A.N.A.L.E. ultima parte. L'occhio del ciclone

Scritto da , il 2020-07-14, genere pulp

Cammino a passi lenti dentro a questa luminescenza rosa, che rende soltanto più evidente la profondità del buio.
Viene dal pianoforte, viene da pink_ dal suo vestito, dal suo volto che brilla di luce interiore nel ricevere piacere da una persona amata.
E' l'occhio del ciclone che ha investito l' Hotel, trascinandolo in un vortice di tribadismo e impotenza maschile.

Cammino a passi lenti perchè voglio avere il tempo di preparare una difesa. Per prima cosa bisogna immaginare la più grande distanza possibile, anche oltre questo pianeta, perchè il limite della nostra fantasia è anche il limite della nostra aura. Poi l'aura va richiamata indietro da questa distanza, deve tornare tutta nel corpo e riempirlo di fumo azzurro. Il fumo si solleva partendo dai talloni, sale e si concentra, diventa luminoso, fino a quando tutto è ridotto a un solo punto di luce azzurra, situata nella cima del naso. Infine questo minuscolo concentrato di vita e luce si stacca, lo vedo nell'immaginazione sospeso tra me e la tastiera del pianoforte, gli do la forma di una runa, una delle ventiquattro. E ora si tratta solo di non perdere la visualizzazione.

Al primo tentativo di toccare la tastiera rimedio una scarica di elettricità statica, una di quelle scintille che vanno a colpire l'unghia e fanno un male cane.
Al secondo le mie mani battono sui tasti, che emettono le loro note tutti assieme.

" Sono qui. Dicci chi sei, che cosa vuoi.. "

La prima risposta è un gran sospiro da parte di pink_ ormai all'orgasmo, poi un odore forte di resina, come essere in una pineta.
E forme che si disegnano nel buio tutt'attorno, ci sono davvero le pinete, risalgono sui fianchi di montagne sotto un cielo sereno.
E c'è uno chalet di legno grezzo, sono sul terrazzo, davanti a me c'è una porta finestra, sotto il tetto spiovente con le tegole di ardesia.
La porta finestra si apre, all'interno una donna è inginocchiata su di un tappeto rotondo, bianco e nero a spirale.
Anche lei è vestita di nero, col viso dipinto di bianco, da cantante black metal. Non posso fare a meno di notare la scollatura, i capelli chiari, tiene tra le mani un tirso col tralcio di vite attorno, come quelli delle baccanti.

" Ciao Ermà. "

" Lucrezia ? Sei tu che hai combinato tutta questa roba ?

Gli occhi sono buchi neri pieni di stelle lontane, muove piano le dita formando dei mudra.

" Te lo avevo detto, no, che a me piace crearli gli scandali. Sono stata io a far sparire l'invito di Samas, per indurlo a introdurre qui dentro il mio pianoforte, attraverso di questo posso estendere il mio incanto su tutto l'albergo. La mente di tutte le donne è invasa da pensieri saffici, a parte Alba che per un bicchiere che ha bevuto è già fuori combattimento e sta facendo gli incubi.
Posso vederlo il suo sogno, il Tanghéro, vorrei poterci entrare dentro per poterle strappare dalla faccia quel sorriso..
Ma intanto a voi maschi, tutti, non si alzerà il pisello, potrete solo guardare, massimo massimo leccare.
Benvenuti nel mio mondo !! "

" Figa che perfida ! Veramente vedo anche del genio in questa trovata, ma ti sei spinta troppo in là, il mio osello non lo dovevi toccare... anzi no, a pensarci puoi toccarlo tutte le volte che vuoi... pero non a questa maniera, ecco ! "

" Ermà, stacce, è uno scherzo per stanotte, domattina tornerà tutto normale. Per te, andare in bianco una volta di più o di meno, su migliaia, chettecambia. "

" Stavolta non andrò in bianco. Ora che so la causa e il motivo, conosco anche la parola che metterà fine a questa scemità ! "

Prima di rispondere scioglie uno dei laccetti che reggono la scollatura.

" Cerca di essere ragionevole. Se ti accontenti di leccare potrai scegliere, ti farò avere quelle che vuoi tu. "

" Giammai. Se non posso avere tutto è inutile averle tutte. "

" E allora dovrò tenerti qui, prigioniero in questo sogno. Non ti sei accorto che la tua protezione è caduta mentre mi guardavi le tette ? Ma tranquillo, ti sveglio in tempo per la colazione. "

Ha ragione, la mia runa è andata per fatti suoi, la realtà sta svanendo e lo chalet nella pineta è sempre più solido. Lucrezia e il suo tappeto svaniscono, starà andando a godersi l'orgia che ha scatenato.

" Gwyn resti solo tu ! Ricordati di Supersex.. il grido di battaglia... "

Macchè, il salone è andato e io sono pienamente in questo posto alla luce di mezzogiorno. E' come quei sogni completamente realistici che si hanno nel coma, il mio corpo sarà buttato a straccio sopra quel piano, chissà i doloretti quando poi mi sveglio. Avrà sentito qualcuno le mie parole mentre cadevo ? Ne dubito.

Sogno solido, dicevo. Capita a tutti di avere sogni lucidi, verso la fine del sonno, appena prima del risveglio, ma questo è di più, ho potuto fare una passeggiata attorno allo chalet, ho toccato la corteccia dei pini e visto le file di formichine salire per i tronchi, ho sentito il sole e il vento, sul viso e il collo.
E sono tornato dentro e ho trovato lo yoghurt frutti di bosco nel frigo. Proprio nel mangiare lo yoghurt mi è venuto in mente, Lucrezia mi ha imprigionato qui, ma cosa è " qui " .
E' il tempio astrale che ha costruito per generare il suo incanto, dicevo l'occhio del ciclone, ma davvero, è da qui che parte tutto.
Allora anche io posso far partire da qui quel che avevo in mente.
Con questa idea ho lasciato cadere il cucchiaino, con la bocca ancora sporca sono tornato di sopra al terrazzo.
Un rapido sforzo di fantasia, inventare un sigillo che rappresenti la presa di possesso, tracciarlo con un dito sul pavimento di legno, come piantare la mia bandiera, e siamo pronti.

Supersex, qualcuno se lo ricorderà, era una serie di fotoromanzi porno con Gabriel Pontello, roba in bianco e nero, ma con delle soluzioni grafiche belle toste.
Gabriel faceva l'investigatore e a ogni puntata si cacciava nei guai, ma aveva il potere di trasformarsi in Supersex, che era un extraterrestre cazzuto e piuttosto facinoroso.
Prima gridava - TRANSFORM ! - e c'era una sequenza frammentata in cui gli compariva una benda da pirata su un occhio, e allora nessuno riusciva più a riconoscerlo.
Cioè era sempre lui con la stessa faccia ma non ci arrivavano, boh.
Poi gridava - VIA AL FLUIDO EROTICO OTICO TICO CO CO - detto con la stessa convinzione di Banjo quando prepara l'attacco solare. E allora chiunque avesse le tette nel raggio di cento metri doveva a qualunque costo farsi scopare da lui, e obbediva ad ogni suo ordine.
Infine se le montava tutte e al momento dell'orgasmo gridava - IFIX TCEN TCEN - perchè in quanto extraterrestre qualcosa di alieno doveva pur dirlo.

Era questa la formula da usare, in piedi sul mio sigillo ho cominciato con pazienza a vibrarla nell'aria profumata.
" Ifix Tcen Tcen .. "
E tutto il sogno attorno a me ha cominciato a vibrare sulla stessa nota, come una lastra di vetro colpita da un acuto.
" Ifix Tcen Tcen .. "
E intanto mi ripassavano davanti le immagini, pink_ Malena Luthien, e la sotto ho sentito partire un durello non indifferente.
" Funzionaaaaaaa !! "
Proprio come una lastra di vetro, il sogno è andato in frantumi.

" Ohè malefadadu. Mortu sese ? "

Sono indietro e adesso non si vede proprio nulla, ma come previsto ero collassato sulla tastiera del piano in una posizione malsana, ho una gamba tutta informicolata e una erezione da non riuscire a camminare dritto. La voce è di Luthien.

" Figa che trip. Niente paura che sto a posto, ma gli altri ? "

" Penso siano andati.. so che c'era Malena, non so che stavo facendo.. ma poi d'improvviso Gwyn me l'ha strappata di dosso e l'ha trascinata a bestia dentro una porticina, poi buio proprio, gli altri sono passati dicendo che salivano in camera per finire dei discorsi. Ma tu non c'eri e sono venuta a cercarti a tentoni. Questo so. "

Mi aiuta ad alzarmi, mano sulla mano, le do un bacino sul dito perchè il momento è così.

" E' ora che andiamo anche noi allora. "

" Vieni su da me ? "

" In frigo li hai i gingerini ?... "

Qualcuno doveva farlo, qualcuno doveva salvare la serata agli autori di ER. No, non mi ringrazieranno, nessuno di loro ammetterà mai di aver avuto quella cilecca, poi fortunatamente risoltasi, ma non importa.
Anche le autrici, non faranno mai parola delle cose successe stanotte, nessuno ammetterà mai nulla, e fra poco tempo ci troveremo tutti a fare colazione e a non parlarne. Tutto normale come sempre.
Ci trasciniamo fuori che sembriamo profughi di guerra, si apre la porta dell'ascensore, Alba e Maks intanto, tutti pimpanti, escono per vedere l'alba sulla spiaggia.
Cosa succederà tra un attimo, quando saremo chiusi nell'ascensore, e poi in camera, non posso saperlo, con tutto quel che questa ha passato c'è il rischio che voglia parlare.
O che si addormenti di botto appena tocca il letto.
Abbiamo cavalcato la cresta di un'altissima onda. L'onda alla fine si è infranta, ed è tornata indietro.
Dormirò sul treno.

Questo racconto di è stato letto 8 3 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.