Come di ventai attore 9 (numero vero)

Scritto da , il 2020-06-04, genere etero

Mi scuso, per distrazione ho saltato il capitolo 8 che è quello precedente a questo erroneamente denominato 9.

Comincia il lavoro. C’è un gazebo molto grande con alcuni tavoli di legno massiccio e panche, cominciamo da lì, io disteso sul tavolo e Filomena in piedi china sopra di me che me lo prende in bocca. Jean ordina e scatta, Giada traduce per noi in italiano. E’ totalmente diverso dal girare video, qui le pose sono statiche, Jean è un perfezionista e cerca l’inquadratura perfetta facendo variare le posizioni a Filomena. Una volta deve prenderne in bocca solo la punta guardando verso l’obiettivo, una volta deve estendere la lingua verso i miei testicoli per leccarmeli e deve restare così, impugnandomi l’asta, la lingua protesa, finché Jean non è soddisfatto. Le ordina di imboccarmi e fare su e giù lungo l’asta fermandola per scattare, pretende da Filomena un gola profonda che lei fa fatica a attuare. Ci prova ma è costretta spesso a tirarlo fuori in fretta per respirare. Jean non ne è contento, salva la situazione Giada avvicinandosi e dandole lezioni in diretta.

- Fai come me, devi scendere piano le prime volte, respirando col naso –

E le mostra come fare.
Per me cambia tutto: dove prima c’era una bocca che cercando di prendermi fino in fondo era brusca, facendomi sentire anche i denti, ora c’è un fodero di velluto umido in cui scorro facilmente. E’ tutto morbidezza, calore.
Filomena impara in fretta, non è perfetta ma quando Giada le cede il posto riesce in qualche modo a prenderlo quasi tutto. E’ una fortuna per me perché le sensazioni che provo quando sono profondamente dentro di lei, ferma per lo scatto, il regista che le dice come mettere le mani, dove guardare, rischiano di farmi godere anticipatamente. La brutta figura è in agguato. Per fortuna che cambiamo e ho qualche attimo di riposo. Entra in scena Angela. Lei non ha problemi a prendermi tutto, l’ha già fatto altre volte, Jean scatta in fretta foto con Angela che porta le labbra a toccare i miei peli e Filomena che mi lecca i testicoli. Poi passiamo alla penetrazione. Io resto disteso sul tavolo e Filomena mi sale sopra impalandosi, il culetto esposto al fotografo. Ora gli ordini sono anche per me, devo muovermi, entrare, uscire, fermarmi a comando. Non mi piace molto, è tutto meccanico, per nulla spontaneo, preferisco le nostre sedute in cam però è lavoro. Comprendo una volta in più cosa significa essere professionisti del settore.
Cambiamo ancora, Filomena smonta e sale Angela. Jean le chiede di metterselo dietro, il culetto sempre rivolto a lui, e Angela esegue muovendosi su e giù in base alle indicazioni. In quella posizione il suo culetto è più stretto, lo sento molto di più, e lei, ferma con solo la punta dentro, forse per lo sforzo muscolare delle gambe, contrare lo sfintere appena sotto la mia cappella. Devo concentrarmi su qualcosa di brutto per non venire tanto la sento.
Cambiamo ancora, arriva Mino il quale, io sto penetrando Angela nella micina, sale sul tavolo, lo punta e entra in lei dietro.
Altro blocco per le foto, entrambi dentro di lei completamente. Ora Jean è soddisfatto continua a ripetere:

- Good, parfait, ça va –

mescolando inglese e francese.
Io e Angela abbiamo problemi, non riusciamo a stare fermi molto a lungo. Il solo Mino pare a suo agio completamente.
Angela chinandosi sul mio orecchio mi parla:

- è frustrante, ho voglia di godere e quello mi ferma ogni volta. –

Poi obbedisce all’ordine di voltarsi verso l’obiettivo e sorridere. Sorridere con due cazzi profondamente piantati in lei. Credo che le attrici porno non sfigurerebbero all’actor’s studio e Angela non è da meno.
E’ la prova più difficile per me da quando sono entrato in questo mondo. Invidio Mino e gli altri che sono capaci di estraniarsi, io devo fare i salti mortali per non scopare Angela come un dannato. Mi adeguo, la posizione sotto mi facilita, però è difficile mettere da parte la delizia della vagina di Angela che mi avvolge, calda e bagnata, più stretta grazie alla presenza di Mino pochi millimetri più in là.
Come Dio vuole Jean ci lascia in pace perché vuole fotografare Mila la quale, a pecorina su una panca, viene scopata da un attore nero che non conosco. Noi tre dobbiamo restare fermi in posizione, è difficile. Mino da sopra ci dà dei consigli:

- Mauro, quando senti l’erezione che cede un po’ muoviti, ma piano, giusto per mantenerla, potrai godere solo quando lo dice lui. Tu Angela fai lo stesso, aiutaci muovendoti ma piano per carità –

- Mmmmhhhhhh, perché non possiamo lasciarci andare ora? Ho voglia di godere, sentirvi muovere e poi fermarvi mi fa andare via di testa. –

- Se ci riesci tu puoi venire Angela, io e Mauro no. Guarda, ora ci muoviamo a turno lentamente, comincia tu Mauro ma attento a non godere –

Faccio come mi dice, e lo sento fare lo stesso. Angela ansima, anche se lento l’orgasmo le sta salendo dentro. Jean pare accorgersene perché fa muovere Mila e il nero, facendoli venire sul tavolo. Il nero ora incula Mila la quale bacia Angela. Io e Mino riceviamo l’ordine di muoverci non troppo velocemente e Angela geme sfidando la lingua di Mila con la propria in un duello davanti ai miei occhi. Allungo la mia lingua e mi unisco a loro, a Jean pare piacere perché ci fa dei primi piani imponendoci di bloccarci con le lingue protese. Poi fotografa ancora prima il culetto di Mila aperto da un cazzo di discrete dimensioni, indi i due buchini di Angela, da dietro, dilatati da me e Mino. Angela continua il suo viaggio verso il piacere, a fatica riesce a fermarsi quando ci viene detto. Il suo viso è stravolto dal piacere. Jean cambia apparecchio e ci inquadra ancora in primo piano, principalmente Angela.

- Vous pouvez jouir –

Dice, e Giada traduce dicendo a Angela di lasciarsi andare, di godere ma di avvertire un istante prima.
Lei lo fa, si muove tra me e Mino come scatenata, a occhi chiusi, bocca aperta, geme in continuazione.

- Ecco, ci sono, sto godendo, sto godendoooooooooooo –

Angela viene e sento gli scatti a raffica di Jean. Conosco il sistema, è una macchina fotografica che scatta più fotografie in sequenza così da cogliere più immagini al secondo tra cui scegliere la migliore. Capisco perché Jean è famoso, mai avrei pensato che questa tecnica, solitamente usata per riprendere le eiaculazioni maschili, potesse essere impiegata per le espressioni facciali di un orgasmo femminile. E Angela gode veramente, mentre Mino si muove più velocemente dentro di lei, così come la conosco, gli occhi chiusi, i lineamenti tirati, le gote arrossate, un filo di saliva che le cola dalle labbra aperte in un grido/gemito costante, la punta della lingua che a tratti appare. E’ uno spettacolo e io ce l’ho a pochi centimetri dai miei occhi. Dura a lungo fino a quando la sento accasciarsi incastrata tra me e Mino. Jean è felicissimo del risultato, è quello che cercava ci dirà poi Giada, la spontaneità che lui cerca di catturare in immagine.
Stiamo per chiudere la sessione fotografica, manca l’orgasmo maschile. Jean ordina ancora, mette Filomena e Mila in ginocchio davanti al nero e riprende il pompino a due bocche e gli schizzi che imbiancano i volti delle due, per me e Mino ci pensa Angela da sola, in ginocchio tra di noi, una mano su ciascun cazzo, le cappelle vicine su cui saetta la lingua prima di imboccare ora l’una ora l’altra. Sto per venire e avverto, Angela obbediente apre la bocca per ricevere i miei schizzi ricevendo i primi due dentro e gli altri sul viso, poi mi prende in bocca fin quasi in fondo tornando lentamente indietro e poi ancora avanti. Mino si masturba e le schizza sul volto quando lei ha la bocca piena di me. Angela mi lascia e riprende la posizione iniziale, un cazzo per mano, la lingua protesa verso le cappelle vicine, con il viso che adesso è una maschera di sperma. Jean scatta diverse foto in ginocchio vicino a noi, quindi si rialza:


- Bon, parfait –
E’ il segnale che è finita. Giada si avvicina porgendo un fazzoletto a Angela perché si ripulisca, ci guarda e ci dice:

- Bravi –

Poi abbraccia Mila e insieme vanno verso Jean.
Mi sento stupido, ora che non sono più al centro dell’attenzione non so cosa fare. Imito Mino che si pulisce le parti intime con un fazzoletto e poi va verso gli abiti per rivestirsi.
Poco dopo siamo tutti vestiti e vicini. Jean ci saluta dandoci l’arrivederci al mattino seguente e mentre i suoi assistenti smontano luci e monitor andiamo verso il pulmino che ci ricondurrà all’appartamento.
Durante il viaggio parliamo tra di noi. Filomena è incavolata.

- Maledizione, ho la micia che mi prude, non sono riuscita a venire –

Mino si propone per aiutarla appena arrivati strappando a lei e noi una risata. Filomena gli stringe la mano come in una promessa a cui è probabile chiederà di mantener fede.

- Allora, come vi è sembrato? –

Giada chiede la nostra opinione e uno a uno gliela diciamo. Io e Angela diciamo che preferiamo i nostri video, il sesso a comando non è la stessa cosa, non ci divertiamo. Filomena ribadisce che è in credito di un orgasmo, Mila e Mino, già avvezzi, sono d’accordo con noi ma questo è il lavoro però anche loro preferiscono la nostra piccola società in quanto più divertente.
Giada ci spiega che Jean l’ha contattata proprio per la spontaneità che dimostriamo. Si vede che ci divertiamo, che partecipiamo, che non è finzione, e finché riusciremo a mantenere questo approccio alla cosa gli utenti continueranno a preferirci. Jean vuole trasferire il nostro “entusiasmo” in alcune sue produzioni.
Arriviamo all’appartamento che è notte fonda e dovremmo andare subito a dormire, però è rimasta in noi la voglia di “fare l’amore”, non di scopare. Senza parole ci ritroviamo tutti nella stanza che Giada divide con Mila, ci spogliamo e ci mettiamo sul lettone. Filomena abbraccia subito Mino per baciarlo e prenderglielo in mano. Giada mi si accosta e così a Mila e Angela non resta che fare tra loro, e lo fanno con entusiasmo.
Giada mi abbraccia e bacia, mi prende le mani per portarle sui suoi seni. Siamo entrambi in ginocchio su un angolo del letto. Mi parla:

- Oggi credo tu abbia capito cosa sia veramente questo lavoro. Le tue precedenti esperienze sono state più semplici, è con i grandi nomi che diventa veramente lavoro spersonalizzandosi, divenendo asettico. –

Titillandole i capezzoli le rispondo:

- Sì, ho visto la differenza. Già l’avevo notata tra la mia attività iniziale e questa nostra. Preferisco la nostra, non sopporto di essere un semplice cazzo duro ai comandi del regista di turno –

- Vale soprattutto per le fotografie, vedrai che domani con i video sarà un po’ meglio, però devi accettare anche le cose come oggi se vuoi andare avanti –

- Non ci sono problemi, imparo in fretta, però preferisco tra di noi, sentire la tua pelle calda, la tua micina umida, i tuoi seni morbidi, sapere che anche tu mi vuoi –

Faccio corrispondere le parole ai fatti, continuando a accarezzarle un seno e con l’altra mano scendere al suo ventre, toccarla tra le gambe, entrarle dentro con un dito.
Giada sospira e mi prende la bocca con la sua, una mano sul mio affare già ingrossato. Intorno a noi le altre due coppie si stanno dando da fare: Mila e Angela sono a 69, Mino sta scopando Filomena standole sopra e lei gli si fa incontro con veementi colpi di reni. E’ veramente eccitata e vogliosa di recuperare. Io e Giada ci fermiamo per guardarli.

- E’ molto sensuale, deve imparare ancora tanto però il modo in cui si dà è estremamente eccitante –

Mentre lo dice Giada mi spinge indietro, mi sale addosso e, tenendolo fermo con una mano, si punta il mio pene penetrandosi da sola. E’ una posizione scomoda per me, i suoi movimenti bruschi rischiano di ribaltarmi indietro. Però il tepore dei suoi seni sul mio petto, la sua micina calda che mi avvolge e la sua lingua nella mia bocca mi danno un piacere immenso. Faccio forza sui muscoli della schiena per resistere. Andiamo avanti ancora un poco e sentiamo due braccia avvolgerci, una testa accostarsi alle nostre. E’ Mila che si è sciolta dall’abbraccio con Angela. Guarda Giada, nei suoi occhi lucidi vedo una richiesta muta che Giada si affretta a accontentare staccandosi da me, facendo stendere lei sul letto e tirandomi tra le sue gambe. Le lecca i capezzoli mentre io la penetro. La piccola Mila mi accoglie con impazienza, eppure agli inizi ricordo non aveva molta propensione per l’amore etero. E’ un bisogno che avverte dentro di se, sentire qualcosa di duro in lei. Sospira appena la penetro e mi prende per le spalle tirandomi a se. Guardo Giada nel timore la prenda male e invece lei sorride, annuisce. Poi non la vedo più, Mila mi ha tirato completamente a se e mi bacia dimenando le anche sotto il mio corpo. Mi muovo al meglio di come so fare per donarle quel piacere che aspetta con tanta impazienza e presto la sento gemere dentro la mia bocca. Mi rialzo sulle braccia per poterla penetrare con più forza, prendendola per le anche e tirando per entrare fino in fondo. Pochi istanti e Mila gode scuotendo la testa da tutte le parti. Ho modo di vedere che Mino ora scopa Angela da dietro, con lei che ha la testa tra le cosce di Filomena leccandola con voracità. Solo Giada è restata senza partner. In un angolo ci guarda e si tocca da sola scuotendosi presto in un orgasmo solitario, gli occhi chiusi, mordendosi le labbra. Di fianco sento Filomena e Angela venire gridando in simultanea, vedo Mino tirarlo fuori e spargere il suo seme sul ventre di Angela. Resto solo io e sono vicinissimo. Però non voglio godere nella mia mano né sono sicuro che Mila gradisca la mia venuta nel pancino. A pochi centimetri c’è la testa di Angela abbandonata, gli occhi chiusi ancora assaporando il piacere. Esco da Mila e appoggio il mio pene sulle sue labbra. Senza nemmeno aprire gli occhi Angela lo lecca e poi ne prende la punta in bocca succhiando. E’ il tocco finale, le vengo in bocca, sulla faccia, sul petto con schizzi sostanziosi che sorprendono anche me.

Restiamo tutti in silenzio guardandoci e poi scoppiamo insieme in una risata contagiosa. Non è divertimento, è la gioia di essere lì in quel momento, con quelle persone. Io li sento veramente vicini come e più di prima, una specie di famiglia. Sento di voler stare con loro per sempre e credo che questo sentimento sia di tutti.
Facciamo i turni per andare al bagno e ripulirci e poi torniamo ognuno nei rispettivi letti. Mi addormento con Angela abbracciata, il suo braccio sul mio petto, la sua testa abbandonata sulla mia spalla.


Il mattino seguente la sveglia suona troppo presto. Colazione veloce con croissants caldi, il caffè…….lasciamolo perdere, e via tutti sul pulmino. Parigi che si sveglia è uno spettacolo ulteriore, almeno finché non becchiamo il traffico, ma basta una deviazione laterale per andare più veloci. Giada dà a me e Mino le “pastiglie di Flavia”, come ormai le chiamiamo. Ci serviranno.
Alla villa sono già pronti, Jean sta istruendo due coppie di attori. Come ci vede viene verso di noi e spiega a Giada cosa dobbiamo fare. Obbligatorio il profilattico anche se Giada ha portato con se le nostre ultime analisi. Anche da questa attenzione alle malattie si vede il professionismo, e è normale visto che noi non conosciamo i nuovi partner né loro conoscono noi.
Giriamo ancora nel gazebo, Io, Angela, Filomena, Mila e Mino insieme ai quattro che ho visto arrivando. Le donne sono entrambe giovani, bionde, seni prosperosi, look curato fino alla depilazione totale delle parti intime, si chiamano Annette e Justine, gli uomini sono alti e ben piantati, muscolosi, abbronzati, il pene di buone dimensioni, si chiamano Saul e Henry. Io e Mino sfiguriamo per fortuna solo in muscolatura e abbronzatura. Sul tavolo della sera prima s’inscena una partita a carte tra le cinque donne, tutte nude, la conversazione tra loro è al minimo. Arriviamo noi uomini, anche noi nudi, tutti con l’uccello bene in tiro, e ci mettiamo di lato alle ragazze le quali ridacchiano continuando a giocare. Ci guardano proprio lì, poi si guardano tra di loro e scoppiano a ridere. Justine, allunga una mano verso Saul, fa scorrere la mano lungo l’asta e ride ancora. Jean è poco distante e dà ordini a noi e ai due operatori scattando contemporaneamente delle foto. Mila abbassa la testa verso il pube di Henry, gli lecca la punta dell’uccello e ride, Angela va oltre prendendo in bocca l’uccello di Mino. Io sono nelle mani di Annette. Le carte finiscono sul tavolo, Filomena s’inginocchia vicino a Justine e con lei inizia un pompino doppio a Saul. Annette succhia me. Ogni cazzo è curato da una o più bocche. Mila si alza e si stende sul tavolo, Henry si fa avanti e la penetra alzandole le gambe verso il cielo. Justine si appoggia a pecorina al tavolo e Saul la monta da dietro abbracciando e baciando Filomena. Emettiamo tutti dei gemiti. Paul dà ordini secchi, penserà poi nel montaggio a togliere la sua voce (e quella di Giada che traduce per noi) lasciando solo il suono “in presa diretta” che pare piacere tanto alla gente.

Mi siedo su una panca con Annette sopra di me, è lei a montarmi muovendo avanti e indietro i fianchi. Le telecamere girano impassibili tra di noi riprendendo questo o quel particolare. E’ meglio delle fotografie ma ha un che di meccanico che non mi piace. Sarà stato meno professionale ma mi piaceva di più col primo regista che ho conosciuto, lasciava più spazio alla nostra fantasia. Qui è tutto previsto, ordinato, con schemi rigidi e precisi.
L’orgia prosegue ancora per un po’, si cambiano le posizioni ma sostanzialmente cambia poco: bocca, culo, fica, cazzo, tette. Tutto gira intorno a questi elementi primari, in varie combinazioni, nessuno spazio alle iniziative. Io vengo addirittura ripreso quando mi abbasso a leccare la micia di Annette sdraiata sul tavolo (ne avevo voglia. Quello stronzo di Jean mi sgrida, però solo dopo aver fatto riprendere la scena).
Il “gran finale” è con Filomena stesa sul tavolo preda delle bocche e delle mani delle altre quattro ragazze, le quali la toccano e la leccano dappertutto poste a pecora lungo i due lati maggiori del tavolo, mentre noi uomini le sodomizziamo da dietro.
Al comando fingono di godere e noi altri usciamo in contemporanea dai loro culetti per toglierci il profilattico, masturbarci e venire sui loro sederini arrossati.
Stop. Jean ferma le riprese, si complimenta con tutti e subito va dietro i monitor a rivedere le scene.

Ci danno una piccola pausa. Bevo acqua da una bottiglietta, la finisco subito. Non credevo di avere tanta sete.
Facciamo circoletto tra di noi, gli italiani da una parte e i francesi da un’altra. Non c’è tempo per socializzare,
Iniziamo una nuova sessione video. Nel parco vi sono tanti alberi e radure, in una di queste le cinque ragazze si crogiolano al sole nude. Da dietro i cespuglio io e gli altri maschi le guardiamo poi di scatto ci avviciniamo dicendo qualche frase di circostanza. Le ragazze prima cercano di coprirsi con le braccia poi ci rispondono e alla fine siamo tutti e nove distesi a terra a prendere il sole. Noi maschi siamo intervallati alle donne e sembriamo una fila di pali telegrafici con le nostre erezioni bene in vista.
Come può piacere una scena tanto ridicola? Me lo domando e poi me ne frego della risposta perché Justine alza la schiena da terra e si china verso di me per prendermelo in bocca. Le altre ragazze fanno lo stesso con gli altri. Un pompino collettivo che dura un paio di minuti, le telecamere zoomano da una scena all’altra riprendendoci da varie angolature.
Justine mi sale sopra e s’impala muovendosi e emettendo gemiti, Filomena è scopata alla missionaria da Henry, Angela a pecora da Saul e Annette da Mino. Mila guarda noi e si tocca seduta per terra. Mi eccita più vedere lei che si lecca le labbra piuttosto che il movimento di Justine. Mila si accorge che la guardo e mi sorride, la ricambio.

Altro ordine di Jean, Saul lascia stare Angela e raggiunge me e Justine, si mette dietro di lei e la penetra nell’ano. Una doppia penetrazione da manuale. Li sento muoversi sopra di me, il mio uccello è massaggiato bene dalle mucose di Justine ma quest’ultima………. la vedo chiaramente, quando non è inquadrata la sua faccia esprime noia. Lo stesso Saul un po’ più in alto.
Io stesso non riesco a partecipare più di tanto. Jean pare accorgersene, ordina un cambio. Angela viene a sedersi sopra di me dandomi le spalle. Lentamente scende a gambe divaricate facendosi penetrare dietro. E’ distesa sopra di me, abbandonata. Istintivamente le prendo i seni, le stuzzico i capezzoli, le bacio il collo. Lei geme muovendosi piano. Arriva Mino e le si mette sopra, tra le gambe, la penetra nella micina.
E’ tutto un altro scopare ora, il profumo della pelle di Angela mi entra nel cervello, i suoi movimenti, il suo calore mi eccitano da morire. Posso muovermi poco e lo faccio, quel che non riesco a fare io lo fa Mino. Vedo anche la sua faccia, sta sorridendo. Anche lui è contento che ci siamo ritrovati noi tre. La cosa mi sta piacendo e parecchio. Entrambe le telecamere ora sono su di noi, da due punti diversi, Angela mugola in continuazione, si muove stretta tra me e Mino, inizia a urlare avvicinandosi all’orgasmo. L’operatore le fa un primo piano del viso riprendendo le smorfie di piacere, io nascondo la mia testa tra i suoi capelli, le bacio il collo e le carezzo le cosce fino a quando il suo orgasmo si spegne.
C’è un altro stop. Jean sorride contento. Ammicco verso Giada che sorride in risposta. Sì, è questo quello che volevano da noi.

Di fianco a noi Filomena ha meno problemi, penetrata a pecorina da Henry lecca i seni di Mila nel contempo penetrandola con le dita, e gode liberamente, con Henry che pompa come un forsennato. Altro sorriso di Jean, altro cambio. Ora Filomena dovrebbe salire sopra Saul mentre Mino dovrebbe incularla ma lei si scansa, lo rifiuta. Giada velocemente spiega che Filomena non è abituata alla sodomia. Jean fa buon viso a cattivo gioco e così la riprende mentre cavalca Saul e spompina Mino.
Tocca di nuovo a me, Angela e Mila sono a 69, Mila e sopra e io da dietro la scopo. Arriva l’ordine ma io aspetto che la lingua di Angela faccia il suo effetto, aspetto di sentire Mila fremere sotto di me prima di uscire dalla sua micina e appoggiarglielo sul buchino. Spingo piano entrando lentamente, Mila dà un urletto roco e poi riaffonda la faccia tra le cosce di Angela.
Per distrarmi guardo intorno e vedo Justine a sandwich tra Saul e Henry, Filomena è alle prese con Mino, la bocca piena di lui .in piedi sopra di lei. Continuiamo la scena ancora un po’, sempre ai comandi di Paul. Henry esce dal culetto di Justine e si porta davanti a lei porgendole il cazzo da leccare, cosa che lei fa fingendo passione fino a farsi bagnare il volto e poi riprenderlo in bocca per perfezionare l’orgasmo di lui. Tocca a Saul, Justine veloce smonta da lui e si china a prenderlo, questa volta Jean le dà ordini diversi e Saul le sborra in bocca. Justine fa sapientemente uscire un rivolo di sperma a favore di telecamera.
Si passa a Filomena che riceve sulla lingua i primi spessi schizzi di sperma di Mino e sul viso il restante.
E’ il mio turno, mi concentro (o meglio smetto di farlo) e esco dal culetto di Mila riuscendo appena in tempo a strapparmi il profilattico inondandole fessura e buchino col mio seme. Spingo il mio pene verso il basso e lo lascio preda della bocca di Angela che succhia me e lecca Mila alternativamente. E’ finita. Jean dà lo stop definitivo.
Un’assistente ci porge fazzoletti e bottigliette d’acqua, mi pulisco e bevo ancora avidamente.

Jean avrebbe voluto girare ancora nel pomeriggio ma il cielo s’è totalmente rannuvolato e le previsioni dicono pioggia. Temiamo ci faccia girare sotto l’acqua ma per fortuna non ama quel tipo di luce e così abbiamo il pomeriggio libero.
Lo impegniamo subito al Louvre grazie a una dritta di un tecnico che ci dice di entrare dalla metro per evitare la fila maggiore.
Sembriamo una scolaresca in gita, giriamo per ore quegli immensi saloni, visita d’obbligo alla Gioconda, io però resto incantato dalla “Venere di Samotracia” che incombe su di me mentre salgo la scalinata per raggiungerla. Mi fermo a ammirarla per decine di minuti, guardando ogni centimetro di quella statua magnifica. Non riusciamo a vedere tutto, dopo un tot di chilometri ci stanchiamo e torniamo all’appartamento per rinfrescarci prima di cena.

I due giorni successivi sono dedicati al film. Io, Angela, Filomena e Mila siamo comprimari, è una grossa produzione con Giada e altre star del porno, maschili e femminili. Da quel che riesco a capire della “trama” è una storia d’alta finanza internazionale, tra belle donne e fuoriserie, poi gireranno anche con i big qualche scena su uno yacht in Costa Azzurra. Per adesso vedo solo girare (chissà come avranno fatto a trovare, non lontano dalla periferia di Parigi, un tratto di strada deserto) delle scene d’inseguimento tra macchine sportive, una guidata da Giada, senza controfigura con mio stupore, con a fianco Marilyn, una bionda slava che va per la maggiore. Al loro inseguimento due grossi nomi dell’hard internazionale. Vediamo le due macchine correre, poi la seconda blocca la prima in aperta campagna, pistole in pugno. C’è la perquisizione, dell’auto perché le due donne non potrebbero nascondere nulla nei loro miniabiti attillati e corti. Però i due uomini “per scrupolo” controllano, palpando a piene mani quella grazia di Dio che si offre loro. Le due donne apprezzano mugolando, e abbarbicate ai corpi muscolosi dei due uomini si strusciano loro contro come se fossero a stecchetto da anni. Una coppia lo fa sul cofano anteriore, l’altra sul posteriore, cambiando posizioni, scambiandosi donna, fino al finale che prevede le due donne a pecora sul lato guidatore e dietro i due uomini che le sodomizzano con forza. C’è una folla intorno alla vettura tra troupe e attori come noi che attendono il loro turno. Assistiamo alle scene chi con attenzione chi pensando ai fatti propri. Ancora una volta capisco perché Giada è una star, il suo modo di fare sesso pare reale, partecipato, anche quando i due uomini sono rudi la sua faccia ha solo espressioni di godimento genuine. L’altra non è da meno, mi eccito a guardarle e vorrei essere al posto dei due uomini che le sbattono concludendo con un orgasmo sulle loro schiene indifese.

Jean è soddisfatto, la ripresa è filata via liscia senza problemi.
Ora tocca a noi. Un’auto con a bordo Angela, Filomena, Mila e una ragazza di nome Helga che non conosco è ferma davanti a un edificio lungo la strada. Arriva l’auto in cui siamo io, Mino e Roger, attore famoso. Lui è il capo e noi siamo i suoi scagnozzi. Al vederci le ragazze scappano impaurite dentro l’edificio, noi scendiamo in fretta dall’auto e sfondiamo la porta. Le troviamo aggrappate l’una all’altra in una stanza con solo una finestra. Tutte e quattro sono strafighe nei loro abiti succinti, fingono di essere spaventate. Il capo le interroga e risponde Mila per tutte, poi Roger si avvicina a Angela, le afferra un seno strizzandolo e lei emette un grido di paura. Roger diventa subito più gentile, la stretta diventa una carezza, promette loro salva la vita se saranno “gentili” con noi. Io e Mino ci avviciniamo alle altre ragazze, le accarezziamo, solleviamo loro i corti orli degli abiti, abbassiamo le spalline mettendo allo scoperto i seni. Presto sono tutte e quattro seminude. Roger spinge Angela in ginocchio, se lo tira fuori e lo porge alla sua bocca. Inizia un pompino lento, succulento mi viene da pensare. Angela fa sfoggio di tutta la sua abilità leccandolo dai testicoli alla punta, saettando con la lingua sulla corona, di lato, sul meato, poi lo ingoia fin quasi a fondo risalendo lentamente. Vedo la saliva luccicare, fili di bava penderle dalle labbra quando si stacca. Mino sta ricevendo lo stesso trattamento da Mila e Helga, io invece ho fatto stendere Filomena su un tavolo e la sto leccando, le sue mani mi stringono i capelli. Le telecamere ruotano intorno a noi. Presto è un susseguirsi di gemiti. Roger fa alzare Angela e la mette sul tavolo di fianco a Filomena, la scopa con forti colpi che le fanno oscillare i seni avanti e indietro in un movimento che mi ipnotizza mentre io sto scopando Filomena lì di fianco. Mino ora è sdraiato su un divano, Helga sopra di lui che lo cavalca, Mila di fianco che carezza entrambi e se stessa. Cambiamo posizioni e partner: Roger prende Mila e la strattona a se facendola chinare sul tavolo, la prende da dietro aggrappato alle sue spalle, io lascio Filomena per Helga possedendola a pecorina sul divano, Mino si accontenta di Filomena e Angela che lo succhiano. Riceviamo l’ordine di godere e così io esco da Helga la quale si gira subito per prendermi in bocca massaggiandomi con una mano fino a che non le deposito sulla lingua schizzi del mio seme che lei deglutisce prima di succhiarmi ancora per togliermene ogni stilla. Mino fa lo stesso su Mila e Angela, però sui loro volti, segandosi velocemente e imbiancando i visi sorridenti. Roger lascia le terga di Mila e le va davanti, dall’altra parte del tavolino. Lei lo prende in bocca e lo succhia fino all’orgasmo, facendo fuoriuscire dalle labbra chiuse intorno al tronco rivoli di sperma che non riesce a ingoiare.

Ancora Jean è soddisfatto, dà lo stop e gli assistenti distribuiscono fazzoletti per farci pulire.
Ci trasferiamo nella villa che già conosciamo.
Nel salone immenso, luminosissimo per un’enorme vetrata che lo divide dalla piscina esterna, io e Mino, armi in pugno atteggiandoci a gangster facciamo entrare Mila, Angela, Filomena e Helga. Dentro già ci sono Giada e Marilyn tenute d’occhio dai due attori dell’inseguimento insieme a un ragazzo che non conosco che impersona uno scagnozzo come noi.
Roger ci segue e dà ordini a tutti, Raduniamo le donne e le facciamo uscire dal salone, davanti alla piscina le facciamo spogliare ridendo tra di noi del loro (simulato) pudore. Sono tutte e sei in fila, Roger parla in uno dei, immagino, pochi dialoghi lunghi del film. In pratica le donne sono di una gang interamente femminile rivale della nostra con a capo Giada e Marilyn, Roger propone una specie di alleanza e l’atmosfera si rilassa, Mino e il ragazzo portano varie bottiglie di vini e liquori, beviamo tutti e le ragazze cambiano atteggiamento, si fanno più invitanti, sensuali. Roger si spoglia, prende Marilyn e con lei si tuffa in piscina spruzzando tutti quanti. Noi uomini ci affrettiamo a spogliarci a nostra volta, prendere una donna e seguire l’esempio.
Le scene vengono girate di volta in volta, il montaggio darà poi l’idea di un’orgia unica. Roger si siede sui gradini della piscina facendo sporgere il pene a pelo d’acqua. Marilyn lo succhia prima di salire sopra di lui e farsi penetrare, i seni contro il suo petto. Jean interviene con ordini in sequenza bloccando una scena per passare a un’altra, così vedo Helga fare un pompino subacqueo a Philippe (uno dei due nomi noti nell’hard). Ogni tanto riemerge per prendere aria e poi va di nuovo giù. Di fianco un cameramen con telecamera subacquea e uno snorkel riprende costantemente la scena. Anche da sopra vedo distintamente Philippe godere nella bocca di Helga, i bianchi filamenti di sperma uscirle dalla bocca e perdersi nell’acqua trasparente.
Jean cambia ancora, tocca a me e il cameramen riprende la scena di me che scopo Mila appoggiata al bordo della vasca. Faccio un po’ fatica a restare a galla e scoparla contemporaneamente, non sono abituato ma presto prendo il ritmo aggrappandomi con una mano al bordo e al suo corpo. Anche questa volta l’eiaculazione è sott’acqua, esco dalla micina di mila e vengo, aiutato da una sua mano sapiente che mi munge fino alla fine.
Risalgo sul bordo e osservo gli altri. Angela è a bordo piscina e lecca Giada. La testa tra le sue gambe offre il posteriore a Mino che la penetra nella micina aggrappandosi ai suoi seni. E’ un susseguirsi di accoppiamenti ripresi febbrilmente dall’operatore.
Rientro in scena per ricevere un pompino da Marilyn di fianco agli altri sottoposti allo stesso trattamento, poi è pausa, nel pomeriggio ancora scene all’interno del salone, a due, a tre, a quattro. Vengo ancora due volte e devo ringraziare la pillolina magica di Flavia.

La sera torniamo all’appartamento stanchi, un po’ nauseati da tutto quel sesso così abbondante ma anche freddo, poco appagante. L’unico a suo agio è Mino, più esperto di noi.
Al mattino ci salutiamo, Giada va sulla costa azzurra con Mila per le riprese conclusive insieme alle altre star, noi prendiamo lo shuttle per l’aeroporto e torniamo finalmente a casa.

Questo racconto di è stato letto 8 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.