Tre coppie in barca ( Parte Seconda )

Scritto da , il 2020-08-12, genere scambio di coppia

La mattina dopo erano già le nove e il sole batteva, quando Mara e la Lili ci svegliarono a calci, riaprimmo il tavolino e si preparò una veloce colazione.
Veloce, ma anche agitata, il programma prevedeva di passare la giornata sulla spiaggetta della cala e grigliare la carne appositamente conservata nella ghiacciaia, ma data la presenza di quelle altre persone, le mogli insistevano per levare l'ancora e cercare un altro posto.
E li il megadirettore-capitano fu irremovibile, avremmo seguito il suo programma anche a costo di litigare, e visto che si trattava di una spiaggia nudista annunciò che ci saremmo adattati anche noi.
Dopo la colazione le donne tornarono alla loro prua ciacolando nervose, noi intanto gonfiavamo il tender con cui saremmo sbarcati, e io intanto chiedevo al mega come mai fosse stato così deciso.

" Guarda, non è tanto per la strafiga nuda " - diceva lui - " Ma considera ieri come hanno reagito le ragazze solo per averla vista. Se oggi andiamo là tutti gnudi e tanto ci da tanto... stanotte quelle non fanno prigionieri.
Ragazzi ve lo dico, stanotte la convenzione di Ginevra non vale ! E se poi per botta di culo uno di noi si facesse davvero lo strafigone, sarebbe tutto grasso che cola. "

Io e Mario, il marito di Silvia, fummo profondamente colpiti dalla saggezza di quelle parole, ci rendemmo conto che quell'uomo, per quanto sborone paresse, meritava davvero di essere il nostro capitano, e gridammo il nostro assenso.

" SIIIIIII !!! VAIIII !!! "

E si va, anzi loro vanno, perchè il tender più di quattro persone non le porta, io e la Lili aspettiamo sulla nave che il capitano torni a prenderci.

" Amo. Visto che siamo soli devo dirti una cosa. "

" Dilla, "

" Stamattina mi sono svegliata che Mara me la stava leccando. "

" Hem... cosa ? .. "

" Secondo te ? L'orecchia ? "

" Si, si, scusa, ho capito. E' biadesiva allora la ragazza ? "

" Sul lavoro.. prima di me aveva un'altra amica, cioè prima non si sopportavano, poi sono diventate amiche in una maniera che aveva fatto sospettare molte, e infine hanno litigato di nuovo e ha legato con me quando è salita al piano del direttore. Mi ha detto che con quella e suo marito aveva avuto una storia complicata, ma non avevano mai provato veramente... e poi ha detto che con me invece la voglia di provare le è venuta.
E il fatto insomma è che mi è piaciuto. "

" E quindi adesso mi lasci e andate a vivere assieme con i soldi del suo divorzio ? "

" Deficiente ! "

Mi prende le guance tra le dita e preme fino a farmi venire la bocca da pesce, mi rendo conto adesso di avere la barbetta spinosa, e che i suoi occhi brillano e anche il sole gioca con i suoi capelli.
" Tu non ti libererai mai di me. Capito ? "

Potrei rispondere mille cose, ma preferisco baciarla. Senza parole sappiamo tutti e due cosa vuol dire, ci stiamo autorizzando a provare qualcosa che non può non cambiarci, che metterà in pericolo tutto, per curiosità. Fatti non siamo a viver come bruti senza cambiamenti.

" Sei sicura che non posso liberarmi ? E se faccio così ? "

Già che avevo un braccio attorno alle sue spalle, ho ficcato l'altro tra le gambe e l'ho sollevata di peso, e poi buttata di sotto nell'acqua, tanto siamo nudi.
Lo strillo penso si sia sentito fin sulle montagne all'orizzonte, sa nuotare, tranquilli, sa anche tuffarsi.
Anche io mi ci sono tuffato dietro, botta dura contro l'acqua che per un attimo nasconde il freddo, tiro fuori la testa, ma lei, che si è già ripresa, mi spinge sotto per vendetta, cerco di strapparle l'elastico degli slip, ma non li ha. E allora mi capovolgo e do la spinta con le gambe per scendere, lo so che non è capace di seguirmi sotto, lei, passo e risalgo più lontano a prendere fiato prima che possa arrivarmi addosso,
Mi è entrata l'acqua salata dal naso, come al solito.
Poi due bracciate ci volevano, ridiamo, il capitano arriva presto a raccoglierci col tender.

Sulla spiaggia abbiamo fatto conoscenza coi ragazzi, entusiasti di aiutarci con la grigliata.
Dicono di essere solo amici, non accoppiati, quella cubica precisa subito di essere lesbica e vegana, come se a qualcuno dovesse interessare, noi di tofu non ne abbiamo portato.
La venere nera invece è anche una conversatrice. E' una Songhai del Mali, nata e cresciuta nei campi ai margini del deserto, dove la cosa più interessante che potesse capitare era una incursione armata dei Tuareg.
Per come era cresciuta bene, la famiglia si era trovata a dover fare una scelta: o spendere tutti i risparmi per farla studiare in Italia o aspettare che la rapissero i Tuareg.
Avevano scelto l'Italia e l'avevano caricata su un aereo diretto a Milano. Perchè poveri e affamati sticazzi, è la classe medio-alta che arriva qua in massa.
Un paio di anni per ambientarsi ai corsi, aveva conosciuto questi amici, ed eccola in vacanza, a vedere il mare per la prima volta nei suoi ventiquattro anni di vita.
Non dice bugie, si vede da come si guarda attorno con gli occhioni spalancati, non l'aveva mai visto e provato davvero. Adesso è nel paese delle meraviglie, penso non si renda neppure conto di essere oggetto di desiderio per quasi tutti qua, è ingenua, fiduciosa e troppo bella per il suo bene.

A un certo punto, mentre dopo una nuotata preparavamo il fuoco, decide di andare a raccogliere della frutta, dicono di aver visto dei fichi e delle more nel boschetto che risale su per la scarpata, sembra che le more siano un'altra delle sue grandi scoperte in questa vacanza. Parte con passo agile, gli amici tutti dietro speranzosi, il nerd, la lesbica, Telespalla Bob, e veramente anche Mario vorrebbe dare una mano e visitare sto boschetto. Ma le nostre donne si sono piazzate a prendere il sole al margine tra la sabbia e i primi pini, posizione da cui possono sorvegliare tutto.

" Dove credi di andare ? "

Silvia ha fermato il marito senza neppure cambiare posizione, solo gli occhi ha alzato.

" Veramente, volevo vedere dove arriva la pineta.. "

" Se ti vedo uscire da questa spiaggia ti taglio via il pisello e te lo faccio mangiare. "

Le altre due restano in silenzio, ma si capisce che non vale solo per lui, e che non è il caso di mettersi a discutere, non è proprio aria.
Torniamo ad occuparci del fuoco, mogi.

La grigliata è andata anche bene, per essere la sagra dei piselli e delle chiappe al vento si stava comunque rilassati, il vino abbondava, la vegana non rompeva le scatole agli altri e quello bello cantava i Negramaro con la chitarra. Miss Universo poi era quella più a suo agio di tutti e si sforzava di tradurre in italiano le barzellette di casa sua. Io invece a un certo punto mi sono spento, e si che dieci persone in tutto non sono troppe, all'aperto le voci non rimbombano, sarà stato il vino, che se c'è un brutto pensiero da qualche parte lo scova e lo porta fuori. Niente di tragico, gli altri non si sono accorti di niente, ma mia moglie si. Quando nel tardo pomeriggio siamo tornati alla barca e ci siamo trovati nella nostra cabinetta per recuperare almeno la parte sotto del costume, l'interrogatorio era inevitabile.

" Allora ? Ti conosco, eri arrabbiato prima. Te la sei presa perché facevamo la bava davanti a quel bel giovanotto ? E intanto la negretta non ti ha guardato l'uccellino ? "

" Veramente ero distratto e non mi ero accorto, ma non ho niente. "

" Amo, questo non è possibile. Tu hai sempre qualcosa che non ti va bene. "

" Mi è venuta su una para. Pensavo per conto mio se invece di Miss Mali ci fosse stato Mister quaranta centimetri di simpatia. E sai cosa ? Si, mi sono arrabbiato, perchè ti dico che in quel caso ieri non si sarebbe visto un costume vostro neanche a cercarli col binocolo. E oggi, se noi avessimo fatto ma neanche la metà di quel che avete fatto voi, adesso tu, staresti gridando al nazismo, all'oppressione medievale e chissà che altro ! "

" Ah ecco, dici una para, ma in realtà intendi processo alle intenzioni. Tu, nella tua testa, hai messo in piedi un processo alle mie intenzioni, sulla base di qualcosa che non c'è e non è mai successo ! E hai tirato delle conclusioni su di me che dimostrano che non hai nessuna fiducia in realtà ! "

" Neanche di avere un momento di brutti pensieri ci è permesso a noi ? L'ho sempre saputo che parità è solo una parola in codice per i cazzi vostri, però oggi l'ho visto proprio applicato apertamente. "

" Stai facendo un confronto con una cosa che esiste solo nella tua immaginazione ! Guarda, vado su per non mettermi a gridare. E stammi lontano per un po ! "

Esce, anche io esco sbattendo la tenda, come se potesse fare rumore, e per lasciarla sbollire vado nell'unico posto dove non c'è mai nessuno, la cambusa.

" L'equilibrio sto par di palle ! "

Bastava stare zitto, che poi non riesco più a ricordare esattamente a che punto la conversazione è diventata un litigio. Ho cominciato io ?
Non so quanto sono stato qui a pensare, ma a un certo punto sento passi leggeri, Silvia è scesa a cercarmi.

" Avete litigato. "

" Capita. "

Silvia fa quel che avrebbe dovuto fare mia moglie, non perde tempo a discutere con uno che ignora la ragione, invece mi viene dietro, posa una mano sulla schiena e una davanti nello slip.
Come se fosse roba sua, e io non glielo so impedire.

" L'importante è che dopo passi. Stanotte ci faremo perdonare ancora.. "
La prendiamo in giro per gioco, ma le tette piccole e appuntite hanno il loro fascino, le sento premere sulla schiena come se dovessero trapassarmi.

" Io lo so il vero motivo, vi vedevo oggi, non lo dite, ma volete buttarvi, è per questo che siete tanto nervosi.. "

" Stamattina ne parlavamo.. "
Non ho potuto terminare la frase, Silvia mi ha piantato le unghie della sinistra nella pancia, ha graffiato, vedo le stelle, tutti vedranno il segno.. intanto nella sua destra sono completamente duro.

" Ti faccio male ? "

" Si.. "

" Vuoi che smetta ? "

" No .. "

" Ecco, stai provando quel che ho provato io la prima volta che il cornuto porco di mio marito mi ha trascinata in uno scambio. Vederlo con un'altra mi ha fatto questo male e intanto uno sconosciuto mi toccava, eppure con tutto il dolore non riuscivo a fermarmi e ne volevo di più. "

Mi bacia il collo, parla al mio orecchio con una voce sempre più roca.
" Anche tu, credi di essere pronto, ma non è vero. Quando arriva il momento ti sembrerà di morire. Ma io sarò li con te tutto il tempo. Vorrei darti quel che non ho potuto avere .. "

Sto per venirle in mano. Se ne accorge, si ferma, mi lascia respirare.

" Anche la Lili potrebbe dare quel che non hai potuto avere. Ho sentito dire che dietro non l'hai mai presa. Ti si potrebbe aiutare. "

" Tu.. lo sai, vero, che se qualcun altro, chiunque, si immaginasse di poter essere il primo, io a questa barca gli do fuoco e l'affondo con tutti voi sopra ? "

" No no no, non intendevo così. Quel che volevo dire è se ti piacerebbe fare un po di pratica intanto... "

Questo racconto di è stato letto 5 8 0 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.