Mia madre e il vicino - Epilogo

Scritto da , il 2020-09-21, genere tradimenti

Quella era stata una grande impresa, la.mia grande impresa.
 Avevo tra le mani un video tutto per me da usare ogni volta che ne avevo voglia. E così feci. Guardai e riguardai quel video segandomi senza pietà. Mi fermavo solo quando sentivo il braccio indolenzito oppure quando il pisello non mi veniva più duro.
Ero felicissimo... finché...
Finché non mi abituai.
Si queI video, seppur fantastico, dopo meno di un mesetto mi aveva stufato, lasciando il posto ad un senso di inappagatezza che mi pervase completamemte.
Volevo di più, volevo qualcosa di nuovo.
Mi attivai per cercare eventuali indizi su possibili incontri tra mia madre e il nostro vicino, ma ogni mio sforzo si rivelò vano.
Calma piatta.
Ovviamente non mi diedi per vinto, iniziai a spiare il telefono di mia madre e lo feci quotidianamente.
Finalmente, un venerdì pomeriggio trovai quello che stavo cercando.
Trovai un Sms di Francesco in cui diceva:
"Oggi pomeriggio. Da me. Garage."
Gli occhi mi brillarono di gioia, una gioia egoista.
Ormai non avevo più alcun rimorso di coscienza... dopo tutto erano loro a tradire i rispettivi partner... io mi limitavo a guardare... non c'era nulla di male dopotutto.

Quel pomeriggio finsi nuovamente di avere un appuntamento con un mio amico, dissi a mia madre che sarei tornato per cena e lei mi rispose che anche lei sarebbe dovuta uscire per ritirare un pacco alle poste.
-Oh Mamma lo prenderai tutto da sola?!- chiesi io con un sorriso serafico e un tono ironico... parlai d'istinto e non mi resi conto che avrei dovuto fare molta più attenzione a ciò che dicevo.
-Puoi scommetterci- disse lei divertita.
"Oh Dio... che troia..." pensai, mi bastarono quelle poche parole per avere un erezione micidiale nei pantaloni.
Mi precipitai fuori di casa cercando di non pensarci, avevo da fare qualcosa di più importante.
Arrivato davanti casa di Francesco mi misi a bighellonare lì intorno alla ricerca di qualsiasi informazione che mi potesse tornare utile.
Per prima cosa notai l'assenza della macchina della moglie di Francesco, in secondo luogo dal silenzio supposi che assenti docevano essere anche i suoi figli.
La saracinesca era sollevata a metà e dentro si notava che la luce doveva essere accesa e...
"Cazzo! Ma come faccio adesso?!" In quel momento mi accorsi di un particolare davvero importante.
Come diavolo avrei fatto a spiare se fossero rimasti in garage?!
Un nervosismo inaspettato mi assalì di colpo costringendomi a mordermi il labbro per la rabbia.
Non riuscivo davvero a trovare una soluzione e proprio quando stavo per gettare la spugna arrivò l'illuminazione.
Dopo essermi guardato intorno mi fiondai nel vialetto della casa di Francesco, facendo attenzione a non fare rumore girai attorno al garage.
Il garage era ampio e di forma rettangolare, una volta giunto sul retro trovai ciò che cercavo e quasi urlai a squarciagola dalla felicità.
Il retro del garage, affianco ad una porta di servizio aveva una finestrella! Si avrei usato quella!
Presi una sedia che era poggiata li vicino e, dopo averla posizionata con cura,ci salii sopra.
Avevo una visuale perfetta.
Riuscivo a vedere tutto.
La salivazione mi aumentò di colpo quando nel garage entrò mia madre.
Era arrivata finalmente.
Francesco stava armeggiando con qualcosa, non capì bene all'inizio... c'erano corde, un tavolo e altri affari.
I due si salutarono come al solito con teneri braci e abbracci, ma stavolta c'era qualcosa di diverso. La voglia che manifestavano entrambi era molto più che evidente. Difatti, nel giro di pochi secondi Francesco si ritrovò completamente nudo. Il cazzo era teso come un palo di ferro e completamente scappellato. Mia madre era a petto nudo, l'unico capo di abbigliamento che aveva in dosso era un pantacollant nero molto aderente.
Francesco la afferrò per i fianchi e la portò a se con foga.
Mia madre mese una mano su quella cappella gigante e iniziò a giocarci, sfiorandola.
Francesco le afferrò i seni schiacciandoli tra loro e mentre si fiondò sui suoi capezzoli nel tentativo di divorarli e spazzolarli con la lingua giardava mia madre negli occhi.
-Sei pronta?- Chiese lui.
Mia madre rispose emettendo un gemito di piacere.
-lo prendo come un sì- affermò lui serio.
In un attimo con i suoi modi burberi e devo dire degradanti è dir poco, Francesco rivelò cosa sarebbe successo in quel loro incontro.
La fece voltare e con un'agilità incredibile sfilò una corda dal tavolino.
Pronti e via, mia madre si ritrovò con i polsi legati dietro la schiena e, l'estremità della fune era a sua volta legata a un gancio del garage.
Francesco la scaraventò sulle ginocchia e la prese a capellate in faccia.
-Ora apri la bocca e guai a te se la chiudi- disse con un odio indescrivibile negli occhi.
-Guai a te!-
Francesco iniziò a scoparsi la bocca di mia madre senza pietà. Dava un paio di colpetti, poi  infilava il pisello fin dove la gola di mia madre glielo cinsentiva e infine lo sfilava con velocità.
-HO DETTO APERTA!- Urlava lui schiaffeggiandola ogni volta che mia madre la chiudeva. Anche quando lei serrava la bocca per tossire lui la riempiva di schiaffi -Apri questa bocca! Aprila! LINGUA FUORI- andò avanti così per molto.
-ecco brava! Così! SI TE LA SCOPO QUESTA BOCCA! SI, così te la scopo come una fica!- iniziò urlare lui soddisfatto quando finalmente mia madre si era abituata alla sua mazza.
-Brava guardami negli occhi, così- Francesco se la stava godendo tutta e mia madre a bocca aperta e lingua di fuori guardava in alto, dritto negli occhi il proprietario di quel cazzone.
Io ero con il cazzo di fuori e mi stavo masturbando, ancora una volta, non credevo ai miei occhi.
Stavo per giungere ad un primo fantastico orgasmo...
Chiusi gli occhi...
Reclinai la testa all'indietro...
E...
CRACK!
Una gamba della sedia si ruppe di netto e io precipitai a terra colpendo dolorosamente il suolo.

Non mi ero reso conto del rumore che avevo fstto, finché, mentre mi massaggiavo la testa non mi voltai.
-Bene, bene, bene... vedi un po' chi abbiamo qui...- era la voce di Francesco.
La prima cosa che vidi fu il suo enorme boa, ancora teso e cosparso dalla saliva di mia madre.
Ero talmente impietrito e intimorito che rimasi immobile e in silenzio totale.
Francesco mi prese per il colletto e mi trascinò dentro con la forza.
Mia madre era ancora sulle ginocchia, con le mani legate e la faccia rossa per le sberle ricevute. La saliva le era colata addosso, lungo il collo fin in mezzo alle tette.
-Ma cosa cazzo ci fai qui?!?!- urlò lei incazzata nera.
-MUTA!- Francesco urlò con impeto -Ti ho detto forse che puoi parlare?! Non mi pare!- poi si voltò verso di me e dopo avermi squadrato per bene mi rivolse la parola.
Parlò con voce calma, una voce che mi fece gelare il sangue nelle vene.
-Allora coso... vedi quella? Quella è tua madre... ma è anche la mia troia. E nessuno, NESSUNO, mi interrompe mentre trombo la mia troia. Capisci vero?-
Io mi limitai ad annuire.
-Eri qui per guardare eh? Perfetto... e allora vieni, vieni a guardare da vicino- il suo era un ordine al quale ubbidì senza fiatare.
-vedi com'è addestrata? Ha già riaperto la bocca la vacca- disse Francesco ridendo -ma ora, caro mio, si cambia buco!-
Liberò mia madre dalle corde e la fece rialzare per buttarla su quello strano tavolino.
La fece posizionare a pecora e incastrò le mani in due lacci di cuoio in modo da tenergliele imbobbilizzate vicino la testa.
-Ora guarda bene- mi consigliò lui.
Prese con le mani il pantacollant di mia madre all'altezza del culo e... SCRAAAC.
Con un colpo secco lo strappò rivelando l'intimità di mia madre.
Fica e buco del culo di mia madre erano ora totalmente in vista.
-Guarda qui... noti qualche differenza?- mi chiese lui.
Al mio silenzio continuò -Questa- disse indicando con la cappella la fica bagnata di mia madre -vedi com'è aperta? É tutta spanata, vedi, il mio cazzo ci entra tranquillamente- disse Francesco infilando la nerchia nella vulva.
-Mentre questo qui vedi com'è stretto?- ora stava indicando l'ano di mia madre.
-Ora ti spiego... io amo il buco di culo di tua madre... lo preferisco di gran lunga alla sua fica... ma lo scopo raramente così è sempre bello stretto... ora vai davanti, su, forza! e guarda cosa succedeadesso-
Quando Francesco finì con la sua spiegazione io ubbidì e mi posizionai dal lato opposto del tavolo.
In quel punto potevo guardare in faccia mia madre.
-E tu troia guarda tuo figlio... e... NON...CHIUDERE...GLI OCCHI!- minacciò francesco con severità.
Si sputò sul pene e con un colpo secco e rapido penetrò mia madre nel culo.
Mia madre urlò di dolore.
Francesco iniziò a sbatterla per bene con colpi violenti e costanti.
-Tu dimmi se chiude gli occhi- mi ordinò Francesco.
Io stavo guardando mia madre godere e il pene, che avevo ancora di fuori,  mi si stava indurendo come non mai.
Per il puro gusto di vedere cosa sarebbe successo mentiì -Li ha chiusi! Ha chiuso gli occhi!- la faccia che fece mia madre valse il prezzo del biglietto, era a metà tra l'incredulo e lo spaventato. In più aveva tutti i lineamenti contratti per il dolore e il godimento.
-Brutta troia! Come osi?!- si imbestialì Francesco -guarda tuo figlio o ti rompo il culo! Hai capito?! Te lo rompo!- gridava lui mentre aumentava il ritmo.
Nel garage risuonavano le urla di mia madre, i versi di Francesco e il rumore del suo bacino che cozzava contro le chiappe di lei.
-Sborrale in faccia a questa troia- urlò Francesco.
Io in effetti avevo preso a segarmi pesantemente. Uno, due, tre colpi e venni con violenza. Prima di venire, però,  mi avvicinai con cura al volto di mia madre e puntandolo con il cazzo ci sborrai sopra.
Lo schizzo fu tremendo e abbondante. La sborrata principale le finì sulla fronte e sulle guance, mentre i successivi schizzi le andarono a finire negli occhi.
Ero ancora li con il cazzo in mano che sentì ruggire Francesco -Ora se ti ritrovo ancora a disturbare o spiare mentre chiavo a sangue la mia troia... giuro su di lei che te lo taglio il cazzo... Ora fila via!-
Non me lo feci ripetere due volte e sgusciai fuori dal garage.
Tornai a casa senza mai voltarmi indietro.

Quella sera mia madre tornò a casa barcollando. Era irriconoscibile, camminava a gambe larghe e aveva la faccia stanca.
La incrociai in corridoio e li le feci la mia promessa -Un giorno sarai mia, solo mia-
Mi voltai senza aspettare la sua reazione, entrai in camera mia e chiusi la porta.
Mi sfilai il pisello e diedi il via a quella che fu una lunga notte.

Commenti, richieste a Isaia.racconti@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 7 8 6 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.