Alpeggio Cap.: VII

Scritto da , il 2020-07-21, genere incesti

Mistero: Incesto tra padre e figlio e tra madre e figlia

Alpeggio 7 Mistero: incesto tra padre e figlio e tra madre e figlia

Il giorno stava lasciando l’orizzonte per far spazio alla notte. Una forza misteriosa, arcana, inspiegabile spingeva, consigliava, induceva, incitava i sei a risalire, come attratti, richiamati a fare; ad assolvere e a portare a termine gli eventi sacri in cui sarebbero stati sacerdoti, chierichetti, suore. Senza parlarsi, muti, ma coscienti che stavano vivendo una celebrazione religiosa ripresero la via della risalita, incuranti dell’ora. Spronati da quella energia procedettero con i due fratelli, che davanti controllavano per avvertire i compagni di eventuali pericoli che l’ora poteva nascondere.
Avanzavano senza controllare le modifiche che spiriti allegri avevano effettuato sui loro abbigliamenti. Dei sai bianchi con cappuccio e cingolo avorio li vestivano; probabilmente, vista la furbizia insegnata dallo Spirito, sotto non avevano nulla; inoltre, lo sfarfallio pulsante delle nostre lucciole aveva provocato altri fatti straordinari, ossia li aveva privati degli scarponi, lasciandoli a piedi nudi, mentre il cordone che stringeva i loro fianchi prendeva vita con lo snodarsi ed estendersi. Non consapevoli a cosa andavano incontro, si dirigevano sereni, sorridenti, leggiadri e in silenzio verso un arcano, nebuloso mistero.
Quella compagnia luminosa non soddisfatta del proprio operato, tramite segnali, vibrazioni, onde elettromagnetiche aveva richiamato, inoltre, sui predestinati altri insetti luminosi; causando in questo modo un chiarore sufficiente ai marciatori per rilevare e leggere le immagini che il fato indicava.
“Gigi …”
“Dimmi papà!”
“Abbiamo fatto un buon lavoro! Siamo stati dei bravi artisti e persuasori. La forza trasmessaci sta dando dei buoni risultati.”
“E’ vero, papà. Basta osservare i loro cordoni, che prima erano annodati e stretti, ora sono tanto slegati, che a stento fermano quei sai che li ricoprono; anzi mi sembra di notare che amino serpeggiare verso l’alto per farglieli andare giù. I due fratelli l’hanno quasi perso e Giovanni cammina ansando, poiché tra le sue natiche …Beh, è meglio … che siano loro a descrivere e non noi.”
“Sì, … così potrò unire la mia lucina alla tua. Le nostre piccole lucerne possono lambirsi e congiungersi per farne una sola. Lui non ha detto che è solo per i viventi, … sento uno sfrigolio, un …”
“Sììììììììììì, … fondiamoci, … uniamo i nostri podici, … così, mentre loro si fottono, copulano e scrivono nuovi righi musicali a più mani, noi vibreremo, sussulteremo, oscilleremo, fluttueremo nel piacere anche con queste spoglie alate; … e su altre rocce, un po' discoste, scalfiremo nuovi incantesimi.
- “Nicolas … anfff … sento, … ho bisogno, … ahhfff, … fermiamoci, … versa nel mio calice il frutto della passione, … ne ho bisogno, fratellone! … il mio anello si sta oliando e il fodero spasima, smania, sospira il tuo caldo, … palpitante, nodoso, … vivace e irruento membro. Toccami al basso ventre; … il mio è un chiodo e mi provoca dolori al pube. Il mio saio funga da tappeto su questo suolo roccioso per stenderci e farci unire.”
- “Ohhh Remi, … da quando hai conosciuto e, ogniqualvolta, percepisci il mio desiderio emanato dal mio vello nero arricciato, divieni una zoccoletta, … una puttanella. Ohhh Remy, … Remy, … sei la mia ossessione, … la mia condanna. Ecco, … mi siedo sul tuo sacco per poter prima ammirare con gli occhi i tuoi lineamenti, le tue sembianze e le stille del tuo bischero irrequieto; per fiutare, … aspirare e godere a pieni polmoni del tuo fresco, primaverile profumo; … e, mentre i nostri occhi palesano, rivelano e manifestano un -sì- con una mano ti bloccherò per dare all’altra la possibilità di controllare, ispezionare, verificare quanto spasima e si apre … delicato, … inumidito, … illanguidito.”
- “Ohhh fratellone, stringimi, … flettimi, … attirami a te; … fammi gustare, … assaporare, … saggiare la tua mano fra le cosce, … mentre l’altra trattenendomi, sorreggendomi impasta, snerva e mi piega verso di te. Lo voglio stringere per percepire, per spargere le sue lacrime su tutto il suo fusto. Ohhh Nicolas, … stenditi sulla mia bianca tunichetta sostenendoti sui gomiti, mentre la mia linguetta stormisce fra il tuo vello nero … e, … io inspirando l’ambrosia del tuo profumo, mi accosterò con il mio serpentello alla tua non ancora svestita rosata prugna. Avverto che i tuoi ambasciatori esigono essere vessati, maltrattati, seviziati dalla mia serpe per essere ricevuti poi nella sua tana.”
- “Sìììì, … continua fratellino, … vieni strisciando, mordendolo verso la cappella e sfiniscila, finché non riuscirai più a contenerla nella tua bocca. Solo allora rialzati per consegnare le tue chiappette alle mie mani. Guiderò la tua flessione sino a che lui non busserà alla tua porta. Dimmi piccola troietta, … prònunciati … Remy; … rivela loro quello che vuoi; mostra, … addita anche a Giovanni quello che penetrerà nel tuo stretto, umido sfintere. Lui non è ancora propenso e incline, ma chiamandolo ad accostarsi di più, sarà conquistato dagli afrori chei nostri desideri spargono.”
“Zio … sono belli e adocchia cosa fanno Lucia e Margherita.” “Sì, ma dobbiamo farli indugiare, … differire un po’ nel tempo il loro desiderio, per non disturbare con altra musica il concerto iniziato da Remigio e Nicolas.” “Ha ragione tuo zio, sai bimbo mio! Noi applaudiremo con i nostri bagliori, dando il via all’illuminazione serale, notturna, rivestendoli di luce anche con l’aiuto delle lucciole, nostre simili, qui pervenute per aiutarci e gioire dell’evento da noi provocato.” -

“Ohhh sìììììì fratellone, … entra, … scivola lento per farmi assaporare l’imbottimento, … il piacere del sentirmi pieno, saturo, … fammi gemere, uggiolare, gocciolare. Ohhh sìììììììììììì … che bello. Nicolas … mandami sulla Montagna. Andiamo assieme. Sììììììììììììììììì … cosìììììììììì! … Ohhhhffffffff. Fratello affidami i primi andirivieni, … gli iniziali giù e su, … dentro … e poi quasi fuori; e quando te lo avrò ben oliato e il mio anello avrà accettato gaiamente la tua intrusione … allora … solo allora sollevami le gambe con il mio dorso a contatto del tuo petto, in modo che il nostro piccolo Giovannino possa vedere come hai otturato, ostruito, tappato il mio forellino. Ohhh sììììììììììììììììì, … tuttooooooooo; … batti, … sbatacchia, … urta, … pesta. Ohhhhhhhhhhh! Ohh Giovanni, sfilati quell’indumento e vieni … fatti guidare. Sei ancora piccolo, ma hai la stessa voglia che avevo io, quando mi prese il mio grande fratellone. Scrutando nei tuoi occhi … vedo il desiderio di partecipare, … di essere iniziato, … di essere della Montagna. Dammi il volto, che possa condurlo sul mio membro per farti percepire con l'olfatto l’allucinogeno che conquista. Veneralo con gli occhi, liscialo con le guance, bacialo e asporta quelle gocce che da lui scaturiscono, ungilo con la lingua dal basso all’alto, … comprendendo anche la bisaccia, là in attesa delle tue salive … e poi, … risali lentamente per prenderlo fra le labbra con tenerezza. Umettalo con sfiori di lingua e poi … aspiralo all’interno, stretto fra lingua e palato. Gioca con la tua punta e poi cerca di deglutirlo; … e inizia il movimento di espulsione seguito da quello di accoglienza. Reggi la sacca e cerca di comprendere i momenti di piacere, che ricevi e dai, da quello dell’estasi; mentre ti sfami di lascivia e mi appaghi di piacere, fletti il dorso e alza il sederino, affinché tuo padre possa aprirtelo. Ahhhhhhhhhh … sììììììììììì, … bevi, … inghiottisci, … ingurgita. Ti trattengo, non scappare! Ohhhhhh sìììììììììììì, … ancora, … ancora! Ohhhhhhhhh, … ma gli ultimi miei zampilli … voglio darteli sul volto per spalmarteli, … per segnarti come figlio della Montagna. Sei bellissimo Giovannino, splendido; sul tuo volto si frangono mille luci e poi mille ancora. Che opera magnifica, grandiosa sto provando oggi: il piacere dell’aspirazione con quello del frullamento, della zangolatura. Sbatacchiami, inculami senza remore, forte, ma … da supino, … con le gambe sulle tue spalle, … Nicolas. … e mentre rendo il servizio a questo chierichetto, che suo padre tra poco sodomizzerà, … insegnagli a baciare; ma ora suo padre…”
“Ti voglio figlio mio; … sto spingendo dentro di te questo mio ferro rovente; e voi, amici, smorzàtegli i suoni, irritandolo di piacere. Non deve resistere, … ma abbandonarsi alla penetrazione, anche se dolorosa … poiché è la sua prima volta. Non stringere, … rilassati. Ecco la prugna violacea, congestionata … ha sfondato, … violato l’ultimo anello … e ora il tuo guanto stretto, caldo, vellutato si apre e lui scivola dolcemente, pacatamente … e si immerge, e si addentra … introducendosi sino a farti avvertire sulle chiappe quei testicoli che poco prima avevi coccolato, lambito, bagnato con le tue salive. Stai fermo mio piccolo Nino, … prendi consapevolezza di quello che ingolfa, ottura, chiude il tuo prezioso, stretto imbuto; se prima Remigio ti ha segnato nel volto, ora io marcherò anche questa parte del tuo fisico, consacrandola a Lui, imbottendola, inondandola del mio nettare. So che il dolore sta scemando, … che vorresti che mi distacchi, ma appena inizierò il movimento di uscita … tu avvertirai il tuo condotto lamentarsi per sentirsi come un palloncino a cui si aspira l’aria; … e allora … il tuo inconscio ti dirà di non farmi uscire, ma di ritornare per riempirti ancora. Prenderò nuovamente la via dell’uscita per capire se il tuo pensiero era corretto e se avrò di nuovo quella sensazione rientrerò daccapo. Farò vari tentativi per conoscere il tuo pensiero, ma rimarrò incominciando la danza del dentro e fuori, solo quando mi chiederai di stare là, … di fotterti, … di chiavarti; … solo quando mi implorerai di sfondarti, … di aprirti sino in fondo, … di romperti; mi supplicherai che lo vuoi … tutto, … sino in fondo e urlerai, mentre dalle tue gonadi; seviziate da lascive, umide tenerezze, … rese mansuete … inoffensive; principierà l’uscita impetuosa, travolgente, irrefrenabile dei tuoi sacri succhi, colà conservati verso la gola di Remigio.”
- “Sì papà, … sìììììììììììììììììììììììì, … sìììììììììììììììììììììììììì. Continua, … continuaaaaaaaaaaaa, … continuaaaaa! Ohhhh, che mi sta succedendo Rem? C’è una forza che vuole strappare, togliere, asportare risucchiandomi il sangue. Cedo, mollo, crollo affidando a chi aspirava la mia vita, sospinto anche dai tuoi colpi, … dal tuo persistente, ostinato andirivieni. Enfffhh … enfhhh”
- “Sì, … lo so. Hai avuto il tuo primo orgasmo, rimanendone sorpreso, sbalordito, meravigliato tanto che hai pensato di una mano che ti strappava violentemente la vita. Sono contento piccolo; ora, mentre Remy ti sta pulendo l’organo genitale dagli ultimi residui di piacere, io comincerò il movimento di marchiatura del tuo condotto anale, lasciandovi alla fine, dopo un’estenuante lotta con il tuo anello, il nettare della vita. Contemporaneamente a me, Nicolas violenterà sodomizzando il tuo nuovo amico e assieme a lui, per i continui, assidui, ostinati colpi e contraccolpi che riceverai o dagli strusciamenti, dagli strofinamenti o dalle umettazioni della lingua o del volto umido di Remy sul pisello ti condurrò, dopo averti riempito dei miei succhi, a un nuovo versamento. Mentre percepirete il bollore, la vivacità delle nostre eiaculazioni, entrambi avrete il volto lordato dallo sperma dell’altro per una nuova repentina, ma pacata, mite, dolce emissione.”
- “Ohh, … sììììììììì, … ancora! Hai ragione papà, mi sta … e sto … Ohhh … sento dentro il mio retto vampate, frustate, … colpi, … scosse. Ohhh, … sei tu papà? Sìììììììì riempimi, farciscimi, inondami dei tuoi succhi. Ohh Montagna, grazie per avermi fatto tuo, … per avermi segnato e fatto partecipe dei tuoi misteri. Papà … stai ancora un po’ dentro, … voglio gustarmi questo dolcissimo appagamento, … questa deliziosissima, mia prima estasi.”
- “Oh sììì, Giovannino! Sia io che Nicolas, da seduti, vi terremo inchiodati, impalati, legati ai nostri membri, così potrete godere dell’ingombro dei nostri rettili, mentre gusteremo con voi le scene che madre e figlia stanno offrendo. Lo spettacolo che ci doneranno sarà per tutti un viatico a una nuova erezione e per voi la percezione di sentirvi gonfiare; poiché facilmente quello, che vi infilza, si dilaterà ancora, facendovi ansimare, gemere, guaire, vagire nuovamente. La Montagna vi ha presi e ora vi condurrà, per i suoi meandri di piacere e dell’appagamento all’estasi dei sensi.”
- “Mamma … hai visto Ennio, come lo ha …; ma si può? … lo ha …; ma … non fa male? E’ tanto chiuso e stretto, che a stento entra una supposta. Mamma …!”
- “Sei bella; persino più leggiadra, seducente, tenera, … mia piccola, ora che hai provato e forse … il tuo volto principia a prendere quei segni, … quei colori, … quell’espressività usuale delle femmine in stato interessante. Io per lo spettacolo a cui ho assistito sono … e non so tu. Ti osservo, ma chi … ti sta svestendo? Il tuo saio si apre, … ti casca, rimanendoti appeso, di traverso, sul corpo come una sciarpa; … lasciando alla vista mia e di altri un seno piccolo, sodo, rotondo con una aureola minuscola, rosea … da cui spicca una puntina acerba, ma rigida, marmorea, … gioia e delizia per palati difficili, … esigenti. Loro ci osservano; sanno che siamo sotto l’influsso dello Spirito: lo notano dalle lucciole che attorno a noi lampeggiano, suggerendoci e invitandoci ad esperienze sconosciute.”
- “Che mi vuoi dire, mamma?”
- “I folletti, che ci circondano, si divertono a svestirci; non solo, ma visitando, senza impacci, le nostre intimità, stanno spingendoci una nelle braccia dell’altra.”
“Folleggiamo un po’, figlio mio! Sapete … papà, zio … ho bisogno di divertirmi, di gioire cantando una musica suggestiva, ardente, seducente, passionale.” “… anche da lampiride sei mia figlia! Tu vivi … erompi … schizzi vita da tutto il tuo essere, figlia mia diletta e madre sagace; con la tua suggestiva, persuasiva voce spingi qualsiasi essere a concedersi, a farsi prendere, ad accettare inviti, proposte care alla Montagna, ma, purtroppo, invise alle maschere. Sììììììììììììììììììì, … dai inizio alle danze, poiché non solo noi osserveremo attenti alle loro evoluzioni, ai baci … alle palpazioni, ai sussurri e contrazioni … agli urli e ai loro orgasmi con successivi rilassamenti, ansimanti e sudati; ma, anche i quattro maschietti, là seduti, sono impazienti di applaudire e glorificare le meraviglie della sessualità osannandone la bellezza, il fascino, l’incantesimo.”
Come per magia, per quello che la vista permetteva, si manifestò un albeggiare, un accendersi, un irradiarsi, un sorgere luminoso, straordinario, singolare composto di tantissime, numerosissime lucine che subito dopo impallidivano, si attenuavano, si affievolivano, decrescevano; per riprendere vigore, vitalità e tornare poi a velarsi, ad attutirsi.
Un sussurro, un soffio, ansimi, sbuffi impercettibili, ma avvertibili dai due trasmisero brame, concupiscenze, eccitazioni guidandoli, incitandoli, spingendoli ad aprirsi ad esperienze diverse; … e una vocina …
- “Margherita … avvicinati alla mamma; fatti abbracciare, stringere, …; vuole vederti, tastare, palpare, … sentire la vita che ha iniziato a battere, … a pulsare dentro di te.”
- “Si, … sììì!”
“Mamma!”
“Oh … piccola mia! Sei … bellissima; sembri ancora più solare, più … da quando sei stata con …; il tuo fisico si sta conformando, addolcendo ancora di più; i tuoi capelli, color miele, profumano di fresco; hai un bel culetto prorompente, gambe snelle e sode e i tuoi seni non necessitano …; la tua veste … Oh piccola mia … sorridi. Ohh, … ascolta il tuo corpo. Una mia mano ti cinge; mentre l’altra vellica, prende una tua pesca pregna di rugiada e di profumi primaverili. Oh piccola Marghy, appena schiusa alla vita! I tuoi capezzoli si irrigidiscono, … si protendono. E’ piacevole … ti piace?”
- “Margherita … rispondi alle sue attese, … la mamma ti aspetta; abbassa le mani … sfiorale il basso ventre; … apri le tue labbra e …”
“Ssssììììììììì! … muovi la mano, … portala sul mio sederino, … non ti fermare, … ho fame, sete, … desiderio. Toccami, accarezzami, … palpami, … baciami.”
“Oh figlia mia, … la punta della tua lingua sa di ciliege mature. Il baciarti è un’esperienza eccezionale. Le tue mammelle … Ohh, perfezione! Si può immaginare qualcosa di più morbido …, ma nello stesso tempo cingere delle sfere perfette, gemme stupende, … carnose, sode, … sensibilissime con capezzoli già induriti, … appuntiti come guglie.”
“Oh mamma, … le tue mani, … ohh! … che scendono, esplorano, scrutano dolcissime, ma agguerrite, attente, meticolose, precise, … perfide.”
- “Bravissima piccola vestale della nostra montagna, - pispigliava la celeste lampiride- … consegnale ora la fonte, … la brocca del tuo piacere!”
“Oh mamma, … non so, … oh, …ssììììììì, … continua!” Si guardarono negli occhi annaspando, … perse, … abbandonate all’eccitazione; … poi la mano le aprì le gambe. Tremava, piangeva … e si scioglieva abbandonandosi; la guardava mentre la accarezzava dolcemente. Un bacio, poi un altro. Era con la mamma, felice, zeppa di sentimenti ed ansie ingorde allacciate in fondo allo stomaco, … in attesa … dolce, infinitamente dolce; gambe divaricate, … respiro spezzato, … interrotto; brividi, … lamenti, gemiti; … desiderio, … offerta.
“Baciami mamma, … baciami! Le tue labbra si posano sulla mia intimità come farfalle. Baciami, … fammi tremare.”
“Sì mio bene, … sì!” … e si chinava per baciare centimetro dopo centimetro, … tentatrice, impudica tenendole le mani sui fianchi, … per togliere, svellere resistenze. Lambiva la timida, chiusa apertura alternando baci a colpi di lingua sino a provocarle il primo veemente, impetuoso, straordinario orgasmo. Leccava, lappava, sorbiva, inserendo la testa fra le cosce della ragazzina, non più vergine, provocandole vertigini, instabilità, boccheggi … tempeste, … uragani. Apriva con una mano mentre la lingua raspava, asportava, strisciava … e scivolava dentro verso le piccole labbra e … scosse, lampi, … pioggia … sino a farla schizzare, zampillare.
“Oh papà, … mi sento pieno, dilatato, … saturo. Impregnami, riempimi ancora.” I compagni di viaggio, esaltati, provocati, risvegliati, stimolati dalle discepole di Lesbia partecipavano al concerto dandosi ulteriori piaceri.
“Ohh, … uhhhmm! Mi sdraio mamma, … mi sento male. Piango. Voglio accarezzarti … mamma. Il mio sesso è aperto, bagnato, … gronda. Riprendi a lambirmi, a lappare, a suggere. Io godo, muovo il bacino per aiutarti. Sento … Mi sembra di impazzire. Vorrei spingere la tua testa dentro di me ma mi limito ad appoggiarvi le mani; … e improvvisamente sono travolta. La schiena si inarca da sola … sono presa da piccoli spasmi. Sdràiati al mio fianco e tienimi stretta, … scaldami. Ho paura. Piango. Pian piano mi riprendo. I tuoi occhi brillano scintillanti. Sento l’afrore selvaggio che emana il tuo centro di piacere. È un profumo penetrante, ipnotico, sconvolgente, che non potrò più dimenticare; … anche il tuo sapore … è dolce come il miele. Mi chiami, … mi vuoi. Una mano tra le mie cosce ad accarezzare, vellicare, strusciare. Le mie labbra sono sul tuo sesso, … indugiano, … non varcano il confine, ma lo percorrono teneramente. Ti lecco timidamente, prendo in bocca la prugnetta cercando di stimolarla. Tu gemi sempre più forte, come se volessi gridare al mondo intero. Affondo la lingua dentro di te. Il tuo odore mi inebria, impazzisco, e continuo a leccarti, a lappare i tuoi succhi, come un a cagna. Mordo ogni lato della tua preziosa valva, mi perdo tra le tue colline; risalgo sfiorando e mordendo le vette dei tuoi muscoli e ridiscendo a valle, tra vagina ed imbuto. In poco vieni inondandomi di umori. Annego nei mari della tua vellutata, ricca conchiglia e in bocca ho il tuo sapore. Ci amiamo, strette per mano, quali serpi montane in accoppiamento; storciamo le nostre bocche e le labbra dei nostri sessi; utilizziamo le gambe per esplodere e urlare; debilitiamo i nostri organi erettili, schiacciati, … torturati dalle nostre gambe. Beviamo e risucchiamo saziandoci dalle nostre fontane.”
L’ondeggiare, il fluttuare, lo scemare delle luci per riprendere slancio e slancio, come fossero dirette dal chiurlo dell’assiolo, esaltò le unioni, vegliando poi sul torpore dei paladini della Montagna.

Questo racconto di è stato letto 2 6 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.