Come diventai un attore 11

Scritto da , il 2020-06-11, genere etero

Il giorno Angela parte per “gli studios” e io mi dedico ai libri. Sto leggendo e rileggendo un concetto particolarmente ostico quando arriva un sms. E’ di Giada che mi dice di collegarmi al sito per guardare un video in diretta alle 16,00, però di vedere prima l’ultimo video pubblicato.
Lo faccio grato per la distrazione dai libri e mi collego.
In fretta vedo che c’è un video nuovo, oltre a quello girato con me, con protagoniste Giada, Filomena e Mila.

Le tre ragazze sono nude, su un letto enorme, si carezzano a vicenda, si baciano, si leccano. Mila è con la testa tra le gambe di Filomena supina e Giada è a cavalcioni del suo volto per farsi leccare. Poi fanno la comparsa gli strap-on, uno particolarmente grande e lungo. Vedo Mila che lo indossa, una sporgenza, più piccola, dentro di sé, e si stende; Filomena le sale sopra penetrandosi da sola. Ben presto gemono entrambe muovendosi con frenesia, strusciando i seni l’una sull’altra. Vedo Giada agganciarsi lo strap-on che già conosco e immagino quello che sta per fare. Nulla di nuovo, penso, vuole sfruttare la “nuova professionalità” di Filomena. Quel che mi sconvolge è l’audio: quando Giada incula Filomena: questa urla di dolore e Giada le grida a sua volta:

- Allora, io sono una stronza? Hai detto che sono una stronza? Piccola puttanella, ti piace come t’incula questa stronza? Prendi, prendi PRENDI –

Senza delicatezza, con rabbia, Giada la penetra con colpi secchi ficcandole il dildo sino in fondo.

- NO. NOOOOOO, fermati, mi fai male…….. fermatiiiiii. Ti prego, fai piano, fai pianoooooOOOHHHHHH –

Filomena non può muoversi, Mila da sotto, continuando a scoparla e a scoparsi col doppio dildo le ha serrato le braccia intorno al collo tirandola a se, esponendola al brutale assalto di Giada.

- Ripeti che sono una stronza ora, DILLO. ……….DILLO CHE SONO UNA STRONZA! –

- Perdonami, perdonami, non volevo, mi è sfuggito. Ti prego, fai pianooooohhhhhh –

I gemiti di Filomena cambiano velocemente registro: la stimolazione di Mila, Giada che ora ha rallentato i colpi permettendo allo stretto cunicolo di adattarsi, lo scoprirsi semplice oggetto nelle mani di Giada, impotente, prigioniera. Tutto concorre a darle piacere e ora mugola sempre più forte fino a quando non è lei stessa a incitare Giada e Mila a fare più forte, a fotterla da entrambe le parti come una troia. Perde la cognizione di tempo e luogo Filomena, è conscia solo delle sensazioni che riceve dai due oggetti in plastica dentro di lei. La voce di Giada è ritmica, suadente, un mantra erotico che le entra fin nel profondo del cervello.

- Tu mi appartieni, posso fare di te quello che voglio. Lo sai? LO SAI? DILLO……DILLO!!!! –

- Sì, sono tua, sono tua, scopami ancora, scopami forteEEEEHHHHHH MMMMHHHHHHH AHHHHHHHHAAAHHHHHHH –

L’orgasmo invade Filomena con forza inusitata, le pare di essere sballottata da un mare in tempesta: piange, ride, urla, sbava intrappolata tra le due ragazze scatenate e alla fine si accascia sopra Mila senza più forze. Persino il toglierle i dildo da dentro le dona un ultimo sussulto di piacere. Si fa rovesciare di lato persa in un mondo oro e rosa, non si oppone quando Giada le spinge la testa tra le gambe di Mila:

- Falla godere, usa la tua lingua, le tue labbra, bevi il suo piacere, Hai capito? –

Giada ripete la domanda rimasta senza risposta.

- HAI CAPITO! –

- Ssssì, ho capito –

Giada le preme la testa sulla micina di Mila e urla ancora:

- SI’ COSA? –

- Sì….. padrona –

Filomena ha capito cosa Giada vuol sentirsi dire, risponde con tono umile e si dedica a Mila facendola presto gemere e infine godere, leccando e succhiando la micina fradicia, bevendo i succhi che ne fuoriescono, ricevendo la carezza di Giada sui capelli, sul viso, come premio per la sua ubbidienza.

Io sono rimasto immobile davanti allo schermo. Ho visto Giada prepotente, quasi cattiva, poi trasformarsi e carezzare dolcemente Filomena, la stessa dolcezza che ha avuto con me. Provo un brivido di paura quando invece avanza verso la telecamera, un attimo prima di staccare: il suo viso è rigido, il suo sguardo è duro, i suoi occhi sono torbidi, di un verde cupo.
Per la prima volta mi chiedo se non faccio bene a fuggire a gambe levate da questa situazione.

Mi rimetto a studiare ma non riesco a concentrarmi. Davanti agli occhi mi scorrono in sequenza le varie espressioni di Giada.
Misteriosa, arrabbiata, dolce, impaurita. Così come ho imparato a conoscerla senza sapere cosa può indurre il passaggio dall’una all’altra.
Finalmente arrivano le 16,00 e mi ricollego al sito.
Sul solito lettone sono in tre, totalmente nude. Mila, Filomena e Angela. Noto che l’inquadratura è cambiata, è più dall’alto di come ricordi. Forse un cavalletto che permette una visione totale di Angela legata con morbide sciarpe a braccia e gambe divaricate, esposta e indifesa.
Mila esce dall’inquadratura e torna con una bacinella, una bomboletta e un rasoio, l’occorrente per radersi.
Dallo sguardo interrogativo di Angela intuisco che lei non se l’aspettava, non le è stato detto nulla. Di buon grado si sottopone alla rituale saponata fatta da Mila, mentre Filomena le carezza i seni stringendole i capezzoli.
Il rado cespuglietto sparisce in un batter d’occhio lasciandola implume, liscia e delicata come una bambola. Mila non si ferma, va alla caccia di ogni pelo visibile e invisibile all’interno delle cosce, slacciandole le gambe e facendogliele tirare indietro si avventura anche sull’ano e dintorni. Delicatamente, un tocco di rasoio e un bacio, un colpetto e una slinguatina, a volte col manico la penetra per qualche centimetro e Angela subisce passivamente mugolando. Alla fine viene sciacquata e asciugata, le gambe le sono nuovamente legate e fa la comparsa una bottiglietta di dopobarba maschile. Lì Angela si irrigidisce, immagina già che risultati produrrà sulla sua pelle delicata e così è quando Mila si bagna entrambe le mani e poi le poggia e le intrufola lì dove è appena stato il rasoio. L’urlo belluino di Angela fa saltare anche me dalla sedia, immagino il bruciore in parti tanto delicate, però subito una salvietta bagnata, forse con una crema, le viene passata in ogni dove e lei si rilassa. Micina e monte di venere appaiono rossi e gonfi, in contrasto con il candido colore delle zone accanto.
Mila adesso si china in avanti, con la punta della lingua si attarda sul clitoride, lo scopre, lo fa uscire delicatamente prima di prenderlo in bocca e succhiarlo piano.
Angela geme, appena Filomena le si mette a cavalcioni della faccia si affretta a ripetere su di lei ciò che le sta facendo Mila.
Il trio continua per qualche minuto e il grado di eccitazione nelle ragazze sale.
Vedo una figura entrare di lato: è Giada. Nuda anche lei indossa una mutandina a doppio strap-on il cui uso è facile intuire.
Batte sulla spalla di Mila, la fa togliere, s’inginocchia tra le gambe di Angela e, aiutata da Mila, le solleva il bacino puntandole il dildo più grande alla vagina. Lo tiene lì muovendolo appena e Angela gradisce a giudicare dai sospiri. Un ditino di Mila è sull’ano di Angela, lo carezza, lo penetra piano spargendo un qualche lubrificante. La vedo ungere anche i due dildo.
Angela non può vedere, però li sente quando Giada repentinamente li conficca entrambi nel suo corpo senza alcuna delicatezza.
Urla e sussulta, cerca di liberarsi dai lacci ma questi resistono e il peso di Filomena sopra di lei la immobilizza del tutto.
Dalla bocca di Angela escono insulti a ripetizione, non sa chi sia a scoparla in quel modo. Lo scopre non appena Filomena si toglie. La bocca le si chiude, vedo i suoi occhi sgranati, la faccia incredula. Immagino il viso di Giada che lei vede direttamente, l’espressione che pare terrorizzarla. Vorrei e non vorrei vederla io stesso, ne ho paura e curiosità.
Intanto la sessione prosegue, Mila è con la lingua sul suo clitoride, Filomena sui suoi capezzoli, Giada continua a scoparla ininterrottamente. Angela trasfigura. Dall’incredulità la sua smorfia diventa di piacere. Urla e si dibatte negli spasimi di un orgasmo che l’ha colta all’improvviso. Vorrebbe rilassarsi ma le tre donne glielo impediscono continuando ancora.
Alla fine sembra più una tortura che una scopata. Perdo il conto di quante volte Angela goda, è come un orgasmo lungo e ininterrotto che la costringe prima a dire basta, poi a implorare che smettano. Filomena si alza e scompare dall’inquadratura, vedo Mila e Giada sorridere e salutare la cam, poi scompare il video. Filomena ha disconnesso.

Non capisco cosa voglia Giada, perché sicuramente è lei la regista della cosa. Attendo con ansia il ritorno di Angela. Alla fine arriva, accompagnata da Filomena che la sostiene.

- Giada mi ha detto di riportartela –

Dice solo questo e poi va via.
Aiuto Angela a entrare in casa, la faccio stendere sul letto mentre le preparo un bagno caldo.
La spoglio e la faccio entrare nella vasca, con la spugna la lavo massaggiandole il corpo.
E’ stremata, fa fatica a muovere persino le braccia. Continuo a lavarla e l’unica reazione è una smorfia quando arrivo alle parti intime.

- Lascia, sono irritata lì –

Sono le sue uniche parole, poi chiude ancora gli occhi e sospira mentre proseguo le abluzioni.
La asciugo frizionandola vigorosamente per riattivarle la circolazione e rinvigorirla. Sospira contenta mentre lo faccio, gli occhi ancora chiusi. Poi si lascia portare a letto, camminando a fatica, e mettere sotto le lenzuola.
Mi stendo al suo fianco e aspetto. Quando credo che si sia addormentata mi parla:

- E’ stato terribile…….. e sublime insieme. Anche dopo che Filomena ha chiuso il collegamento Giada ha continuato a scoparmi. Non so nemmeno io quante volte ho goduto, come finiva un orgasmo cominciava l’altro, a catena. L’ho implorata di fermarsi ma niente, continuava, e io godevo, godevo e soffrivo. Credo di essere svenuta a un certo punto e questo deva averla convinta a fermarsi. –

- Ma perché l’ha fatto? Che senso ha una cosa del genere, per di più a cam spenta. –

- Non lo so Mauro, quando mi ha penetrata a secco non so quante parolacce le ho detto senza sapere chi fosse. Quando Filomena si è tolta e ho visto che era Giada………..non lo so. Aveva un’espressione strana che non le avevo mai vista. Sulla faccia c’era un ghigno cattivo, quasi sadico, ma gli occhi che mi fissavano erano pieni d’amore. Non so spiegartelo, mi sentivo come ipnotizzata da quegli occhi, e un orgasmo mi ha preso all’improvviso. Non ero nemmeno vicina, ancora sentivo male, soprattutto dietro, e l’istante dopo godevo come una pazza. E’ stato bellissimo, e anche quando ha continuato. Però a un certo punto è stato troppo. Le ho chiesto di fermarsi, che non ce la facevo più. Quando ho visto Filomena che staccava il collegamento ho pensato che fosse finita, e invece ha continuato ancora. So solo che la imploravo e lei nemmeno mi sentiva, e io godevo in continuazione senza potermi controllare. Lì devo essere svenuta e quando mi sono ripresa ero libera dai legacci, Mila mi stava carezzando le guance e Giada, con ancora addosso gli strap-on, mi guardava fissa. –

- Non la capisco –

- Nemmeno io, e nemmeno ho capito bene le sue parole dopo –

- Perché, cosa ha detto? –

- Mi si è avvicinata, guancia contro guancia e mi ha detto: “Mi ami Angela? Ami più me o Mauro?” –

- Proprio questo ti ha detto? –

- Sì, sono le esatte parole, e le ha ripetute ancora. Le ho detto di sì, che l’amavo con tutto il cuore, e mentre lo dicevo sentivo che era vero. Poi mi ha baciata, con dolcezza, e mi sentivo pronta a ricominciare anche se non mi reggevo in piedi. Se mi avesse penetrata di nuovo, se avesse ricominciato, sarei stata felice. Mi ha sorriso Mauro, e gli occhi sembravano avere un fuoco verde dentro. Mi ha detto che anche lei mi ama e di raccontarti tutto. –

- Cosa c’entro io? E perché ti ha chiesto se ami più lei che me? –

- Ehm, il fatto è che le avevo detto che mi stavo innamorando di te… Lo so, forse non avrei dovuto, ma sai le chiacchiere tra ragazze… Non ero nemmeno sicura dei miei sentimenti. Con te sto bene Mauro, ma non so se tu provi qualcosa per me e così ne parlavamo tempo fa con Giada, Mila e Filomena. E’ imbarazzante dirtelo così ma è la verità. –

Nel silenzio della notte Angela tace, attende da me qualcosa che non so se sono pronto a darle. Dovrei fare prima chiarezza dentro di me, sui miei sentimenti… Su Giada.
Alle labbra mi vengono parole che non ho pensato:

- Mi ami Angela? Ami più me o Giada? –

Sussulta per la sorpresa. Non le do tempo di rispondere, mi sporgo e premo le mie labbra sulle sue. Un bacio semplice, senza secondi fini. Mi stacco prima che possa socchiudere le sue labbra, ricambiarmi. La abbraccio e spingo la mia faccia tra i suoi capelli, le bacio il lobo dell’orecchio e le sussurro:

- Dormi Angela, riposati, ne riparleremo –

La sento emettere un sospiro che sembra di gratitudine, forse di sollievo. L’attimo dopo è sprofondata tra le braccia di Morfeo.
Dorme come una bambina, profondamente. Sono io che stento a addormentarmi, con mille pensieri in testa che si inseguono senza che riesca a focalizzarne uno. Alla fine cedo anche io.



Al mattino la lascio dormire sino a tardi mentre studio, poi la sveglio per il pranzo, una cosa leggera, e la faccio tornare a letto. Avverto al pub che non può andare al lavoro e aspetto che si svegli da sola. Cosa che avviene a sera inoltrata.
Ancora le preparo qualcosa di leggero per cena. Mangiamo in silenzio davanti alla tv, spiluccando dai piatti.
Dopo che ho pulito si accoccola sul divano accanto a me, guardiamo un qualche talk show senza seguire i discorsi con attenzione.

- Vi amo entrambi –

E’ la risposta di Angela alla mia domanda della sera precedente. Parla all’improvviso, la testa appoggiata alla mia spalla, senza guardarmi.
E’ una dichiarazione detta con voce chiara e gentile che però mi scuote nell’intimo. E’ la sua affermazione decisa, consapevole, piena di innocenza.
Dopo due minuti di silenzio, vedendo che non replico, alza la testa verso di me per sollecitarmi.
Appoggio le mie labbra alle sue e continuo a tacere. Non so cosa dire. Tengo a lei ma è amore? Tra lei e Giada chi sceglierei?
Pare capire il mio tormento e torna a appoggiare la testa alla mia spalla.
Ancora due minuti di silenzio e lei prosegue.

- Ora sto bene, sono solo un po’ irritata dove sai ma passerà presto. Che ne dici di andare da qualche parte? Non ho voglia di tornare a letto, almeno non per ora. –

Mi trova d’accordo e insieme raggiungiamo un locale poco distante dove fanno musica. A un tavolino un po’ appartato ascoltiamo il gruppo che si esibisce, beviamo qualcosa, chiacchieriamo del più e del meno. Sembriamo una coppia navigata e forse lo siamo davvero visto ciò che abbiamo passato insieme. Ci stufiamo presto della confusione e torniamo a casa.
A letto Angela mi cerca. Sento la sua mano sotto le lenzuola raggiungere il mio inguine, impadronirsi del mio pene facendolo risvegliare.

- Lascia stare Angela, non è necessario –

- No, sei stato carino con me ieri e anche oggi. Preferisco non scopare però posso farti venire con la bocca se vuoi –

- No, davvero, riposati ancora, avremo tempo per farlo. –

Resisto alla tentazione e le allontano la mano, non è questo quel che voglio anche se trovo difficoltà a farlo capire al mio cazzo.
Angela sospira appoggiando la testa all’incavo della mia spalla. Mi dà un bacio leggero sulla pelle e poi si addormenta.
La seguo a breve.

Il giorno dopo ci svegliamo allegri e pimpanti. Io devo andare in facoltà per alcune cose, lei sbriga dei lavori di casa.
Ho terminato i miei impegni e sto per tornare a casa quando ricevo la telefonata del regista.
Mi chiede se posso recarmi subito in un certo posto per sostituire l’operatore che ha dato buca all’ultimo.
Non ne ho poi tanta voglia ma penso che può essere una piacevole variazione sul tema trovarmi dalla parte di qua della macchina da ripresa dopo tanto tempo. Così accetto e mi sbrigo a raggiungerlo.
Qui, in un appartamento molto grande trovo lui in febbrile attesa.
Noto che ha un braccio al collo. Mi spiega che ha avuto un piccolo incidente che gli impedisce di fare anche l’operatore, altrimenti non mi avrebbe chiamato quando l’altro gli ha dato forfait.

- Grazie mauro. Non ero sicuro che saresti venuto ora che lavori in proprio. –

Lo dice con tono che pare sincero, mi è veramente grato. Per lui è un’emergenza, deve finire entro la giornata e solo la disperazione lo ha indotto a chiamarmi. Ciò non gli impedisce di domandarmi come va con la nostra attività, e qui il tono è più curioso, vi leggo “invidia”.

- Ho saputo che andate alla grande, addirittura all’estero con Jean. Non è da tutti sai. Merito di Giada senza dubbio. A proposito di Giada, che le è successo? –

- Come che le è successo? –

- Niente, sto lavorando con Marina e mi sembra che abbiano litigato, non so il motivo. –

Lo informo che non ne so niente e che comunque sono affari loro. Forse capisce o forse è solo la fretta di chiudere il lavoro e passa a spiegarmi cosa devo fare.
Di là, in una immensa camera con un letto circolare enorme, ci sono gli attori e una ragazza giovane. La ragazza, mi spiega, è la segretaria che ha sostituito Flavia, e dicendolo noto ancora un po’ di acredine nei suoi confronti. Gli attori li conosco tutti, li ho già ripresi altre volte, idem per le attrici tra cui c’è Marina, la bionda che fa parte della nostra società, o almeno così pensavo, lo scoprirò dopo.
Intanto c’è un film da girare. Il regista dà le indicazioni e fa sistemare gli attori e si comincia. Andiamo avanti per un paio d’ore. Ho modo di notare un certo rossore sulle guance della segretaria, specialmente quando prima Marina e poi un’altra attrice sono impegnate in una doppia e tripla penetrazione. Noto anche l’atteggiamento del regista nei suoi confronti, probabile abbia sostituito Flavia in tutti i sensi.
A ogni modo arriviamo alla pausa pranzo. Mi stendono un panino e una bottiglietta d’acqua e mi siedo da parte per mangiare.

Marina, in una vestaglia di seta molto corta, si siede al mio fianco e mi parla con tono ostile.
Apprendo che ha litigato con Giada due mesi prima e che è stata “sbattuta” fuori. La rabbia le pervade la voce, mi accusa di essere il “cocco” di Giada e parla a ruota libera. Riesco a ricostruire la vicenda, avvenuta due mesi prima. In pratica Marina ha fatto una scenata di gelosia a Giada, sentendosi trascurata da lei a mio favore. Mi accusa di essere il suo “cocco” e altre piacevolezze del genere. Ha commesso l’errore di dare un aut aut a Giada: o me o lei, e Giada non ha ceduto. Per coerenza, di più per rabbia, ci ha abbandonato.
L’episodio scatenante era stato un video girato agli studios. In effetti era stata l’ultima volta che avevo visto Marina.
Io non partecipavo attivamente ma fungevo da operatore. Durante una scena, lo ricordavo bene, in cui Marina era presa da Mino e un altro ragazzo chiamato per l’occasione, Giada scherzando mi aveva infilato una mano nei pantaloni, schiacciandomi il seno contro la schiena, e massaggiandomi mi aveva provocato un’erezione istantanea. L’aveva fatto per scherzo, per rendermi difficoltoso il lavoro. Alla fine mi ero arreso e posata la telecamera l’avevo inseguita per lo studio abbrancandola e fingendo di scoparla da dietro. Era stato un momento ludico, tutti avevano riso tranne Marina che aveva forse visto in quel gioco una preferenza nei miei confronti.

Lei e Giada non stavano proprio insieme anche se finivano spesso a letto. Diciamo che c’era un legame sottile che si era incrinato quando era comparsa Mila. Non che Marina fosse stata esclusa, però soffriva un po’ a dover dividere le attenzioni di Giada con la piccola. Io ero stato la classica goccia che aveva fatto traboccare il vaso e la sua gelosia era esplosa.
Vedendola cosi astiosa mi considerai fortunato a non dover recitare con lei, sarebbe stata capace di mordermi.
Peccato fosse finita così, perché Marina in fondo mi era simpatica. Presi l’appunto mentale di chiedere a Giada i particolari e, soprattutto, perché non avesse detto nulla. Poi tornai al lavoro e devo confessare che quando uno degli attori non fu troppo gentile con Marina, sodomizzandola a secco, non mi dispiacque vedere la smorfia, per quanto fosse abituata, sul suo volto.
Tornai a casa poche ore dopo con qualche euro in più in tasca. Angela era andata al lavoro e così la attesi studiando e cazzeggiando in internet.
Al suo rientro appresi della chiamata di Mila per un video da girare il giorno dopo. Ci addormentammo senza fare sesso per risparmiarci.

Negli studios trovammo Giada, Mila, Flavia e Mino a attenderci.
In breve improvvisammo una scena tipo party universitario. A turno avremmo usato una handycam per riprendere. Non ero proprio dell’umore giusto, avrei preferito parlare con Giada di tante cose che volevo chiarire, però come resistere a una Mila incantevole in un intimo bianco e sexy, striminzito, ancora più evocativo proprio per la sua mancanza assoluta di trasparenze e/o pizzi? Dopo essermi spogliato me la trovai di fianco, mentre riprendevo Giada e Flavia alle prese con Mino, zoomando su un doppio pompino da urlo. Inizialmente me lo prese solo in mano, massaggiandolo fino a fargli prendere consistenza, poi si inginocchiò prendendomelo in bocca. Feci un primo piano alle sue labbra chiuse intorno alla mia cappella, agli occhi ridenti mentre mi succhiava. Di colpo un’altra testa apparve nell’inquadratura. Angela si era sentita forse esclusa e era venuta a contendere il mio cazzo a Mila. Mi godetti anche io un doppio pompino e mi ritrovai al massimo dell’erezione in un lampo. L’eccitazione mi derivava, oltre che dalle sensazioni fisiche, dal vedere in primo piano due paia di labbra appoggiate alla mia cappella, una per lato, due lingue che saettavano e si incontravano sopra di essa, due bocche che mi prendevano a turno dentro di sé; soprattutto il modo in cui lo facevano: pareva quasi una battaglia in cui Angela con irruenza rivendicava i suoi diritti e Mila che li cedeva di malavoglia, senza rinunciare a passare la lingua su tutta l’asta mentre ero nella bocca dell’altra.
A dirimere la questione tra di loro intervenne Giada. Di prepotenza si pose tra le due, davanti a me, si impadronì del mio cazzo sottraendoglielo e lo fagocitò interamente in un vero e proprio gola profonda. Alle due rimase solo di restare in attesa che ne tornasse visibile, e disponibile, una parte. Cosa che non accadde presto. Giada fece mostra di una tecnica perfetta riuscendo a respirare col naso. Sentivo il suo cavo orale contrarsi intorno a me, quando aprì gli occhi per fissarmi mancò poco che venissi all’istante. Lo tirò fuori poco alla volta, lucido di saliva, e subito le due ragazze si protesero con la lingua seguendo le labbra di Giada che arretravano. Da vera “padrona” con la mano lo spinse verso Mila che non perse tempo a imboccarlo. Angela dall’altra parte ebbe un moto di disappunto, troppo evidente era stata la mossa di Giada, però venne subito blandita, e non solo, dalla bocca di questa che la raggiunse per un bacio vorace e appassionato.
Sul letto intanto Flavia era salita sopra Mino. La vedevo di spalle, il pene che scivolava dentro e fuori dalla sua micina lucido di umori e saliva, il piccolo ano grinzoso esposto nel movimento. Zoomai sul particolare e mi venne una voglia improvvisa. Mi staccai a forza dalle ragazze, le aggirai e porsi la handycam a Giada alzatasi. Forse fu sorpresa dal mio gesto imperioso ma senza fare una piega la prese e continuò a riprendere.
Salii sul letto in piedi, porsi il mio cazzo a Flavia che capì subito prendendolo in bocca e bagnandolo con abbondante saliva. Quando lo ritenni sufficiente mi spostai dietro di lei, mi misi le dita in bocca e mi inginocchiai dietro di lei. Con le dita bagnate lubrificai approssimativamente il buchino poi glielo puntai e spinsi. Mino si era un attimo bloccato per agevolarmi e riuscii a entrare per almeno metà senza problemi. Dalla bocca di Flavia uscì un “OOOOHHHHHH” con un tono estremamente eccitante.
Restai fermo un poco per farla abituare e solo quando lei stessa cominciò a venirmi incontro per farsi penetrare, oscillando stretta tra me e Mino, la presi per i fianchi e cominciai a colpire sempre più forte, sempre più veloce, muovendomi nel budello, ora abituato alla mia presenza, con facilità.

Durai poco. il vedermi conteso da tre belle donne e il riaffermare con la mia iniziativa almeno un minimo d’indipendenza, dal lato psicologico, e soprattutto sentirmi stretto dalle tenere carni di Flavia che con mugolii e sospiri pareva apprezzare il trattamento, tutto concorse a farmi montare dentro l’orgasmo.
Giada era vicinissima, intenta a un primissimo piano del mio cazzo che entrava e usciva dal culetto di Flavia. Nel momento stesso in cui cominciavo a godere sentii un piccolo dolore, qualcosa entrarmi dietro. Abbassando gli occhi vidi Giada che mi guardava ridente, la handycam puntata sempre sul culo di Flavia, e realizzai che era il suo dito che penetrava il mio ano non abituato. Non mi piaceva molto come pratica ma il dolore, più un fastidio, non era tale da bloccarmi l’orgasmo. Infatti cominciai a schizzare il mio seme nel culo di Flavia. Lo feci di gusto, godendo di ogni schizzo accompagnato da una mia bordata che mi faceva penetrare sino in fondo.
Fu un gesto irrazionale: gli ultimi schizzi li feci fuori. Estrassi, se pur con rammarico, il mio cazzo dall’ano di Flavia, me lo presi in mano e lo rivolsi verso il volto di Giada. Uno schizzo prese l’handycam sporcandola e arrivando in parte sulla guancia di lei; il successivo la prese direttamente nella bocca spalancata per lo stupore. Ce ne furono altri ma meno potenti, meno precisi.
Mentre rantolavo preda degli ultimi spasimi vidi ancora una volta gli occhi di lei farsi di un verde cupo, intenso, rivolti a me con rabbia, e subito dopo un sorriso irridente mentre chiamava a se con un gesto Angela e Mila porgendo a sua volta a me l’handycam.

La presi e con l’obiettivo sporco del mio seme inquadrai le due ragazze che leccavano il volto di Giada ripulendolo.
Una pulizia accurata che terminò con un duellare di lingue a due, a tre, scambiandosi saliva e resti del mio piacere e ancora Giada che fissava l’obiettivo, cioè me, baciando con forza Angela, spingendole la lingua fin dove poteva, una mano intorno alle sue spalle a sancire il possesso.
Staccai la ripresa e pulii l’handycam con cura. Voltandomi vidi che Flavia e Mino, ancora sul letto, ancora accoppiati, si erano fermati guardando alternativamente me e Giada. Non doveva essere sfuggito loro lo scambio di “gentilezze”.
Mila e Angela erano di fianco a Giada e anche loro mi guardavano aspettando un mio gesto.

Lei, la “regina”, faceva sfoggio di noncuranza pulendosi il viso con una salvietta umida e controllandosi il trucco con uno specchietto.
Toccava a me portare avanti la storia: porsi la handycam a Angela e salii sul letto davanti a Flavia. Il mio affare era non proprio a riposo ma sicuramente non al massimo e lo agitai con la mano un paio di volte davanti alla sua bocca per invitarla a un pompino rinvigorente. Non si fece pregare mentre Mino riprendeva a scoparla da sotto.
Angela registrava tutto muovendosi intorno a noi per cogliere questo o quel particolare e Giada rientrò in gioco con Mila andando dietro Flavia a leccarle e mordicchiarle le natiche. Prima un dito, poi due finirono nel buchino allargato. Mi feci passare la videocamera da Angela e dall’altro ripresi il particolare delle dita di Giada dentro il culo di Flavia e poi il volto di quest’ultima che esprimeva piacere mugolando mentre mi succhiava con forza.
Mino annunciò il suo prossimo orgasmo e Giada impugnò il suo cazzo facendolo uscire dalla micina di Flavia per masturbarlo e farlo godere sul suo viso e su quello di Mila. Ripresi dall’alto il piacere di Mino che schizzava sulle due facce, la bocca di Giada che se ne impadroniva prima di passarlo a Mila e leccare le gocce di sperma dal culo di Flavia, dalla sua mano, dalle gambe sottostanti, dall’asta dura che sporgeva dalle piccole labbra.

Interruppi ancora la ripresa in attesa di decidere come proseguire la scena. Il montaggio avrebbe poi sistemato le cose in un flusso coerente.

Ancora Giada e Mila si ripulirono, così Flavia e Mino, mentre Angela beveva un sorso d’acqua da una bottiglietta e io, uccello al vento, aspettavo istruzioni o, forse, un rimbrotto da Giada.
Questa invece si calò ancora nel suo ruolo manageriale spiegando come avremmo girato la scena seguente, come se nulla fosse successo, come se la “lotta” tra me e lei fosse solo frutto della mia immaginazione. Possibile lo fosse? Il suo modo tranquillo di fare mi fece venire più di un dubbio.
Ricominciammo con Mino che riprendeva Flavia e Angela in un 69, di fianco a me e Giada. Lei, seduta sul letto come me, mi masturbava lentamente. Poi si chinò per prendermelo in bocca a favore di videocamera.
Dietro di noi, inquadrate parzialmente, si sentivano i gemiti delle due ragazze che si leccavano.
A un tratto sobbalzai. Avevo sentito distintamente i denti di Giada chiudersi sulla mia cappella. Impossibile fosse un errore da parte sua, troppo esperta come ben sapevo. Li sentii ancora e la vidi con gli occhi rivolti verso di me, le fauci spalancate, i denti aperti sopra il mio cazzo. Per un istante temetti volesse farmi davvero male, l’istante dopo ero profondamente dentro la sua bocca ricevendo le dolci carezze della sua lingua, gli occhi sempre fissi nei miei. Stava giocando, o meglio: mi stava prendendo per il culo.
Mi arrabbiai, dentro di me si riaccese lo spirito di rivalsa che mi aveva spinto a “sfidarla”. Non volevo arrendermi in questa “lotta”, volevo restituirle colpo su colpo.
Approfittai di una sua pausa, quando fui libero dalla sua bocca, per rovesciarla sul letto quasi addosso alle ragazze. Con una mano la tenevo bloccata per le spalle, con l’altra ero sulla sua micina, due dita dentro di lei a scoparla con forza, il palmo che strusciava forte sul suo clitoride. Cercò di ribellarsi, di sollevarsi. Senza successo. Chiamai Mila a aiutarmi, le dissi di leccarle i capezzoli, avevo imparato quanto li avesse sensibili. Dapprima indecisa Mila mi assecondò. Si chinò su Giada baciandole li bottoni erti, dritti come fusi, due fragole invitanti. Le leccò il seno, la gola, raggiunse la bocca per un bacio che fu cercato da Giada stessa che non era rimasta insensibile alle mie manipolazioni.
Era il momento di spingermi oltre: le andai sopra cercando di penetrarla, di scoparla, l’uccello durissimo. C’ero quasi quando con un colpo di reni mi disarcionò. Provai ancora, niente. Ogni volta che riuscivo a arrivare alla sua micina, a penetrarla per un solo centimetro, si agitava e venivo espulso. Rideva di me, apertamente. Con gioia e cattiveria mi disse:

- Solo se lo voglio io -

Mi sembrava di impazzire. Feci forza e mi riposizionai tra le sue cosce. Resistetti alla voglia e mi limitai a farle scivolare l’asta sull’apertura. Anche così era bellissimo per me. Lei attendeva che provassi ancora a penetrarla per frustrare le mie intenzioni. Invece continuai a scivolarle addosso per lunghissimi istanti.
Vidi nei suoi occhi un’aria interrogativa. Le afferrai la testa con entrambe le mani, a fior di labbra le sussurrai:

- Solo se lo vuoi anche tu –

Pareva essere la mia resa ma non era questo che intendevo. La sua resistenza mi aveva fatto venire altre voglie.
La sentii rilassarsi e mi feci indietro. Appoggiai la punta dell’uccello non sulla micina ma sul suo buchino, senza provare a penetrarla. Ancora la sussurrai:

- Solo se lo vuoi anche tu –

E attesi.
Vidi una miriade di espressioni passarle in volto e finalmente decise.
Con una mano scese tra di noi, mi prese l’uccello e lo tenne diritto puntato com’era sul suo buchino, poi mi si fece incontro penetrandosi autonomamente.
La bocca le si aprì in un sospiro roco, rovesciò la testa indietro chiudendo gli occhi.
Spinsi, spinsi forte entrando in lei quasi del tutto.

Poi fu un susseguirsi di baci e morsi.
Come due belve affamate ci avventammo l’uno verso l’altra: io per penetrarla meglio, lei per farsi penetrare a fondo. Le nostre bocche si univano e si lasciavano in continuazione, le nostre lingue leccavano labbra, guance, occhi, i nostri denti cercavano la carne senza però mai affondare troppo. Fu un amplesso bestiale come mai mi era capitato, fatto di versi, grugniti, gemiti, a malapena consci di Mila che continuava a accarezzarci lievemente e con fare indeciso. Le sue braccia intorno a me a stringermi con forza, le sue cosce strette sui miei fianchi. Venimmo quasi insieme, io ululando il mio orgasmo con lei che mi tirava indietro la testa per i capelli affondando i denti nella mia gola. Un piccolo dolore, un grandissimo piacere condiviso da lei che si contorceva tra le mie braccia gridando.
Mi riposai con la faccia affondata sul suo seno, la sua mano a carezzarmi la chioma. Silenzio intorno a noi.
Riprendemmo contatto con la realtà come svegliandoci da un sogno. Gli altri ci guardavano con aria strana. Flavia e Angela si erano sedute sul letto, Mino aveva l’handycam nella mano abbandonata penzoloni, Mila… Mila sembrava sull’orlo del pianto.

Ci guardava alternativamente con gli occhi lucidi, le labbra contratte, il nasino arricciato, i piccoli pugni serrati.
Come mi alzai mi si slanciò addosso abbracciandomi e con voce rotta mi diceva all’orecchio:

- Non litigare con lei, ti prego, non litigare con lei. –

Potei solo abbracciarla strettamente, sentendo il suo corpo tremare contro il mio, e cercare di tranquillizzarla carezzandole la testa. Volevo dirle che no, non avrei litigato con Giada, ma non ne ero sicuro, non dipendeva solo da me e non volevo mentirle.
Giada si avvicinò a sua volta. Pareva scossa anche lei dalla reazione di Mila. La prese per le spalle e la fece voltare verso di sé staccandola da me, l’abbracciò e le disse le parole che avrei voluto dire io, e nel farlo mi guardava come cercando una conferma. Mi accostai e le abbracciai entrambe, all’altro orecchio le dissi ciò che voleva sentire e il tremore del suo corpo cessò mentre le riempivamo, ognuno per lato, il volto di piccoli baci, fino a trovarci insieme sulle sue labbra non per contendercele ma per dividere equamente le carezze della sua lingua che correva da un lato all’altro, dalla sua alla mia.

- Mino, riprendici. –

L’ordine di Giada fu secco.
Si mise sul letto tirandosi addosso Mila, seno contro seno, bocca contro bocca.
Mi fece cenno di avvicinarmi e capii cosa volesse. Così salii anche io sul letto mentre le due si voltavano di fianco e, mettendomi dietro Mila, le cercai la micina con il mio affare ancora non perfettamente rigido.
Bastò strofinarlo un poco sul suo tondo culetto e fui pronto. Nel penetrarla da dietro sentii distintamente le dita di Giada togliersi per farmi posto e soffermarsi sul clitoride. La “scopammo insieme” così, non saprei come altro descrivere ciò che facemmo, con Mila che sospirava beata stretta tra noi due. Insieme ci adoprammo per farle raggiungere l’orgasmo e Mila venne poco dopo, mugolando nella bocca di Giada, spingendo indietro per farsi penetrare sino in fondo da me, tremando ancora con tutto il corpo ma questa volta per il piacere. Poi si rilassò, la testa nell’incavo della spalla di Giada di cui avevo il viso a pochi centimetri al di sopra di essa. Lei sporse le labbra verso di me e io verso di lei e ci scambiammo un bacio dolce, tenero, ben diverso dai precedenti e tra noi Mila sospirava felice.

Nel parcheggio, riprendendo le auto per tornare a casa, Mino ci si avvicinò:

- ti devo parlare –

Così invitammo lui e Flavia a casa nostra che raggiungemmo poco dopo.
Seduti tutti e quattro sul divano, una birra per ciascuno, Mino iniziò:

- Hai idea di cosa succeda a Giada? –

- Non proprio, non posso dire di conoscerla, in fondo sono solo pochi mesi. Posso dire che scopa divinamente ma no, non so cosa le passa per la testa. –

- Permettimi di parlarti di lei. Io la conosco da due anni, so molto di più per i sentito dire dell’ambiente ma considerali, appunto, dei “sentito dire”. Allora, Giada è entrata nel porno tre anni fa, prima nessuno l’aveva mai vista né sentita. Fece un provino e piacque al regista, lo stesso per cui lavoravi tu. Era giovanissima ma con una forte personalità e conquistò presto i favori di registi e addetti ai lavori. Ha come un magnetismo animale, ti coinvolge, ti cattura e ti tiene a se, ti fa sentire l’ultimo uomo rimasto sulla terra, se si concede ti senti come se fosse il favore più grande che un uomo possa avere. Quando mi guarda con i suoi occhi mi sento come ipnotizzato, e questo accade a tutti, uomini e donne. Lei è bisex, non fa distinzioni.
Del suo passato si sa poco, e quel poco è tra i sentito dire di cui ti parlavo, a cominciare dalla nazionalità: chi dice sia slava, chi brasiliana, chi dice che il padre era un militare americano e che, seguendolo, ha girato il mondo. Fatto sta che parla benissimo diverse lingue, sicuramente italiano, francese, inglese, russo, portoghese, credo anche altre lingue. Insomma è intelligentissima: tutti vogliono lavorare con lei, e tutti ne hanno paura... Hai visto di cosa è capace quando è arrabbiata.
Io sono stato felice quando mi ha coinvolto in questa cosa con voi. Credimi, è un titolo di merito far parte del gruppo ristretto scelto da lei. Lavora con tutti però è una cosa differente, l’altra… l’altra siamo noi e pochi altri, persone di cui si fida, persone che però debbono stare attente perché sgarrare con lei non ha appello. Avete visto cosa ha fatto a Filomena quando le ha dato della stronza. L’ha punita ma le ha fatto anche capire che l’apprezza, altrimenti sarebbe già fuori. Le ha fatto capire come deve comportarsi. Stia attenta a non sgarrare ancora… dobbiamo stare tutti attenti. –

- Scusa Mino, ma io che le avevo fatto? –

E’ Angela che lo interrompe. Si ricorda bene come è stata trattata da Giada.

- Tu niente, o forse tutto. Sbaglio o tra te e Mauro c’è del tenero? –

Ci guardiamo io e Angela e alla fine annuiamo entrambi. Sì, sicuramente c’è qualcosa che ci lega.

- Forse è stato questo, Giada è tremendamente possessiva, è capace di tanto amore ma altrettanto ne pretende e non sopporta di essere messa in secondo piano da qualcuno a cui tiene. Voi tenete a lei? La “amate”? –

Rispondo io per primo:

- Sì, forse no. Non lo so Mino, per lei provo attrazione e paura, amore e rabbia. Mi piace ma non sopporto quando mi tratta di merda. Vorrei stare più spesso con lei e nello stesso tempo vorrei scappare via. Non so spiegarlo. –

Angela aggiunge la sua:

- Io provo un po’ le stesse cose, credo di amarla un pochino, anche adesso mi piacerebbe fosse qui con noi eppure tremo al pensiero di come potrebbe reagire sentendoci parlare di lei. –

- Tu Mauro sei un’anomalia. –

La frase di Mino mi stupisce:

- In che senso? –

- Tu sei l’unico di cui sono a conoscenza da cui ha accettato una…. chiamiamola “ribellione”. Avevo già notato che con te andava più cauta, nell’ambiente pensavamo avesse un debole per te, perché Giada ha di queste preferenze, poi quando ti ha chiamato a far parte di questo ho capito che ti ritiene “degno”, e, per inciso, devo riconoscere che anche io lavoro bene con te, non sei uno stronzo. –

- Grazie Mino, anche io lavoro bene con te. Però come oggi non mi pare che mi abbia trattato coi guanti, sulla schiena sento ancora i suoi graffi e qui, sul collo, i suoi denti. –

- No, no, ti ha trattato più che bene, l’ho vista usare le unghie su un paio di stronzetti che pensavano chissà cosa, hanno portato i segni per settimane e poisono dovuti andare a lavorare all’estero, qui non c’era più spazio per loro avendo Giada contro. -

- E Marina? Mi pare che stessero assieme e che poi le abbia dato un calcio in culo senza preavviso –

- Marina è stata stupida, non ha capito nulla. Quel giorno io c’ero e posso garantirti che Giada le voleva e le vuole bene, però Marina ha sbagliato a fare quella scenata, a far piangere Mila. Quando ha imposto a Giada di scegliere e Mila si è rannicchiata sul divano piangendo ho temuto che l’avrebbe picchiata, invece s’è limitata a indicarle la porta e Marina infuriata è andata via, non l’ho più vista né sentita. –

- A proposito, visto che c’eri, perché nessuno s’è degnato di dirmi che Marina ce l’ha anche con me? –

Racconto a Mino e a tutti del mio incontro casuale con Marina, delle sue parole “cattive” nei miei confronti e dell’idea che mi sono fatto della questione. Mino sospirando mi ragguaglia:

- Giada e Marina hanno fatto coppia, per la verità una coppia molto libera, per quasi un anno. Marina non è cattiva, solo che è stupidamente gelosa. Mentre Giada è perfettamente bisex, Marina ha una predilezione più spiccata per le donne. Non si fa problemi a prendere uccelli per lavoro e a volte per divertimento, ma la sua preferenza è quella. Quando Giada ha conosciuto Mila se ne è subito invaghita e l’ha presa con se. Marina ha sopportato perché la considerava in fondo solo un’aggiunta al loro ménage, un giocattolino da condividere per un po’. Invece quando sei arrivato tu è cambiato tutto. Ha capito subito che piacevi a Giada notando il suo atteggiamento diverso nei tuoi confronti, e questo non ha potuto sopportarlo, tu sei un uomo. Da lì la sua gelosia crescente e la scenata fatale. Ero convinto che tutto si sarebbe risolto e che se avessero potuto riparlare sarebbero tornate insieme, invece da come mi hai detto Marina ha ancora rabbia dentro; Giada non sopporterebbe un’altra scenata da lei. Peccato. A ogni modo, non ti ho detto nulla perché era una cosa nata e finita lì, e nessuno aveva voglia di ricordare quella scena, almeno io. –

Vorrei rispondere che avrei preferito saperlo, non sarei partito svantaggiato incontrando Marina, però in quel momento sentiamo suonare alla porta.

Questo racconto di è stato letto 1 3 2 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.