo arrivare tutto fino in gola. Scommessa vinta al terzo tentativo, Wim si lascia sfuggire un mugolio gutturale e forse un'imprecazione. Non lo capisco, ma non importa. E' il suono che conta, è quello che mi eccita insieme al contatto del mio naso con i suoi peli pubici e alla sua carne in bocca. Emetto un rantolo strozzato pure io, poca roba rispetto a poco fa. Perché quando il gioco lo conduco da sola so anche evitare i conati. Sempre che mi vada di evitarli.

Mi stacco dal suo cazzo ormai lucidato e torno da Debbie, che non si è mossa da quella sua postura quasi innaturale. Le trema una gamba, solo una. Mi metto tra lei e Juan, che mi osserva con la maglietta ancora indosso e i pantaloni della tuta alle caviglie. Fatta eccezione per il top arrotolato in pancia, sono nuda. Può guardare la mia schiena e il mio culo.

Il suo primo getto si è spiaccicato su una natica di Debbie, il secondo è arrivato molto più su, proprio sotto il collo. I successivi le hanno lordato la schiena. Era molto carico, ho visto tutto. Comincio dal sedere, perché lo sperma sta cominciando a colare. Ha un sapore più forte di quello di Wim. Al contatto con la mia bocca e la mia lingua Debbie rabbrividisce leggermente. La ripulisco con devozione. Mentre lo faccio Juan mi posa una mano sulle chiappe, le accarezza, le strizza. Risalgo all'orecchio di Debbie, ci infilo la lingua mentre le passo la mano sulla schiena ancora bagnata della mia saliva, lei rabbrividisce una volta di più. "Come stai?", sussurro. "E' stato fortissimo", miagola. Subito dopo Juan mi infila un dito nella vagina. Non fa molta fatica, sono un lago. Tiro fuori un gemito forte, quasi interamente soffocato dalla guancia di Debbie su cui sono tornata a spargere bacetti. Lo spagnolo è molto più impetuoso di Wim. Spinge forte, mi frulla. Un po' lecco la faccia di Debbie e un po' piagnucolo in modo indecente, almeno finché quel dito non lo sfila e me lo mette in bocca. Sono un misto di terrore, frustrazione, voglia. Alla voglia ci arrivate da soli, immagino. Per il resto credo di dovervi qualche spiegazione.

*****

E' successo questo. E' successo che, dopo che Juan ha cominciato con Debbie, Wim se l'è tirato fuori. Senza tema di smentite, un gran cazzo. Anzi, un Signor Cazzo, lungo e pieno. E lui un Signor Porco.

Sì, porco. Perché è vero che gli avevo raccontato un mucchio di stronzate sul mio conto, ma lui che fossero stronzate non lo sapeva. Pensava davvero di avere davanti una ragazzina di nemmeno diciassette anni, completamente scema ma abbastanza troia da andare a letto con un suo professore. E lui aveva appena pensato bene di dire a questa ragazzina qualcosa tipo "fammi vedere come glielo succhi il cazzo, al tuo prof". E aveva tirato fuori la bestia. Non contento, mi aveva anche abbassato a mezza gamba, gli shorts e il micro perizoma. Mi sono chiesta perché l'avesse fatto. Non che me fregasse poi tanto, la visione e l'odore del suo arnese mi avevano già abbastanza portata di fuori come un balcone. Però che cazzo vi devo dire? Me lo sono chiesto. L'ho capito immediatamente dopo, perché quando ho iniziato a darmi da fare lui ha iniziato a sditalinarmi.

Di recitare la parte della scema ormai non me ne fregava più nulla, non capivo quasi più nulla. Ho solo scalciato per liberarmi definitivamente di tutto, scarpe comprese e rimanere nuda, eccezion fatta per quel top che mi si era arrotolato giù. Dai, cazzo Wim, io sarò una gran vacca ma tu pure sei un vero maiale a non avere nessuna remora, nemmeno con quella che tu pensi sia una ragazzina.

Proprio perché ho pensato che era un porco, mi ci sono messa di impegno. Che ci volete fare, quando parte l'embolo mi prende così. E quindi lingua, labbra, bocca sempre più aperta. Ho pensato che oltre a essere un porco era anche un porco fortunato, si stava beccando un pompino che poche volte in vita sua gli era capitato. Poco ma sicuro, datemi retta.

I rumori della stanza erano quelli dei miei succhi e risucchi, dei gemiti un po' sorpresi di Wim, delle carni di Juan e Debbie che sbattevano, degli urletti di lei. Lo spagnolo la scopava come un metronomo, lei aveva smesso ben presto di starnazzare "neee, neee" e di contorcersi. Una grande interpretazione, la sua, portata fino in fondo: quella della scema che non vuole tradire il suo fidanzato ma che è troppo affamata di Juan. Di Wim. Di me. Dopo un po’ aveva cominciato a contorcersi e basta, miagolando sotto quei colpi cadenzati.

Avevamo trovato ciò che entrambe cercavamo.

Quello che ha fatto cambiare un po’ tutto è stato lo strillo di Debbie. E’ arrivato proprio mentre per Wim era giunto il momento di mettermi una mano sulla nuca e chiedermi di più. Uno strillo preannunciato da due "nee, nee" molto diversi da prima. E poi ancora "nee! nee! nee!", sguaiati, disperati. Ho capito che aveva smesso di recitare, che Juan l'aveva inculata di colpo, senza dire una parola. Lei aveva anche cercato di rialzarsi, più che altro per istinto, credo, ma lui l'aveva risbattuta giù e aveva continuato, imponendole le mani sopra le spalle, spingendo come un forsennato. Era selvaggio, spaventoso, eccitante. Non ho più avuto la forza di continuare con Wim. Lui stesso non penso fosse più di tanto interessato, ormai. Mi strusciavo il suo cazzo sulla guancia mentre osservavo il pilota di aerei spagnolo sodomizzare la mia amica, mentre sentivo le sue urla che progressivamente si addolcivano, diventavano più arrotondate, più vezzose. Finché non ha portato le mani all'indietro e non si è aperta le chiappe da sola, la troia. "Inculami, fammelo uscire dalla bocca", non so se l'ha pensato lei ma di certo l'ho pensato io. Ho sentito addosso, fortissime entrambi, la paura e la voglia di essere presa in quel modo.

Tutte queste immagini mi sono passate davanti come in slo-mo, anche se in realtà tutto si è svolto abbastanza in fretta. Juan che esce, l'urletto di Debbie e la visione del suo ingresso posteriore, il preservativo strappato. Lo spagnolo che si sega rapidamente e gli schizzi che si arrampicano sulla schiena della mia amica. Sempre Juan che ansimando si volta verso di noi e invita Wim. A scoparla, immagino, anche se non ho capito bene. Wim che invece mi afferra la testa e, quella sì, me la scopa con violenza in quattro o cinque rapidissimi colpi, le lacrime che mi salgono agli occhi e lui che mi lascia a cercare di ritrovare il respiro. Si alza, piazza il cazzo a pochi centimetri dal viso di Debbie, lo ricopre di sperma. Lei guaisce di gioia. Il silenzio cala e tutti noi, proprio tutti e quattro, per un po' sbuffiamo come mantici senza dire una parola. E' a quel punto che mi sono alzata anche io dal divano e ho fatto quello che vi ho raccontato all’inizio.

Vorrei che capiste una cosa, a questo punto. E che cioè tutto quello che succede d’ora in poi ha a che fare con il sesso, certo. Con un’orgia, se volete. Ma se proprio potessi scegliere una sola parola per descriverlo, probabilmente direi che ha a che fare con la magia. Proprio io che alla magia non credo per nulla.

*****

Libero Debbie dal reggiseno, la aiuto a mettersi dritta. Mi guarda con gli occhi ancora un po' liquidi, ma sorride. Mi sfilo del tutto l'ormai inutile top e la abbraccio, la bacio. Sento il sapore dello sperma, l'odore dello sperma. Sulle nostre lingue e sul suo viso. Mi sembra di impazzire dalla voglia. Mi appiccico letteralmente a lei, le nostre tette si toccano. Quasi istintivamente piazza una gambe tra le mie, mi fa strusciare sulla mia coscia. La amo. No, dico sul serio, la amo proprio per quello che sta facendo. Ci abbracciamo e ci baciamo così, in piedi, davanti agli altri due dei quali - per qualche momento - non ce ne può fregare di meno anche se dicono qualcosa che, se capisco bene, deve contenere la parola "lesbiche". Va bene pure quella, anche se è una classificazione stupida, come a volte lo sono le classificazioni. Sì, ok, siamo due ragazze nude che si stringono e si baciano, ma siamo molto più di questo. Siamo molto più che lesbiche, etero o bisex. Siamo io e Debbie. Molto ma molto di più di tutto questo.

All'improvviso l'abbraccio si fa più forte e arriva la scossa. Elettrica, calda, che mi attraversa da capo a piedi. Non pensate che abbia a che fare con l'eccitazione sessuale perché non ce l'ha. O se ce l'ha è proprio in misura piccola piccola. Non ho mai sentito nulla del genere. Mi abbandono su di lei e lei si abbandona su di me. E da questo momento in poi qualsiasi cosa accada, sottolineo "qualsiasi", è come se sentissi il corpo e l'anima di Debbie sopra di me, dentro di me.

La sento anche quando Juan me la strappa e se la porta in un'altra stanza, anche quando Wim - ormai nudo anche lui - si siede sul divano e mi sistema sulle sue ginocchia. Quando mi bacia, mi succhia le tette, mi sditalina. Quando me lo rimette in bocca per farglielo tornare duro. Vuole la sua parte, il porco, non si accontenta mica. E gliela do, lascio che mi metta a sedere su di lui dandogli le spalle. E che mi infilzi in quel modo, che mi faccia urlare.

Ma non è lui, lo sento benissimo, non è lui che mi possiede. Voglio dire, mi piace, eh? Mi piace da morire, mi fa godere come una matta con quel pennone che mi sbatte dentro. Dio santo che bel cazzo. Bestiolina in calore, femmina da monta, puttana. Chiamatemi come vi pare. Ma non sono sua. E' una percezione assoluta, in un certo senso non sono mai stata così lucida durante una scopata. Io mi sento di Debbie, sono di Debbie.

Quando la vedo tornare, lo so che sembra scemo dirlo ma fatemelo dire lo stesso, è come se si portasse appresso una luce. Ed è come se provassi ancora più piacere. Forse è scemo anche questo ma è così. Si inginocchia tra le nostre gambe spalancate, mi bacia. Ha la pelle fresca, le punte dei capelli bagnate. Mi sembra inverosimile che Juan l'abbia trascinata sotto una doccia ma non c'è altra spiegazione. E in fondo sticazzi. Porta una mano in basso e forse sfiora i coglioni di Wim, la sua asta bagnata e bollente. Ma è quando sfiora me, quando arriva morbida al grilletto che vado in frantumi. Tutto va in frantumi, tranne la sua bocca nella quale soffoco gli strilli.

"Annalisa, sletje", è la prima cosa che, dopo, riesco a decifrare. Mi viene quasi da piangere. Sotto di me Wim si dà da fare come un forsennato e non è che non lo senta, cavolo se lo sento. Ma è come se non me ne fregasse un cazzo. Voglio Debbie, la bacio. A un certo punto è come se l’una dicesse all’altra “ci siamo solo noi”.

Questo non significa che gli altri due spariscano. Anzi. Ma è tutta l’atmosfera che è cambiata. E’ diventata un gioco erotico e sentimentale tra di noi. E l’olandese e lo spagnolo si adeguano, come se ne fossero contagiati. Anche Juan sembra più rilassato. Tende sempre a fare un po’ il macho, o magari lo è davvero. Ma non lo ostenta, ride spesso, come se si fosse liberato dal ruolo di castiga-troie. Wim invece... beh Wim è uno che vuole divertirsi e si vede. E ci tiene anche a fare divertire noi. Potrei pure dire che con l’uccello che si ritrova non c’è nulla di più facile per lui che far divertire due ragazze, ma non sto parlando di questo.

Mi sento libera, leggera, disponibile. Mi sembra anzi di non essere mai stata così disponibile in vita mia. Me ne sto seduta sul divano ancora scossa dall’orgasmo, aggrappata come un koala a Debbie, mi perdo nell’odore della sua pelle. Juan si avvicina e ci dà da bere una cosa che non capisco nemmeno io cosa è, mi fa “wow baby” sorridendo, distribuisce una carezza a Debbie e una carezza a me.

- Adesso giochiamo un po’ tutti insieme, ti va? – mi domanda.

- Voglio fare tutti i giochi che volete fare voi – rispondo portando tra le gambe di Debbie la mano che non regge il bicchiere.

Le restituisco la carezza che mi ha fatta esplodere poco fa. E’ morbida, è bagnata, è aperta. Squittisce quando la penetro appena con un dito.

- Davvero? – domanda Juan passandomi una mano tra i capelli.

Non gli rispondo, ma lo guardo. Lo fisso degli occhi. Non smetto di fissarlo nemmeno mentre scolo quello che mi ha dato da bere e che è forte, freddo, va giù da dio. Mi inginocchio ai suoi piedi poggiando il bicchiere per terra e glielo prendo dolcemente in bocca. Anche per lui, come per Wim, ho diciassette anni, è ciò che gli ho detto. Mi chiedo se una ragazzina di diciassette anni se la sia mai fatta, mi chiedo cosa pensi di me. Io posso dire invece la sensazione che provo con la sua carne ancora non in tiro, tenera e quasi indifesa. Lo accolgo tutto facilmente in bocca, morbido com’è. Lo poggio sulla lingua spingendolo piano sul palato, più che un pompino all’inizio è quasi una coccola. Che dura poco, però. La pelle si tende, l’animale si risveglia, si ingrossa, lo risucchio tra le mie guance e tra le mie labbra, faccio rumori osceni. Quando mi rialzo un poco lo guardo, lucido e scoperto in punta. Largo, bello e potente, carico di quella forza che appena poco fa ha aperto la fica e le viscere di Debbie. Wim è accanto a noi, seduto, che ci osserva. Non è ancora duro come quando mi chiavava ma svetta ancora. Gli sorrido e lo impugno, dio santo che roba. Guardo Juan dal basso in alto e sorrido anche a lui. Gli dico “ogni cosa”, gli colo tutta la saliva che ho sul cazzo me lo imbocco fino a che non mi si ferma in gola. Juan rantola qualcosa. Spompino lui e sego Wim. Sono padrona del loro piacere, mi sento capace di qualsiasi cosa. Debbie viene vicino e mi si china addosso, ho le sue tette sulla schiena mentre mi sussurra all’orecchio “io ti adoro”. E’ il paradiso, per me potrebbe tutto finire adesso.

E invece è come un segnale che fa ricominciare tutto, ma sotto una forma nuova. Sento Debbie scostarmi la mano e iniziare lei a spompinare a Wim. Amo i rumori che produce, le accarezzo i capelli e la schiena, miagola di piacere. A sentirla, mi colo tra le cosce.

Nel salone e poi nella stanza di Wim i suoni sono quelli di carni che cozzano, grugniti, gridolini di piacere, strilli e ruggiti di orgasmi, schiocchi di sculacciate. Respiri pesanti e ritmati, parole smozzicate, insulti, implorazioni e comandi in lingue diverse. Slet, slut, che bel cazzo, je doet me pijn, bend over, fuck me harder, tutto dentro, you’re a horse. Deeper, deeper, deeper... Suck my dick bitch, give it to me, eat her pussy, puta, neuk me, sfondami, grita mas fuerte. La Babilonia del sesso.

Sul letto di Wim tutto diventa un intreccio di gambe, braccia. Bocche che si svuotano e si riempiono, lingue che depositano scie di saliva. Mani che accarezzano, strizzano, schiaffeggiano. Natiche marchiate, dita che penetrano. Cazzi arroganti e imperiosi, lucidi, che cercano la loro strada e la trovano, fregne appena violate che gocciolano e che supplicano di essere violate ancora, cosce aperte. Seni morsi, capezzoli succhiati come se potessero allattare. Corpi di due ragazze messe alla pecorina che cercano di baciarsi mentre vengono fottute e spedite in paradiso.

Raccontare tutto nel suo svolgimento cronologico, nei dettagli, descrivere i singoli momenti, farne una specie di relazione, sarebbe impossibile, sbagliato, ingiusto, persino antiestetico. Finirebbe per rappresentare quel trionfo della vita come una banale ginnastica.

E invece io e Debbie siamo due dee, due imperatrici del piacere. Il nostro e il loro. Prendiamo e offriamo senza logica né criterio, seguendo voglie e istinti. Soddisfiamo ogni richiesta, ogni piccolo ordine, godiamo di ogni momento. Mi inorgoglisco dello stupore eccitato che mi circonda quando Juan mi sbatte a quattrozampe e dimostro di essere capace di piantarmi in gola il cazzo di Wim. Soffoco e sbavo, mugolo e divento scema desiderando, ancora una volta e per qualche istante, che il pilota spagnolo faccia il culo anche a me. Impazzisco a vederli e a sentire i gemiti che fanno mentre Debbie li succhia a turno, ad assistere alla tracotanza di Wim che la fa godere sciacquandole nella fica due dita di ditalino selvaggio.

E’ meraviglioso, sfibrante. Ti rapisce, ti brucia. E tu non sai dove trovi le forze. Ti estenua. Ma nelle vene ci scorrono più endorfine e adrenalina che sangue, ormai. Quando i due vogliono riposarsi ci chiedono comunque di darci da fare tra noi. E noi lo facciamo. Lecco sperma che tracima dalla vagina ancora pulsante di Debbie e glielo restituisco sulla lingua. Un sessantanove tra noi strappa applausi infoiati quando lei mi fa ululare con le labbra incollate sulla fica e due dita infilate nel culo. Ci ritroviamo inginocchiate ad abbracciarci e a baciarci, a incitarli e canzonarli ridendo mentre ci osservano disfatti: “Fate gli uomini, siate uomini”. Ci sentiamo amanti, senza ritegni né limiti, ci sentiamo troie. Usate, contese, scambiate tra l’uno e l’altro, desiderate. Chi vuole fottersi la bella manager olandese? Chi vuole riempire di cazzo la bocca di questa svergognata ragazzina italiana? Vuoi sentire i suoi urletti di piacere mentre la sculacci? Nulla ci spaventa, non un passo indietro. Io e lei possiamo essere tutto quello che ci pare.

Esplodo per l’ennesima volta a gambe spalancate sotto le botte di Juan. Esplodo e mi dico basta, che non ne ho più, che mi fa male ormai. Piagnucolo accanto a Debbie che ha ancora la forza di cavalcare Wim, impalata sulla sua stecca da Priapo. Geme la sua lagna mordendosi il labbro, Mi osserva stravolta e mi accarezza un braccio, si volta verso lo spagnolo e accarezza anche lui. Ma è una carezza diversa. Lunga, lenta, lasciva.

Torna a fissarmi negli occhi. La guardo ed è come se mi chiedesse di accompagnarla. Non c’è bisogno che mi dica nulla, mi bastano quegli occhi.

- Debbie... – piagnucolo ancora.

- Sì... – ansima. Allunga la mano e mi stringe il polso. Poi torna a fissare Juan.

Lo spagnolo la guarda. Sono pochi secondi ma sembrano un secolo. Poi, finalmente, capisce pure lui. Si sposta e si sistema dietro Debbie, tra le gambe che Wim apre per fargli spazio. Lo osservo anche io. O per meglio dire gli osservo il cazzo. Teso, duro, ancora lucido di me. Si sistema meglio, poggia una mano sulla schiena di Debbie e la spinge verso l’amico. Lei scende con gli occhi chiusi la bocca semiaperta, come se si preparasse a strillare. Per un attimo le vedo un capezzolo, mi sembra appuntito, una piccola pietra. La stretta sul mio polso si fa più forte.

Juan ha lo sforzo dipinto sul suo volto, la mascella irrigidita. Debbie non emette un lamento, solo l’aria inspirata tra i denti che ora sono serrati. E gli occhi non sono più chiusi, sono strizzati. Trema, suda più di quando abbia sudato finora. Il colpo secco e finale di Juan, il grugnito di Juan. La testa di Debbie che scatta verso l’alto e i biondi capelli che svolazzano, il suo grido di dolore lacerato.

Risento la sua voce che, solo ieri sera in quel ristorante thai, mi raccontava la fantasia sulla sua prima doppia: “Come fai tu a non pensarci?”.

Le sue unghie mi affondano nel polso e mi fanno male, ma mi piace. Adoro questo dolore che mi sta dando. Amanti, gemelle, fuse insieme. Questo siamo.

*****

Ci sono dei momenti in cui non c'è altro modo di camminare che farlo trascinando i piedi e lasciando strusciare la borsa per terra. Osservo Debbie che apre il portoncino e la prospettiva delle scale fino al suo appartamento mi appare una arrampicata impossibile. Anche lei deve pensare più o meno la stessa cosa.

Puzziamo, di qualsiasi cosa vi venga in mente. Il taxista deve averci odiate. Qualsiasi cosa queste due abbiano preso - avrà pensato - ne hanno presa troppa.

Wim è stato gentile. Ci ha accompagnate in macchina alla stazione, anche se la stazione non era così lontana da casa sua. Sì è anche offerto di portarci ad Amsterdam. Magari ha fatto semplicemente la mossa, o magari era sincero. Chi lo sa. Debbie gli ha risposto che era meglio che andasse a dormire anche lui. Non si fidava, mi ha detto. Io un pensierino ce l'avrei fatto.

Il primo treno della domenica mattina era praticamente deserto. Perfetto per noi, due ectoplasmi doloranti e sbrindellati. Ci siamo sedute con molta cautela sui sedili troppo duri. Per fortuna il fresco della mattina ci aveva costrette a indossare i giubbini, così che nessuno potesse notare i nostri indumenti spiegazzati, sporchi, messi su molto sommariamente. Il problema erano semmai le nostre gambe quasi interamente nude, che non riuscivamo a riscaldare.

Chissà cosa penserebbe la donna che stava seduta davanti a noi ieri sera, mi sono detta. Quella che ci guardava con un certo disgusto domandandosi certamente se fossimo due troie o due semplici sciroccate. Chissà se le basterebbe guardarci per sciogliere ogni dubbio. L'ho chiesto a Debbie immediatamente prima che il treno cominciasse a muoversi, ridacchiando come un'ubriaca. La sua unica reazione è stata un sorrisino. Eravamo sfatte entrambe. Sono crollata a dormire poggiandole la testa sulla clavicola, l'ultima cosa che ho sentito è stata la sua mano che mi cingeva una spalla.

Adesso che entriamo in casa la valigia appoggiata accanto a un muro mi ricorda che stasera ho l'aereo. E' chiaro che ci salirò sopra, anche se in questo preciso istante non posso nemmeno prendere in considerazione l'idea di separarmi da lei. Così come non posso prendere in considerazione l'idea di spogliarmi, lavarmi. Riesco a malapena a togliermi le scarpe. Debbie, più previdente, imposta una sveglia sul telefono. Ci tuffiamo quasi insieme sul letto, a faccia in giù. Siamo così distrutte che non riusciamo nemmeno a dirci una parola. O forse non c'è proprio bisogno di parole.

Afferra delicatamente il mio polso e bacia la benda che Juan mi ha applicato tirandola fuori dal suo kit d'emergenza. E' un po' rosea in un punto, segno che i tagli provocati dalle unghie di Debbie hanno continuato a sanguinare ancora per un po'. Incredibile come non abbia più sentito dolore e come non lo senta ancora adesso. Non so che cosa dirò a casa, mi inventerò qualcosa. I miei sono medici e figuratevi se si faranno i cazzi loro. Chissenefrega, ci penserò. Dentro di me però spero che alla fine una piccola cicatrice mi rimanga, che mi rimanga un marchio.

FINE

Questo racconto di è stato letto 2 9 7 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.