Amsterdam - Piccolo gioco innocente

Scritto da , il 2020-07-01, genere etero

Usciamo dalla sede della multinazionale con i nostri trolley e le nostre borse, declinando l’offerta del piantone di chiamarci un taxi. Un “ve chiamo un taxi, signorì?” che per la verità, tra me e Debbie, avrei potuto capire solo io. Appena fuori, nonostante il caldo e il sole che ci investe, lei si appoggia a un corrimano e tira fuori le sigarette. Non posso evitare di tornare ancora una volta con la mente a Greenwich, a quel giorno nel parco in cui ci siamo conosciute. A quel momento di chiara tensione sessuale tra noi due. Ricordo benissimo le confidenze che ci eravamo scambiate, la mia sorpresa perché conosceva la parola “mignotta”. Ricordo benissimo la mia sensazione di bagnato e il cuore che batteva a mille. Ricordo la sigaretta offerta e il suo quasi-imperativo: “Calmiamoci”. Quella parola stavolta non la dice, ma il gesto con cui mi porge il pacchetto e lo sbuffo che mi indirizza in faccia, sorridendo, sono gli stessi. E dallo sguardo che mi riserva penso proprio che ricordi tutto anche lei.

In taxi quasi non parliamo, ci limitiamo a tenerci per mano e a guardarci. Poco a poco i nostri sguardi diventano sorrisi. Via via sempre meno tirati. “Non sai che stress in questi ultimi giorni”, mi dice con la voce di chi quello stress non l’ha ancora superato. Per quanto mi riguarda, sono ancora mezza intontita. Mezza intontita e con le mutandine bagnate come a Greenwich.

Entriamo in albergo che la tensione è appena appena calata, non molto. E’ un hotel sul Tritone, con un ingresso piccolo e il pavimento in marmo con disegnate delle greche bianche e verdi. I banconi della reception sono occupati, ma dal retro spunta un ragazzo un po’ sovrappeso e molto gentile che si offre di farci subito il check in. Da come ci guarda, da come guarda soprattutto Debbie, capisco che a volte essere una gran figa può fare davvero comodo.

– Sono stanca, sono tanto stanca – mi fa lei una volta arrivate in camera – ti va se ci facciamo portare qualcosa su?

Annuisco. Smonto dai sandali e per un attimo mi godo il fresco del pavimento di legno. Mi guardo intorno mentre Debbie va in perlustrazione del bagno, immagino. La stanza non è molto grande. Poltroncine di colori diversi e, sotto un Samsung a parete, un tavolino con un bollitore, le tazze e le bustine di tè e caffè. Il telefono, un inutile vaso di fiori che ingombra e basta, due set di asciugamani e accappatoi ripiegati. Sulla parete opposta, di un avana che contrasta bene con il bianco, una libreria a mensola enorme e abbastanza inutile anche quella, ma che almeno arreda. E, immediatamente sotto, il letto matrimoniale. Il letto. Matrimoniale. Sdeng! Per la prima volta realizzo che su quel letto io e Debbie ci dormiremo insieme. Ho una scarica di calore che quasi mi toglie il respiro. Mi assale una voglia di sesso assurda, ci sarebbe quasi da mettersi a piangere e implorare, ma mi vergogno.

Manco a farlo apposta, lei ritorna e mi domanda “tutto bene Sletje?”. Devo avere la faccia che parla da sola… Mi dice che il bagno non è male e se voglio fare una doccia. Non so bene nemmeno io cosa volere in questo momento. Se fossi con Serena sarei certa che mi seguirebbe nella doccia e che cominceremmo a baciarci con tutta la voglia di cui siamo capaci. Oppure che la prenderei e la butterei su quel letto. Ma so che con Debbie non sarà così. Mi accarezza i capelli e mi dice ancora una volta quanto sono stata brava, mi sorride e il suo sorriso sembra luminoso. Poi però mi dice anche di andare prima io, perché lei vuole fare un bagno per rilassarsi. Mi spoglio, ma non davanti a lei, mi metto sotto il getto dell’acqua cercando di rilassarmi anche io, ma non è facile.

Quando esco dal bagno stretta nell’accappatoio, però, Debbie mi sembra un’altra. Tanto per cominciare si è messa in libertà. Si è tolta scarpe, gonna e anche reggiseno. Ha la camicia completamente aperta sul davanti e le mutandine, stop. E poi lo sguardo, il sorriso.

– Ho ordinato dei sandwich e del… come lo chiamate? Prosecco? Per brindare tra noi… Ma stasera andiamo a festeggiare, vero?

Le ultime parole le pronuncia con un tono di voce basso, caldo, ammiccante. Avvicinando molto la sua fronte alla mia. Ho un brivido e la consapevolezza assoluta che farò qualsiasi cosa lei mi chiederà. Ma a dire il vero, in questo momento, Debbie non è sintonizzata su quello che succederà stasera.

– Adesso ti va di divertirci un pochino? – domanda.

Ho un crampo al ventre e le sussurro un “sì” che è una speranza. Ma non ho capito un cazzo.

Sorride e fa “ahahah Sletje, Sletje…”, senza aggiungere altro. Poi comincia a tirare fuori qualcosa dal suo trolley. Osserva il vestito che mi sono tolta, lo indica, mi chiede “ti piace?”. Le rispondo di sì e le domando se vuole metterlo stasera. “Guarda che è tuo, l’ho preso per te”, risponde. Resto per un momento preda dell’imbarazzo e dello stupore. Quando sto per ringraziarla non faccio in tempo perché bussano alla porta: “Room service”.

Considerati i nostri abbigliamenti, le faccio cenno di aspettare, che vado ad aprire io. Sarà sempre meglio un accappatoio che una camicetta e delle mutandine che, per coprire, coprono davvero poco in questo momento.

Mi blocca con un gesto della mano. “Te l’ho detto, divertiamoci un po’”, mi sorride. E si avvia verso la porta. Non saprei dirlo, perché mi dà le spalle, ma può essere benissimo che, aprendola, lo spostamento d’aria le abbia fatto svolazzare per un attimo la camicetta e la abbia scoperta. Non so nemmeno se il ragazzo che spinge il carrello abbia visto qualcosa, ma la sua espressione cambia. Al gioviale “hello!” di Debbie risponde qualcosa di incomprensibile, abbassa lo sguardo. Avrà ventiquattro-venticinque anni, non di più. Mi viene quasi da ridere vedendo la studiata reazione della mia amica, che dopo avere pronunciato il suo “thank you” si porta un dito alla bocca e si morde un’unghia. Un’altra cosa di cui non posso essere certa è che, mentre tiene la testa bassa e trasferisce il vassoio dal carrello al tavolino, il ragazzo ne approfitti per lanciare un’occhiata alle gambe di Debbie e alle sue mutandine bianche. Che non sono striminzite, è vero, ma sono abbastanza trasparenti. Non ne sono sicura, ripeto, ma mi sembra proprio che il suo sguardo punti lì.

E anche io, mentre Debbie conduce il suo gioco innocente, la osservo. Osservo le sue gambe, il suo bel culo. Per un attimo mi sento strizzata dalla voglia e dall’impotenza. Dalla mia eccitazione frustrata.

Debbie chiede qualcosa al ragazzo, che non capisce. Non deve essere molto pratico con l’inglese. Eppure era una domanda facile. Mi avvicino a lui e gliela traduco.

– La mia amica ti ha chiesto se non puoi rimediarci qualcosa.

– Qualcosa cosa? – fa lui imbambolato.

– Credo che intendesse qualcosa da fumare per alleggerirci e rilassarci, abbiamo avuto una mattinata pesante – gli dico avvicinandomi ancora un po’ a lui e stringendomi nell’accappatoio.

– Uh?

– Magari potremo esserti riconoscenti…

– Io non so se…

– Magari se trovi anche qualcosa di bianco per tirarci su, dopo, potremmo esserti anche più riconoscenti – gli dico.

Cioè, non so che cosa mi abbia detto la capoccia. Debbie in realtà gli aveva chiesto “qualcosa per rilassarci” e sono abbastanza certa che si riferisse al fumo. Che a questo ragazzo si potesse promettere un piccolo, piccolissimo, ringraziamento ci potrebbe pure stare. Senza esagerare, non è Matthew Mc Conaughey. Ma domandargli di trovarci “qualcosa di bianco” e promettergli di essere “anche più riconoscenti” è qualcosa che non so nemmeno io da dove mi sia saltato fuori.

Se ne va confusissimo, rosso in viso. Quasi si dimentica di portare via il carrello. Dopo che ha richiuso la porta Debbie mi domanda cosa gli ho detto. Glielo spiego e lei mi ricompensa con uno splendido sorriso e uno “Sletje!” meravigliato. Poi aggiunge “non me lo sarei mai aspettato, come ti è venuto in mente?”.

Stavolta sono io che abbasso lo sguardo, che divento rossa, che mi vergogno. Perché mi prende la paura di essere andata troppo avanti, di avere fatto qualcosa per cui lei mi giudicherà male.

– Pensavo che ti sarebbe potuto piacere – dico in un soffio.

Si avvicina, è a pochi centimetri da me. Ho una voglia terribile di toccarla, ma quasi non oso. Mi mette un dito sotto il mento e mi tira su la testa. Sorride e mi rivolge uno “Sletje…” carico stavolta di indulgenza. Poi mi fa “mangiamo? Ho una fame terribile”.

Il ragazzo si rifà vivo una cinquantina di minuti dopo. Debbie ha mangiato e ha fatto il suo bagno. Adesso è lei che indossa l’accappatoio. Io mi sono messa addosso una t-shirt molto lunga che di solito uso per dormire d’estate.

Vado ad aprire e lo faccio entrare. Per la gioia dei suoi sguardi, e dei miei, Debbie è seduta con una gamba completamente esposta e la scollatura allentata che mette in mostra una parte del seno. Non di moltissimo, ma la sua tette-situation è di certo migliore della mia. Serena, per dire, le ha più grandi. Io comunque non vedo l’ora di vederle, accarezzarle, baciarle. E a guardarla così la mia voglia sale in modo quasi irrefrenabile un’altra volta.

Si accende una sigaretta, il ragazzo le fa “madam, smoking no…”. Lei gli sorride e gli dice “call me Debbie”. Io invece mi avvicino e gli faccio:

– Si dice “smoking is not allowed”… ma che te frega… poi apriamo la finestra.

– Non ho trovato nulla – risponde con la faccia della desolazione – ho fatto tante telefonate ma non ho trovato nulla…

Ok, piano fallito. Ma non riesco ad avercela con lui. Sinceramente, non saprei nemmeno io cosa fare se mi chiedessero ciò che gli ho chiesto.

– Non ti preoccupare – gli sorrido – sei stato comunque molto carino a provarci…

Mi avvicino, gli dico “un piccolo premio lo meriti comunque” e gli do un bacio su una guancia. Immediatamente dopo gli sfioro il pacco con la mano. Lo sento irrigidirsi. Mi guarda per un paio di secondi come se aspettasse qualcos’altro. Capisce che non è cosa, saluta, esce.

– Cosa gli hai detto? – domanda Debbie con un sorrisino.

– Che era stato gentile e che meritava una piccola consolazione… – le sorrido a mia volta.

– E… per curiosità, il premio vero e proprio quale sarebbe stato?

– Ahahahah… sempre lo stesso… – rispondo.

Si mette a ridere. Non dice “Sletje…”, ma è come se lo dicesse. E mentre ride si toglie l’accappatoio. Cazzo, Debbie, se fai così muoio, almeno avvertimi prima. La guardo, guardo la sua nudità per la prima volta, è perfetta. Mi aggrediscono tutti i calori, tutte le contrazioni e tutte le voglie possibili. E lei se ne accorge, ne sono certa. Riempie due flute di prosecco, me ne porge uno.

– Dormiamo un po’, dai, stasera voglio essere in forma…

La osservo mentre butta giù il vino quasi in un sorso solo e si dirige verso il letto. Si stende con un sospiro. La seguo e mi sdraio accanto a lei. Sono bagnata e con il cuore in tumulto.

Chiude gli occhi e resto lì, a guardarla, con la testa appoggiata su una mano. Cristo santo se è bella. Sarei la ragazza più felice del mondo se solo mi dicesse “pensaci tu a farmi addormentare” e aprisse le gambe. Ma non succede, non succede nulla di tutto ciò. Passo due minuti a guardarla e mi sembra anche che il suo respiro sia diventato quello di una persona che dorme. Anche il suo seno va su e giù lentamente, come quello di una ragazza che dorme.

D’improvviso apre gli occhi, mi guarda, mi sorride. Si solleva e mi dà un bacio a sfioro sulle labbra. E’ la prima volta anche questa. Mi metterei a piangere per la gioia, non ne ho il tempo.

– Dormi, piccola. Dormi accanto a me.



CONTINUA


Questo racconto di è stato letto 3 4 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.