Alpeggio Cap.: XI

Scritto da , il 2020-08-21, genere zoofilia

Incesto, zoofilia e gay

- “Gigi, … Gigi, … -sfiorandogli con le antenne le sue-la mia luce si sta esaurendo, sto per concludere il mio percorso. Cucciolo, … nipote mio … ti voglio bene! … ohhh, … Prima di ritornare al mio diario vorrei spiegarti alcuni nostri costumi: In pianura dicono che noi siamo dei pervertiti, … dei degeneri, … immorali, … dei scostumati, … dissoluti perché ci accoppiamo con i nostri stessi figli o nipoti; perché accettiamo e pratichiamo la sodomizzazione; perché acconsentiamo che maschi si uniscono o facciano l’amore con maschi e femmine con femmine; ma nelle leggi della Montagna questo è permesso, … sancito. La sessualità non è solo per generare, ma anche per dar piacere alla persona; non è solo maschio con femmina, ma anche maschio con maschio e femmina con femmina, … padri e madri con figli e persino uomini con animali. Due anni fa ridevi di noi che ti facemmo notare un becco, che dopo un serrato corteggiamento, inculò un suo compagno; … osservasti il piacere di chi riceveva e il suo ringraziamento finale, dato dal pulire con la lingua l’organo sessuale di chi l’aveva preso, asportandogli gli ultimi umori che fluivano lenti dal membro; come delle pecore che si sfregavano o leccavano, dandosi piacere e poi, costrette, subivano la monta. I cani praticano la sodomia fra loro. Quelli della pianura sparlano, calunniano, ci accusano; ma le loro donne o i loro maschi ci cercano perché sappiamo toccare, far suonare le loro terminazioni, comprese quelle anali. Ti dirò che il piacere anale è molto più sublime, completo dell’altro; ma anche l’altro, se fatto per il piacere e non solo per la procreazione. Un giorno, la signora Assunta, dopo che mi aveva aiutato a farmi prendere da Tulio e da suo marito, mi chiese di non defecare, … di non pulirmi; ma di cercare di percepire la sensazione piacevole della fuoriuscita dello sperma e del suo colare lungo le cosce, di sentire il rilassamento anale e il suo benessere dato dalla colata di quelle essenze collose, … di riconoscere il profumo del sesso. Mi fece camminare all’aperto: … che sensazione soave la frescura sulla corolla del fiore e nel suo calice aperto. Allora fissai mio fratello e il nonno, … i loro sessi, come a …, ma il tuo avo con alcuni fischi e un nome chiamò un nostro pastore. I bisnonni, Tulio e mia sorella mi tranquillizzarono. Dopotutto quei accoppiamenti gli avevo già visti in famiglia, per cui risi, accettando le espansioni, le effusioni, le tenerezze e le leccate o meglio i baci della bestia. Mi abbandonai a lui per farmi prendere e possedere. Stella accompagnò la testa dell’animale prima per ammollarmelo e poi, preso il membro canino, per accostarlo al mio fiore umido, lubrificato, palpitante, desideroso di essere nuovamente visitato. Era la mia prima monta canina; … ero una cagna, … la cagna che voleva, bramava di essere ingravidata, riempita, saturata di essenze spermatiche. Mi aveva abbracciato, abbrancato, stretto fra le sue zampe anteriori; … scivolò, si introdusse dentro lento e poi iniziò a pompare, … a stantuffare. Mi scopava, chiavava, indietreggiava e lo reintroduceva … accanito, furioso, tenace, insistente; dovevo tenermi puntato per non cadere in avanti; inchiodato a lui; mi sentivo gonfio nel basso ventre, non di liquidi come di un clistere, ma di un solido caldo, deformabile che fluiva al mio interno, che apriva e poi si gonfiava lasciandomi senza fiato. Splendide, sensuali, umide sensazioni. Sbatteva, colpiva, spingeva, retrocedeva per rientrare e sbatacchiarmi inondandomi di liquidi; agganciato con un orpello voluminoso che gli impediva di staccarsi. Respiravo a singhiozzo, ansimavo, boccheggiavo, godevo. Percepivo spruzzi nella mia ampolla retale, mentre lui se ne stava tranquillo, staccato da me, ma incollato con quello che avevo dentro. Bramavo che quella tortura continuasse a lungo, che mi gonfiasse l’intestino, ma poi … un plof con liquidi che defluivano e mi colavano giù per le cosce. I miei osservavano, mi sorridevano, … mi invitavano a star fermo, … di attendere i ringraziamenti del cane, che stava seduto a pulirsi poco distante. L’osservavo mostrandogli il mio anello aperto, arrossato, luccicante di umori tepidi che lenti fuoriuscivano per perdersi verso le mie ginocchia. Un soffio caldo, umido; una lingua rasposa, ruvida lappava, limava, disgrossava, puliva. Vibravo e mi inarcavo tendendo i lombi verso l’alto; chiudevo le natiche per impedirgli di proseguire quella tortura, per proibirgli di spazzolare l’area perineale e l’ano. Lottavo, combattevo, piangevo trattenuto dalle mani di Celeste. Urlavo di tirarlo via, … ma l’unico gesto, per difendere i miei glutei e quello che vi era nascosto, era quello di voltarmi e di stringerlo per impedirgli di proseguire. Mi sfuggì per ritornare a lustrare lo scroto, leccare, lappare il mio membro sino a farmi godere. Mi spruzzai l’inverosimile sull’addome e sul volto … riservandogli, … chiedendogli … così il proseguo. Sfinito, spossato, abbandonato sul prato rinunciai a proteggermi dalla sua maledetta, sacrilega, santa lingua. Lui, dopo avermi pulito il viso e il busto tornò a detergermi il fallo sino ad indurmi a svuotare la vescica a fiotti, a sussulti. Pisciavo su di me e lui lappava, beveva, spazzolava. Trasalivo ad ogni suo toccarmi, al suo lambirmi, al suo … ed eccitato, come non mai, mi offrivo andandogli incontro, godevo, … godevo … e soffrivo di piacere, … ero fra le nuvole … in estasi. Seppi dal bisnonno che quelli amplessi dovevo accettarli; che l’uomo o la donna devono concedersi alle bestie, quando costoro non possono godere con dei simili e allora noi, parte della natura, consci e presenti, ci offriamo dando modo a loro di appagare i sensi con l’accoppiarsi pure con noi. Un’altra regola della nostra comunità consiste nell’invitare alla nostra dimora quello che, per motivi diversi, rimane o è solo; di darli quell’ospitalità sacra fin dall’antichità, rappresentata anche di unioni, … di amplessi con il più giovane, il più gradito e tenero elemento della famiglia. A costoro si presentava, l’ultimo approdato al culto della Montagna, che, da iniziato e istruito, accettava con docilità e passione i loro palpeggiamenti, le loro bave, i loro baci lascivi, i loro inviti … come da educazione ricevuta e la Montagna suggeriva, … inginocchiandosi, poi, per odorare, vellicare, accarezzare con il naso il luogo … la culla del loro membro o vagina.
Un giorno al segnale sonoro, non capendo, rincasai di corsa dal pascolo e … muto … chiesi il motivo del suono, del richiamo. Ero sempre appagato dell’attività sessuale con Tulio o con il bisnonno, per cui ero lontano da quello che i miei mi avrebbero chiesto. Per me la sera era il miglior periodo del giorno. Andavo allegro e felice a lavarmi alla vasca e a ricevere la pulitura interna, per essere preso dopo da Tulio o dall’avo. Il mio culetto si apriva entusiasta per accogliere quei membri, mentre il mio pisello, succhiato o stretto in una vagina, lasciava defluire le mie essenze nelle toppe di mia sorella o della bisnonna. Però, … devo dire che mi sentivo femmina, … ero una femmina con un fisico maschile. Al loro invito di lavarmi del lordume, di cui mi coprivo al mattino, compresi quando mi presentarono Sergio, un anziano flaccido, maleodorante, bagnato sino ai piedi, non da un qualcosa di fresco, come aveva consigliato Stella, ma d’altro. Era giunta anche per me l’occasione di far sentire ad individui, come costui, di essere ancora preziosi, indispensabili, necessari alla comunità. Gli feci cenno di seguirmi e di immergersi con me nell’acqua per una più che doverosa, profonda, pulizia del fisico. Mi misi alle sue spalle, per non subire attenzioni che mi avrebbero impedito di lavarlo. Slacciatogli le bretelle e fattogli calare le braghe, che avrebbero potuto stare ritte da sole a causa della sporcizia, di cui erano impregnate, sfilatogli gli altri indumenti e guidatolo a sedersi nell’abbeveratoio, iniziai dalla testa con crema saponaria, che mia sorella mi dava generosamente, a lavarlo sino ai lombi. La prima reazione che gli provocai era di cambio tonalità all’epidermide e, successiva, di tonicità muscolare. Per sveltire il bagno, mentre mondavo lui, Stella, toltemi le braghexse, mi strofinava per pulirmi dagli escrementi di bovini, di cui ero ricoperto; per cui, quando gli andai davanti, egli, accortosi del verde, lindo, profumato fisico che gli stava di fronte, cercò di ghermirlo per impossessarsi del mio corpo, sbavandomi, impiastricciandomi, ungendomi delle sue salive e poi, spintomi giù, bagnandomi, ... irrorandomi delle sue calde, dorate, nauseanti urine. Fu frenato da Tulio, che mi aiutò dopo con la sbarbatura e la messa in ordine delle mani e dei piedi; mentre Stella gli fece assumere la stessa pozione energetica, afrodisiaca che prendevano i nonni. Era un’altra persona con un aspetto certamente più gradito. La signora Assunta, devota alla Montagna e alle sue leggi, profonda conoscitrice dell’indole umana e di come allettarla, conquistarla e stupirla, appena ebbi completato i trattamenti, mi ordinò di reggermi con le mani ai bordi della vasca e di schiudere, … aprire le natiche per mostrare a lui e ai presenti il mio rosato, plissettato garofanino. Conoscevo come la donna mi avrebbe effettuato il seviziale. Ero già eccitato per come mi avrebbe esposto e palpato, poi quelle sue mani, che vagavano, s’inoltravano nella valle del paradiso, che pizzicavano, striavano, masturbavano, … beh …; ma il sottomettermi, … là, … all’aperto, a quel servizio con l’uomo che mi osservava, che vedeva i contorcimenti, gli inarcamenti di beatitudine; che ascoltava la musica che usciva dalle mie corde vocali, … dava al mio palpitante, vivo … bocciolo struggenti, luminosi, allegri, umidi sorrisi. La nonna mi diceva sempre che avevo il più bel pertugio di tutta la montagna; … che potevo vincere qualsiasi confronto, … che neanche quello di una ragazzina poteva emularlo o sfidarlo nel sorriso, nell’apertura e chiusura, nella prontezza a ricevere e a stringere, nel calore e nell’ospitalità. … e … mentre me lo eseguiva con la piccola Delia aggrappata alla gonna, decantava le sue doti a un Sergio stralunato, turbato, …quanto mai eccitato, infoiato, … pronto; tant’è, che lui stesso, si propose di lavarmelo, detergerlo e poi di purificarlo umettandolo di salive per controllarne le vibrazioni, le contrazioni … e per esaminarne e osservarne gli appelli supplicanti la trivellazione, la farcitura, la saturazione.
Sul giaciglio destinatogli fra bisnonni, fratelli e nipotina, intraprese a leggere prima con gli occhi e poi con le mani la mappa geografica del mio fisico. Godeva nel vedere la carta, che teneva fra le mani, incresparsi, corrugarsi, ondulare, cigolare, frusciare, vacillare; nell’annusarne, dopo, i profumi umidi di montagna, le fragranze rugiadose primaverili che le sue mani sapevano far sgorgare e successivamente gioiva, si inebriava eccitato, stregato … asportando con baci … baci aspiranti, bramosi, impazienti … sughi che da me sgorgavano abbondanti. Andò in visibilio, da ultimo, nel veder debellato, domato e preparato alla monta, … al covering, … alla trapanazione, … alla farcitura, quello che gli era stato offerto, da subito, al suo arrivo dalla famiglia. Svuotò al mio interno essenze, … fluidi, dopo una furibonda lotta di possesso e di conquista. Infilò più volte la lingua nel mio caldo, vellutato anfratto, accompagnandomi ripetutamente alla porta dell’estasi.
Trascorremmo l’intera notte a massaggiarci, a scambiarci salive, liquidi corporei, esplorando, … perlustrando con il dono della passione i nostri fisici. Nuove esperienze, fantastiche ripetizioni di stimolazioni, fin quando verso l’alba, stanco e pago, desistetti per farmi sbattere e allargare le pareti del retto. Alla fine, appagato, per esprimermi riconoscenza, confuse le sue ultime essenze con le mie, per trascinarmele dolcemente, in modo concentrico ai capezzolini, al viso, alle labbra. Ci addormentammo uno abbracciato all’altro con le nostre vischiose umidità.


Questo racconto di è stato letto 4 3 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.