La mamma di Luca 3

Scritto da , il 2020-09-11, genere incesti

Ora che la madre di Luca era gravida, il primo passo era compiuto, la nostra famiglia si stava allargando, e io ne ero felice, il mio uomo, sarebbe divenuto padre, e a partorirlo sarebbe stata sua madre.
Intanto a casa mia, mio padre non vedeva di buon occhio che io fossi frocio, anzi, la cosa lo disturbava e parecchio, la sera quando scopava mia madre, lo sentivo lamentarsi, dicendo che non ero suo figlio, e che senz'altro lei lo aveva tradito con qualcuno, e al culmine della rabbia e dell'eccitazione, le infilava il suo cazzone in culo, facendola urlare di dolore e piacere.
Cominciava a starmi antipatico, notavo che negli ultimi mesi, la violentava, e basta, non godeva più come una volta, anzi, e lei aspettava sempre di più ad andare a letto, sapendo cosa la attendesse.
M a una sera in particolare, mi convinse che avrei dovuto intervenire in qualche modo, era quasi l'una, io ero in camera mia, lei lo raggiunse, pensando dormisse, ma una volta in camera, lui la buttò sul letto, le strappò la camicetta, e mise a nudo il suo seno, poi le morse i capezzoloni, lei urlò dal dolore, lui le mollò uno schiaffo, e la girò, sollevata la gonna, le strappò i collant, e le mutandine, con forza, lei iniziò a piangere e chiedere di smetterla, ma lui era su di giri, aveva bevuto un pochino, e senza prepararla, le infilò i suoi trenta centimetri nel culo, fino in fondo.
Credo sia svenuta, lui la scopò con violenza e le riempì il culo di sborra, e nel mentre la insultava, dandole della donnaccia e della troia, e che io non ero suo figlio, un culattone per casa che schifo.
Poi lei si riprese e si recò in bagno, dove poi sul bidet, si accorse del sangue che le colava dal retto, io entrai, ero in babydoll mi avvicinai, e la abbraccciai, lei si mise a piangere, poi la aiutai a lavarsi, le accarezzai la figa, poi con delicatezza passai a lavarle il culetto, e iniziò a calmarsi, le tamponai un poco il buco, devastato, e poi ripassai sulla sua figa, e lentamente iniziai a lavarla, ma l'intenzione era di fagli un ditalino, godendo avrebbe dimeticat per un poco il dolore, e testare fino a che punto potevo arrivare.
Lei non mi allontanò la mano, mi guardò solo negli occhi, era stupefatta, ma felice che stesse accadendo, allo presi coraggio, e le infilai due dita nella figa ormai bagnata, e la baciai, sentii la sua lingua frugare in cerca della mia, e così, si incontrarono, lei esplose, iniziò ad ansimare, e io spingevo sempre più in fondo le dita, si alzò dallo scomodo bidet, e si appoggiò al muro, avevo capito, mi afferrò il cazzo, e lo diresse alla figa, sollevò una gamba e io la infilai, aprì gli occhi, mi prese le natiche e spinse, lo voleva dentro, ma io non ero papà, il mio cazzo era piccolo, e non credo la soddisfasse molto, ma si accontentò, e le venni dentro, come una collegiale, mi scaricai in lei, e poi la baciai.
Venne nel mio letto e ci addormentammo abbracciate, e al mattino seguente, facemmo colazione, nude e felici, e parlammo di mè, del mio uomo, e le raccontai tutto, persino della madre incinta, e lei dopo un poco di stupore, mi disse un po' vi invidio, le presi le mani,e le dissi, se vuoi, possiamo rendere veramente cornuto papà, ti andrebbe?, e come mi chiese, Luca ti metterà incinta, e io avrò un fratellino, ma dai mi disse sono vecchia e rutta, non scherzare mamma sei stupenda, e appetibile, e poi vedo che prendi ancora la pillola, mi alzai, presi le confezioni dal mobiletto, e le portai in cucina, poi mi misi a pecora sul tavolo, allargai le gambe, e le dissi, ora toglile dal blister e infilamele dentro, così saprò che accetti la mia proposta, e attesi, un attimo dopo, mia madre mi stava infilando nel culetto una a una le sue pillole anticoncezzionali.
Li spingeva in fondo una ad una, col dito, e poi finito, mi alzai, la portai in camera e ci preparammo per raggiungere Luca.
Venne ad aprirci sua madre, ormai al quinto mese, e appena vide mia madre, la abbracciò, era felice di conoscerla, finalmente conosco la madre della fidanzata di Luca, mi hanno molto parlato di tè, e se la portò in salotto, e io raggiunsi Luca, era nudo, mi spogliai e mi dedicai al suo cazzone, e dopo un bel pompino, mi stesi, sollevai le gambe e lui entrò in mè.
Stavo godendomi il mio uomo, quando la madre di Luca e la mia si affacciarono alla camera, e si misero in contemplazione della mia monta, vedi, è il cazzo che mi ha ingravidata, bello vero?, mia madre accennava favorevolmente con la testa senza distogliere gli occhi da Luca, o almeno dal suo cazzo, allora io dissi al mio uomo, mentre stavo godendo, tesoro, ti ho portato mia madre, e ora stai scopando le pillole anticoncezzionali che mi ha infilato nel culo, perché mi darai un fratellino, Luca scoppiò dentro di mè, mi innondò di sperma, e mi baciò.
Una volta ricomposti, si avvicinò a mia made, è stupenda Paola, è veramente bella, e iniziò a palparle il seno, per poi infilarle la mano sotto la gonna e la trovò pronta, bagnata e senza slip, la baciò, e poi le disse, ora girati, e solleva la gonna, lei eseguì, ora prendi il cellulare e chiama tuo marito, lei lo guardò esterefatta, chiama troia, e lei compose il numero, appena papà rispose Luca iniziò a penetrarla, lei emise dei gemiti e iniziò ad affannarsi, e papà le chiese cosa stesse succedendo e lei ripose che stava camminado e aveva il fiatone, Luca la pompava e lei stava godendo, non parlava troppo bene e poi papà, le diede della troia, sei sempre in giro mai a casa, sempre a cercare cazzi immagino, non immaginava quanta ragione avesse, e poi lui le venne in figà, lei appese e urlò il godimnto.
Da oggi, sarai la mia donna, a tuo marito solo il culo, una volta gravida la figa, e tutti i giorni mi verrai a trovare o verrò io da tè, e se c'è tuo marito, lo faremo lo stesso, col rischio che ti scopra troia, lei annuì, e però ora resti tù amore mi disse Luca, se mi dedico a lei ho poco tempo per tè, tranquillo gli dissi, ho già in mente un piano.

Questo racconto di è stato letto 8 5 2 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.