Un vero amore cuck - Fine - Scorpacciate di sesso promiscuo e poi,il ritorno a casa gravida.

Scritto da , il 2020-06-12, genere tradimenti

Clara e Karl si erano attardati nei loro discorsi ben oltre la fine del massaggio ed infatti uscendo dalla stanza,lei era stata aggredita cogli occhi e con una minacciosa smorfia da una prosperosa signora bionda che aspettava nervosamente il suo turno.

"Tu sei sicuramente la troia che aspetta che il cazzo di Karl le sfondi il culo!-

Aveva pensato Clara guardandola con l'invidia negli occhi e con una smorfia di disprezzo stampata sul volto.

La sera a cena,Clara aveva pregato Vivienne di lasciare libero il loro tavolo giacché Karl si sarebbe unito a lei e suo marito.

Tra il possente mandingo e Leo si era stabilito immediatamente una certa confidenza al punto che Karl,incuriosito da quel nomignolo aveva subito sortito:

-Leo di Leopoldo?-

-No!-

Aveva subito risposto Clara:

-Maria Leonetto per la precisione....come suo nonno!-

Il marito a quella inaspettata rivelazione,aveva avuto un lieve fremito di disapprovazione in volto giacché mai nessuno al di fuori del parentado e della strettissima cerchia di amici,aveva mai conosciuto il suo nome per esteso.

Comunque,la conversazione aveva subito assunto un carattere confidenziale assolutamente distante dall'attrazione fisica della signora e del suo aitante,prossimo amante.

Karl era davvero una persona molto sensibile,abile affabulatore e capace di mettere le persone a proprio agio.

Questo fatto aveva colpito molto anche Clara la quale,prima della seduta di massaggi lo aveva considerato esclusivamente come uno stallone dal quale trarre il massimo godimento per poi ricredersi parlandoci insieme anche se in uno stato di eccitazione mentre era distesa sul lettino.

In quel momento,l'interesse per la persona ed i suoi modi,aveva preso il sopravvento sul desiderio sessuale.

Leo si era aperto confidando cose di cui non aveva mai parlato neanche con la moglie.

Il suo ambiente familiare nobile e assai ricco lo aveva costretto ad una esistenza molto impegnativa e carica di aspettatitive da parte dei suoi.

Una famiglia facoltosa ma carica di pregiudizi ed atteggiamenti ipocriti e contraddittori soprattutto nei confronti della religione.

La mamma pubblicamente devota sino a rasentare il bigottismo,in realtà passava tra le braccia di un amante all'altro.

Se la faceva persino col vescovo che avrebbe consacrato il suo matrimonio con Clara.

Suo padre per contro,appariva come un uomo molle e totalmente sottomesso ai voleri della moglie.

Lui era cresciuto sino alla maggiore eta con una educazione rigorosa ed attenta ad ogni genere di conformismo sino a quando,frequentando il liceo e poi l'università,aveva cominciato a scoprire un mondo diverso dal suo.

Nella fase della crescita,nonostante l'elevato censo di apparteneza,aveva subito dovuto sperimentare la cattiveria dei suoi coetanei che lo deridevano quando,dopo il tennis,le cavalcate o il nuoto,se lo ritrovavano nudo sotto le docce.

Quel fatto di cui si erano accorti i genitori,lo avevano fatto isolare costringendolo ad una vita quasi solitaria che lo aveva condizionato anche nelle relazioni sociali.

Anche con le ragazze della sua età.

La mamma che non si dava pace per quelle "carenze" del figlio,non mancava anche lei di provocarlo ed umiliarlo al punto che un giorno,lo aveva trascinato nella sua camera da letto obbligandolo ad avere un rapporto incestuoso con lei.

Quell'esperienza lo aveva turbato al punto di non riuscire più ad avere un normale rapporto con le ragazze e col suo stesso corpo.

L'incontro con Clara all'università era stata la sua salvezza.

Con lei non aveva mai dovuto dare prova di alcunché e men che mai mostrare la propria virilità.

Tuttavia,a causa della sua esperienza familiare,sapeva già che una donna ha bisogno di soddisfazione sessuale e cosciente della sua inadeguatezza,aveva già cominciato ad immaginare una vita coniugale organizzata su due binari.

Avrebbe dovuto curare l'amore,fortunatamente ricambiato di Clara e darle al tempo stesso la possibilità di trovare soddisfazione sessuale secondo le sue esigenze.

In quel momento oltre che aprire un libro sulla sua vita,stava confessando senza remore ne pudori,che tutti gli episodi che avevano spalancato gli occhi della moglie sul mondo del sesso,erano stati programmati da lui.

-Scusami amore...scusami se non ti ho rivelato subito i miei limiti ma tu eri pura nell'animo,vergine,ingenua e timorata di Dio al punto che inizialmente avevo pensato che tu potessi vivere una vita felice accanto a me lontana dalle tentazioni della carne.

Poi col tempo mi ero reso conto che il mio atteggiamento egoista era l'opposto della felicità che desideravo per te.-

-Amore...amore...-

Aveva sospirato Clara stringendosi a lui con gli occhi lucidi.

-E' proprio così tesoro,non volevo perderti e non volevo che tu sprecassi la tua vita e facessi sfiorire la tua bellezza senza conoscerne le meraviglie ed è per questo che ti ho aperto la gabbia ed ho lasciato che tu potessi volare verso il mondo mentre io vegliavo sulla tua sicurezza.-

Karl sorpreso da tanta sincerità lo aveva ascoltato senza mai interromperlo.

Poi,prendendo fiato con un profondo respiro aveva detto:

-Wow,che storia!

Questa si che è una storia d'amore e pensare che credevo che tu l'avessi fatto per nascondere la tua natura gay....che abbaglio!

Naturalmente,non ho nulla contro i gay che,come ho già spiegato a tua moglie,in questo ambiente sono assai numerosi ma non avevao mai incontrato una coppia così.

Tu sei fortunato Leo ma ancora più fortunata è Clara ad avere un marito così!

Di uomini della tua "pasta" non ne ho mai incontrati prima d'ora mentre di mariti cazzuti o froci ne ho visti a bizzeffe.

Tu hai un amore insostituibele per lei che ti consente di soddisfarla con tutti i cazzi del mondo e questo è davvero meraviglioso.-

La cena si era protratta sin quasi mezzanotte quando si erano alzati ed avevano raggiunto Vivienne ed il marito seduti in compagnia di due ragazzi neri.

Dopo aver brindato con dello champagne offerto da Leo,Karl si era alzato ed aveva preso per mano Clara e Vivienne e salutando tutti con un sorriso,era sparito tra gli alberi in direzione del suo bunbalow.

Quella notte,mentre Leo era beatamente addormentato sognando la moglie che godeva tra le possenti braccia di Karl,era stato raggiunto dalla baby sitter che aveva appena finito di scopare con Victor.

Con la fica appena asciugata dallo sperma del nero,trovando Leo particolarmente eccitato,lo aveva svegliato con un bacio e poi,mettendoglisi sopra,era riuscita a cavalcarlo sino a farselo godere dentro.

Poi,come fosse la moglie,si era addormentata tra le sue braccia.

Al mattino,mentre Leo era seduto con Ana e la Bambina al tavolo della colazione,erano stati raggiunti da Clara che con gli occhi brillanti ed un sorriso raggiante,gli si era gettata tra le braccia baciandolo smaniosamente senza freni come se non lo vedesse da chissà quanto tempo.

Poi si era seduta con la bambina in braccio e dopo aver chiesto ad Ana di lasciarli soli gli aveva raccontato delle meraviglie di quella notte di fuoco in compagnia di Karl e del suo incredibile,instancabile cazzo in grado di soddisfare e lasciare sfinite lei a Vivienne insieme.

Poi,rabbuiandosi in viso aveva aggiunto:

-Amore,ieri avevo dimenticato di prendere la pillola ed ho paura di....-

-Dio mio amore...Dio mio..cosa mi stai dicendo....mi stai facendo arrapare come una bestia....-

-Ana...Ana....vieni a prendere la bambina!-

Dopo aver lasciato la bimba con la baby sittr,erano corsi in camera dove lui,col cazzo incredibilmente gonfio,aveva scopato la moglie riuscendo persino a farla godere prima di venire anche lui.

-Che meraviglia amore...che meraviglia...sei stato bravissimo!-

Dopo essersi ripresi da quell'iprovvisa prova di virilità,lui l'aveva abbracciata e l'aveva rassicurata:

-Amore,non preoccuparti per quella cosa.

Avevo già previsto che poteva succedere ed ho fatto una piccola scorta di pillola del giorno dopo.-

-Amore..amore...come potrei fare senza di te.-

Gli aveva risposto Clara stringendosi ancora al suo collo per tempestarlo di baci.

Le prime tre settimane erano volate veloci con la moglie che,attenta anon dimenticare più la pillola,faceva scorpacciate di cazzi e di sborra ad ogni ora del giorno e della notte.

L'ultima settimana però,Clara aveva smesso di prendere la pillola ed aveva anche smesso di farsi scopare senza preservativo dagli altri mentre,senza dirgli niente,si concedeva al marito dalla riconquistata virilità per farsi insemirare al mattino e la sera prima di concedersi agli altri opportunamente protetta.

La stessa cosa aveva fatto la sua amica Vivienne.

Dopo una settimana dal loro rientro a casa,Clara aveva fatto il test di gravidanza risultato positivo.

La gioia era tale che,non essendo riuscita ad avvisare il marito,aveva telefonato a Vivienne che le aveva gridato la sua felicità per essere anche lei incinta.

Dopo i festeggiamenti di rito in famiglia per la lieta notizia,avevano invitato Vivienne ed il marito a trascorrere una settimana a casa loro a Portofino.

Ovviamente,era stata una settimana favolosa di sesso in villa ed in barca.

Con loro vi era anche la Bambina con la baby sitter la quale una sera piangendo,aveva confidato di essere incinta anche lei e di temere che potesse essere un bambino scuro.

Ovviamente la cosa la terrorizzava anche a causa del fatto che fosse sposata.

Aveva escluso per paura dell'intervento l'ipotesi di abortire ed infine,aiutata nella decisione da Clara e il marito,avevano optato per portare avanti la gravidanza ed andare a partorire a Parigi dove il marito di Vivienne esercitava la professione di medico in un ospedale e li avrebbero preso delle decisioni.

A distanza di pochi giorni l'una dall'altra avevano partorito tutte e tre e con grande sollievo per tutti,anche il bimbo di Ana era bianco ed assomigliava incredibilmente alla bambina di Vivienne,stessi capelli biondi ed occhi azzurri di suo marito.

Erano bellissimi fratellini nati nello stesso momento da mamme diverse con lo stesso padre.

L'arrivo del fratellino nella casa di Clara e suo marito,aveva rinsaldato il loro amore anche se,non ve ne fosse bisogno.

La presenza poi del bimbo di Ana e la consolidata amicizia con Vivienne e suo marito,avevano reso davvero nuova e meravigliosa la vita di quella famiglia.

Fine




Questo racconto di è stato letto 4 3 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.