L'iniziazione di Francesco Cap.: III

Scritto da , il 2020-09-18, genere prime esperienze

Cap.: III Prime esperienze, gay


Il factotum, inginocchiatosi ai piedi del docente e portate le sue mani a quelle caviglie, risaliva lentamente e sinuosamente con i suoi palmi su per gli arti dell’uomo, sino a giungere al luogo infiammato che racchiudeva il sancta sanctorum dei desideri di donne e uomini, di maschi e femmine. Vi elargiva baci a bocca aperta per inalare anche i profumi che da lì scaturivano o per espirare, scaldando con il suo vapore umido quell’area in modo da aizzarla e farla inalberare. Le mani, come zampette di ragno si muovevano ancora sul suo davanti sino alla chiusura per aprirla, e, mentre inalava ed espirava, i suoi occhi guardavano quelli dell’altro che eccitato posava le sue mani sulla testa di colui che lo venerava per pressarla ulteriormente e spingerla nell’area dei suoi testicoli. Le dita, per istinto, slacciavano la chiusura e disgiungevano la circonferenza dei pantaloni per, inseritisi al loro interno, pizzicare, stringere, impastare la muscolatura delle natiche bramose di essere venerate e scaldate. Sempre con gli occhi orientati su quelli della vittima, in modo spontaneo fece scendere sino alle caviglie il primo indumento, mentre le sue labbra si chiudevano sul bozzo che mutandine, molto attillate. Tra le sue salive e le copiose stille che il membro di Massimo perdeva si formò in fretta sul bianco una macchia incolore. Le mani che si erano riposizionate sui glutei, come api in cerca di nettare si insinuarono al loro interno per far cadere anche quel tessuto e sfilarlo poi dai piedi dell’uomo. La sua bocca ora si muoveva su e giù su un’asta tersa, rugosa, palpitante, che accettava fremendo una lingua che la lavava, lucidava, titillava picchiettando o sfiorando anche la sua vermiglia infiammata cima.
“Guarda, … guarda Francesco come Federico venera, culla e ama quel membro, più affusolato del mio; che ora si agita e si muove dal basso verso l’alto o da destra a sinistra come a voler un riposo che, però, la lingua non concederà. Osserva come tra le sue labbra sono finiti i testicoli e come, prima uno e poi l’altro, dolcemente gli schiaccia, succhia, titilla, vellica, stimola per spossarli e farli dolcemente arrendere, per prepararli a concedere il succo da loro prodotto. Contempla quella rossa grossa prugna che finalmente ha trovato ristoro nel cavo orale; da cui, poco prima, era uscita guizzante la bramosa, libidinosa, licenziosa lingua. … e guarda come Massimo si tende e come arpiona quella testa per impedirle di farlo vacillare. Rialza, preso dal pathos, Federico per far aderire il suo pube a quello dell’altro, in modo che i due serpenti si possano baciare, inumidire, scaldare, amare come per formare un solo fungo. Applaudi il nostro domestico e amante di Massimo, che sebbene pressato, riesce ancora muoversi per togliere al mio germano gli ultimi indumenti. Venerali, i nostri due sembrano eroi antichi, tesi ad estrarsi a vicenda i loro umori. Adocchia Federico, che tiene ancora le sue mani sulle natiche di mio fratello, come a voler ritornare sulla preda dapprima costretto a molare. Mira, … ora sembra che sia lo stesso Massimo a spingere Federico a riprendere la postura precedente e a prendere nella sua bocca per scaldare il suo fallo, la sua lama. Ora … contempla la lotta fatta di aspirazioni, respinte, ritorni, ingoi forzati sino all’imboccatura dell’esofago. Ammira, amico e mio innamorato, come quell’asta, abnormemente tesa ed ingrossata, ora stenti ad entrare e spingersi sino in fondo alla gola. Ascolta la musica sinfonica modulata dai loro polmoni: sono lamenti, spasmi, desideri di dare ed avere sino, tra poco, alle urla liberatorie indicanti l’arrivo dell’orgasmo con l’espulsione violenta dello sperma di mio fratello nella bocca di Federico. Approva i gesti, provocati dall’orgasmo estatico associato a urla acclamanti ed esaltanti il prodigio del piacere dei sensi. Allunga loro la coppa, amico mio, affinché il professore vi scarichi i suoi getti, il suo seme … e come tiene pressata la testa a sé, … Fissa lo sguardo sugli angoli della bocca … una stilla bianco opalescente erompe e scende luminosa e ridente verso il mento. … Attendi che ti consegni il nettare munto a Massimo, … è per te, mio e nostro vergine amante, quel dono di mio fratello.” … La coppa accolse ulteriore liquido spermatico, da recapitare, come dono dei tre più quello di Placido, a Francesco. … “Ma che succede … Federico è ritornato sull’asta … forse per estrarre i pochi resti spermatici ancora presenti nel condotto urinario? … Noooh, … non sembra … si è ancorato ai glutei con una mano, … mentre l’altra l’ha indirizzata verso l’ano di Massimo … L’ha penetrato! … e … muove il medio in senso rotatorio e sussultorio. Senti, Francesco mio, come Massimo implora di smetterla di succhiare, aspirare e stringere il glande con il frenulo ancora febbricitante per le sevizie patite poco prima. Prendi un tuo bicchiere, e posizionalo sotto il mento di chi sta facendo il pompino.”
“Basta sanguisuga … mi stai aspirando anche le tonsille! … fermatiiiiiiiiiii, boca famelica … nooooooooooh, … bastaaaaaa, … la vescicaaaaaaaaaaaaaa”
Federico ora voleva prendersi quello, che non avrebbe consegnato, per berlo. L’insegnante stava svuotandosi delle urine che Il domestico aspirava e beveva. Nel bicchiere si era accumulata una buona quantità di liquido giallo paglierino.
“Bevi porco … porcile mio … è un po’ salata, ma gustosa per la tua bocca. … Vieni e rialzati amico mio. Ora mi hai sfinito e prostrato, … lascia che ti dia piccoli baci e che succhi e aspiri un po’ la tua lingua per esprimerle riconoscenza del lavoro che ha svolto.”
“Massimo! … Massimo! … Francesco tiene fra le mani un bicchiere con tue urine! Che facciamo? Signor Alessandro …?”
“Fai pure Federico, … è una buona cosa, … e poi nei giochi di sesso è consentito, anzi è consigliato in una iniziazione … e tanti ne sono avvinti e stregati. E’ tutto vostro, … ma non tutta la tua. Parte di quella me la riservi e me la versi dopo, quando te lo dirò e dove ti indicherò. … Puoi prendere anche un biberon, per fargliela degustare con tranquillità un po’ per volta.”
Federico, non avendo presente dove trovare un biberon, prese dal bagno l’ampolla per clisteri e sciacquatala, dopo aver preso il bicchiere dalle mani di Francesco, ne aspirò il contenuto. Non soddisfatto, considerandola insufficiente per quello che voleva, tolta la cannula alla palla vi appoggiò la punta del suo glande, facendo combaciare l’apertura dell’uretra con il foro. Dopo aver leggermente pressato la boccia in gomma per far uscire l’aria che conteneva, iniziò a risucchiare direttamente dal foro uretrale la minzione che emetteva sino al suo totale riempimento.
“Aiutami Massimo! Prendilo e appoggiatelo al torace facendogli sentire sul culo il tuo aratro!”
“Porco, …porco … porco. Sei un maiale.” … e preso il ragazzino, tenendolo stretto con la nuca posata al petto, principiò ad invogliarlo ad abbandonarsi e calmarsi con un massaggio al basso ventre.
“Avevi accettato di essere violato, … e a questo trattamento di straordinario erotismo, un po’ inusuale, dovresti assoggettarti con entusiasmo e gradirlo, ringraziandoci; e poi … è apprendimento. Sei l’Antinoo di Alessandro, da come vedo, per cui lasciati andare e ricevi serenamente l’omaggio che ti ho preparato.”
“Si, … ma è piscio e … ehhhhhhhhhhhhhhmmmmmmmmm, … si fermi signor Massimoooo, cheeeeee … ooohhhhhhhhh … nooooooo … connnnnnnnn … dai Fede …iiiiiiiiiiniiizzzzzzzzziiiiiiiiiiiiiiiia a darmmmmm!!!!”
“Sta entrando in trance erotica. … E’ il momento.” Alle affermazioni Federico diede seguito al clistere orale di urine con una mano, mentre con l’altra faceva gustare il perno di Massimo al perineo del ragazzetto. Alessandro mirava il suo autista che istruiva e preparava Francesco ai piaceri dell’eros omosessuale. A volte i liquidi erano spruzzati anche sul volto per scorrere giù dando ancora ulteriori piaceri al piccolo
“Signor Alessandro … mi dia il suo … lo voglioooo!”
“Che cosa vuoi, mio piccolo Antinoo?”
“Quello su cui sono a cavallo, … lo voglio in culo, … in bocca, … sugli occhi, … in mano. Deve lavarmi, inzupparmi di sperma e di piscio. Dammelo Alessandroooooooooooo!”
“Allora vieni a svestirmi. E’ da tanto che attendo le tue mani, il tuo respiro, le tue labbra. Vieni a conoscerlo, a toccarlo, a vederlo con le palpebre e con le guance, ad odorarlo ed inspirare il suo profumo, vieni a baciarmi e a baciarlo, vieni, … vieni a dissetarti dei miei liquidi, … vieni tra le mie braccia … che io possa farti mio, … mio … mio, … che io ti possa rompere il culo … quel tuo splendido, luminoso, caldo, paffuto e allegro culetto. Vieniiiiiiiiii!”
Il piccolo, bagnato e odoroso di pipì, a quelle parole corse tra le braccia aperte di Alessandro per ricevere e aprirsi al suo primo bacio. Consegnò la sua inesperta, innocente lingua all’amico perché, succhiandola, gli insegnasse e l’addestrasse alla danza delle tortore. L’uomo, ghermitolo per i dolci freschi glutei, lo baciava con ardore anche sugli occhi e sul collo, provocando nel ragazzino un incondizionato totale abbandono. Quel ragazzino aveva un culo che parlava da solo. Era talmente perfetto e levigato da far impazzire.
“Signor Aaa… è bel…. Le voglio bene.”
“Si, … piccolo Antinoo. Ti voglio prendere, … devi essere mio. Lo vuoi?”
“Si, lo voglio, ma ora si lasci svestire. … Lo voglio guardare, … esaminare, … contemplare, … respirare il suo profumo, … tastare, … carezzare, … lavare con le mie lacrime, … eeee …”
“Ohh Francesco mio, da subito ti ho voluto, … e ora fai quello vuoi, … cerca quello che brami, … scaldati per farti prendere e ricevere quello che tutti vogliono.”

Questo racconto di è stato letto 2 1 6 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.