Gabriella 1/2 - seguito di "la mia segretaria"

Scritto da , il 2020-06-08, genere etero

Il fatto di essere stato scoperto da Gabriella fortunatamente non si era risolto in una tragedia, anzi era stato l’occasione per una scopata memorabile con lei. Anche la discussione seguente, con lei dura, cattiva, si era risolta per il meglio quando avevo capito che la sua reazione non era perché ero andato con Annalisa… ma perché non le avevo detto niente. Il mio tentativo di tenere nascosta la cosa l’aveva offesa, l’aveva fatta sentire tradita. Non le importava con chi andassi ma voleva esserne a conoscenza. Un’ingerenza nella mia vita che in altri tempi non avrei accettato, però Gabriella era Gabriella, non volevo interrompere la nostra relazione, specialmente per la libertà a poco prezzo che mi costava. Poco prezzo relativamente visto che per farmi perdonare le avevo donato un gioiello. Non me l’aveva chiesto, ero io che mi ero sentito in obbligo, però aveva gradito molto. Ora ero preoccupato perché in ufficio anche il suo atteggiamento era cambiato. Era molto più gentile e amichevole nei confronti di Annalisa, cosa abbastanza strana perché solitamente non dava confidenza a nessuna (e infatti la ritenevano tutte un po’ stronza). Addirittura le aveva fatto compagnia alcune volte nella pausa caffè.
Invece nei miei confronti Gabriella era mutevole: focosa e passionale quando stava con me, rigida e professionale in presenza di altri, quando c’era Annalisa o questa veniva nel mio ufficio e chiudevamo la porta, chiaramente per fare sesso, mi fulminava con lo sguardo e leggevo una luce quasi cattiva nei suoi occhi. Non una parola di commento, solo quegli occhi glaciali e il non sapere cosa le passasse per la testa.

Temevo una scenata improvvisa ma ogni volta che, da soli, cercavo di affrontare l’argomento, mi diceva che facevo bene perché Annalisa era carina e cose del genere, negando ogni gelosia o rabbia. Mentiva chiaramente ma non riuscivo a parlare “seriamente” con lei. Stavo maturando l’idea di dover lasciar perdere Annalisa ma non sapevo come fare sia per lei, a cui avrei dovuto dare spiegazioni valide, sia per me che non volevo assolutamente privarmi di lei.
Una venerdì sera rimanemmo fino a tardi per alcuni lavori da completare per il lunedì successivo. In cinque o sei di vari settori mangiammo qualcosa preso dal cinese lì vicino e ci rimettemmo a lavoro completando il fascicolo.

I file erano arrivati al mio PC da dove coordinavo i lavori e stavo riorganizzandoli contento per il lavoro ben fatto. Mancava solo di allegare la parte contabile e me la portò Annalisa in una pen-drive. Era fatta, potevamo rilassarci e andare a casa.
Nella mia stanza in penombra Annalisa si alzò e girò intorno alla scrivania slacciandosi la camicetta. Gli occhi le brillavano di quella luce che conoscevo bene ma io pensai agli altri colleghi, a Gabriella appena oltre la porta chiusa e provai a sottrarmi.

- Annalisa, ma non ti aspetta il tuo ragazzo? –

- Si è incazzato e è uscito con i suoi amici. Peggio per lui. –

- Ma ci sono gli altri, Gabriella……… -

- Sono andati tutti via appena finito, e Gabriella non si accorgerà di niente, non se ne è mai accorta…… -

Beata ignoranza. Non potevo rivelarle che eravamo stati scoperti e nemmeno rifiutarla senza motivo apparente, che poi rifiutarla era difficile poiché così discinta, la camicetta aperta, i globi dei seni a malapena contenuti dal reggiseno bianco che ne esaltava l’abbronzatura, era una tentazione a cui non sapevo resistere.

Ogni mia titubanza cessò al momento in cui alzò una gamba appoggiando il piede sulla mia poltrona, tra le mie gambe. Senza volontà esplicita la mia mano le volò sulla gamba, carezzandola sopra il ginocchio coperto dal velo leggero delle calze.
Annalisa prese la mia mano e la tirò a se, facendola scomparire sotto la sua gonna, salire sulla sua coscia fino all’orlo delle autoreggenti e più su, a contatto con la stoffa delle mutandine, muovendola per carezzarsi da sola con la punta delle mie dita.
No, non potevo resistere. Con le dita andai sotto la stoffa, nelle pieghe umidicce della sua micina, carezzandola goffamente fino a quando non spinse con la gamba sulla mia sedia allontanandomi.
Persi il contatto con la sua calda natura emettendo un verso di disappunto e restai a bocca aperta vedendola aprire la cerniera della gonna, farla cadere a terra rivelando la lingerie bianca di pizzo che indossava. Non paga si slacciò il reggiseno, si massaggiò le tette unendole tra loro e porgendomele come un’offerta pagana.
No, veramente non potevo resistere e mi stavo per alzare per abbracciarla quando lei scivolò in ginocchio tra le mie gambe.

- Lasciami fare –

Lo disse con un sussurro carico di promesse e mi fermai lasciando che mi aprisse i pantaloni e esponesse il mio uccello ancora non completamente pronto.
Lo massaggiò per qualche istante e poi, come una belva famelica, ci si avventò contro inghiottendolo fin dove poteva nella sua calda bocca.
Sentirmi avvolgere dal suo caldo umido mi eccitò al massimo. Non era la prima volta che mi faceva un pompino lì in ufficio ma notavo una passione maggiore del solito, una dedizione completa.
Il sapere che Gabriella di là sicuramente immaginava cosa stessimo facendo mi dava uno stimolo in più. Dimenticai presto tutto godendomi le labbra calde e la lingua guizzante di Annalisa, rantolando quando si concentrava su un mio punto particolarmente sensibile, gemendo quando mi prendeva completamente dentro di sé per poi risalire lentamente dispensando carezze bagnate con la lingua.

Non sarei durato molto e lei se ne rese conto.
Mi abbandonò per togliersi le mutandine e salirmi sopra, faccia a faccia, prendendo il mio uccello e portandoselo all’ingresso della vagina, lasciandosi cadere e impalare prima di muovere le anche con un ritmo via via più veloce.
Presi l’uno dall’altra avevamo dimenticato l’universo circostante e proprio mentre lei si scuoteva forsennatamente, vicina all’orgasmo mentre io cercavo di trattenermi più che potevo per farla godere prima, Gabriella entrò in gioco.

Non l’avevamo sentita entrare, nessuno dei due aveva avvertito la porta aprirsi o badato alla luce dell’altra stanza che per un attimo aveva illuminato la mia, ed ora era lì, in piedi dietro Annalisa, guardandoci con occhi lucidi.
Trasalii per la sorpresa e avrei voluto fermarmi ma era già troppo tardi per Annalisa che stava godendo, la testa rovesciata indietro, gli occhi chiusi.
Gabriella sorrise facendomi segno di continuare, poi, da dietro, prese i seni di Annalisa e le strizzò i capezzoli chinando la testa per baciarla sul collo.

- Continua, non ti fermare, riempi questa troietta –

La sua voce roca fece spalancare gli occhi a Annalisa che però era già oltre ogni possibile reazione cosciente. Con il corpo scosso dall’orgasmo accolse i baci e le carezze di Gabriella ricavandone altro piacere e si dimenò sopra di me che, eccitato, spinsi velocemente il mio membro in lei fino a godere voluttuosamente nella sua micina.
Il post coito ci vide rientrare su questa terra come petali che cadono pigramente a terra e, una volta ripresa cognizione di noi stessi, vergognarci per essere stati colti sul fatto.

Annalisa scattò in piedi girandosi e coprendosi pube e seni con le mani e forse voleva dire qualcosa per scusarsi ma rimase a bocca aperta, e io con lei.
Gabriella era completamente nuda, il suo corpo statuario illuminato appena dalla lampada sul tavolo era fermo con le braccia sui fianchi, un sorriso ironico sulle labbra, la chioma fulva che rimandava riflessi di fuoco.
Annalisa tentò ancora di parlare:

- Gabriella……. Io….noi –

- Sssshhhhh, non dire nulla, vi ho visti –

Si avvicinò a Annalisa allungando la mano verso la sua micina, scostando la mano di lei che aveva tentato una vana difesa.

- Stai buona piccola troia, non è ancora finita per te –

La sua voce era roca, piena di promesse… sexy. Annalisa non riuscì a opporsi, gemendo quando le dita di Gabriella la toccarono entrando in lei e poi andando alla sua bocca, sporche del mio seme.

- Apri… succhia –

Annalisa obbedì, ancora eccitata dall’amplesso appena sostenuto prese in bocca le dita di Gabriella e le succhiò pulendole e riempiendole di saliva.

- Fallo tornare duro –

L’ordine secco fu accompagnato dalla mano che spinse Annalisa a inginocchiarsi davanti a me, a prendere ancora in bocca il mio uccello e dedicarsi alla non difficile impresa di farmi avere una nuova erezione.
Sì perché anche io, ammaliato dalla voce di Gabriella, dal suo corpo esposto, dalla remissività di Annalisa, mi stavo eccitando nuovamente senza bisogno di riposare.
Restai seduto a godermi le labbra morbide vedendo Gabriella inginocchiarsi dietro Annalisa, accostarsi al suo fondoschiena esposto, passarle con la mano tra le cosce, spingere, insinuarsi.

- No, lì no, mi fa male –

Annalisa aveva interrotto il suo compito per un istante per parlare a Gabriella, facendomi intuire come un dito fosse andato a sondare non la micina ma il buchino stretto.

- Ssssshhhhh, concentrati su di lui, vedrai che non ti farò male. -

Annalisa si riempì ancora la bocca di me e vedevo Gabriella muovere la mano dietro le belle natiche di Annalisa.
Un singulto, un attimo di smarrimento, e poi una rinnovata passione nello scendere e salire lungo la mia asta segnarono l’ingresso di un ditino di Gabriella nel piccolo orifizio.
Avevo capito dove voleva andare a parare Gabriella e egoisticamente ne ero contento perché tutte le volte che lo avevo chiesto a Annalisa si era rifiutata alla sodomia. Avevo mentito a Gabriella ma forse questa sarebbe stata la volta buona.
Mi rilassai sentendo perfettamente labbra e lingua tormentarmi l’uccello, scendere fino ai testicoli con lappate golose, le dita della mano a aiutare le labbra circondando l’asta oramai perfettamente rigida.

Tirandola per i capelli Gabriella la fece alzare in piedi e poi chinare sulla scrivania. Si inginocchiò dietro di lei e con labbra e dita tornò ai suoi buchini.

- No….. cosa fai….. no –

Protestò fiocamente Annalisa che, sapevo, non aveva mai avuto rapporti lesbici.

- Zitta! Resta chinata e lasciami fare -

La mano di Gabriella pressata sulle reni e il suo ordine secco la costrinsero a rimanere stesa, preda delle attenzioni della rossa.
Dopo poco Annalisa gemeva, dolcemente abbandonata sulla scrivania.
Io mi ero alzato e, avvicinatomi di lato, le porsi il mio uccello da succhiare. Lo fece mollemente, più attenta alle sensazioni che riceveva che a me. Un pompino lento, svogliato eppure eccitante.
Annalisa leccava e mi insultava:

- Bastardo, mi hai mentito ancora…slap, slurp…credi che non sappia riconoscere un culetto vergine? ……slap…… Ti meriteresti di essere lasciato con la voglia……slap, slap… -

No. Da qualche minuto stavo pregustando quelle che credevo fossero le intenzioni di Gabriella, e cioè farmi sodomizzare Annalisa, e ora vedevo sfuggirmi di mano questa ghiotta occasione. Balbettai qualche scusa dando la colpa al momento, alla passione.
Niente, Gabriella nemmeno mi rispose continuando a leccare e masturbare Annalisa.
Da dove ero vedevo chiaramente due dita infilate dentro il piccolo ano, le vedevo muoversi, allargarlo e sentivo la tensione che Annalisa rifletteva sul mio membro sempre imprigionato tra le sue labbra.
Stavo pensando a cosa fare quando Gabriella allungò la mano tirandomi a sé.

- Non te lo meriti ma…….. l’ho preparata per te. Voglio vedere che la inculi. Voglio vederti rompere il culo a questa troietta –

Mi accostai maggiormente, guidato dalla mano di Gabriella mentre Annalisa protestava dicendo che non voleva, che le avrebbe fatto male.
Gabriella fu spietata né io diedi ascolto alle lamentele. Appena il glande fu a contatto con la rosetta spinsi in avanti allargando e penetrando l’anello di muscoli forse per due o tre centimetri, nemmeno l’intera testa.

- NO……. AHIAAAAAA……. NO, fermi, mi fa male, mi fa male……. bruciaaaaaa –

Annalisa ebbe uno scatto sottraendosi alle nostre attenzioni senza potersi spostare di molto, stretta com’era contro la scrivania, ma riuscendo comunque a farmi uscire da lei.

- Per favore no, mi fa male, non ci riesco… per favore –

Guardai Gabriella e vidi la sua faccia indurirsi e poi accettare il fatto.

- Non sei ancora pronta. Va bene, sarà per un’altra volta. –

La stessa mano che mi aveva spinto verso il buchino ora mi spinse verso l’ingresso della vagina. Lì era tutto più facile, bagnato, scivoloso. Annalisa si tranquillizzò e potei entrare in lei fino in fondo e cominciare a scoparla.
Gabriella non aveva però rinunciato totalmente. Con una mano scivolò sotto il ventre della ragazza per stimolarle il clitoride, con l’altra ancora le penetrò il buchino con un dito, coordinando i suoi movimenti con i miei che stavo muovendomi più veloce, passando dal trotto al galoppo teso verso un altro orgasmo che non sentivo poi molto lontano.
Annalisa, ora meno tesa, invece stava godendo in continuazione. Il piacere che le donavamo io e Gabriella non le faceva badare a quel dito esploratore o, forse, ne ricavava sensazioni amplificate.
Si agitò sopra la scrivania buttando a terra degli oggetti mentre muoveva le braccia senza coordinazione prima di aggrapparsi al bordo per puntarsi e ricevere i miei colpi con maggior efficacia mentre mugolava e quasi urlava preda del piacere.
Io stavo per imboccare la dirittura finale ma Gabriella, ancora una volta, decise per me costringendomi a uscire da Annalisa tirandomi indietro per i testicoli. Il piccolo dolore retrocesse l’orgasmo e le permise di afferrarmi l’uccello e di tirarmi tramite esso a sé mentre assumeva la stessa posa della ragazza lì al suo fianco.
Mi guidò verso il suo ingresso posteriore che si dimostrò meno ostico di quello di Annalisa. D’altronde l’avevamo fatto molte volte. Sprofondai in lei senza remore, trovandola stretta quanto la micina della ragazza e altrettanto scivolosa e accogliente.
La inculai per alcuni minuti e Gabriella, masturbandosi, scuoteva la testa a destra e sinistra e non finiva mai di ripetermi:

- Lei non te lo fa questo. Lei non te lo fa. Ti piace incularmi vero? Ti piace come sono aperta per te? Sbattimi ancora. Più forte, fino in fondo. Voglio sentirti tutto –

La accontentai accelerando i movimenti. Aggrappato ai fianchi spinsi più forte che potei lasciandomi andare sotto lo sguardo di Annalisa che di lato ci osservava con occhi foschi, velati dal piacere appena provato e anche dalle parole della mia segretaria.
Non me ne fregava niente. Oramai non mi sarei fermato per niente al mondo e spinsi con quanta forza potevo fermandomi infilato fino in fondo mentre sborravo copiosamente, l’anello di muscoli e le mucose che si contraevano intorno a me facendomi tirar fuori anche l’anima.
Gabriella accolse il mio orgasmo mugolando e poco dopo, grazie alle sue dita, godette anch’essa con grida roche.
Ripreso fiato, ci rivestimmo tutti e tre dandoci una ripulita nel bagno del mio ufficio.

Prima di andarcene a casa parlammo brevemente, ognuno perso dentro i propri pensieri, ognuno elaborando ciò che era successo e pensando a ciò che sarebbe stato.
Ovviamente Annalisa apprese che Gabriella era la mia amante da tempo e che sapeva di noi due. Ciò la fece diventare ancora più taciturna mentre Gabriella riprese la sua aria severa e funzionale, addirittura dandomi del lei nel salutarmi come se fossimo davanti a altre persone oltre Annalisa.
Tornai a casa stanco e con l’idea di pensarci il giorno seguente. Poche ore non avrebbero fatto differenza e, comunque, che importava dopo una serata così?

I giorni successivi trovai Gabriella e Annalisa fredde nei miei confronti. Veramente non fredde, piuttosto ritrose. Entrambe accamparono scuse per non vedermi fuori dall’ufficio, non rispondevano alle mie chiamate e entrambe, in ufficio, si sottraevano dove prima si concedevano con entusiasmo.
Annalisa, per esempio, veniva nel mio ufficio solo quando la chiamavo o c’era realmente bisogno, e quando le accarezzavo le gambe come mio solito, approccio iniziale che prima accoglieva con passione, ora si scostava, inventava una paura di essere vista che prima non aveva. Anche il vedermi arrabbiato per questo incomprensibile, per me, comportamento non la spostava. Si faceva indietro come un cucciolo impaurito e, appena poteva, fuggiva dal mio ufficio.
Gabriella invece… pure. Col suo modo di fare più aggressivo, tipo darmi uno schiaffetto sulla mano che le appoggiavo alle anche, ma anche lei non si concedeva più. Ero frustrato e indeciso, stavo pensando di mandarle entrambe a quel paese quando il loro atteggiamento cambiò ancora in un modo imprevedibile e, se ci ripenso, elettrizzante.

Quel mattino c’era una riunione nel mio ufficio. Davanti a me c’erano i responsabili di altri settori per concertare un’azione comune. Io al mio posto, loro tre davanti e Gabriella nella sua solita postazione: al mio fianco con davanti un laptop dove prendere appunti o illustrare alcuni grafici proiettandoli sulla parete per farli vedere a tutti.
Parlavamo già un quarto d’ora e Gabriella, perfettamente efficiente, manovrava il laptop illustrando questo o quel passaggio. Dopo aver tolto l’ennesima immagine si voltò verso di me:

- Dottore, dovrebbe vedere questo –

Guardai lo schermo e sobbalzai. Riconoscevo l’ambiente, era la camera di Gabriella e, sul letto, c’era lei con Annalisa, entrambe nude e allacciate in un sessantanove saffico.
Il video zoomò sulla testa di Gabriella che guardò verso l’obiettivo e rise prima di riaffondare la faccia tra le cosce di Annalisa. Con la coda dell’occhio guardai la parete, se fosse stato proiettato lì sarebbe scoppiato il caos, ma Gabriella era stata accorta, solo io e lei potevamo vedere quelle scene. La ripresa si spostò su Annalisa che lappava golosa la micina di Gabriella, poi si allargò inquadrandole entrambe. Necessariamente c’era qualcuno a riprenderle ma avrei dovuto tenermi la curiosità per dopo.
Intanto Gabriella con aria innocente, fingendo un intoppo tecnico, parlava:

- Mi dispiace Dottore, non riesco a proiettarlo…….. ah…….. ecco. –

Sulla parete apparve una tabella di distribuzione ed i tre si girarono a guardarla mentre Gabriella mi guardava ironica. Feci fatica a fare mente locale e riconoscere un pezzo che avrei dovuto spiegare io. I tre erano in attesa delle mie parole.
Stavo per iniziare la spiegazione quando due mani si appoggiarono sul mio pacco. Il mio sobbalzo sfuggì ai tre intenti a guardare la tabella ma non a Gabriella che ancora mi guardava irridente. Sotto la scrivania, ben nascosta all’esterno, apparve la testa di Annalisa, anche lei con un sorriso beffardo mentre mi slacciava i pantaloni e introduceva dentro la mano.
Mi accostai il più possibile al bordo mentre Annalisa iniziava a leccarmi dolcemente.
Con fatica presi a spiegare i dati, rispondendo agli sguardi interrogativi dei tre con le scuse per un bruciore di stomaco improvviso.

La mezz’ora successiva fu per me il tormento e l’estasi. La calda bocca di Annalisa si muoveva su di me pigramente, accogliendomi quasi nella mia interezza e restando lì immobile, in un fodero caldo che già solo così mi faceva godere, poi tornava indietro, e immaginavo che i rumori umidi fossero perfettamente udibili nella stanza (per fortuna così non era), prima di leccarmi lentamente tutto intorno alla cappella e poi ricominciare da capo.
Non appena sentiva che stavo per venire si interrompeva, mi lasciava a mezz’aria teso e lucido di saliva e io non potevo assolutamente prenderle la testa per riportarla lì come avrei voluto e, anzi, dovevo parlare, ascoltare, capire e spiegare. Sudavo e guardavo i tre: Il Dottor Giovagnetti, la Dottoressa Fedeli, il Dottor Rossi, e loro guardavano me e si guardavano tra di loro incerti.

Mi sorpresi a fissare la Dottoressa Fedeli con altri occhi, a ammirare il suo seno pieno che gonfiava bene la giacca del tailleur color panna che indossava. Avanti con gli anni ma bella donna. Forse mi lesse in viso qualcosa perché fece una smorfia sorpresa e io mi affrettai a guardare gli altri due.
Alla fine fu Rossi a interrompere:

- Dottore, lei non sta evidentemente bene. Forse è meglio se ci aggiorniamo ad oggi pomeriggio, intanto Gabriella può inviarci i file e noi possiamo studiarli così da fare prima. –

Mi affrettai ad accettare.

- Sì, scusatemi tanto, non so cosa mi sia preso. Questo dolore mi tormenta. Oggi pomeriggio starò meglio. Gabriella: provveda a inviare i file. –

- Sì Dottore, ecco fatto, inviati alle mail –

-Brava. Grazie per la pazienza signori, vi aspetto per le ore 15 se non avete impegni –

Appena i tre furono usciti sbottai:

- Ma siete impazzite? Volete far scoppiare uno scandalo? Io……. –

Non potei aggiungere altro:
Annalisa si era aggrappata alle mie gambe impedendomi di spingere indietro la poltrona e ora saliva e scendeva lungo la mia asta con forza, succhiandomi e leccandomi in modo tale che resistetti forse trenta secondi prima di riversarmi nella sua gola rantolando con 4-5 schizzi di cui lei non si lasciò sfuggire nulla.
Ero stravolto. Lasciai Annalisa ancora in ginocchio a leccarsi le labbra del mio seme e mi alzai andando nel bagno adiacente. Allo specchio ero rosso in viso, sudato, i lineamenti affaticati quasi avessi corso una maratona. Mi rinfrescai e, qualche minuto dopo, tornai nell’ufficio.
Gabriella e Annalisa erano in piedi vicino la scrivania e mi aspettavano col sorriso sulle labbra. Perfette complici di uno scherzetto che, a mente lucida, mi pareva una pazzia per il rischio corso e, nel contempo, mi eccitava per lo stesso motivo.

- Piaciuto? –

La voce ironica di Gabriella mi colpì come un pugno nello stomaco. Mano nella mano con Annalisa aveva un’aria compiaciuta e vendicativa insieme.

- Te lo meritavi caro mio, pensavi che non ti avrei fatto pagare il tuo tradimento? –

- Ma… Annalisa? –

- Lei è con me, totalmente. Il come te lo spiegherò POI se farai il bravo. Intanto finisci a guardare il video, te lo lascio sul laptop –

Le guardai uscire con la sensazione di essere stato gabbato e che avrei avuto seri problemi con quelle due.
Non potendo fare altro, certo non far valere la mia “autorità”, mi sedetti al mio posto e avvicinai il laptop facendo partire il video, attivando il sonoro e mettendo l’auricolare.
La scena precedeva quella che avevo visto in riunione ed effettivamente c’era una terza persona, quella che riprendeva, ed era Augusto: il marito di Gabriella.
Ascoltai i dialoghi rendendomi conto che Gabriella era molto diversa da come la pensavo. Era chiaro chi decidesse in famiglia, almeno nell’ambito sessuale, e vidi Gabriella comandare a bacchetta sia Annalisa che Augusto.
Solo una fugace inquadratura in uno specchio mi fece vedere lui che completamente nudo riprendeva con una handycam Gabriella che faceva entrare Annalisa nella stanza, la spogliava e la baciava, si spogliava a sua volta e la toccava tra le cosce imponendole di ricambiare.
Annalisa appariva succube ma non impaurita: eseguiva senza fiatare quel che le diceva Gabriella ma lo faceva con entusiasmo lasciandosi guidare docilmente.
E così vidi la mano della rossa scomparire tra le cosce dell’altra, i capezzoli di questa ergersi mentre Gabriella li succhiava; udii i gemiti che emetteva, la voce della mia segretaria che le diceva cosa fare e lei che eseguiva affondandole due dita nella vagina.
Si masturbarono a vicenda per un lunghissimo minuto, e sentivo la voce di Augusto che le lodava e le incitava.
Poi Gabriella portò Annalisa sopra il letto e le si stese sopra rovesciata. Era la posizione che avevo visto prima e infatti poco dopo la rividi alzare la testa e ridere.
Ero preso da quel filmato, non capivo come Annalisa si fosse fatta coinvolgere e per di più in quella misura. In quel momento la porta si aprì e entrò Gabriella.
Mi venne vicino e osservò il video con me, sedendosi nella poltrona di prima, allungando con nonchalance la mano sul mio pacco gonfio all’inverosimile e massaggiandolo lentamente.
Vidi la ripresa farsi più vicina, dall’alto, e nel campo apparve l’uccello di Augusto in piena erezione. Cercò di appoggiarlo alla micina di Annalisa ma Gabriella ebbe uno scatto:

- NO! Lei è mia, tu non la devi toccare –

Poi, pietosa, lo imboccò succhiandolo a occhi aperti, alternandosi tra uccello e micina, sospirando sotto l’azione della lingua di Annalisa fino a quando s’inarcò gemendo il suo piacere. Il primo piano della sua faccia prima a occhi chiusi e poi spalancati, persi in un mondo a parte, mi fece sussultare. Era di un erotismo incredibile, se possibile il mio uccello divenne ancora più duro. Gabriella lo strinse forte e la vidi mordersi un labbro, forse ricordava quel momento di piacere.
Tornando al video la vidi calmarsi, riprendere con mani e lingua la sua opera sui sessi dei suoi partners, farsi sborrare in bocca quando Augusto non riuscì più a trattenersi. La vidi rincorrere le poche gocce di seme sfuggitole sulla e nella micina di Annalisa. Sentivo i suoi gemiti e vedevo la faccia di Gabriella affondata tra le sue cosce che si dimenavano per irrigidirsi un istante e poi abbandonarsi sul letto.
Il volto di Gabriella riapparve; di nuovo guardò l’obiettivo e sorrise, la faccia bagnata dei succhi dell’amica, una gocciolina bianca all’attaccatura delle orecchie.
Il video terminò.

Rimasi in silenzio guardando Gabriella e lei imperturbabile, dopo aver tolto la mano dal mio ventre, mi guardava in attesa delle mie parole.
Non sapevo cosa dire: avevo mille domande ma non sapevo da cosa iniziare. Lo feci in modo pragmatico:

- Dunque sei anche lesbica……….. e tuo marito ti è complice… come fai a… -

La sua risposta mi venne con voce calma e sicura e fu come un torrente in piena:
Mi disse che era “anche” lesbica a volte, quando incontrava qualcuna che le piaceva; che con suo marito praticava lo scambio di coppia, che non era stato difficile sedurre Annalisa la quale, secondo lei, era una bomba erotica pronta a esplodere; che io non ero stato capace di capirlo e approfittarne.
Fece partire un altro video.
In questo c’era sempre Augusto che riprendeva le due ragazze capovolte, ma stavolta Gabriella era sotto. Vedevo la sua lingua strusciare tra le pieghe della micina bagnata di Annalisa, le sue labbra racchiuderle il clitoride, le sue dita frugare tra le labbra e, sì, anche sul buchino, spostandovi parte degli abbondanti succhi che Annalisa emetteva, massaggiandolo circolarmente prima di intrufolarsi piano dentro.
Annalisa non protestava, la sentivo solo mugolare. Accettò anche la seconda falange affusolata, rivolgendosi a Gabriella solo quando le dita diventarono due.

- No dai, non mi va, un dito solo mi piace ma due… mmmmhhhhhhh…….. fai piano però. Sì, così, piano… dolcemente…… -

Le due dita ora si muovevano facilmente nel piccolo ano di Annalisa, e lei continuava a mugolare senza più protestare. Fece la sua comparsa un dildo rosso, non enorme ma sicuramente più grande delle due dita insieme. Gabriella lo usò come se fosse il dito, prima girandolo circolarmente sul bottoncino grinzoso, poi spingendo lentamente, facendo entrare la punta e spingendo ancora senza esitazioni fino a un terzo del giocattolo. Annalisa si accorse del cambio ma non protestò, solo i suoi mugolii salirono di tono:

-mmmmmmhhhhhh mmmmhhhhhhhh……. mmmhhhhAAAAHHHHHHHH…….-

L’istante dopo un gemito uscì dalle labbra di Gabriella, la vidi sussultare, sgranare gli occhi un istante e poi spingere la faccia sulla micina di Annalisa per leccarla con furia.

- Qui è quando quella troietta mi ha ficcato un dito in culo, senza preparazione, a secco –

La voce di Gabriella mi distolse dallo schermo; la vidi che lo fissava concentrata, ripresi a guardare il dildo che ora Gabriella muoveva incessantemente nel buchino. Sentii la sua voce nel video:

- Va da lei ora, fattelo succhiare –

La ripresa si spostò, Augusto gattonò verso l’altra estremità dei due corpi allacciati e porse il suo uccello a Annalisa che non si fece pregare a imboccarlo, continuando a mugolare a bocca piena, facendo avanti e indietro con la testa.
L’immagine tremolava un poco, Augusto non riusciva a tenere la handycam perfettamente ferma, e lo capivo, conoscevo la bocca di Annalisa, sapevo le sensazioni che sapeva dare quanto era “ispirata” come appariva sullo schermo.
Ora apparivano primi piani della testa di Annalisa che si muoveva facendo scomparire e riapparire l’uccello, alternati alla visione della sua schiena, delle sue natiche aperte e il rosso del dildo che entrava e usciva veloce.
Ero eccitatissimo, allungai una mano verso le gambe di Gabriella ma ricevetti uno schiaffo sul dorso senza che smettesse di guardare il video. Frustrato tornai a guardare le immagini e il primo piano della faccia di Annalisa, la bocca aperta nell’orgasmo, i rantoli del suo piacere precedettero il seme che sgorgava dall’uccello di Augusto spandendosi in ampi schizzi sul naso, sulle guance, sugli occhi chiusi. Tre schizzi corposi e poi la bocca di Annalisa si riappropriò del membro succhiandone le ultime gocce fino in fondo, con colonna sonora composta da un paio di bestemmie di Augusto.
Gabriella stoppò il video e si girò verso di me:

- Avresti potuto essere tu al suo posto –

Il mio tacere mortificato diede stura a un altro fiume di parole con cui mi disse, senza che le chiedessi nulla ma parlando con più enfasi di prima, tutto o quasi di se stessa: di come fosse lei la parte dominante nel matrimonio, di come le piacesse “comandare” agli altri e lo facesse spesso avendo trovato un marito compiacente. Di come solo con me avesse instaurato un rapporto “paritario” in cui dominava e veniva dominata in ugual misura (e in effetti era vero, la ricordavo bene volitiva in certi momenti e remissiva in altri), di come si fosse sentita tradita quando aveva scoperto me e Annalisa. Non per il fatto che facevamo sesso ma per non averle detto nulla, per non averla voluta condividere con lei.
La voce si era fatta più tesa, quasi stridula, accusatoria, liberando una rabbia repressa nei miei confronti.
Non so quale Santo o Demone mi abbia ispirato in quel momento a fare quel che feci, so solo che mi ritrovai in ginocchio davanti a lei ancora seduta e con un tono carico di vergogna e rimpianto le dissi:

- Non ti avevo capito. Scusami. Non avevo capito come tu fossi veramente e che avresti potuto essere… così –

Toccai il tasto giusto. A testa bassa attendevo la sua risposta, di sottecchi vidi passare un turbine di emozione sul suo volto e, infine, un sorriso dolce mentre la sua mano mi toccava la guancia in una carezza, il tono di voce che si alzava all’improvviso prima di tacere.

- Non farlo mai più…… MAI PIU’ –

Alzai la testa e vidi solo il sorriso dolce e capii che mi aveva perdonato. Le presi la mano posandole un bacio umido sul palmo e mi rialzai.
In piedi davanti a lei la vidi gettare la testa indietro e ridere, ridere forte.

- Cosa c’è? –

Continuando a ridere, con l’indice della mano destra, indicò il mio cavallo dei pantaloni.
Era vero, potevo averlo dimenticato un minuto ma il mio uccello era sempre teso, magari non come prima ma abbastanza rigido da formare un bozzo ben visibile.
Gabriella si alzò di scatto e mi prese per mano guidandomi verso il bagno.

- Andiamo –

La seguii senza fiatare e, appena entrati, mi fece mettere davanti al lavabo aprendomi la cerniera e esponendomi l’uccello per subito carezzarlo

- Tra poco avrai quella riunione e devi essere completamente concentrato, scaricati ora, ne hai bisogno –

Ricordando la scena del mattino le chiesi cosa avrebbe fatto se uno dei tre si fosse accorto delle manovre sotto la scrivania.

- Forse la Fedeli si è accorta di qualcosa ma non importa, potrei dirti alcune cose su ognuno dei tre che… se se ne fossero accorti avrei saputo come farli tacere. Ma ora basta, pensa a venire….. godi… godi… GODI! –

La sua voce si era fatta roca incitandomi e la sua mano scorreva sempre più veloce sopra la mia asta. Pochi istanti e spruzzai tutto il mio seme nel lavabo.
Quando ebbi finito Gabriella si lavò le mani e, lasciandomi, ebbe l’ultima parola, una frase sibillina:

Sai, forse ho ancora voglia di punirti, ma stai tranquillo, questa volta lo troverai molto più piacevole. –

Questo racconto di è stato letto 3 4 6 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.