La mamma di Luca 5

Scritto da , il 2020-09-25, genere incesti

Nel frattempo la mamma di Luca si avvicinava al momento del parto, ero eccitata e allo stesso tempo invidiosa, lei, mia madre, stavano rendendolo padre, io che ero la sua donna non potevo, e un po', ero triste, tanto che Luca se ne accorse, e una sera, stringendomi trà le sue braccia, mi chiese che cosa avessi.
Piangendo gli raccontai come mi sentivo, e con le lacrime agli occhi, chiesi scusa al mio uomo, per non essere in grado di renderlo padre come meritava, Luca mi baciò, con passione, poi scese tra le mie gambe, sollevò la mia gonna, e scostate le mutandine, lo prese in bocca, cosa che non faceva spesso, io ero la donna e i pompini con ingoio li dovevo fare io, giustamente, chiusi gli occhi e mi godevo il momento.
Luca, iniziò leccandolo, come fosse un cono gelato, e poi, una volta indurito, iniziò a pomparmi, lentamente, era stupendo, e se già sborro velocemente, visto il godimento, in breve iniziai ad ansimare, stavo venendo, lo avvisai, lui imperterrito continuò, e così iniziai a sborrare nella sua bocca, fù un momento indimenticabile.
Poi Luca si staccò, e mi baciò, trasferendomi parte del mio seme, e le nostre lingue sguazzavano nella mia sborra, poi mi prese la testa tra le sue possenti mani, e mi disse, tranquilla amore, tu mi darai un figlio, certamente non lo partorirai tù, ma tua madre, e la mia, appena mi avranno dato i miei primi figli, poi mi sollevò le gambe, e mi infilò con il suo cazzo, che non vedevo da un po' di tempo, visto il prolungarsi del tempo necessario per ingravidare mia madre.
Lo sentii entrare e scorrermi dentro, inarcai la schiena, lo volevo tutto dentro fino in fondo volevo che mi facesse male, come sa fare lui, e capita la mia intenzione, spinse, e raggiunse l'ansa del mio intestino, il dolore e il piacere avevano gli stessi connotati, iniziai a supplicarlo di spingere, e a volte di fermarsi, ma tanto Luca faceva solo quello che lui voleva, e così, iniziai a gemere e piangere dal sommo piacere che provavo, ma i miei gemiti non passarono inosservati, e così, poco dopo, mi ritrovai mia suocera, col suo pancione, e mia madre in camera.
Mia suocera si mise al fianco del figlio, era stupenda, indossava solo un paio di autoreggenti e sopra una vestaglietta di pizzo, e ai piedi un paio di sandali tacco 10, il suo seno gonfio spingeva il tessuto indurendo i capezzoli rendendoli turgidi, non mancava molto al parto, mia madre, stupenda e raggiante indossava reggicalze calze e reggiseno, tacchi 12, era la divisa che doveva indossare sempre, a disposizione di Luca, papà ormai a conoscenza della nostra storia, ne era felice, anche io dovevo indossare quanto da lui richiesto a casa, e quando rientrava, il mio compito, era sostituire mamma in tutto e per tutto.
Mamma si sedette al mio fianco, sul letto, mi prese la mano, io la strinsi, forte e la guardai, lei mi sussurrò, sei stupenda Paola, e quando godi sembri un angelo, sei una figlia stupenda, e sono felice di dare un figlio al tuo futuro marito, e mi baciò in bocca, un caldo bacio, e poi infilò la lingua e iniziammo a limonare, le accarezzai il seno, e sentire i suoi capezzoli trà le dita mi eccitò, Luca stava montandomi ormai da più di mezz'ora, e alla vista del bacio, iniziò a spingere più forte, lo conosco, stava per venire, infatti poco dopo emise un urlo, e scaricò il suo caldo sperma dentro di mè, sentii i suoi getti e il caldo seme si depositò in mè.
Poi Luca prese per mano le sue due donne, e disse loro, mi darete i miei due figli, e poi, sposerò Paola, e una volta che sarà mia moglie, mi darete un suo figlio, e sarà come se lo partorisse lei, faremo in modo che partorirete all'estero, ma comparirà lei come madre, a breve cambierà il suo nome in Paola all'anagrafe, e con l'aiuto di amici, figurerà come femmina, e nessuno saprà, tranne noi chi è in realtà, le due mamme annuirono, e baciarono Luca.
Una settimana dopo, mia suocera partorì, era un giovedì pomeriggio, il marito, come di consueto era via per lavoro, non avrebbe quindi potuto assistere al parto, e così mi venne un'idea pazzesca, eravamo fuorii dalla sala parto, io, in gonna e camicetta, e tacchi, mia madre, minigonna collant e maglietta, e Luca, al momento che l'infermiera chiese se il marito o altri volessero assistere al parto, io indicai Luca, è lui il padre, l'infermiera rimase un poco basita, visto l'aetà, ma io insistetti, amore, devi assistere alla nascita di tuo figlio, e così entrò, e assistette alla nascita di Marco, poi una volta nato, si avvicinò, la baciò, e disse, grazie mamma, e tutti rimasero stupefatti.
Da lì a poco, mia madre rimase gravida, dopo averlo annunciato a Luca, venne a casa, e ci trovò intenti a fare sesso, io ero legata a una poltrona, piegata in avanti, a gambe larghe, con legato stretto il mio cazzetto, mio padre amava il bondage, e io ero la sua bambolina, e mentre mi stava sfondando con il suo stupendo cazzo, mamma entrò in sala, si spogliò e rimase in tacchi e reggicalze, si passò la mano sul ventre, e disse, cornuto, avrai un figlio illegittimo, dal seme di un ragazzino, e io lo partorirò per lui, e tù puttanella, avrai un fratellino, poi si sedette e si gustò la mia inculata facendosi un ditalino.

Questo racconto di è stato letto 4 1 7 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.