Weekend lovers - Il demone

Scritto da , il 2020-10-26, genere etero

Ciao, sono Annalisa. Se avete letto i miei racconti una certa idea ve la sarete fatta. In caso contrario, lasciate che vi dica qualcosa di me.

Ho venti anni, sono una brillante studentessa universitaria. Quest’anno conseguirò il triennio. A meno di improbabili défaillances, con il massimo dei voti. Poi prenderò la magistrale e poi il master. E’ già tutto scritto, i miei non mi hanno pagato gli studi perché vada a fare la precaria in qualche liceo. Se lo possono permettere. Senza esagerare, ma se lo possono permettere.

Non è che i miei genitori facciano pesare particolarmente le loro aspettative su di me. Sono io che ci penso. E più mi avvicino al traguardo più ci penso con una certa inquietudine.

Contrariamente al mio espetto etereo e pulitino, sono una assolutamente competitiva e, se mi ci metto, anche abbastanza cazzuta. Questo significa, per dire, che non voglio mai scendere sotto il trenta in ogni singolo esame. Come ha fatto mia sorella. E’ lei il mio termine di paragone, la mia ignara competitor. Non mi basta il centodieci, no. Voglio che quel giorno la direttrice del dipartimento mi mandi a prendere con la limousine. Voglio essere migliore di tutti i miei compagni e di tutte le mie compagne. E’ una cosa mia, non rompo i coglioni a nessuno ma ci tengo.

Come potrete immaginare, questo mi costa, oltre all’ansia, anche qualche invidia e qualche guardataccia. Immotivate, ok, ma sapete com’è… Mi costa anche fatica, naturalmente, ma non eccessiva. Non voglio vantarmi, davvero, però so di possedere una intelligenza e una sensibilità sopra la media. Non da Nobel, magari, ma sopra la media sì.

Nella vita di tutti i giorni sono però una ragazza normalissima. Ho le mie amicizie. Tre bff, circolo quasi esclusivo. Poche, vero, ma non sono asociale e non me la tiro particolarmente. Un po’ sì, ok, ma come tutte. Sono una che esce volentieri e va a ballare o alle feste se la invitano. E mi invitano, credetemi. Spesso con largo anticipo. Devo distribuire i bigliettini.

No, non ho un ragazzo. Non me ne faccio un cazzo di un ragazzo. Dite che alla mia età dovrei avercelo? E dove sta scritto? Ce ne ho avuti due, sapete? Non è che non ho mai fatto la prova. Tuttavia se oggi me lo chiedessero a bruciapelo, e magari esagero, direi che l’unico lato negativo del non avere un ragazzo è che non ho nessuno cui dare il pilotto per farmi regalare qualche stronzata. E’ noto che andiamo matte per le stronzate. Io meno di tante altre, d’accordo, però a volte mi farebbe piacere ricevere un regalo, a chi non fa piacere?. Ho detto una stronzata, eh? Mica una borsa di Prada. Oh, se poi qualcuno vuole regalarmi una Prada, beh… fatemelo sapere. Per il resto, sto bene come sto.

Va bene, veniamo al punto.

E il punto è questo. Una ragazza della mia età, senza un fidanzato, beh, siamo sincere dai… a tutte piace scopare. A me anche di più. Eh, che ci volete fare? Sono così. Ho una vera passione per il cazzo. Talora anche per la fica, ma qui ci inoltreremmo in un discorso complicato che non mi va di affrontare.

Quindi, dicevo, una ragazza come me, senza fidanzato, qualche problema ce lo potrebbe avere. Un problema di nome sesso, ovviamente.

Beh, io questo problema non ce l’ho. Non voglio fare la supponente, ma è così.

Seguitemi un secondo, per favore. Lo so che corro il rischio di sembrarvi una perfetta stronza. Un po’ lo sono, è vero. Ma in ciò che vi sto per raccontare non c’è niente che non sappiate tutti.

Quella lì, per esempio, ce l’avete presente? Una sfigata che di norma, in disco o alle feste, è la settima-ottava scelta di un certo tipo di ragazzi. Ragazzi che non vengono nemmeno degnati di uno sguardo da quelle come me e perciò si buttano sulle altre, su quelle come lei.

Beh, avrà più o meno venti anni, come me. Andrà in calore come ci vado io quando penso a un tipo che mi piace. Peggio ancora se la cosa diventa un affare di cuore, perché in quel caso si soffre davvero. Io il cuore non lo regalo a nessuno. Anzi no, lo regalerei molto volentieri a una ragazza. Ma poiché vive in Olanda tutto mi consiglia di lasciar perdere, anche se non è per niente facile. Ai ragazzi invece mi sento di dire una cosa: non innamoratevi di quelle come me, è assai probabile che vi becchiate una tranvata. Quelle come me vogliono altro, pensano ad altro.

Anyway, torniamo alla sfigata. Non ce l’ho con lei, sia chiaro. Anche se rinchiude la sua frustrazione e la sua voglia repressa dentro un bozzolo di acidità e di finta alterigia. Anche se manca poco che mi segni a dito dicendo “ma l’avete vista quella quanto è troia?”.

Sì, è vero, ogni tanto mi metto figa ed esco pensando “se stasera trovo qualcuno che mi piace me lo faccio”. Non è che va così tutte le sere, è chiaro, non diciamo cazzate. Però quando capita so di avere un’alta probabilità di successo. Forse l’ho già detto, non mi ricordo, ma io non ci trovo nulla di male. Credo che alla mia età sia pure normale, naturale, cercare di soddisfare certi bisogni. I discorsi moralistici – sì, siamo nel ventunesimo secolo ma c’è ancora chi li fa – non mi sono mai interessati. E guardate che non sono la sola a pensarla così.

Mi piace seguire le mie voglie, ma non me ne vanto più di tanto. Lo so che ci sono ragazzi (e anche ragazze, non crediate) che amano raccontare in giro delle loro conquiste di una sera. Onestamente, se non si va troppo sul volgare ogni tanto piace sentirli pure a me, certi racconti. Però non mi piace particolarmente farli. Non è che ho speciali ritegni, voglio dire, se si tratta proprio di una cosa megagalattica magari mi sbottono, ma in genere non lo faccio. E non amo nemmeno che il mio estemporaneo compagno di giochi lo faccia in mia presenza, o che vi alluda. Ecco, quella la considero un po’ una cafonata.

Al contrario, lo so che vi sembrerà strano ma è così, adoro immaginare mentre lo racconta ai suoi amici. Chissà perché mi figuro quasi sempre la scena dentro uno spogliatoio maschile, non lo saprei dire, ma in fin dei conti è irrilevante: “Hai presente quella biondina che stava alla festa ieri sera? Beh, l’ho accompagnata a casa… non puoi capire che troia che è…”.

Chiaramente non so se le parole sono queste, o cosa si dicono dopo, però vi confesso che ogni tanto mi masturbo immaginando queste conversazioni, i pensieri dei suoi amici su di me, i loro desideri. Mi chiedo anche se ai ragazzi venga duro, mentre ne parlano. Forse è un po’ troppo, ma mi piace raffigurarmelo.

Che poi, poi non è che si tratti necessariamente di scopate, eh? A volte un pompino va benissimo, anzi un sacco di volte lo preferisco. Ci si mette di meno, ha meno strascichi fastidiosi, senza contare che mi piace da morire. Senza contare, inoltre, che – per così dire – la logistica è più semplice: spesso bastano una macchina e un parcheggio. Mentre a me, per esempio, scopare in macchina nel vero senso della parola non è che piaccia molto. Se mentre lo succhio o quando ho finito il lui della situazione è così gentile da sditalinarmi, ok. Deve essere bravo, però. Sennò preferisco fare da sola, a casa. Idem per quanto riguarda leccarmela. Mi piace come preliminare, eh? Davvero, lo apprezzo! Ma solo se poi va al sodo. E trattandosi di un ragazzo immagino che capiate cosa voglia dire quando parlo di sodo. Se invece pensa di farmi godere in quel modo, beh… deve proprio essere uno che sa il fatto suo, sennò è meglio che lasci perdere. Dico sul serio, non avete idea di quanto siano più capaci le ragazze.

La sfigata di cui parlavo prima, è ovvio, mi odia per tutte queste cose. Mi odia perché difficilmente viene scelta e ancora più difficilmente può permettersi di scegliere. La posso capire e, vi ripeto, non ce l’ho con lei. Ma la differenza è tutta ed esclusivamente qui. Io a volte devo solo scegliere il più figo. E questa cosa mi fa sentire potentissima. Non potete nemmeno immaginare quanto.

A volte però – e qui entriamo proprio nel vivo del mio racconto – non sono io che scelgo. E’ come se qualcuno scegliesse per me, come se mi trascinasse di forza dentro un vortice dal quale non so mettermi in salvo, anche se a essere sincera non so nemmeno se vorrei mettermi in salvo.

Non so quante ragazze mi capiscano – qualcuna ci sarà – quando dico che non c’è nulla di più eccitante, esaltante, irresistibile di questi momenti. Quando ti è entrata in testa l’idea che l’unica cosa da fare sia fare qualcosa di sbagliato, immorale. Spesso sconveniente, a volte degradante. Come se volessi rendere chiaro a qualcuno che mica sono quella che sembro.

Non parlo di scopare, non parlo di succhiare cazzi. Quello viene dopo. Parlo di altro, parlo di qualcosa che succede prima e che succede dentro di me.

Io lo chiamo il mio demone. E’ di questo che vi parlo.

A volte è un po’ come stare al ristorante, davvero. Io me lo vedo con la faccia un po’ satanica e il pizzetto. Arriva sapendo che non potrò rifiutarmi di consumare e mi squaderna davanti il suo menu: “Qui c’è tutto quel che vuoi, baby”.

Voglio le botte sul culo.
Voglio il ciac-ciac-ciac che mi fa fare avanti e indietro.
Voglio i graffi, i morsi e i capelli tirati.
Voglio essere supplicata.
Voglio la lingua.
Voglio i baci.
Voglio il dentro/fuori/dentro.
Voglio essere ingiuriata.
Voglio essere osannata.
Voglio essere una vacca.
Voglio essere una dea.
Voglio essere sporcata.

Lui si riprende il menu proprio come farebbe un cameriere e mi dice irridente “come al solito, ordini sempre troppa roba”.

Io gli rispondo “sembro semianoressica di fisico, fammi almeno essere bulimica di cazzo”.

Lo so, è una volgarità. Ma il mio demone non si offende. Né si sorprende. Anzi ridacchia.

Tuttavia non sempre è così. Anzi, molto spesso è assai difficile inquadrarlo, gestirlo, o almeno capire in anticipo quando arriva. Perché gli piace sorprendere, imperversare, infierire. Perché è arrogante. Quasi sempre me ne accorgo solo a cose fatte, quando è tardi, questa è la fregatura.

E’ complicato dargli un volto. Spesso non ce l’ha nemmeno, un volto. Può essere un’atmosfera, una musica, un gesto. Un certo taglio di luce.

Perché il demone è anche multiforme.

Adesso, per esempio, in questo sottoscala sciatto e arredato con roba di risulta il mio demone sono io stessa. Mentre sto alla pecorina e mordo le lenzuola. Dietro di me c’è un barista di nome Samir conosciuto nemmeno due ore fa. Un coatto di Ottavia con un vocabolario limitato e che da quando siamo entrati qui dentro mi avrà detto cento volte “ti piace il cazzo grosso, eh?”. Prima gli ho fatto un pompino e poi mi sono fatta scopare. E dopo essere venuta per la seconda volta mi sono messa a supplicarlo: “Inculami, adesso inculami”.

Questo racconto di è stato letto 2 5 7 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.