L'iniziazione di Francesco Cap.: V

Scritto da , il 2020-10-01, genere prime esperienze

Cap.: V


Ohhh, finalmente

Il factotum, entrato, invitò tutti a trasferirsi nella camera padronale dai grandi specchi che davano, sì, ampiezza al vano, ma anche immagini riflesse meravigliose degli amplessi che si sarebbero svolti. Al grande letto centrale con lenzuola in seta bianche e morbide, ricamate con scritte audaci, che sarebbe stato l’altare dell’iniziazione del giovinetto, era associato un comodo divanetto etrusco per dare ad altri la possibilità di partecipare al rito e un mobile-teca serbante oggetti adatti a stimolare la fantasia e la lussuria. L’ambiente, illuminato da luci soffuse rosse che valorizzavano moltissimo i partecipanti alla copula, era abbellito oltre che da foto d’epoca di giovinetti in atteggiamenti lascivi e sensuali anche da un pregiato raffinato dipinto impressionista con ragazzini discinti, stesi sulla spiaggia del Sorolla. Profumi di essenze afrodisiache generate da candele che diventavano successivamente olio per ammorbidire ed eccitare i sensi avvolgevano e stimolavano i presenti
Alessandro, tiratosi in braccio Federico si accomodò sul triclinio, mentre Massimo, presosi il giovinetto, si sedette sul bordo del talamo.
“Ti attira e ti incanta quel che scorgi o senti? Vedo che sei attratto da quel satiro e da oggetti di forma fallica, custoditi in quel mobilio. … Tutti i giovinetti sono attirati da forme mascoline muscolose, possenti, mentre noi preferiamo gli adolescenti longilinei, immaturi, glabri, desiderosi di aprirsi e di concedersi all’eros. E’ normale. Voi cercate in noi la forza, la sicurezza, la protezione, la magia, … mentre noi vogliamo da voi la generosità, la gioia, la spensieratezza, il completo abbandono e totale fiducia in noi, la sottomissione, le coccole che solo un ragazzino riesce a dare… vi vogliamo sedurre, prendere, sodomizzare, … impalare e aprire con quel mezzo che il satiro mostra. Hai paura?”
“Behhhh!” Mani scorrevano sul effervescente luminoso fisico, … divaricavano, … sostavano titilando … labbra si posavano sulla pelle fresca e umida … scardinavano e demolivano resistenze.
“Vuoi, nostro bellissimo ragazzino, continuare negli studi per conoscerti? … vuoi entrare nel mondo che ti appartiene, … anche attraverso il dolore? … quella – indicando e sfiorando con la mano che teneva sui lombi - quella porta cigola la prima volta, ma quando sarà ben oliata e con insistenza, si aprirà facilmente facendoti entrare nel mondo della conoscenza a cui aspiri.” … e scrutandolo intensamente nella profondità dei suoi occhi, mentre la destra di Massimo rigava dolcemente la colonna e la sinistra faceva altrettanto con l’interno delle fresche e terse ginocchia provocandogli tremori e boccheggi, sotto lo sguardo degli altri due, l’uomo attendeva guardandolo con mitezza, la risposta.
“Ssssssssssssssììììììì, … sì, lo voglio, … lo desidero e lo bramo. … sì, … voglio la conoscenza!”
“Bene …, mio nuovo amico, vuoi ora dividere con me questa fragola, che terrò fra i denti, avvicinando la tua bocca per ghermire la parte che ti spetta ed inghiottirla?”
“Sssssssssssì!” … e accostando la sua bocca al frutto, trattenuto tra i denti del professore, staccò la parte che fuoriusciva per mangiarla e deglutirla.
“Il frutto che hai mangiato è come questo, … che dovrai venerare con atteggiamento adeguato. Baciarlo, … limalo, … coccolalo, … ospitarlo nella tua bocca o nel tuo culetto per fargli emettere il nettare che un maschio produce. Vuoi? … e , se sì, … devi sapere che quello che proverai, non è il piacere che ti viene dato dalle mani, ma … da quello che stringi; e questi sfiorando e sfregando con lo scorrere, dentro di te, su aree sensibilissime ti renderà e regalerà piaceri inauditi, tanto da farti urlare, pregare di smettere o altro che il vocabolario della carnalità e della libidine ti suggerirà” … e il Professore, presagli una mano, se la condusse sul sesso per farselo stringere, scaldare, indicando in questo modo il frutto per la conoscenza, a cui aspirava.
“Sì, … lo voglio. … Voglio conoscere.”
“Sono, … siamo felici, soddisfatti ed entusiasti della tua decisione. Ora devo segnarti con la mescita poco fa raccolta, che il nostro Federico ha conservato e fatto intiepidire.” E dopo un po’ “ Ecco stenditi sul letto e mentre ti masturbo e ti eccito con la sinistra sino a portarti allo sfinimento e ad offrirmi il culetto , con la destra ti segno con questi liquidi la fronte, affinché tu possa comprendere il mondo al quale hai chiesto di aderire; gli occhi … perché tu possa vedere per conoscere e difendere quello a cui aderirai; il naso … perché il tuo odorato scopra facilmente quello a cui appartieni; le orecchie … perché l’udito si affini per facilitarti a raggiungere chi ti vuole e ti insegni a distinguerne le voci; la gola … perché le tue corde vocali imparino a confessare la tua appartenenza; le mani… perché sappiano fare un massaggio; i piedi … per portarti da colui che vuole sesso da te; Il pene … perché sia per te e per altri fonte, … sorgente di copiosa ambrosia e il petto … perché batta per eccitare e farti possedere; e ora apri le labbra … stendi la lingua e assapora quelle gocce che lascerò cadere come segno e augurio di essere preparato e degno a bere quello che spillerai e carpirai a tutti coloro con cui ti accoppierai. Ti ungerò il fiore quando me lo offrirai e me lo presenterai palpitante e fremente, desideroso e ansioso a farsi conoscere e perforare.”
“Alessandro sarà il tuo maestro e vate; a lui devi sesso sempre quando, dove e come te lo chiede. Ho parlato di sesso e non di amore perché il sesso condivide come facciamo io e mio fratello, … ha creato e crea stati, … allaccia rapporti commerciali, … ti fa fare contratti, … ti dà lavoro, … apre strade e comunicazioni, … non è bigotto e non conosce tabù; mentre l’amore, dopo un po’, abbandona il sesso per portare discordie, … gelosie, … invidie, … apre a lotte e a guerre, … fa compiere omicidi, … eccidi e … genocidi, …divide creando razzismi o altri ismi. Ecco, mio … nostro bellissimo … graziosissimo luminoso ragazzino, con poche parole ti ho descritto il mondo in cui hai chiesto di entrare. Verrai, come Federico condiviso per creare e provocare lavoro con persone per ora a te sconosciute, ma che al momento opportuno incontrerai. Tutti abbiamo dei difetti, sappi apprezzare anche quelli, e … i pregi cerchiamo di riconoscerli. Un grazie fa bene a tutti e alla salute.”
“Ora acconsenti, padrino, perché così ti penso, che io possa esprimere gratitudine come l’istinto mi suggerisce e mi spinge a fare. Desidero contraccambiare quello che mi stai praticando e prendere tra le mie labbra il tuo fallo per irrobustirlo, dilatarlo e allungarlo ancora, affinché, poi, bussando e picchiando il piccolo orifizio entri in me.”

Il giovinetto per sfuggire alle tensioni che le mani e le labbra del docente provocavano, come via di fuga, si mosse per ghermire e stringere quell’asta, che già svettava, pronta per il compito a cui era chiamata. Federico, letto il pensiero di Francesco, collaborò prima a far in modo che il cavo orale del piccolo venisse occupato per creare ulteriore eccitazione, mentre lui con dita e lingua si stava interessando del grinzoso stellato del suo vate. Alessandro contribuiva con il fratello a far accrescere e ampliare nel fisico del novizio il desiderio, inserendo nel culetto un suo indice assieme a quello destro del fratello. Operazione dolorosa per quel forellino che aveva conosciuto sino a pochi momenti fa solo lingue, perlustrazioni e introduzioni minime. I lamenti erano attenuati e smorzati dal rubicondo, lucido, turgido stelo che teneva e si muoveva fra le labbra, ormai al suo massimo splendore.
Dal primo dolore al desiderio di provare più indentro quelle dita il tempo fu breve, poiché i nostri due cantori con il movimento alternato avevano procurato al tenero adolescente una incessante tensione, crescente in maniera esponenziale. Quel sederino andava incontro ai medi che l’allargavano, limavano, muovendosi indentro e fuori o mulinando in cerchio nell’ inesplorato timido sfintere; provocandogli tensioni, … boccheggi, … sbuffi, … strabuzzamenti degli occhi, … capitolazioni delle mani, … gorgogliamenti ovattati per il glande che gli impediva lo sgorgare della voce, … repentini tremolii delle braccia.
“Prendimi, … prendimiiiii, … ohhhhhhhhfffff, è bello lo stare tra voi, … è bello provare, sentire, assaggiare le vostre mani, … assaporare il vostro calore, … ehhhhhhhhhhhhhhf, … prennnnnnnnnnnnnnnnn”
I due desistettero dall’insistere nell’esplorazione del muscolo e postolo ginocchioni con la testa sul letto e sederino in alto iniziarono a sfinirlo snervandolo, debilitandolo e illanguidendolo. Alessandro lavorava il buchetto voglioso a colpetti di lingua perineali e con morsi alle chiappette, mentre Massimo subiva la tortura della bocca da Federico per mantenerne il fallo lungo, solido, saldo, turgido e proteso verso l’ombelico. Era arrivato il momento di congiungersi con il desiderio. Il giovinetto buttava le gambe in continuazione da un lato all’altro o le allungava immobilizzandosi accompagnando il loro movimento con urli o negazioni; le braccia stese ed ancorate al letto ritmavano i boccheggi. Il suo cerchietto elastico non offriva più resistenze: cedeva, lasciava, pulsava, riceveva e il suo interno tremava, palpitava e abbracciava serrando quello che entrava per spremerlo e mungerlo. Accoglieva facilmente le dita o la lingua ma stentava ad abbandonarle.
“Ecco!” Massimo, unto nuovamente con la crema spermatica conservata per quella iniziazione e spintane ancora in quel culetto, sfregava, muoveva, batteva per finire, al fine, di posarsi e fermarsi sulla piccola stella marina viva, pulsante, boccheggiante e terribilmente sensuale.
“Ecco, … ho il cazzo che mi scoppia … con questa cappella lucida da quanto dilatata, gravida e piena l’hai fatta divenire … ti …” Quel rubino gonfio e pulsante scivolava tra i glutei in tutta la sua maestosità.
“Guardalo, … guardalo … Bravo, … rilassati!” Il glande si posò sull’anello pungendolo. Lisciava avanti e indietro e poi accennando ad un movimento circolare si spinse sempre più verso l’interno. Piano piano percepì il suo sfintere dilatarsi, … allargarsi per accogliere quel bel cilindro di carne pulsante, vivo, caldo. Avvertiva un po’ di dolore, … tollerabile. Massimo si fermò e poi ricominciò a spingere. La serpe lunga entrava lentamente e sgusciava al suo interno, sino in fondo. Era tutto dentro. Ansimava e gemeva il piccolo: si contorceva e si inarcava, trattenuto e attirato per i capelli dal padrino per fargli sentire più adeguatamente l’ingombro dentro di lui. Quel cazzo si muoveva un po’ indentro e indietreggiava per spingersi penetrandolo nuovamente. Soffriva, si lamentava, gemeva … mordeva il letto per il dolore soffocando i gemiti. Lo percepiva entrare sempre più dentro di sé. Alessandro lo teneva fermo, mentre il fratello, allargandogli le natiche lo impalava sempre più a fondo sino a fargli sentire le palle sbattere contro il suo implume sederino. L’uomo spingeva e indietreggiava sempre più rapidamente. Quell’anello si stava ammorbidendo, sfibrando, addolcendo. Il dolore svaniva per lasciar spazio ad un che di indefinito. Il piacere lo stava prendendo, ora ansimava e gemeva per il godimento. Lo sentiva scorrere dentro, … uscire quasi tutto per rientrare con affondi sempre più violenti. Brividi percorrevano quel corpo, tremori lo attraversavano scuotendolo, lasciandolo senza fiato. I muscoli perineali si contraevano, il ventre tremava senza controllo. Sentiva le palle sbattere sul sedere e … quello, che entrava e usciva, più volte, a scadenza ravvicinatissima. Era ormai pronto per Alessandro, per l’uomo che lo aveva conquistato, preso, sedotto e fatto innamorare per le sue mani. Boccheggiava, allungava le mani, cercava … e quel pungolo- anguilla, che entrando, lo faceva sussultare, biascicare monosillabi o lettere.
“Aaaalllllllllllll …. rooooooooooo! … Aaaaaaaa …”
“Dimmi piccolo ragazzo, … dove sei, … sei sicuro, … mi vuoi?”
“Sììììììììììììì, … prendimi, … prendimi, … prendimi Alessandro! … ti voglio!” … e, mentre balbettava quelle parole, si contorceva dal piacere inarcandosi ed andando incontro a quell’asta impalandosi spontaneamente da solo. Il dolore era scemato e Massimo ora lo teneva, tirandoselo contro, per la capigliatura. La via era dischiusa leggermente. Il docente l’aveva preparata per il ragguardevole, immane membro del fratello perché entrasse senza lacerarne i tessuti anali.


Questo racconto di è stato letto 1 0 3 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.