Soggiogata in ufficio

Scritto da , il 2020-11-03, genere etero

Come sono arrivata a questo punto?

Me lo domando ogni volta che Lui mi chiama e ancora non so se è per il lavoro o… altro.

- Genny? Può venire un istante? –

- Certo Dottor Rossi -

Sempre la stessa domanda, ogni volta, fin dalla prima, e anche io sempre la stessa risposta.

Allora fu uno shock quando nel suo ufficio, io giovane segretaria da poco assegnata al dirigente del settore acquisti, dopo aver preso appunti per alcuni appuntamenti di lavoro da programmare, mi chiese di girare intorno alla scrivania. Mi misi in piedi, di lato, pensando volesse farmi vedere qualcosa sullo schermo del PC, ed invece… Non so come feci a non fuggire nello stesso momento in cui ruotò la poltrona, allargò le gambe e, fissandomi negli occhi mi disse:

- Inginocchiati –

Strinsi forte nelle mani il blocco degli appunti rimanendo di sasso. Non ho studiato dalle suore, capisco bene che con lui in quella posizione e me in ginocchio poteva essere solo per una cosa. Lo shock fu il significato di quella richiesta, o forse dovrei dire ordine, che mi esplose nel cervello in contrapposizione al tono normale, colloquiale con cui lo disse, unito alla posizione esplicita, volgare se vogliamo, che assunse con naturalezza. Non mi disse altro e io non seppi far altro che obbedire. Ogni mio pensiero mi diceva di non inginocchiarmi, di dire qualcosa, qualsiasi cosa. Nulla, nemmeno un balbettio, solo le mie ginocchia che si piegarono, le mani che aggiustarono l’ampia e comoda gonna che indossavo abbandonando il blocco appunti per terra insieme alla penna.
Attesi così, incatenata dal suo sguardo, che mi parlasse ancora, che mi dicesse esplicitamente cosa voleva o che magari mi prendesse in giro per aver capito male.
Mi sentivo in trappola, incapace di sopportare oltre quel silenzio, incapace di distogliere i miei occhi dai suoi.

Era stato così fin da quando mi presentai a lui, che conoscevo solo di nome, per assumere l'incarico a cui una fredda mail dell'ufficio personale mi aveva destinato.
Mi fece accomodare con cortesia e cordialità, mi fece sedere e rimase a fissarmi per un lungo minuto. Ebbi l'impressione che mi stesse scavando dentro alla ricerca dei pensieri più nascosti ma non riuscivo a staccare i miei occhi dai suoi. Le labbra si contrassero in un sorriso compiaciuto, come se gli piacesse ciò che vedeva. Arrossii nel mio io più profondo senza saper dire nulla. L'atmosfera si spezzò un istante prima di diventare troppo tesa e lui mi informò, col solito tono socievole, accattivante, dei miei compiti, delle sue esigenze.
Solo al terzo giorno iniziò a condizionarmi. Sì, devo usare questo verbo: “condizionare”, perché è così che mi fa sentire tutte le volte. Fu una breve frase sul mio abbigliamento, elegante ma sobrio come mia abitudine:

- Credo che starebbe molto meglio con una camicetta più leggera, senza chiuderla completamente -

Una frase banale con cui cominciò a comunicarmi i suoi gusti, fino a che non presi a vestirmi come sapevo fargli piacere. Nulla di sexy o provocante tipo minigonne giropassera o scollature abissali, solo un modo diverso di vestirmi che, me ne accorsi allo specchio, mi trasformò da una bella ma anonima ragazza ad una segretaria attraente, stuzzicante, che ispirava pensieri non propriamente casti e nello stesso tempo non dava adito ad approcci inopportuni.

Mi piacque quella mia nuova io, mi sentivo... desiderabile, più di quando mi mettevo in tiro per una serata in disco o volevo far schiattare qualche mia amica un po' stronza.
Accondiscesi anche a cambiare pettinatura, che comprese quel verbo che mi faceva infuriare quando mi veniva suggerito: tagliare.

Mi trasformò, o mi lasciai trasformare, poco alla volta, nell'aspetto e anche nel modo di pensare perché sempre più spesso mi trovavo a desiderare di ricevere il suo apprezzamento o,peggio, a temere la sua riprovazione.

Non mi aveva mai dato modo di credere che si sarebbe spinto oltre, con un pizzico di rammarico mi pareva di essere solo una tessera del suo mondo che lui adattava al suo gusto. Una specie di soprammobile umano.

Devo confessare che in un paio di occasioni, quando ero col mio ragazzo, mi capitò di pensare a lui. Potevo solo vedere le sue spalle larghe, la sua altezza, i suoi occhi azzurri che parevano guardarti dentro, il suo mento volitivo, i suoi capelli mai fuori posto, ma immaginavo i muscoli del suo petto, il ventre piatto e, sì, anche il suo “coso”.

Sapevo che aveva una moglie e nessuna voce mi era giunta, al lavoro, riguardo suoi comportamenti fuori dalle righe. Piuttosto si parlava della sua competenza, delle sue capacità, mai di altro. Insomma un bel tipo che mai, però, lasciava che le distanze si annullassero. Si arrivava ad un certo punto di confidenza e stop.

Ecco perché quel giorno rimasi scioccata, in ginocchio davanti a lui, guardandolo negli occhi in attesa di una sua parola, sbirciando involontariamente il suo inguine per vedere se c'era qualche reazione.

- Inginocchiati -

Mi aveva detto, ed il mio corpo aveva obbedito mentre la mente avrebbe preferito scomparire... o forse no? Una piccola parte di me era contenta, felice di aver udito quella parola, ansiosa di scoprire...

- So che lo vuoi anche tu -

Parlò ancora, non esplicitamente ma non si poteva dubitare di cosa intendesse, ed era vero: lo volevo anche io. Volevo aprirgli i pantaloni, scoprire se ciò che avevo immaginato era reale, volevo sentirlo nelle mani, tra le labbra...
L'attimo dopo la fantasia divenne realtà. Lo trovai non completamente eccitato e sospirai beata. Lui non lo sapeva ma una delle cose che mi piacciono di più è proprio quella di imboccarlo ancora non pienamente eretto, per sentire la pelle liscia scivolarmi tra le labbra, sulla lingua, sentirlo ingrossare fino a aprirmi la bocca, diventare sempre più caldo e sapere che è merito mio, che sono io a farlo sospirare e vibrare.
Poco dopo dovetti staccarmi, non era eccessivamente grande ma abbastanza da darmi problemi a respirare, rimediai leccandolo su ogni lato, suggendolo in punta, muovendo le mani circolarmente sull'asta.

- Tutto -

Ancora una sola parola, inequivocabile. Non ero avvezza a farlo ma mi sforzai allargando al massimo le labbra, resistendo ai conati, versando lacrime di riflesso e anche di frustrazione quando mi accorsi che non ce la facevo, che non riuscivo a compiacerlo come lui avrebbe voluto.
Alzai gli occhi temendo di vederlo dispiaciuto ed invece sorrideva, apprezzava la “buona volontà” e una carezza sulla testa me lo confermò.

Mi dedicai a lui, cercando di far dimenticare il mio fallimento con le altre “arti” che sapevo avere avendo la soddisfazione di sentirlo prima sospirare e poi gemere, tendersi e vibrare nella mia bocca. Ero ancora indecisa se lasciarlo godere così o togliermi all'ultimo quando parlò ancora:

- Vorrei venirti in faccia -

Mi bloccai per un istante, non mi era mai piaciuto molto, nemmeno col mio ragazzo pur facendolo sporadicamente per accontentarlo, però non volevo deluderlo e mugolai un sì a bocca piena, annuendo d'istinto e strappandogli un singulto. Poco dopo mi avvisò che mancava poco e mi tolsi restando davanti a lui a testa sollevata, la bocca aperta, come un uccellino che attende il cibo dalla madre.
Lui si alzò dalla poltrona dove era rimasto comodamente seduto tutto il tempo e prese a muovere velocemente la mano sulla sua asta. Pochi istanti e il primo schizzo mi colpì una gota. Sentivo i colpi, il rumore di quel seme caldo che mi colpiva in faccia, lo sentivo rovente sulla pelle e lo volevo, mi accorsi che lo volevo, volevo che mi coprisse interamente il volto, che mi entrasse tra le labbra aperte. Non lo so perché, come ho detto non mi era mai piaciuto molto ma ora, da lui, lo volevo, lo anelavo. Feci anche quel che mai avevo fatto al mio ragazzo e cioè imboccarlo ancora quando l'ultimo fiotto era fuoriuscito, per completare il suo piacere.

Quando tutto fu finito, tornata alla realtà, mi preoccupai di come ero conciata. Lui, sorridendo, mi tese un kleenex e mi indicò il suo bagno privato invitandomi a sistemarmi.

- Vi troverai tutto quello che ti serve -

Mi disse ed era vero, nel bagno c'era anche una trousse di trucco che utilizzai dopo essermi nettata il viso fino a che nessuno avrebbe mai potuto immaginare cosa era veramente successo.
Tornata nell'ufficio, lo vidi intento al PC che mi invitava a prendere altri appunti di lavoro.
Sedetti nella poltrona di fronte a lui e... ripresi a lavorare come se nulla fosse successo, sentendo ancora sulla lingua il suo sapore.

Fu l'inizio di una relazione? Me lo sono chiesta e me lo chiedo ancora. Si può parlare di relazione quando i nostri incontri si svolgono sul divano nel suo ufficio? Quando non so mai se mi chiama nel suo ufficio per lavoro o per altro o entrambi? Quando le parole tra di noi sono solo professionali fino a quando lui non mi guarda in un certo modo e capisco che vuole altro da me?

Me lo chiedo anche ora che sto distesa sulla scrivania, dandogli le spalle, per accontentare la sua ultima richiesta. Richiesta lanciata lì sotto forma di un desiderio senza importanza che però è diventato importante per me, e infatti mi sto aprendo le natiche da sola. Sento il freddo del lubrificante, il suo dito curioso ed insistente, e dentro di me la voglia ed il timore di concedergli la mia ultima verginità. Mi tremano le gambe, ho il viso ed il petto accaldati come se avessi la febbre. Ansia e trepidazione si mescolano mentre attendo, il rumore che fa il tubetto del gel quando lo chiude mi fa fare un sobbalzo ed ecco, ha posato le sue mani su di me...

Questo racconto di è stato letto 4 8 6 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.