Come diventai un attore 12 - epilogo -

Scritto da , il 2020-07-01, genere etero

- Non so che dire, quel giorno lo “stronza” mi è uscito così, senza voler offendere, era una battuta……. e l’ho pagata cara. Giada mi ha fatto veramente male. Poi mi è piaciuto però sul momento mi sembrava mi stessero spaccando in due. Avesse cominciato con dolcezza credo avrei sentito solo piacere…….. ma così…….. E mi ha fatto ancora più male dopo, nella scena con Mila. Anche lì dopo mi è piaciuto ma sul momento…….. non ho potuto sedere bene per due giorni ah ah ah ah .-

- E cosa pensi di lei ora? Cosa provi? –

- Sono indecisa. Mi ha fatto male però dopo sembrava dispiaciuta….. e mi ha fatto godere tanto. Ho capito che non devo più farla arrabbiare. E’ lei che comanda, e a me sta bene. Cosa provo? Anche questo non lo so: mi attrae tantissimo. E’ la prima donna per cui provo qualcosa del genere. Voi sapete che fino a poco tempo fa nemmeno pensavo di essere un po’ lesbica, ora invece. –

Lo dice leccandosi le labbra mentre guarda Angela.

- Veramente ero passata per vedere se c’era tempo per fare qualcosina insieme, anche senza riprenderci……….. –

La proposta è esplicita, ancor più perché Filomena si slaccia e poi toglie la camicetta restando in intimo.
A malincuore io e Angela decliniamo dicendo loro di restare, di fare come a casa propria: si è fatto tardi e dobbiamo andare al pub. Eppure……. eppure è difficile resistere alla visione di Flavia e Filomena già avvinghiate. Mino si sta già spogliando con un ghigno. Sulla porta siamo raggiunti da Filomena che ci saluta con un bacio e una palpata di tette a Angela e un bacio e una strizzata di uccello a me.

Al lavoro io e Angela abbiamo poco tempo per discutere tra di noi della situazione, è un viavai continuo di gente e alla fine, tra clienti abituali oramai amici, ci divertiamo anche noi fino alla chiusura.
Ancora un po’ euforici torniamo a casa chiedendoci tra le risate se avremmo trovato ancora lì i tre, invece abbiamo una sorpresa: appena scesi dall’auto vediamo aprirsi lo sportello di un’altra auto parcheggiata a una decina di metri. Alla luce non proprio sufficiente del lampione riconosciamo Mila che corre da noi abbracciandoci.

- Tranquilli non è successo nulla, è solo che Giada doveva andare via e non voleva restassi da sola a casa. –

La preoccupazione è trasparita dai nostri volti e Mila s’è subito premurata di tranquillizzarci.
Entriamo in casa, trovandola deserta, e ci accomodiamo sul divano stappando l’ultima birra della serata.

- Ci fa piacere che tu sia qui Mila, se ci chiamavi ti facevamo venire al pub, ma dov’è andata Giada? –

- Non lo so, e sono preoccupata. Non ha voluto dirmelo ma era nervosa, molto –

- Tranquilla, Giada sa risolversi da qualsiasi situazione, domani ti spiegherà tutto. Intanto potresti togliermi una curiosità: Marina. Ho saputo che ha litigato con Giada, e che ce l’ha con me. Perché? Cosa è successo tra di loro? –

Mila indecisa, titubante, incerta se e cosa dire, comincia a raccontare. Si apre totalmente scoprendo che già so parecchie cose e entra nel dettaglio.

- Eravamo agli studi per un video, io, Giada, Mino e Lorenzo, quel giovane operatore che ha lavorato con noi per qualche tempo. Marina è stata scorbutica per tutto il tempo, distratta, Giada doveva correggerla spesso. Alla fine, quando ci eravamo già rivestiti e io e Giada eravamo sedute sul divano, si è avvicinata con fare aggressivo e ha iniziato a parlare con voce agitata senza che si riuscisse a capire cosa non le andasse bene. Giada ascoltava attenta e vedevo che si stava arrabbiando. A un certo punto ha guardato verso di me e Marina ha sbottato con una frase cattiva, la ricordo bene: “è inutile che chiedi a questa piccola troia, da quando c’è lei non sei mai disponibile. Te la lecca meglio di me forse?” e altri insulti ancora. Io, lo sapete, ho le lacrime facili, a sentirmi coinvolgere con quel tono cattivo mi sono messa a piagnucolare. Poi Marina ha continuato e se l’è presa con te. Ha accusato Giada di coccolarti, di preferirti a tutti tranne me……….. ha usato anche parole peggiori ma non voglio dirtele. Mauro, Marina non è cattiva è solo gelosa, non lo pensa veramente. Prima erano solo lei e Giada, poi sono arrivata io e ha dovuto dividerla con me, poi sei arrivato tu e non l’ha sopportato. –

- E’ bello che tu la difenda dopo quel che ti ha detto. Non mi sento offeso neanche io, conosco la gelosia, so cosa fa fare e finché si limita alle parole non mi importa, però non capisco perché di me. E’ vero che credo di piacere a Giada, altrimenti non mi avrebbe scelto quel giorno sul set né mi avrebbe coinvolto in questo “ditta”, però c’eri anche tu l’altro giorno e hai visto cosa mi ha fatto. –

- Sì, e ho visto anche dopo, quando mi avete………. messa in mezzo,,,,,,,,No, non ridere, mi è piaciuto molto come vi siete ritrovati insieme a prendervi cura di me, ho goduto tanto. Io so che Giada mi ama, mi ha confessato che l’idea di questo nostro gruppo l’ha avuta per me, per evitarmi di dover andare in giro per i set a scopare con chi prima capita, ma è anche perché ama, scusa il gioco di parole, ama circondarsi di gente che ama e che la amano. Forse ha una piccola predilezione per me e te, ma ama anche te Angela, e Flavia, e Filomena, e Mino. Ci ama tutti e ha sofferto molto quando Marina è andata via. –

Le parole di Mila sfumano nella stanza lasciando regnare il silenzio. Non c’è nulla da dire di fronte a un’affermazione del genere, solo da assimilarla e chiedere a se stessi se sia vera. Io per me lo so: è vera. Non conosco bene Giada, ma tanti piccoli particolari, anche le sue unghie sulla mia schiena, sono piccole prove che qualcosa prova per me, e anche per gli altri. A me rimane la stessa domanda a cui ho risposto, sinora, solo parzialmente: cosa provo io per lei?
Non è più tempo di parlare, l’ora è tarda, le risposte possono attendere. andiamo tutti e tre in camera, ci spogliamo e ci mettiamo a letto. Basta un’occhiata con Angela per capirci e decidere cosa vogliamo fare. Questa notte la dedichiamo alla piccola Mila che in mezzo a noi pare un scricchiolo. Pancia all’aria è in attesa di una parola, di un gesto. Lo facciamo insieme io e Angela chinandoci sui minuscoli capezzoli per succhiarli dolcemente mentre Mila ci accarezza le teste sospirando contenta.
E’ di questo che ha bisogno, di sentirsi rassicurata, amata, viziata. Io e Angela ce la mettiamo tutta dividendoci il suo corpo e moltiplicandole le sensazioni. Quando scendo con il viso tra le sue cosce, dopo averla accarezzata a lungo, la trovo già umida e ricettiva. E’ sufficiente leccarla un poco sul clitoride per farla gemere e cercare la bocca di Angela per un bacio profondo e duraturo. Mi impegno al massimo cercando di ricordare cosa le piaccia, cosa le dia più piacere, e se con la lingua insisto a disegnare otto sul suo bottoncino, con un dito entro nella sua micina alla ricerca dei punti più sensibili. Spronato dai versi di godimento che sento sopra di me faccio diventare due le dita, le muovo più velocemente dentro e fuori, chiudendole a artiglio, “grattandole” le mucose interne, succhiandole il clitoride come fosse un minuscolo pene. Presto la sento godere, i suoi fluidi escono a profusione bagnandomi labbra e guance. Non smetto finché non la sento dire con voce eccitata:

- Dammelo, dammelo –

Solo allora mi stacco da lei cedendo il posto a Angela e salgo sulle ginocchia fino al suo viso porgendole l’uccello oramai ben teso.
Un ulteriore gemito di piacere è soffocato dal bavaglio di carne. Angela la lecca con maggior perizia di me, con maggior maestria, e ogni colpo di lingua che le dà lo sento riflesso sulla mia carne tramite la lingua di Mila che si muove impazzita sulla cappella, sull’asta, sui testicoli. E’ come un pompino riflesso che ottiene presto il suo effetto costringendomi a sottrarmi alle sue labbra per non venire subito.
Geme di dispiacere Mila e io le tappo la bocca con la mia, offrendole la mia lingua a intrecciarsi con la sua. Nei piani bassi il mio uccello è all’altezza giusta. Se ne impadronisce Angela facendo ruotare sul fianco Mila fino a porre a contatto i due sessi. Una piccola spinta e sono dentro di lei sentendola calda e stretta come la ricordavo. La abbraccio iniziando a muovermi con Angela che dispensa carezze a entrambi in egual misura.
Non trovo giusto che lei rimanga a secco, richiamo l’esperienza di tante scene girate e mi stendo sul letto tirandomi sopra Mila e facendo capire a Angela di mettersi a cavalcioni sopra di me, sopra la mia faccia, per offrirmi la sua micia in cui affondo il volto con gusto.
Le due ragazze sopra di me si abbracciano e baciano muovendo le anche per sentire meglio chi l’uccello chi la lingua. Siamo come una statua classica, un trittico dedito al piacere reciproco in cui ognuno dà e riceve come e quanto può.

E’ un amplesso dolce, in netta contrapposizione con quello avuto con Giada, e ne gusto le sensazioni fino in fondo assaporandole una per una, quasi i pezzi del mio corpo: mani, lingua, pene, siano entità distinte e a se stanti.
Faccio il possibile per ritardare il mio piacere non volendo lasciare in corsa le ragazze e solo quando sento i succhi di Angela sgorgarmi nella bocca e poi i gemiti di piacere di Mila mi lascio andare rincorrendo il mio orgasmo.
Sono subito premiato. Non appena avverto di stare per venire, le due ragazze si divincolano e si chinano entrambe sul mio ventre per accrescere il mio godimento. Quando vengo sono come un idrante usato per spegnere un incendio, e l’incendio sono le bocche e i volti delle mie compagne di giochi che accolgono il mio seme/acqua ricevendolo e contendendoselo con lingue e labbra fino a lasciarmi completamente appagato e pulito.

Dopo è facile addormentarsi con le due ragazze abbracciate a me, una per lato, le mani di tutti che ancora si muovono con lente e languide carezze sui corpi uniti. Basta poco per essere felici.

Il mattino seguente ci svegliamo di buonumore. Facciamo colazione e decidiamo di riaccompagnare Mila. Non sono sicuro di voler affrontare Giada ma ho tante domande inespresse a cui dare una risposta e sono anche curioso di sapere cosa la innervosiva.
L’auto di Giada è parcheggiata fuori, in casa è tutto silenzio. Entriamo chiamando a voce alta senza ottenere risposta.
Scopriamo il motivo nel salotto: Giada è buttata sul divano in una posa scomposta che mal le si addice, sul tavolinetto una bottiglia di vodka semivuota. Mando Angela in cucina a preparare un caffè forte e con Mila cerco di svegliarla.
Sobbalza nel destarsi e vedermi.

- Chi….cosa………che cazzo ci fai tu qui? –

E’ ancora in stato confusionale, è evidente. Sorseggia il caffè portato da Angela e guarda noi tre alternativamente, i suoi occhi paiono spenti, credo abbia pianto parecchio la notte precedente. Quando si alza barcolla, i suoi movimenti sono scoordinati, si trascina verso le scale come se noi non esistessimo.
Non posso vederla così, non voglio vederla nella sua debolezza. Mi viene in mente una cosa e spedisco di sopra Mila di fretta dandole istruzioni mentre io prendo in braccio Giada portandola su per le scale più lentamente. Il suo capo è abbandonato sul mio petto, pare quasi si stia riaddormentando. E’ una Giada diversa, remissiva, obbediente………strana.
Al piano di sopra la porto nella stanza da bagno. Mila sta già riempiendo la vasca.

Con delicatezza le faccio appoggiare i piedi per terra e mi accerto che non cada. La spoglio ottenendo appena un accenno di aiuto da lei che rimane col capo chino, gli occhi chiusi. Angela interviene e in due riusciamo a denudarla prima di farla scivolare nella vasca quasi colma.
Sento un brivido percorrerle la pelle al contatto con l’acqua calda mentre la adagio facendola scivolare fino a che l’acqua le arriva all’attaccatura dei seni. Le esce un sospiro che interpreto di rilassamento. Sono tentato di azionare l’idromassaggio ma preferisco prendere la cara, vecchia, buona spugna e iniziare a passargliela sulle spalle, sul collo, sulle braccia, sui seni. Ancora un sospiro, gli occhi sempre chiusi, avverto il suo corpo allentare la tensione.

Mila si è spogliata e è entrata nella vasca anche lei, non fa nulla tranne sorreggerla, il capo appoggiato alla spalla di Giada, anche lei in attesa di qualcosa da me.
Non so cosa fare se non proseguire col lavarla. Faccio cenno a Angela di imitare Mila e continuo a strofinarla delicatamente passando alle gambe, ai piedi e poi tornare su, sui seni che paiono galleggiare nell’acqua intorbidita. Indugio sulla pancia, non sono sicuro di come interpreterebbe il mio lavarle le parti intime. Decide lei prendendo la mia mano e portandosela tra le cosce che stringe intorno al mio braccio. Resto fermo, immobile, imprigionato, Giada sospira ancora, non è eccitazione sessuale, è un risvegliarsi, un riprendere coscienza del mondo che la circonda. La vedo carezzare le guance di Mila, poggiarle un bacio sulla testolina bionda, aprire gli occhi e finalmente rivedo lo sguardo che conosco. Mi sorride e pare prendermi in giro con le labbra e gli occhi insieme, pare volermi dire: “sono ancora viva, sono ancora io”.

- Mio marito –

Le sue parole mi giungono inattese facendomi sussultare. Attendo che continui, se vorrà farlo, e le parole iniziano a uscire dalla sua bocca prima lentamente, con fatica, poi inarrestabili come un torrente in piena. Apprendiamo così che Giada si è sposata giovanissima con un francese da cui ha divorziato due anni dopo perché lui si era rivelato ben diverso dal ragazzo gentile e forte di cui si era innamorata. Era arrivato addirittura a picchiarla e così lei si era decisa al divorzio lasciando quindi la Francia per venire in Italia ove, poco dopo, avrebbe fatto il suo esordio nel mondo del porno “per noia”.
In due parole descrive le sue motivazioni che devono essere ben più complesse. Arriva ai giorni nostri, alla telefonata del suo ex marito che l’ha riconosciuta in rete, dai filmati, e l’ha rintracciata chiedendole un incontro in cui ha prima finto pentimento e poi ha svelato nuovamente il suo aspetto negativo, quello che l’aveva fatta fuggire. Soldi. Tutto gira intorno a questa parola, è questo che lui vuole e Giada ha tergiversato, più per lo choc di ritrovarsi davanti il proprio passato che per altro.
Non ci dice altro, già ci ha concesso troppo di lei.

Mila l’ha ascoltata carezzandole lievemente un seno e le spalle, per confortarla, Angela facendo lo stesso con polpacci e cosce dalla parte opposta. Io…. io ho ancora il braccio imprigionato tra le sue gambe, preso dalle sue parole non ho pensato a toglierlo e ora lei stringe ancora impedendomelo. L’atteggiamento è cambiato però, adesso si strofina platealmente muovendo il bacino contro la spugna appoggiata al suo ventre. Le sue labbra si socchiudono, vedo la punta della lingua fare capolino un attimo prima di scomparire tra le labbra di Mila. L’atmosfera stessa della stanza è cambiata, Giada ora è attiva, pare avere intorno a se un’aura che calamita tutte le nostre attenzioni.
Il corpo nudo di Giada appare lentamente e all’improvviso quando si solleva e mi ritrovo libero. Le ginocchia si aprono di scatto spalancandosi, istintivamente ritiro il braccio e lei subito lo afferra portandoselo al volto. Mi toglie la spugna e chiude le labbra intorno alle mie dita. Le succhia, le lecca fissandomi. Il verde dei suoi occhi ora è cupo, sembra guardare oltre me, oltre il mio corpo. Volge lo sguardo su Angela che è rimasta impietrita ai suoi piedi, un muto ordine forse scorre tra le due perché Angela si china tra quelle cosce e prende a lambirla come una gattina che lecchi il latte.

E’ la riedizione della sera precedente in cui abbiamo fatto di tutto, io e Angela, per compiacere Mila; solo che ora sono Mila e Angela a compiacere Giada e questa non resta passiva ma, anzi, comanda ai suoi docili, adoranti servi, noi, ciò che più le piace.
Mi sento tirare per il braccio, in modo deciso. Resistere significa rompere il momento e chi se ne frega se mi bagno; solo mi tolgo le scarpe usando i piedi e entro nella vasca vestito seguendo gli strattoni di Giada, accucciandomi tra le sue gambe dove Angela mi ha lasciato il posto. Sono in ginocchio davanti a lei, le altre due ragazze sono al suo fianco e, a turno, ricevono i suoi baci. I suoi occhi però sono solo per me, mi fissano, mi incendiano i sensi, mi spingono a aprire la zip e estrarre il pene già in erezione affidandolo alla sua mano forte e carezzevole.
Mi tira a se, mi fa sprofondare dentro di lei senza esitazioni, ripensamenti. La trovo cedevole, pronta, caldissima.

Facciamo l’amore con lentezza. La posizione per me non è delle più comode e riesco a penetrarla a lungo, abbastanza da vederla rovesciare gli occhi, aprire la bocca quando resta senza fiato per un orgasmo silente che la colpisce come un maglio, e ancora sono i suoi occhi a carezzarmi, io che non ho smesso un istante di farmi avanti e indietro dentro di lei, io che godo grazie alla sua mano che mi ha estratto e carezzato velocemente a contatto con la sua micina, col suo ventre che innaffio copiosamente col mio seme perdendomi ancora una volta nelle sue iridi che ora splendono come il più puro smeraldo.
Per un minuto forse restiamo tutti e quattro fermi. Mila e Angela guardano adoranti Giada. Loro non hanno goduto ma pare non importargli. D’impulso prendo la doccia e la uso per sciacquare il ventre di Giada coperto di sperma, indugio col getto anche sulla micina guardandola ironico, poi passo ai seni, alla sua bocca spalancata. Di botto mi strappa la doccia di mano e sono io a essere spruzzato. Mi innaffia bagnando completamente quel poco che era rimasto asciutto degli abiti; bagna anche Angela e Mila e, costellata di gridolini di gioia, diventa una lotta giocosa tra noi quattro a chi bagna gli altri, strappandoci la doccia di mano l’un l’altra e disastrando il bagno.

Esco dalla vasca col fiatone, non è stato semplice sottrarmi alle mire delle tre coalizzate insieme, ce la faccio rischiando di ammazzarmi sul pavimento scivoloso. Mi tolgo gli abiti fradici e lancio degli asciugamani alle tre iniziando a asciugarmi anche io. Il gioco è finito, restano il ricordo e i sorrisi di tutti e quattro.
Nel relax successivo riesco anche a porle le domande che volevo su Marina e ho la conferma di quanto dettomi da Mino, anche a lei pesa questo litigio.
Le ultime parole tornano a riguardare il suo sfogo.

- Ciò che ho detto resta tra noi –

Giada ci avverte, forse pentita di essersi aperta un po’ con noi. Non facciamo fatica a dirle di sì, che terremo il segreto.

- Ti possiamo aiutare col tuo ex? –

Lo domando io, mi pare normale per il feeling che si è creato tra noi quattro. Mi sento portato a aiutarla, voglio farlo se posso.
Fa un gesto di diniego.

- No, so già cosa fare -.

I suoi occhi sono incupiti ora, non vorrei essere nei panni del suo ex. Poi torna la Giada solare che amiamo e ci saluta gaiamente mentre partiamo per tornare a casa, Mila attaccata al suo fianco come una ventosa.

Nel viaggio di ritorno io e Angela parliamo ancora. Entrambi siamo più che soddisfatti di come siano andate le cose, del rapporto chiarito e rinsaldato con Giada. In fondo è vero, un po’ la amiamo e sappiamo che ci ama. E’ una cosa strana, nessuno dei due è abituato a un ménage a trois, figuriamoci a quattro, eppure è ciò che abbiamo instaurato poco fa, anzi se contiamo gli altri potremmo quasi parlare di “matrimonio di gruppo”.
Angela mi prende in giro dicendomi di non pavoneggiarmi perché sono il galletto nel pollaio, o uno dei due galletti nel pollaio, dove tante gallinelle pendono dal nostro…….. “becco”.
Ridiamo insieme e la sua mano poggiata sulla mia coscia è insieme possesso e complicità.
Due giorni dopo, a tarda sera, vediamo Mila entrare nel pub semivuoto. Il suo sorriso aperto ci avverte che non è successo nulla. Ci dice che Giada aveva da fare e che ha acconsentito quando Mila stessa ha proposto di venire ancora da noi. Anzi l’ha esortata dicendole di rendersi più autonoma se vuole.
Chiudiamo il locale e andiamo a casa. Qui, sul letto, ci aggrovigliamo ancora insieme prodigandoci nel dare piacere agli altri due in una specie di gara di generosità. Sono eccitatissimo e ho il rammarico di non riuscire a trattenere un primo orgasmo quando Angela guida il mio uccello nel culetto di Mila la quale, a gambe spalancate sotto di me, mi aspetta incitandomi a prenderla. E’ bastato che entrassi con la punta, dopo svariati giochini di mani e lingue, il pene stretto nella mano di Angela, e il piacere mi ha preso a tradimento facendomi schizzare tutto addosso a Mila, strappandole un “ooohhh” di sorpresa.
Recupero “l’orgoglio perso” nel prosieguo della nottata dandomi da fare con entrambe fino a quando ci addormentiamo esausti e contenti.

I giorni passano e siamo tutti col morale alle stelle, nemmeno la bocciatura a un esame, che non avevo poi preparato molto bene, riesce a deprimermi. La situazione si è consolidata: Giada è la “Regina” e noi siamo il suo harem. Tutto qui. E’ una regina molto generosa, che ricambia il nostro “amore” con prodigalità, e in effetti la ditta rende abbastanza e il mio conto corrente sale. Il suo è un “regime” a cui ci assoggettiamo volentieri, il controllo è blando, è tutto basato sull’affetto e sulla fiducia reciproca.
Per questo non ho problemi quando il regista mi chiama. Ancora una volta un operatore ha dato buca e lui ha bisogno di me per concludere un film, così mi reco nella città vicina, all’indirizzo indicatomi, trovando un grande appartamento pieno di gente tra attori e troupe. Saluto chi conosco, anche Marina che è presente pure in questa occasione, ma solo per educazione, e prendo confidenza con la macchina da presa che è di un modello nuovo che non conosco bene.
Mi concentro sul lavoro, me ne frego che Marina mi abbia a malapena risposto: se è ancora preda dei suoi film mentali è un problema solamente suo.
Le riprese proseguono tra le solite scene a due, a tre, di gruppo. Ancora una volta vedo nella pratica quanto sia stata geniale l’intuizione di Giada. E’ evidente che gli attori fingono, qualcuno anche bene però manca….. il pathos, se posso usare questo termine per un film pornografico.
Non mi interessa, faccio il mio lavoro con professionalità, nemmeno mi eccito a vedere tanta pelle esposta, tanti accoppiamenti di ogni tipo, anche se un paio di attrici sono veramente notevoli. Noto che Marina, quando non è impegnata nella scena, è sempre nelle mie vicinanze. Ho la sensazione che voglia dirmi qualcosa ma, un po’ perché concentrato sul lavoro, un po’ perché voglio essere stronzo con chi è stato stronzo con me, faccio come se non esistesse.

Durante una pausa si decide e viene diretta verso di me, in mano il bicchiere di una bibita. Me lo tende. Lo interpreto come un gesto di pace e mi preparo a riascoltare le sue lagnanze. Nulla di tutto questo, il tono una volta aggressivo ora è quasi timido. Che abbia capito? La prende alla larga, senza chiedermi scusa del comportamento della volta precedente, il che mi irrita un poco, poi alla fine è manifesta la sua intenzione di chiedermi notizie di Giada.
La lascio parlare e lei non riesce a essere più decisa, a pormi la domanda diretta. Tronco la discussione vedendo arrivare il regista, con la scusa di dover parlare di alcuni aspetti tecnici. La lascio con la risposta che anelava, a sorpresa:

- Ti vuole ancora bene –

Rimane ferma lì, incerta di aver sentito bene, con mille espressioni che le passano sul viso.
Durante il lavoro successivo evito con cura di trovarmi vicino a lei, d’altronde è facile per me non staccare mai l’occhio dalla telecamera e farmi vedere indaffarato. Solo al termine delle riprese, quando il regista mi porge la busta col mio compenso, ancora viene verso di me. Il viso teso, deciso eppure insicuro.

- Mauro, posso parlarti un momento? –

E’ l’insieme che mi convince: non è più altezzosa, strafiga, pantaloni e camicetta anonimi per passare inosservata anche se si vede che è una bellissima donna, tono……. umile. Le dico di sì.

- Non qui, c’è un bar poco distante, troviamoci lì tra venti minuti. –

Non so come faccia ma la trovo già lì a attendermi. Saltella nervosa tormentandosi le mani a attirando l’attenzione dei pochi clienti. La prendo sottobraccio e la guido verso un tavolino appartato ove poter parlare tranquillamente. Facciamo le ordinazioni, aspettiamo che ce le portino e, sorseggiando un succo di frutta, aspetto che mi dica qualcosa.

- Cosa intendi con “mi vuole ancora bene”? –

Trova il coraggio per arrivare subito al punto, a ciò che le interessa. La tengo un attimo in sospeso, il bicchiere alle labbra, e poi le rispondo decidendo di essere secco, senza falsi pietismi:

- Che anche se ti sei comportata come una perfetta stronza con lei e anche con me…….. ti vuole ancora bene. Semplice –

Ha il buon gusto di arrossire ripensando a cosa mi aveva detto la volta precedente e è abbastanza scaltra da capire che ho parlato di lei con Giada.

- Era tutto perfetto Mauro, eravamo io e lei contro il resto del mondo. Non vivevamo insieme ma il resto era uguale, ci sostenevamo a vicenda, affrontavamo insieme i problemi. Poi è arrivata quella……. Mila, e ho capito subito che avrei dovuto dividerla con lei. Non mi è pesato molto, Mila mi piace, non mi ha mai fatto nulla anzi, eravamo in tre anziché in due. Però quando sei arrivato tu e ho visto che Giada…….. che Giada ti preferiva……… non so che farci Mauro, sono gelosa e non riesco a controllarmi. –

- E nemmeno a chiedere scusa delle cazzate che hai fatto a quanto pare –

Non le risparmio nulla, è una mia rivalsa, ma soprattutto devo vedere fino a che punto riesce a dominarsi perché ho in mente una cosa che richiede da lei umiltà e condiscendenza.

- E’ vero, ti devo chiedere scusa, non è colpa tua se Giada mi ha allontanato –

- Non è stata lei, sei tu che te ne sei andata. Prima lo capirai meglio è. –

- E’ vero anche questo, ma non potevo restare…… non potevo……. –

- Che intenzioni hai Marina? E’ importante che tu sia sincera. –

- Io….. io volevo chiederti di Giada, di aiutarmi a parlarle, a rivederla –

- Per farle un’altra scenata? –

- No, no…… non farò mai più una cosa simile –

- Bene, ricordati questa conversazione perché ho in mente qualcosa che viene incontro ai tuoi desideri, però devi fare quello che ti dico io senza esitare, senza fare domande. Non ti garantisco il risultato ma vedrai che avrai un’occasione. Che dici? –

Accetta entusiasticamente, nonostante che io l’avverta più volte di non crearsi false speranze e che non dipenderà da me ma da lei e Giada. Così mi lascia il suo nuovo numero di telefono e se ne va attendendo una mia chiamata.
Il mio piano è semplice, sarà come una reazione “chimica”: mettere i due elementi insieme, agitare bene e restare a guardare se si mescoleranno o resteranno divisi, cosciente che c’è anche il rischio esplosione.

Torno a casa pensando ai dettagli, ho bisogno dell’aiuto di Mila e Angela e spero che ciò che voglio fare non incrini i rapporti tra me e Giada.
Il giorno dopo ho pensato e scartato diverse ipotesi per farle incontrare. Impossibile chiedere prima, c’è troppa probabilità di un rifiuto; improponibile presentarsi a casa di Giada in tranquillità, la cosa migliore che mi viene in mente è usare il sesso come catalizzatore della reazione tra le due. Farle incontrare su un letto nel pieno dell’eccitazione può far mettere da parte i rancori precedenti.

Mi occorre una settimana per preparare tutto e intanto avviso Marina di tingersi i capelli e studiare un trucco che la renda meno riconoscibile, mi procuro anche una maschera a scanso di equivoci e informo Angela della mia idea.
Si tratta di far credere a Giada che c’è una mia amica che vuole sostenere un provino con lei, farmi appoggiare dal parere positivo di Mila e Angela, le quali dovranno partecipare al provino e fingere di non riconoscerla, e riuscire a portare Marina allo studio di registrazione………. E sperare in bene.

Angela è perplessa, preferirebbe lasciar stare Marina senza immischiarsi e rischiare di irritare Giada. Ci metto un po’ a convincerla. In fondo non ha tutti i torti, ma ormai ho deciso.

E siamo qui, io sono andato due ore prima per far trovare a Giada la scena già iniziata riducendo al minimo possibile le parole e i contatti con Marina per ridurre il rischio che la riconosca.
Marina è splendida. Si è tinta i capelli di un rosso vivo che la fa somigliare a una famosa attrice degli anni sessanta, il trucco le modifica un poco i lineamenti, soprattutto le labbra e gli zigomi, con la maschera sarà irriconoscibile. La istruisco anche sul modo di muoversi e, soprattutto, di parlare il meno possibile cercando di camuffare la voce.
Non la finisce più di ringraziarmi e mi convinco che è veramente cambiata. Forse c’è una speranza.
Allo studio preparo la parte tecnica e l’enorme divano dove si svolgeranno le riprese.

Quando arrivano, Giada e Mila trovano Monica e Angela nude e avvinghiate sull’enorme divano che funge da set. Le informo brevemente che ho cominciato senza di loro per provare le luci e posizionare bene le telecamere fisse. Anzi, invito Mila a buttarsi subito nella mischia.
Il saluto di Marina, che ho presentato come Stefania, è reso incomprensibile dalle labbra di Angela. Le due ragazze si stanno baciando e masturbando vicendevolmente e Mila si aggrega carezzando e baciando entrambe.
Giada le osserva con curiosità.

- E’ veramente bella, il suo corpo mi pare familiare...e sembra metterci molta partecipazione. Dove l’hai trovata? –

- E’ una mia amica: è sempre stata “vivace”, diciamo così, e ho pensato che potesse essere interessata. Ovviamente deciderai tu se può entrare nel gruppo o che altro, intanto vediamo come se la cava. –

- Perché la maschera? Questo è solo un provino –

- Per darle sicurezza, e poi se il video viene bene potremmo decidere di metterlo on line –

Giada annuisce e si concentra sulle tre ragazze che ora si sono distese per terra in circolo, ognuna intenta a baciare e leccare la micina di un’altra. Ben presto i loro mugolii invadono l’ambiente. Interminabili minuti trascorrono mentre le ragazze ci danno dentro dimentiche di dove si trovano e del motivo.
Spontaneamente si sciolgono nel momento in cui Giada porge loro dei dildo e cambiano posizione.

Ora Marina è in ginocchio, con la testa tra le cosce di Mila seduta sul divano offre entrambi i suoi buchi alla lingua e alle dita di Angela. Dita che vengono presto sostituite dai dildo: uno, piccolino, viene immerso delicatamente nel buchino aperto facendola rantolare, l’altro, ben più consistente, viene introdotto nella micina e il rantolo diventa un gemito prolungato di piacere Giada assiste alla doppia penetrazione sorridendo compiaciuta all’orgasmo di Marina (Stefania) e di Mila, poi mi fa un cenno.
Mi spoglio e mi avvicino da dietro a Marina. Facendolo, tiro con me Giada per un braccio. Inizialmente fa resistenza non capendone il motivo.

- Vieni a divertirti anche tu –

Le dico e lei mi sorride, gli occhi che le brillano. Si spoglia velocemente e prende il posto di Mila mentre io, da tergo, ho penetrato Marina. Mila e Angela sono al suo fianco, la baciano, le succhiano i capezzoli; lei si lascia andare godendosi la lingua della rossa nelle sue parti più intime. Geme spontaneamente, si sta godendo le attenzioni di tutti noi. Aspetto di vederla vicina al piacere prima di staccarmi da Marina e mettermi in piedi sul divano davanti a lei porgendole il mio uccello teso.
Lo imbocca e mi succhia con evidente piacere, è un continuo mugolare di tutti, nessuno si interessa più alle riprese.
Quando Giada abbandona il mio affare per ansimare il suo orgasmo, punto le ginocchia sulle sue spalle facendo segno a Angela che toglie di scatto la maschera a Marina.

Giada la vede attraverso lo spazio tra le mie gambe, la riconosce e i suoi occhi cambiano espressione: il verde acqua di mare che indicava il piacere provato diventa un verde cupo, duro. Prova a divincolarsi ma glielo impedisco e la guardo mutare ancora: troppo forte è la sensazione di quella lingua sul suo clitoride. L’orgasmo le cambia ancora lo sguardo: ora è luminoso, perso. Geme e, dopo un attimo, riprende in bocca il mio affare che ho di nuovo avvicinato alle sue labbra. Mi succhia guardandomi fisso in volto, minacciosa, poi si abbandona al piacere scuotendosi con forza, rovesciando indietro la testa in un urlo di godimento che raramente le ho sentito emettere.

Mentre, ansimante, riprende le energie le sono seduto di fianco, spiegandole che Marina vuol farsi perdonare, che le vuole bene, che tutti le vogliamo bene.
Marina è restata sul pavimento, accoccolata sui talloni la guarda con aria speranzosa attendendo la sua reazione che non si fa attendere:
Giada si alza dal divano e si avvicina raccattando un dildo dal pavimento.

- Allora vuoi farti perdonare brutta stronza? Pensi che ti basti leccarmela per farlo? –

Le si inginocchia di fianco, la spinge fino a farla distendere sul pavimento, le allarga le gambe e la penetra col dildo senza alcuna delicatezza. Marina lancia un urletto e mi alzo di scatto per intervenire pensando a una violenza, Invece Giada si abbassa con la lingua sul clitoride iniziando a leccarlo e si rovescia sopra di lei nel classico 69. La penetrazione ora è più dolce, delicata, unita a labbra e lingua fa mugolare Marina che affonda a sua volta il viso tra le cosce aperte di Giada.

Si leccano per alcuni minuti gemendo entrambe, io resto in piedi incerto su cosa fare fino al cenno di Giada che mi invita a inginocchiarmi tra le gambe di Marina. Mi prende brevemente in bocca l’uccello e per tutto il tempo mi guarda ancora fisso negli occhi. Non capisco cosa le passi per la mente, non so se ce l’ha con me o che altro. Poi me lo stringe forte in mano e mi tira verso l’inguine di Marina. Mi stendo come posso, è una posizione non facile quella che mi chiede e ci riesco solo quando fa sollevare gambe e bacino della rossa. Il mio uccello è ora vicinissimo alla micina, attendo che tolga il dildo per poterla penetrare ma Giada ha in mente altro. Mi conduce verso il buchino piccolo, a pochi centimetri, e usandomi come fossi un altro dildo cerca di farlo entrare.

E' difficile, la vagina dilatata rende difficoltosa l’opera, ma Giada insiste, con colpi di lingua bagna il buchino, con un dito affusolato preme e abitua l’ano e io mi ritrovo stretto tra le pareti dell’intestino, serrato dai muscoli anali di Marina che mi strozzano l’uccello. Poi, all’improvviso, si rilassa e cede facendomi entrare quasi tutto.
Mi comincio a muovere per conto mio inculandola con forza crescente, seguendo l’urgenza del desiderio che mi ha assalito, mentre Giada la penetra col dildo a scatti sempre più veloci. Marina si è abituata alla doppia penetrazione, mugola e ci incita staccando la bocca dalla micina di Giada per subito riaffondarla.

Mi sono eccitato molto anche io, avverto i sintomi dell’orgasmo e affondo i colpi con più forza, distanziandoli, uscendo fino alla punta e penetrando sino alla radice. Lancio l’avvertimento e Giada mi strappa, letteralmente mi strappa, dal culetto di Marina e mi prende in bocca. Bastano pochi colpi di lingua, una leggera succhiata e comincio a venire. Lei, lesta, mi estrae dalla bocca e mi guarda sorniona. E’ il mio premio e la mia punizione, mi nega la sua bocca per l’orgasmo offrendomi il suo viso, il suo petto, non negandomi la sua lingua per pulirmi degli schizzi emessi, ma anche lei deve arrendersi alla lingua di Marina che, godendo, intensifica la sua azione portando Giada al climax.
Gli occhi, sempre i suoi meravigliosi occhi verdi mi fissano e li vedo intorbidirsi nel piacere e poi chiudersi mentre mi prende ancora in bocca fin quasi alla radice, attenuando i suoi mugolii con il bavaglio di carne che preferisce.

Questo racconto di è stato letto 1 1 4 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.