Amsterdam - A letto con Debbie 1

Scritto da , il 2020-07-17, genere etero

Lo scatto della serratura mi sveglia. Alla fine devo essermi addormentata, ma di un sonno leggero. Le do le spalle e posso solo sentire il rumore della sua borsa che cala sul pavimento e dei suoi tacchi sul legno prima che precipiti quasi a corpo morto sul letto. Tengo gli occhi socchiusi, la vedo, ma più che altro sento il suo sbuffo. Non capisco bene ma mi sembra che abbia tutta l’aria di una che non ha nessuna intenzione di infilarsi sotto le lenzuola. Quando sono tornata in stanza questo letto mi sembrava triste e inutilmente grande. Adesso, invece, il pensiero di averla accanto mi sveglia completamente, mi eccita.

Non so se mi tradisce qualcosa, magari solo il respiro che cambia ritmo. O se, semplicemente, lei sappia tutto, mi legga dentro. Sta di fatto che si gira verso di me e sussurra “lo so che non dormi”. Per un istante penso di non dargliela vinta, di continuare a fingere. Poi apro gli occhi e mi trovo davanti il suo sorriso nella penombra e ancora una volta la sua mano sulla guancia. Devo avere l’espressione un po’ corrucciata, forse offesa, perché la sua carezza si fa più dolce, il suo sorriso più languido.

– Annalisa… Sletje… Schatje…

La abbraccio, mi avvicino badando a non perdere il contatto della sua mano sulla guancia.

– Che significa schatje? – sussurro.

– Ahahahahah schat-je, non skatje! Ahahahahah….

Provo a ripetere, a imitare la sua pronuncia. Mi sembra di fare i gargarismi. Mi prende per il culo. Che un po’ ci sta, ok, ma lo fa in modo palesemente ubriaco. E non risponde mai quando le chiedo cosa voglia dire.

– Significa… baby, honey, più o meno – sussurra alla fine.

– Comunque tu non sai dire né scrivere “mignotta” – le rido addosso a mia volta.

– Miniota… – ripete come se fosse in trance.

– Seeeee…

La prendo in giro io, adesso. Mentre continua a ripetere, riuscendoci anche accettabilmente un paio di volte. Ma questo non glielo dico.

– Non ti spogli? – domando fermandola.

– Non ce la faccio.

– Quanto hai bevuto?

– Troppo – risponde ridendo.

A volte è persino difficile capirla, nonostante il suo inglese sia perfetto, tanto la voce è impastata. Se penso a stamattina, mai mi sarei immaginata di vederla così brilla. Poi mi ricordo però di quella sera a Covent Garden, ubriache fradice o quasi, a raccontarci le nostre esperienze con il sesso, a dirci quanto ci piace sentirsi puttane in certe situazioni. A ricordarci entrambe dell’eccitazione provata la prima volta che qualcuno ci ha dato della troia, a condividere la indecente soddisfazione di essere insultate così in certi momenti. Fino al momento di dovere ricorrere ancora una volta ad una sigaretta per calmarci, perché eravamo passate a parlare anche del nostro piacere di farlo con le ragazze e la situazione rischiava di diventare davvero pericolosa.

– Aspetta… – le dico.

Scendo dal letto e vado a toglierle le scarpe. Non ho idea di come faccia a camminare con questi tacchi. Le do una carezza leggera sui piedi che immagino doloranti. La gonna dell’abitino rosso è salita molto su e mi fa ammirare ancora una volta le sue gambe. Tra le sue protesta le abbasso la zip del vestito e glielo sfilo. Resta con il push up nero, e basta. Eppure so benissimo che le mutandine le aveva. Provo a toglierle il reggiseno, lei protesta, non vuole. Per la pigrizia del momento, credo. Insisto, glielo sgancio. La rivedo nuda. Non credo che approfitterei di lei, ma in ogni caso un po’ mi sciolgo. Continuo a volerla tantissimo.

– Che fine hanno fatto le mutandine? – le domando una volta sdraiatami accanto a lei.

La sua risposta è una risata. Le sorrido e le domando, in italiano, “hai fatto la mignotta, vero?”. Non capisce, mi guarda interrogativa. Io mi scopro gelosa come quando ci eravamo lasciate, forse di più.

– Hai fatto la mignotta, vero? - ripeto in inglese.

Ride ancora, più a lungo che mai. Quando smette mi fa “sono stata così troia, Sletje…” provocandomi un attacco di risentimento feroce verso il portoghese.

– Con quell’uomo? – le domando.

– Nooooooo… – risponde sghignazzando – no, grazie a Dio! E tu? Tu cosa hai fatto con quel ragazzo?

Le ultime parole le pronuncia abbassando la voce, con un tono come se mi chiedesse “dimmi che sei stata troia anche tu”. Devo serrare le cosce per combattere l’eccitazione ma, come se non bastasse, Debbie prende tra due dita la maglietta che indosso e mi domanda “e questa? Perché ce l’hai ancora indosso?”. Penso “adesso ci siamo” e vengo travolta dai brividi. Ho la pelle d’oca, i capezzoli durissimi e mi sento un lago là sotto.

– Per l’aria condizionata – le miagolo.

– Ma io non sento così freddo – sussurra passandomi una mano sulla coscia.

Mi rialzo a sedere sul letto e me la tolgo, sono devastata dai brividi. Io sì che sento freddo, tremo, ma non per l’aria condizionata. Faccio una cosa, a pensarci bene, abbastanza assurda. Mi alzo e ripiegando la maglietta la appoggio su una poltroncina mentre mi domanda “cosa fai?”. Faccio una cosa inutile, ecco cosa faccio. Ma ho bisogno di farla. Mi sento oscenamente esposta ed osservata.

Torno a sdraiarmi sul letto, accanto a lei. Mi avvicino, poco. Debbie si avvicina di più, mi abbraccia. Le nostre labbra, le nostre tette, quasi si sfiorano. Mette una gamba sopra le mie e mi rifà la domanda: “Come è andata con quel ragazzo?”. Le miagolo “era un idiota”. Mi chiede “quindi… nulla?”. Rispondo che ho fatto la stronza. E per la verità uso il termine “bitch” che traduce bene sia “stronza” che “troia”.

Perché sì, perché con quell’essere ho fatto la stronza facendo anche la troia. E ho fatto bene, non me ne pento, se lo merita. Se lo merita lui e la sua convinzione di potere fare il cazzo che gli pare solo perché il padre ha i soldi (che peraltro non gli dà).

Le racconto tutto. E per prima cosa le racconto che, a differenza del padre, parla e capisce benissimo l’inglese. Era stato sempre zitto finché c’erano lui e Debbie, ma le cose che si sono detti, e le cose che ci siamo detti io e lei, le ha capite benissimo. Vabbè, almeno i soldi sono serviti a qualcosa, a mandarlo in una buona scuola.

Le racconto che dopo che lei e il padre si erano allontanati era convinto di potere fare tutto. E infatti la prima cosa che ha provato a fare, sgraziato e senza un minimo di delicatezza, era stata cercare di pomiciarmi pesantemente sotto gli alberi della salita del Pincio. Ma tu ti attacchi al cazzo, gli avevo detto smanacciandogli via la mano che era risalita sotto la gonna del mio vestito. Magari non avrà capito alla lettera ma vi assicuro che il significato profondo del messaggio gli è arrivato. Oltre a essere completamente imbranato era molto molto sgradevole, insisteva per camminare allacciati e mi sono divincolata tre o quattro volte. Ero già abbastanza arrabbiata per conto mio, ci mancava solo lui… Pensa che voleva anche limonare seduti sui gradini di Trinità dei monti e gli ho detto che non solo non mi andava, ma che lì non si poteva nemmeno sedere. Infatti dopo un po’ è arrivata una vigilessa che l’ha fatto alzare e le ho detto “lo scusi, non solo è straniero, ma è pure deficiente”. Non vedevo l’ora di mollarlo e tornare in albergo, racconto ancora a Debbie, e lo stavo per fare quando ha fatto una cosa che mi ha davvero fatto partire il neurone: ha provato a baciarmi in mezzo a piazza di Spagna e mi ha anche messo le mani sul sedere. Lì ho pensato “adesso ti sistemo io”.

– Cosa hai fatto? – domanda Debbie già mezza divertita dalla mia disavventura. E lo fa tastandomi una tetta, ma è abbastanza evidente che non è molto padrona di ciò che fa.

– Mi sono staccata e gli ho detto “ascoltami bene, tu mi piaci ma non puoi comportarti così con me”. Gli ho detto che sono abituata a ragazzi che mi fanno divertire senza essere così maleducati in pubblico, e poi ho fatto proprio la troia. Gli ho detto che sapevamo tutti e due che suo padre ti avrebbe portata nel loro albergo e che noi invece potevamo andare a bere qualcosa e poi a ballare, magari, e che… dopo… lui sarebbe potuto venire qui in camera con me. Secondo me già questo bastava, ma gli ho preso un dito e l’ho succhiato len-ta-men-te… gli ho sfiorato il pacco… secondo me stava per esplodere ahahahahah… era così duro che un po’ mi sono pure eccitata.

– Che adorabile stronza! – esclama Debbie – sei proprio una piccola puttana… e poi?

– Poi l’ho portato in una specie di wine bar lì vicino, una traversa. Era un po’ preoccupato perché aveva solo cinquanta euro, mi ha detto. L’ho tranquillizzato, “ci vengo spesso, non è caro”, gli ho fatto. Non è vero, ci sono stata solo una volta ed è un posto caro in modo assurdo… E gli ho anche detto che comunque un po’ di soldi li avevo anche io, che ho la carta di credito… Io comunque mi sono fatta un margarita e un vodka sour, lui voleva restare su cose senza alcol ma gli ho detto di non fare il ragazzino…. ahahahah che idiota, il barman nemmeno ci voleva servire, ho dovuto tirare fuori la patente e garantire per lui. Ero già un po’ brilla quando ho cominciato a tenergli la mano sul ginocchio, gli dicevo che a me piacciono i ragazzi che… sai come diciamo qui da noi? Quelli che ti trattano da principessa in pubblico e da puttana a letto… Cioè, chiaro, non è che gli ho detto così ma… gliel’ho fatto capire. E gli ho fatto anche capire che in certe situazioni anche io divento molto meno educata. Ma credo che il tocco finale sia stato quando gli ho detto “sai che non ho più tanta voglia di andare a ballare?” guardandolo negli occhi. Ahahahah… non potevo verificare perché c’era gente, eravamo all’aperto, ma in mezzo alle gambe mi sembrava proprio gonfio. Poi mi sono alzata e, in modo molto ma molto elegante, gli ho chiesto se mi poteva aspettare un attimo e sono entrata nel locale come se dovessi andare alla toilette…

– E quando sei tornata dalla toilette che cosa hai fatto?

– Non sono mica andata al bagno, sono uscita dall’altra porta e sono venuta in albergo.

Debbie scoppia a ridere, dice che sì, in effetti, dovevo essere molto incazzata. Le dico “guarda che c’entri qualcosa anche tu, eh?”. Immediatamente dopo me ne pento ma è vero, dovevo essere proprio incazzata.

– Chissà cosa ha fatto quel coglione… – commenta sghignazzando.

– Non me ne frega un cazzo, secondo me sta ancora cercando i soldi per pagare…

Debbie quasi si accascia sulla mia spalla. Forse ha solo voglia di dormire. Mi annusa la pelle e mi dice “che buon odore che hai…”, ma a me sembra totalmente partita.

– E tu? Cosa è successo con quell’uomo? – le domando.

– Mi ha portata in un posto che aveva visto su Trip advisor, ma era noioso. Io avevo voglia di divertirmi un po’… prima. E invece lui voleva… voleva qualcosa subito, capisci? Mi ha pure detto di sbrigarmi a bere perché voleva subito andare in albergo. L’ho piantato lì quando mi ha seguita anche al bagno e ha provato a baciarmi lì. E non penso volesse solo baciarmi…

– E dove sei andata?

– Dai te lo dico domani – risponde cercando di rigirarsi dall’altra parte. La blocco.

– Dove sei andata?

– Sono rimasta lì, ma me ne sono andata al bancone, sotto i suoi occhi. Ho cominciato a fare la stupida con uno che credevo fosse un barman… e invece era il padrone! Mi ha chiesto cosa facessi lì e gli ho detto che ero tornata dal Portogallo con quel tipo e che ero stata a fare la ragazza-immagine. Mi ha detto “qui dentro certe cose nei bagni non si fanno”, ahahahah mi sa tanto che si fa di peggio, invece…

Debbie mi guarda ridendo e scuotendo leggermente la testa. Mi mette la mano dietro la nuca e mi attira a sé, mi bacia. Non è più un bacio a sfioro. E’ un bacio, e mi mette pure la lingua in bocca. Sono interdetta, quasi paralizzata dalla sorpresa per qualche secondo. Poi mi lascio andare a quel bacio, mi sciolgo. Sarebbe meglio dire che mi squaglio. Ci baciamo per lunghi secondi. Non c’è furia ma non è nemmeno un bacio tanto casto. Mi carezza una natica, leggera. Io non so che cazzo fare, non so dove mettere le mani. Alla fine mi decido e le accarezzo un seno. Quando ci stacchiamo dal bacio non mi basta. Sono stati pochi secondi, ma sono straeccitata. Calda, pulsante, bagnata. Scendo a cercarle con la bocca quella stessa tetta che prima accarezzavo. La bacio, succhio il capezzolo e sento che si indurisce. Lei mi rimette a posto esattamente come avevo messo a posto quel ragazzino imbecille.

Non so dire se l’ho infastidita. Le sue reazioni variano da momento a momento, sono imprevedibili. A differenza di quanto avevo fatto io, con il ragazzino però, mi sorride.

– Non mi avevi chiesto se ho fatto la “miniota”? – domanda.

La guardo con una rassegnazione quasi disperata. Che diventa praticamente ingestibile quando mi passa la mano leggera sulle natiche. E’ come se mi mancassero le parole e persino il fiato per parlare, ma gli occhi che la implorano… no, non può avere dubbi. E’ come se le dicessi solo con gli occhi “sono tua, fammi tua, sarò tutto ciò che vuoi”. E non ci posso credere che lei non senta nulla. Sì, ok, forse sarà più capace di autocontrollo di quanto lo sia io, ma la stretta che mi dà su una chiappa qualche cosa significa, no? Dai, Debbie, per favore!

E invece no. Invece è “stai buona, Sletje”. Come se fossi una cagnolina da mettere a cuccia. E io mi ci sento proprio una cagnolina, ma a cuccia non ci voglio proprio stare. Almeno non fino a quando comincia a parlare.

– Stai buona, sei solo una piccola… Mi andava di farlo e l’ho fatto. Te l’avevo detto, no? Ma non con quello. Dormi ora, domani ti dico tutto… – dice con la voce impastata.

Smanio, per la verità in questo momento non me ne frega nulla del suo racconto. Dopo quel bacio, dopo avere sentito il suo capezzolo inturgidirsi sotto le mie labbra voglio una sola cosa. E’ impossibile che lei non lo sappia. Mi avvicino a lei con la bocca semiaperta, per chiedere un altro bacio. Mi accarezza di nuovo il sedere ma poi lascia la mano lì. Ripete “stai buona, piccola puttana…” con un sorrisino. Mi arrendo, non ho il coraggio di prendere io l’iniziativa. Le domando, quasi frignando, “dimmi tutto adesso…”.

– Il portoghese – sorride – era un vero idiota, anche più del figlio. Mi ha portata a bere una cosa in un club… l’aveva trovato su Tripadvisor. Ma si vedeva che aveva fretta… sai di cosa, no? Mi voleva… zup! Ma a me non me ne fregava nulla della sua fretta… Poi è diventato noioso, fastidioso, mi ha anche seguita al bagno e mi ha detto perché non facevamo qualcosa lì… era già mezzo ubriaco… e pure io. Mi sono arrabbiata e l’ho mollato.

– E cosa hai fatto, sei andata via? – domando.

– Noooo… sono andata al bancone. Volevo fare la stupida con il barman sotto i suoi occhi. Ma non era il barman, era il padrone del locale. Mi ha detto: “Qui certe cose nei bagno non si fanno”. Dovevi vedere il modo in cui l’ha detto… io non avevo fatto nulla, anzi, ma mi sono vergognata lo stesso. Mi dicevo “penserà che sono una puttana”… e avrebbe avuto ragione ahahahahah…

– Ma tu gliel’hai detto che non era colpa tua? Che sì, insomma…

– Sì, sì ma… dovevi vederlo… Mi fissava con quegli occhi blu blu blu. Ghiaccio quasi… Mi ha detto “ok” e mi ha offerto da bere, poi mi ha chiesto cosa ci facevo lì. Gli ho detto che faccio la ragazza-immagine e che ero venuta dal Portogallo con quel tipo… ma che lui pensava che… ecco, pensava che si potesse prendere delle libertà con me. Quando gliel’ho detto si è messo quasi a ridere. Ha detto “ragazza-immagine, eh?”. Aveva un modo di fare… cazzo, così sicuro. Spaccone, quasi. Ma non di quelli che ti danno fastidio, di quelli che ti mettono in un angolo… di quelli che ci vuoi finire in un angolo… Venti minuti dopo gli stavo facendo un pompino… credevo fosse il suo bagno privato invece era un ufficio.

– Cosa? Cosa ha fatto, che è successo? Che ti ha detto? Oppure gliel’hai chiesto… tu?

– No, no… non è successo nulla, se non che mi ha offerto ancora uno shot e che io facevo sempre più la stupida… Non volevo esagerare… anzi all’inizio volevo solo fare arrabbiare quello stronzo di portoghese ahahahah… Però dopo un po’ mi sono sentita bagnata.. lo sai anche tu che cosa volevo, no? Lui non ha dovuto fare nulla, ha detto semplicemente “vieni”.

– Lo hai seguito così? Non gli hai nemmeno chiesto dove? Era tutto così implicito?

Per un attimo lo sguardo intorpidito di Debbie si risveglia. Ha la faccia di una… di una che, non so, tante volte mi sono domandata che faccia devo avere io quando aspetto una bocca, una mano, un cazzo. Mi stringe forte una natica, mi fa quasi male.

– Hai presente quando capisci che sei solo una zoccola che dovrà eseguire? Lo so che lo sai com’è… puttanella. Era chiaro che cosa sarebbe successo… Sai che mi ha detto? Ha detto “guarda che lo so cosa facevi in Portogallo, non serve che ti vergogni.” Sai quando me lo diceva? Mentre mi spingeva il cazzo in bocca… avanti… indietro… avanti… Cazzo quanta sborra aveva… Ho ingoiato ogni goccia, ma in realtà speravo mi scopasse…

– Beh, era quello che volevi, no? – le domando senza riuscire a nascondere di essere un po’ indispettita. Avrei voluto essere io la zoccola che deve solo eseguire. E lo voglio ancora, adesso, con lei.

– Quando siamo tornati mi ha lasciata a un suo amico. Fino alla chiusura…. in fondo erano solo le undici e mezza ahahahah…

– Ti sei fatta passare a un suo amico come si passa una puttana? Hai fatto qualcosa anche a lui? – le domando stupendomi io stessa dell’ipocrisia di quel “qualcosa”.

– Ovviamente no, Sletje! Per chi mi prendi? Ahahahah… non era bello ma comunque un tipo. “Scusa, devo lavorare, prenditi cura del mio amico Michele”, mi ha detto. Ma comunque gli ho fatto compagnia. Lui ha allungato le mani, quello sì, sulle cosce, così… – dice accarezzando le mie – e specie quando è passato il padrone del locale, ho fatto di tutto per far vedere che mi stavo prendendo cura di lui. Mi eccitava che pensasse davvero che ero una ragazza immagine ammaliata dal proprietario del locale che le offriva da bere quello che voleva e la faceva ubriacare per scoparla dopo.

– Che tipo era l’amico?

– Ma che te ne frega, Sletje, te lo vuoi fare? Ahahah… era sui trentacinque, però pelato. Molto palestrato, ma non bello. Né interessante… però per un attimo ho sperato che mi avrebbero scopata tutti e due… Poi dopo la chiusura è tornato il padrone.

– Sarai stata felice… – le dico.

– No… cioè, non lo so. Avrei voluto ma ero tanto stanca… mi ha detto “vieni puttana” e mi ha trascinata di nuovo nel suo ufficio… Ma gli ho detto che non volevo, che volevo andare via…

– Se ne sarà fregato – le dico. E confesso che tra me e me penso che questo mezzo stupro Debbie se lo sarebbe pure cercato.

– No invece… noooo… mi ha lasciata andare, anzi mi ha anche chiamato un taxi maaa… prima mi ha infilato un dito dentro, così…

Mi penetra all’improvviso. Non deve fare una grande fatica visto ciò che sono diventata in mezzo alle gambe, ma a me prende un colpo. Scatto e rimango senza fiato per quei pochi secondi che lei tiene e frulla dentro di me il suo lungo dito. Quando lo tira fuori sto quasi tremando, me lo mostra. E zuppo del mio succo lei mi guarda sorridendo poi si concentra sul dito, se lo porta davanti agli occhi e se lo infila in bocca, lo succhia. “Così piccola e così puttana”, sussurra. Non è la prima volta che me lo dice, questa cosa deve proprio eccitarla.

Io la supplico “Debbie scopami”, apro le gambe in modo indecente ma lei si mette a ridere. Provo a prenderle una mano e a portarmela in mezzo alle cosce. Ma lei la ritira. Scoppia a ridere di nuovo e mi fa “bella fama hanno le ragazze immagine ahahah… Non serve che ti vergogni, mi ha detto”.

Poi si fa di colpo serie, sembra quasi che faccia uno sforzo per farlo, ma non è così.

– Nessuno ti ha mai fatta sentire come ti farò sentire io, Sletje… – mi dice con una voce che, se appena mi sfiorasse, avrei un orgasmo all’istante.

Si butta giù sul cuscino, quasi di colpo. Restiamo così, nude, una accanto all’altra. Solo che mentre lei dorme io quasi tremo. Sono oscenamente calda e bagnata di voglia. Mi infilo un dito dentro. Ho voglia di masturbarmi e di darmi il colpo di grazia da sola ma, soprattutto, ho voglia di risentire la stessa sensazione che ho provato quando mi ha infilzata lei. Ho un sussulto, ma non è la stessa cosa. Spingo ancora e penso “adesso mi finisco da sola”, ma qualcosa mi ferma. Eppure sarebbe bellissimo sditalinarmi accanto al suo corpo nudo.

Poi d’improvviso capisco perché mi fermo: senza di lei non sarebbe la stessa cosa. Anzi, non è la stessa cosa. Mi fermo, stringo forte le cosce, mi porto entrambe le mani tra le gambe. Sarà una lunga notte.

Questo racconto di è stato letto 2 3 6 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.