Amsterdam - Il ragazzo ha voglia di divertirsi

Scritto da , il 2020-07-09, genere etero

Abito rosso con dei motivi bianchi. Molto molto corto. Scollo non eccessivo. Ma molto molto pushappata. La gente per strada si volta a guardarla. Forse qualcuno si volta a guardare anche me, ma ne dubito. Ha voluto che mi mettessi lo stesso vestitino che indossavo questa mattina. Sono figa, non c’è dubbio, ma lei è proprio un’altra cosa. Dovrei imparare a camminare come lei, tanto per dirne una, con quella disinvoltura. Ma prima dovrei anche imparare a salire su quei tacchi senza slogarmi una caviglia. Complessivamente, mi sento nella stessa disposizione d’animo del giorno in cui ci siamo conosciute. La sorellina portata a spasso.

Solo quando ci sediamo al ristorante le cose migliorano e mi sento un po’ più alla pari.

Continuiamo a essere al centro degli sguardi. Abbiamo scelto una bisteccheria un po’ pretenziosa, anche se la carne non è nulla di che e c’è anche troppo rumore. Le chiedo un paio di volte che cosa voglia fare, ma lei mi risponde sempre che deve farsi venire un’idea. Poi mi dice che trovare un posto dove ballare e scatenarsi non sarebbe una cattiva idea.

Non conosco nulla da queste parti, le faccio presente protendendomi un po’ verso di lei perché quasi non riesco a sentirla quando parla. Debbie sorride e si avvicina a sua volta. “Ti ricordo che non hai il reggiseno e che se ti sporgi così si vede tutto – io te le ho già viste almeno un paio di volte…”. Mi rialzo di scatto mentre lei sbotta proprio a ridere.

– Secondo me hanno visto anche quei due che ho alle spalle – dice.

Le chiedo come faccia a saperlo, mi indica lo specchio dietro di me. “Non lo so, ma è da quando ci siamo sedute che ci guardano”.

Lancio un’occhiata discreta e vedo due uomini. Per meglio dire, un uomo e un ragazzo. Il primo avrà una quarantina d’anni, forse più. Il secondo è grasso che cola se arriva a diciassette-diciotto. Padre e figlio, ci metterei la mano sul fuoco.

– Davvero hanno visto? – domando.

– Penso di sì, stamattina sul lavoro eri molto ma molto più disciplinata… – sorride.

Paghiamo il conto e usciamo. Ci inerpichiamo sulla scalinata di Trinità dei monti e Debbie si volta. Penso che lo faccia per guardare lo spettacolo ma non è così. “Ne ero certa – mi dice – non ti voltare, ne ero certa”. Le chiedo di cosa ma non mi risponde. Dice invece “è ancora presto, c’è sempre quel bar lì sopra? Potremmo prenderci una cosa e magari cercare su internet una discoteca da queste parti”. Le dico che non lo so, che non sapevo nemmeno che “lì sopra” ci fosse un bar, che queste non sono le mie parti. “Ma tu dove vai quando ti vuoi divertire, Sletje?”. “Beh, evito il centro storico”, rispondo.

Dopo cento-centocinquanta metri, in effetti, il bar c’è. Ed è uno spettacolo vedere i tetti di Roma da un tavolino sulla salita del Pincio. Rido dicendole che conosce la città meglio di me. Lei si aggiusta sulla sedia e mi fa “è magnifico da qui, vero?”. Vero, le giornate si sono accorciate e la luce a quest’ora è quasi struggente. Mi ci perdo per qualche secondo finché non la vedo osservare qualcosa alle mie spalle, a lungo. Poi mi guarda e, con un’espressione del tutto neutra, mi fa “questi ci sono proprio venuti dietro”.

Nemmeno mi volto che il tipo di prima, quello che ci guardava mentre eravamo alla bisteccheria, mi arriva di fianco e ci chiede – in un inglese stentato e con un formalismo che trovo addirittura eccessivo – se ha il permesso di domandarci se possono invitarci al loro tavolo. E’ una formula così contorta che mi domando se non sia presa di peso dalla sua lingua e tradotta. Debbie solleva gli occhi e risponde con un semplice “why not?”. La guardo e mi fa una specie di smorfia che traduco in “beh, abbiamo del tempo da spendere, no?”.

Ci avevo preso. Sono padre e figlio. E sono portoghesi. L’uomo è obiettivamente più bello che interessante, almeno per me. Avrà davvero poco più di quarant’anni ma sulle tempie è già leggermente brizzolato. Il ragazzo non è proprio nulla di che, invece. Non gli chiedo l’età ma penso che sia più vicino ai sedici che ai diciotto e, in più, subisce evidentemente la personalità del padre. Sta zitto per quasi tutto il tempo rispondendo solo se il genitore lo chiama in causa. E quando risponde non va oltre qualche parola smozzicata. A inglese mi sembra messo anche peggio del padre, non sa costruire una frase.

Progressivamente l’uomo appare sempre più sicuro. O forse è un’impressione, forse è il suo modo duro di parlare. E’ qui in vacanza con il figlio, è separato. A Lisbona, ci dice, ha un autosalone di vetture di lusso. Non mi sta simpaticissimo. Debbie invece sembra non avere preclusioni. Non posso dire che faccia l’oca ma sembra molto più disponibile a una conversazione di quanto lo sia io.

Debbie si fa offrire un bicchiere di vino, io resto sulla birra. L’uomo va direttamente su qualcosa di più forte mentre il ragazzo viaggia a coca cola. Al secondo giro Debbie si fa un margarita ringraziando l’uomo e ironizzando un “probabilmente finirò sotto il tavolo” che trovo molto vezzoso. Mi accodo al margarita guadagnandomi l’ammiccamento stupito del portoghese.

Quando la birra, che si è aggiunta a quella che avevo bevuto prima mentre mangiavo, fa il classico effetto che fanno tutte le birre finisco il margarita e mi alzo domandando scusa.

Quando torno l’uomo è in piedi davanti alla cassa. Debbie è rimasta al tavolino in compagnia, si fa per dire, del ragazzo. Mi avvicino domandando “stiamo per andare?”.

– Mi ha chiesto se siamo sorelle… – mi fa Debbie.

– Ah… – replico, convenendo tra me e me che non mi sembra neanche una domanda tanto strana.

– Gli ho detto che invece sei la mia ragazza… – dice ancora abbassando un po’ la voce e avvicinando il viso al mio.

Ho una piccola ma immediata contrazione e un senso di calore molto ben localizzato. Solo la presenza del ragazzo mi impedisce, ma non saprei nemmeno dire io come, di squittire.

– Però prima che glielo dicessi mi ha anche proposto di andare, io e lui, in un locale a passare la serata… e ho accettato – prosegue Debbie – lo sai che non sono mai stata con uno così grande?

– Tu e lui?

– Ho bisogno di un uomo stasera, Sletje, ho accumulato troppo stress… gli dirò che sono bisex ahahahah.

Se non fossi seduta mi si piegherebbero le gambe. Il contrasto tra la Debbie che gli dice che sono la sua ragazza e la Debbie che mi dice che ha voglia di quell’uomo mi turba, per usare un eufemismo. Cioè, no. Lasciamo da parte gli eufemismi. In un primo momento mi fa eccitare da matti, subito dopo mi getta quasi nello sconforto.

– E io? – le domando.

– Beh, vedi se il ragazzo ha voglia di divertirsi…

– Ma è… è un’ameba!

Ameba lo dico in italiano, ma lei capisce lo stesso. Mi pare una crudeltà, la sua, mollarmi così. Credo che lei lo capisca e per un istante il suo sguardo si addolcisce, diventa quasi languido. Mi dà una carezza e io appoggio la guancia per fermare lì la sua mano. Chiudo gli occhi, anche per fermare le lacrime. Mi sembra di essere un cucciolo che implora di non essere abbandonato.

– Tu passa una bella serata, Sletje – mi dice con una voce che, se fossimo in un altro posto, basterebbe da sola a farmi venire la voglia di masturbarmi – ti prometto che da domani sarò un’altra persona.


CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 3 1 5 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.