Mia Madre e il vicino - Parte 2

Scritto da , il 2020-09-18, genere tradimenti

Passarono alcune settimane da quel fantastico pomeriggio in cui spiai la colossale scopata tra mia madre e il nostro vicino di casa.
In quei giorni mi masturbai parecchio ripensando a ciò che avevo avuto la fortuna di vedere, abbandonandomi a fantasie estreme e sfrenate.
Più ripensavo a quelle scene e più la mia voglia di ripetere quell’esperienza di guardone cresceva. Ero perfettamente consapevole che non mi sarei accontentato di spiarli da lontano, volevo sentirmi più presente ma soprattutto avrei voluto avere una prova tangibile, qualcosa da poter vedere e rivedere ogni volta che ne avrei avuto voglia… qualcosa come… un video.
Decisi quindi che avrei dovuto riprenderli durante l’atto.
In quei giorni mi dedicai ad un’accurata pianificazione, il piano doveva essere perfetto in ogni minimo dettaglio.
Per prima cosa acquistai su internet alcune microcamere e, successivamente, mi dedicai ad una serie di test.
Posizionai le microcamere in diversi punti della casa, dopo una serie di tentativi trovai quelli perfetti. La cosa più bella di quei dispositivi è che potevo gestirli, con grande facilità, attraverso una comoda app che mi garantiva di scegliere quale inquadratura avere e, soprattutto, di poter avere l’audio.
Rimasi in attesa fin quando non mi si presentò la giusta occasione, che coincise con un viaggio di lavoro di mio padre che lo avrebbe portato a stare fuori per il fine settimana.
L’occasione era ghiotta e non potevo farmela scappare.
La mattina della partenza di mio padre arrivò presto. Lo salutai con un insolito affetto e, dopo averlo visto uscire dal vialetto in macchina, diedi inizio al mio piano.
Mi appostai fuori casa di Francesco e quando lo vidi uscire in giardino, sgattaiolai fuori dal mio nascondiglio. Finsi di essere di passaggio emi fermai a salutarlo. Parlammo cordialmente del più e del meno fin quando Francesco non mi chiese come stavano i miei. Io sorrisi, forse un po’ maleficamente, a quella domanda e rispondendogli approfittai per raccontagli della partenza di mio padre. Inoltre, aggiunsi che mia madre oggi sarebbe rimasta sola tutto il giorno perché io stavo andando a casa di un amico.
Senza attendere una sua risposta lo salutai con un cenno e mi incamminai. Francesco rimase leggermente stupito da quelle informazioni ma, vi assicuro, il ghigno che aveva sul volto era quello di uno che aveva appena mangiato la foglia.
Una volta superata casa di Francesco mi misi a correre e feci il giro dell’isolato per tornare a casa. Entrai di soppiatto in garage e mi nascosi dietro una fila di scatoloni. Presi il tablet e dopo aver collegato le cuffie, feci un rapido check delle microcamere. Tutto funzionava perfettamente e a me non restava che aspettare.
Dopo poco meno di un’ora fui accontentato.
Rimasi di stucco quando vidi Francesco fare il suo ingresso in casa mia senza suonare il campanello.
Quello stronzo scopamadri aveva le chiavi di casa nostra!
Mia madre gli andò contro buttandogli le braccia al collo e i due si abbandonarono ad una serie di baci appassionati. Sembravano due fidanzatini.
-Mia moglie sa che sono andato a correre… quindi manterrò la maglietta mentre ti scopo… dobbiamo sudare parecchio oggi- disse lui ammiccando.
Mia madre annuì con un sorriso solare sul volto -Allora non perdiamo tempo, vado a prepararmi- disse scattando verso la camera.
Non avevo idea di cosa avesse in mente mia madre, ma doveva essere sicuramente qualcosa di laido, così decisi di non rovinarmi la sorpresa e rimasi a guardare Francesco.
Lui si accomodò sul divano e iniziò a spogliarsi rimanendo nudo, tranne per la t-shirt. Ed è in quel momento che vidi le spropositate dimensioni della sua nerchia. Comodo sul divano iniziò a massaggiarsi il boa, il quale rispondendo al richiamo iniziò a sollevarsi. Quando fu bello teso, Francesco iniziò a segarlo lentamente, scappellandolo e tirando la pelle fino alla base per poi risalire.
Io lo imitai e mentre mi segavo, guardando Francesco fare la stessa cosa, mia madre tornò in salotto.
Nel vederla dovetti smettere di masturbarmi altrimenti sarei venuto subito.
Mai mi sarei aspettato di vedere mia madre indossare un completo di quel tipo!
“Allora è vero che sei troia…” pensai tra me e me.
Indossava un vestito da cameriera sexy, con delle calze a rete che le arrivavano fino alle cosce e un grembiulino bianco sul davanti. In testa portava una cuffietta e, intorno al collo, un nastro in pizzo bianco.
-Allora? Cominciamo? - chiese lei con un velo di ironia nella voce.
Francesco non appena la vide balzò in piedi e le andò addosso. Il suo sguardo era quello di un lupo che assale la preda.
Le piantò subito una mano al collo e con voce feroce le disse -E brava la mia troia… mi fai anche le sorprese… adesso ti faccio vedere io!-
Con un gesto dell’altra mano le strappò con cattiveria il grembiule di dosso e la fece voltare.
-Andiamo in camera, voglio scoparti nel letto del cornuto- esclamò lui mentre le schiaffeggiava il culo, a mano aperta, dall’alto verso il basso.
Francesco trascinò mia madre in camera sua prendendola per la nuca. La scagliò a terra costringendola sulle ginocchia e iniziò a sbatterle il cazzo in faccia -Fuori quella lingua, fuori ho detto!- ordinò con rabbia. Mia madre eseguì ubbidientemente e Francesco iniziò a sbatterci sopra la cappella.
-Questa boccaccia da troia non deve fiatare, parlerai solo quando te lo ordino! Per ora l’unica cosa che voglio sentire sono i tuoi versi mentre ti strozzi con il cazzo!- urlò mentre con irruenza le infilava quel palo di carne dritto in gola.
Mia madre riusciva a prendere poco meno della metà di quel cazzo ma a Francesco non interessava -Fino in fondo, fammi vedere… forza!- la incoraggiava mentre affondava sempre di più.
Gli occhi di mia madre iniziarono a lacrimare, ma la situazione divenne veramente grave quando Francesco le tappò il naso con due dita. La teneva in apnea e contemporaneamente usciva ed entrava dalla sua bocca. Più di una volta mia madre fu presa da colpi di tosse e conati di vomito -Si, così, brava… vomitami sul cazzo!- gridava lui mentre mia madre tossiva e sputava dosi abbondanti di saliva sul pavimento.
Francesco la scagliò sul letto facendola mettere a pecorina. Rimase a contemplare il culo all’aria di mia madre, poi, dopo averci sputato con disprezzo, le piantò con un colpo secco la verga colossale nella fica.
Anche se mia madre urlò di dolore, devo assicurarvi che la nerchia di Francesco entrò nella sua fregna senza alcuna difficoltà.
-guarda come si bagnata… zoccola di una cameriera… ti piace farti scopare sul letto di tuo marito eh? Eh?- Francesco ansimava mentre parlava e iniziò a fracassare mia madre con una serie di colpi ben assestati.
-Fammi sentire come godi… forza… FORZA!- ora la stava sbattendo ad una velocità impressionante, tanto che mia madre non riusciva quasi a respirare tra un gemito e l’altro di piacere.
A quel ritmo mia madre non potè resistere a lungo e finì per squirtare violentemente. Mentre veniva, spruzzando i suoi umori, si accasciò in avanti -Dove cazzo vai?!?!- gridò Francesco riagguantandola e buttandosi sopra di lei. La iniziò a scopare come una cagna tenendole la testa ben schiacciata sul materasso e riempiendola di una serie di insulti che non posso trascrivervi per la loro volgarità.
All’ennesima squirtata di mia madre, Francesco le tolse il cazzo dalla figa e glielo strofinò ferocemente contro il clitoride -Mi squirti sul cazzo eh? Brutta puttana… ora ci divertiamo- si avvicinò al comodino e prese lo smartphone che vi era poggiato sopra.
Io sborrai nell’esatto momento in cui capì cosa Francesco avesse in mente. Quel porco stava per chiamare mio padre.
Digitò il numero e si portò il cell all’orecchio -Toh squilla- disse lanciandolo con disprezzo amia madre che lo prese al volo. Lei aveva un aspetto letteralmente devastato, era sudata aveva ciocche di capelli appiccicate sul volto. Il trucco le colava dagli occhi a causa delle lacrime e degli sputi di Francesco. Inoltre, aveva il corpo pieno di impronte delle sue cinquine, specie le chiappe e le tette.
Mia madre si appoggiò il telefono all’orecchio mentre Francesco la alzava di peso. La prese in braccio e fece passare le mani sotto le sue cosce.
Mia madre era tra le braccia di Francesco, con i polpacci sulle sue spalle e la mano libera stretta attorno al suo collo per reggersi.
Francesco iniziò a scoparla in piedi con forza, forza che si trasformò in vera violenza non appena mio padre rispose al telefono.
-Ah…. Amo… ah… AMOREEH- mia madre fece di tutto per simulare l’assenza di un orgasmo nella sua voce.
-Si….sisisi…sono…ah…siiii- mia madre riuscì a buttare giù la telefonata prima di arrendersi ad un urlo di dolore e godimento. Francesco la stava letteralmente aprendo in due e dopo una lunga serie di colpi venne anche lui. Sborrò nella figa di mia madre inondandola con il suo getto, ovviamente sborrò senza uscire da lei. Per il troppo godimento fu costretto ad accasciarsi sul letto, mentre in preda a degli spasmi continuava a penetrare mia madre, voleva godersela fino all’ultimo.
Francesco le succhiava le tette, mordicchiandole i capezzoli mentre si godeva gli ultimi attimi della sua venuta. I due iniziarono a scherzare e complimentarsi a vicenda, avevano un feeling incredibile e la dolcezza che si mostravano in quella breve tregua cozzava incredibilmente con la ferocia di qualche istante prima.
I due riniziarono a scopare, a dirla tutta a Francesco rimase duro e dritto come un’asta di ferro anche dopo la sborrata, ma stavolta scoparono con dolcezza. Anzi possiamo dire che fecero l’amore, un sesso dolce e dai loro versi anche più godereccio del precedente.
Io continuai a spiare dal video e uscì dal mio nascondiglio solo quando Francesco se ne andò da casa nostra.
Mentre spegnevo il tablet mi resi conto di come mi ero ridotto.
Avevo perso il conto delle seghe che mi ero sparato ma, a giudicare dagli schizzi che avevo su pantaloni e maglietta, mi dovevo essere letteralmente ammazzato di pugnette.

isaia.racconti@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 8 3 5 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.