Come diventai un attore 7

Scritto da , il 2020-05-25, genere etero

Eravamo tutti nella sala, ricoperta di tappeti e con svariati divani e poltrone. Tutti e otto pronti a girare. La sceneggiatura era scarna: io e gli altri tre uomini avremmo dovuto fingere di giocare a poker mentre le donne ci guardavano da dietro le spalle. Da una battuta scherzosa doveva partire una gara a chi l’avesse più grosso, quindi ci saremmo spogliati insieme io, Rick e Paolo, e con loro non avrei sfigurato, poi per ultimo si sarebbe spogliato Paul “umiliandoci” con il suo affare. Alla vista di tale “bestia” le ragazze sarebbero andate in deliquio. In definitiva una femminile adorazione del cazzo gigante con noi altri tre a fare da contorno. Certo non da oscar ma sufficiente per quel che ci serviva.

Ciack, si gira. Poker, spogliarello, un “OOOOOHHHHHH” generale alla vista di Paul nudo, Giada e Anna che cadono in ginocchio allungando devotamente le mani sull’uccello nero, Mila e Angela che si spogliano guardandolo con occhi famelici. Cambio di scena: tutti nudi, unica concessione una mascherina e una parrucca per Angela che non deve essersela sentita di girare a volto scoperto. Paul disteso sul tappeto e le ragazze inginocchiate a passarsi di bocca il suo uccello. Io, Rick e Paolo dietro tre di loro a scoparle a pecorina.
Faccio il vuoto nella mia mente cercando di non pensare al sesso e mantenere l’erezione più che posso. Obbedendo agli ordini del regista cambiamo ragazza, poi ancora con Paul che si gode beatamente le loro quattro bocche. Altro ordine, Giada va a cavalcioni di Paul, lo fa entrare piano, non completamente, non riesce a prenderlo tutto e lo cavalca così, facendo forza sulle gambe piegate. Ancora un cambio, Anna presa a sandwich da me e Rick, Paolo che scopa alla missionaria Anna, Mila e Angela abbracciate in un sessantanove saffico.
La scena va avanti, ancora non riesco a capire quanto i gemiti siano fasulli o veritieri ma non importa, è lavoro. Giada simula (?) un orgasmo sopra Paul e cede il posto a Angela. Lei la conosco bene, so che i suoi gemiti sono veri così come la smorfia quando il bastone le forza la micina. La bocca di Mila è su di me, in ginocchio, guardo alternativamente Angela muoversi scoordinata sopra Paul e gli occhi di Mila che mi fissano. Faccio fatica a non godere. Angela viene, so che gode veramente, sopra Paul e cede il posto a Mila.

Iniziano i problemi: il copione dice che dovrebbe fingere di fare fatica a prenderlo, di essere impaurita e vogliosa insieme, però si vede che è impaurita veramente, i suoi urli non sono di piacere. Giada premurosa interviene presto, la fa togliere e fa salire sopra Anna. Il regista annuisce soddisfatto, in fondo è questo che voleva riprendere, meglio se reale. Anna non si fa problemi, almeno apparentemente, ma anche lei non lo fa entrare tutto. La scena prosegue, Rick e Paolo si fanno succhiare, fianco a fianco, da Angela, io scopo Giada che contemporaneamente lecca la micina a Mila seduta sopra la sua faccia.
Siamo quasi al finale, la scena prevede che Paul urli:

- Basta, voglio godere, voglio godere dentro un culo. Chi lo vuole? -

e che tutte si facessero indietro impaurite. Così non è, la vocina flebile di Angela ci coglie di sorpresa:

- Io………… io vorrei provare. -

La guardo inorridito, come può pensare di riuscire a farcela? Giada all’orecchio mi sussurra:

- La tua ragazza è una stupida, Paul la massacrerà -

Il regista dà lo stop. Si avvicina a Angela, le chiede se veramente vuol provare, anche lui stupito della cosa.
Poi pensa che verrà fuori qualcosa di “bello” , di “cinema-verità” come si ostina a definire le sue opere pornografiche, dà l’ok.
Angela viene fatta mettere a quattro zampe e si riprende a girare: le ragazze sono vicino a lei, la preparano leccandole la micina, i seni, la rosellina, infilando le dita umettate di saliva. Giada mi fa cenno di avvicinarmi, di mettermi dietro e sopra. Ancora una volta è lei a guidarmi, questa volta con cautela, senza durezza. Angela geme, è circondata da corpi nudi che la carezzano, si strusciano contro di lei e ha me dentro l’ano. La inculo lentamente, capisco che anche io devo prepararla alla ben più ingombrante presenza che presto riceverà, roteo le anche e Angela geme ancora. Le piace, d’altronde è una delle poche donne che ho avuto che apprezzano veramente il coito anale. La lavoro a lungo e quando esco il suo ano è allargato paurosamente, una voragine che pure pare troppo piccola per il cazzo di Paul che si avvicina minaccioso a prendere il mio posto. Giada lubrifica abbondantemente con un gel il buco, lo fa scivolare dentro, tutto intorno. Vado a sbattere col cameraman spostandomi ma non fa una piega, anche lui è concentrato su quel che sta per accadere, che deve riprendere in ogni istante.
Paul s’inginocchia, si spalma di gel l’arnese. Parla piano come tra se e se rivolgendosi a Angela:

- Sei la prima, nessuna ha mai voluto……….. -

Poi lo appoggia alla rosetta ora meno dilatata di prima, spinge piano e pare riuscire a entrare un po’.
L’urlo di Angela ci squassa le orecchie:

- AAAAAAHHHHHHHH, FA MALEEEEEEEEE -

Paul smette di spingere, lo vedo ansioso, anche lui un po’ impaurito.
Angela gira la testa, lo guarda e gli fa cenno di sì, di proseguire, e lui lo fa, spinge ancora un po’. Vedo il viso di Angela contorcersi in una smorfia di dolore. Stringe i denti, il dolore deve essere fortissimo ma non molla. Le ragazze intorno cercano di aiutarla masturbandola, stringendole le braccia, carezzandole i seni. Paul spinge un altro po’, la cappella è dentro tutta, e Angela rinuncia:

- BASTA, BASTA, NON CE LA FACCIO. ODDIO CHE MALE, CHE MALEEEEEE - .

Paul si affretta a togliersi e per quanto lo faccia con cautela strappa un ulteriore urlo a Angela ora in lacrime. Mi accovacciò su di lei per consolarla ma vengo preceduto da Giada. Anche Mila la abbraccia, le asciuga le lacrime, stringe entrambe. Paul pare sconvolto, Rick e Paolo guardano attoniti. Solo Anna pare più cinica e disinteressata. Il regista si avvicina, consola Angela e le chiede un ultimo sforzo, la scena finale come l’aveva programmata.
Pochi minuti per riprendersi e Angela è di nuovo in ginocchio, spalle alle altre ragazze inginocchiate, tutte in cerchio. All’esterno noi quattro uomini che offriamo i nostri cazzi alle loro lingue.
Giro di ripresa e poi il finale, noi quattro che ci masturbiamo sopra le loro facce. Paiono tanti uccellini in attesa del cibo, la testa inclinata indietro, le bocche aperte, le lingue protese. Vengo io per primo e spruzzo il mio seme sopra i loro volti, subito seguito dagli altri. Paul sborra in proporzione, la faccia di Anna, proprio davanti a lui, è totalmente ricoperta. Un’ultima succhiata alle cappelle e il regista dà lo stop definitivo. Abbiamo finito per ora.
Aiuto Angela a alzarsi, la vedo ancora sofferente. Giada e Mila la prendono per le braccia e l’accompagnano verso la doccia, io seguo gli altri maschi al piano di sopra, non c’è spazio per tutti lì in basso.
Mi lavo velocemente, mi vesto e scendo. Sono un po’ ansioso di vedere come sta Angela.
Incrocio Anna che mi guarda e scuote la testa con aria di riprovazione.

- LA tua ragazza è stupida, come poteva pensare di prenderlo? - Quasi le stesse parole di Giada.

- Come sta? -

- Meglio, è di là con le ragazze -

Corro verso il bagno e trovo Angela seduta su uno sgabello, Mila e Giada intorno. Indossano tutte un accappatoio. Sento Angela dire frignando:

- Non lo so, non lo so che mi è preso, volevo provare, non pensavo fosse così doloroso -

Come mi vede si alza e mi abbraccia continuando a piangere sulla mia spalla.
Guardo interrogativamente Giada:

- E’ uscito un po’ di sangue da una piccola abrasione per il resto basterà un po’ di riposo, se i suoi muscoli sono molto elastici tornerà normale o quasi. Per quello che le passa in testa invece dovete vedervela tra voi. Certo ha fatto una cosa molto stupida -

Angela si stacca da me e si volta verso di lei

- Scusami, te l’ho detto che non lo so perché ho voluto provare. In quel momento era così, ecco. Lo so che sono stata stupida ma…… -

Giada interrompe Angela con una carezza sulla guancia, mi passa accanto dando una carezza anche a me e esce seguita come sempre da Mila.
Restiamo soli e l’accompagno di sopra a stendersi sul letto.
Il regista a pranzo ci informa che le riprese proseguiranno anche il giorno dopo, quindi passeremo lì una notte oltre il previsto. Ha apportato delle modifiche alla… sceneggiatura e ha bisogno di più tempo, considerato anche che preferisce lasciare in pace Angela per farla riprendere.
Salgo a portare il pranzo a Angela e la aggiorno lasciandola mangiare per poi riscendere. Tocca ancora a me.
Paul è ancora una volta il principe della scena e noi altri maschi siamo solo di contorno. Giriamo un’orgia nel corridoio ammobiliato. Chi su un divanetto, chi su una poltrona, chi appoggiato a un mobile o a una parete, siamo sette coppie che scopano a più non posso. Il regista e l’operatore passano da un gruppo all’altro dando indicazioni. Io faccio coppia con Mila. Ci sono anche altri attori e attrici del primo giorno. Li riconosco e loro riconoscono me stupendosi forse un po’ nel vedermi dalla loro stessa parte della telecamera, e fregandosene l’istante dopo.

Il “lavoro” prosegue per tutto il pomeriggio cambiando soggetti di volta in volta, io resto sempre con Mila, sicuramente ci ha pensato Giada, e il corridoio è veramente un “tappeto di carne” in cui è possibile vedere tutte le varianti del sesso etero. A turno e a volte insieme le ragazze vanno a adorare l’obelisco di Paul, possedute contemporaneamente da qualcuno di noi altri maschi in ginocchio dietro di loro. E’ proprio con Mila che il regista dà l’ok per l’orgasmo e da sopra le sue spalle la vedo contendere con la lingua a un’altra ragazza la cappella gigantesca fino a quando entrambe non vengono innaffiate abbondantemente. Io seguo le indicazioni e vengo sopra la schiena di Mila tirandolo fuori e masturbandomi.
Solita cena col catering. Seduti comodamente ridiamo e scherziamo. Molti sono andati via, rimaniamo solo io, Giada, Mila, Angela, Anna, Paul e Rick, oltre al regista e alla troupe.
Quando saliamo per la notte Flavia mi si avvicina e mi consegna una pillola da prendere al mattino seguente.

- L’ha detto il regista, sa già che stanotte non riuscirete a stare fermi -

Ridacchia e mi fa antipatia. Mi viene di provocarla:

- Se vuoi unirti a noi c’è posto anche per te -

Non se l’aspettava. Pare indecisa poi rifiuta:

- No, questa sera sono già impegnata -

Ammicca indicando Paul con la testa. Anche lei ha evidentemente voglia di provare il super-cazzo. E poi dicono che le misure non contano. Tutte balle.
Entro in camera da solo e poco dopo mi raggiunge……Mila.

- Stanotte dormo io con te, Giada vuole stare da sola con Angela -

La guardo perplesso, ancora una volta mi sfugge la situazione.

- E a te sta bene? Non sei gelosa? -

- Un po’ mi scoccia, ma non so dire di no a Giada - E tu? Tu non sei geloso? -

Rifletto un istante. No, non sono geloso, in fondo il rapporto tra me e Angela è diverso dal normale. Il suo ragazzo ufficiale, lui sì che dovrebbe preoccuparsi.
Faccio cenno di no con la testa e prendo a spogliarmi. Mi stupisco di come la cosa mi appaia normale. Pochi mesi di quel lavoro e il mio senso del pudore si è abbassato di diverse tacche. Non so ancora se mi rotolerò nel letto con Mila, probabilmente sì, però mi spoglio davanti a lei senza problemi. Le dico:

- Vado a fare una doccia -

- Vengo anche io -

Mila si spoglia in fretta e mi raggiunge nel box. Sotto l’acqua calda ci strofiniamo a vicenda con la spugna. Non andiamo oltre, ci basta il puro piacere di toccarci. Almeno a me. E’ bello percorrerle tutto il corpo anche attraverso il contatto indiretto, vedere la schiuma coprirle i piccoli seni e subito scivolare via, carezzarle le gambe, le natiche, anche il sesso senza secondi fini……. Almeno al momento.
Lei fa lo stesso con me, con le sua manine mi insapona e accarezza dappertutto. Ho un’erezione ma nessuno dei due ci fa caso. Ci asciughiamo e andiamo a metterci sotto le coperte.
Mila si raggomitola addosso a me. E’ uno scricciolo di donna, provo tenerezza per lei per quanto pare piccola, indifesa. Le carezzo i capelli con dolcezza, lei mi bacia il petto.

- Sai che a Giada piaci molto? -

La sua affermazione mi fa pensare. Sì, è evidente che si interessa a me, fin dalla prima volta che mi coinvolse, però fino a che punto? Mila prosegue:

- La conosco, è voluta rimanere con Angela per capire cosa ci trovi in lei. Faranno l’amore e parleranno, soprattutto di te. Le tirerà fuori la sua indole, ciò che pensa e prova per te. Tutto. E’ diabolica in questo, a volte mi sembra che possa leggermi il pensiero -

Altre cose su cui pensare, ma non ne ho voglia. Il corpo caldo di Mila contro il mio mi induce a altri pensieri.

- Piaccio anche a te, almeno un pochino? -

Mila risponde subito, si vede che è sincera, le parole vanno dal cuore alla bocca senza passare per il cervello.

- Sì, mi piaci. Preferisco te a tutti gli altri. Forse perché piaci a Giada, forse sei dolce con me. Sì, mi piaci molto -

La stringo a me baciandole i capelli e prendo a accarezzarla. Prima le spalle, fino a quando sento calare la tensione muscolare, poi il petto, i piccoli seni con i piccoli capezzoli, strappandole un gemito. Proseguo lungo il suo corpo, le anche, il ventre. Poso la mano sulla sua micina e la sento calda, pare palpitare. Strofino il suo bottoncino e Mila geme ancora, poi con un dito entro in lei, la stimolo fino a quando la sento inumidire.
Lei non è passiva, allunga una mano sul mio cazzo. Ci masturbiamo a vicenda per alcuni minuti. Così, petto contro petto, bocca contro bocca, fino a che non si fa forte l’urgenza di passare a qualcosa di più forte, di migliore. Le basta alzare una gamba, avvolgerla al mio corpo e sono dentro di lei. Non riesco a penetrarla totalmente ma non m’importa, è già delizioso così.
Facciamo l’amore con lentezza. Si, l’amore, questo non è scopare, non è come sulla scena. Qui siamo io e lei, abbracciati. Nessuna fretta, solo dolcezza, voglia di godere e far godere l’altro.
Le chiedo se posso venirle dentro. Non so perché mi prende questo scrupolo immotivato dato il nostro mestiere, però glielo chiedo, come se fosse un favore, un’implorazione, perché sento di voler veramente godere nella sua micina, di non voler uscire da quel caldo nido. Mi dice di sì e proseguo fino a quando non la sento tendere contro di me, rovesciare la testa, gorgogliare delle parole in una lingua che non conosco, e mi lascio andare riempiendola con il mio seme.
Rimaniamo abbracciati riprendendo fiato.
In quel momento sento un urlo forte provenire da lontano, da qualche stanza sul nostro piano. Mi spavento ma Mila ride. Ci metto un attimo a capire che deve trattarsi di Flavia. Paul ha colpito ancora. Mi metto a ridere anche io e continuando a ridere scivoliamo nel sonno ancora abbracciati.
Il mattino ci svegliamo ancora abbracciati, o meglio sono io a svegliare Mila con piccoli baci sul viso. Si stiracchia separandosi da me, poi ricambia i baci.

- Ho una fame da lupo -

dice alzandosi e andando verso il bagno. Attendo qualche minuto fino a che non mi chiama.

- Vieni, facciamo la doccia insieme -

La raggiungo e ripetiamo la scena del giorno prima, senza malizia, lavandoci l’un l’altra quasi in castità. Ciò non mi impedisce di avere un’erezione e di riderci su con lei, però non c’è tempo, e poi questa mattina devo “lavorare”
Scendiamo per colazione. Al tavolo Flavia ha appena finito e si alza lasciandoci il posto vicino Paul.
Ha il viso sfatto ma felice, mi pare abbia qualche problema a camminare e intuisco il perché.
Paul ha seguito il mio sguardo e ride, poi con fare complice si avvicina per sussurrare:

- Ne hanno paura tutte ma poche riescono a resistere alla voglia di provarlo. Oramai lo do per scontato, appena lo vedono gli scatta qualcosa dentro -

Paul mi pare un po’ stronzetto, però è simpatico e in fondo ha ragione, l’ho visto con Angela.
Beato lui, o forse povero lui, ma non sono problemi miei.
Mi ricordo di prendere la pillolina, oggi prevedo di lavorare duro……. E rido tra me e me per questo pensiero: “lavorare….. duro……”
Dalle scale scendono Angela e Giada. La truccatrice dovrà lavorare parecchio sui loro visi, disfatti ma rilassati. Non credo abbiano dormito molto.
Si siedono con noi prendendo il posto di Paul che ci saluta e va via. Giada fa cenno a Mila di cambiare posto, si siede lei vicino a me. Sento la sua coscia sulla mia, non è un caso e non è libidine, è una richiesta di attenzione. La guardo e mi sussurra:

- Quando finiamo di girare voglio parlarti -

E’ un ordine, non una richiesta. Ha gli occhi duri puntati su di me, mi sento a disagio e lei se ne avvede. I suoi occhi si fanno più “morbidi” e ride.
Si allontanano tutte e tre verso il trucco. Angela non mi ha quasi guardato per tutto il tempo della colazione. Non so cosa pensare ma è già ora del ciack.
La prima scena la giriamo io e Anna su una cassapanca posta lungo un corridoio. Lei vestita da cameriera, io in tenuta da cavallerizzo. La prendo per le spalle da dietro mentre cammina e la spingo sopra la cassapanca, la faccio sedere, me lo tiro fuori e glielo porgo. Lei apre la bocca e mi inghiotte fin dove può, che è poi quasi tutto e comincia a succhiarmi con fervore. Dopo poco c’è l’ordine di cambiare. Glielo tolgo e m’inginocchio, le apro le gambe e trovo la sua micina già pronta, senza slip. La lecco con lo stesso fervore dimostrato da lei.
Mentre lo faccio lascio la mente vagare, mi chiedo se tutte le attrici del porno partecipino emotivamente alle scene o meno. Finora ho avuto esperienze contrastanti, però l’assenza emotiva era più delle attrici che non conoscevo bene. Con Mila e Giada è sempre stata un’altra cosa. Anche Anna la sento inumidirsi. La voce del regista mi fa abbandonare le mie riflessioni.
Mi alzo, Anna si mette a quattro zampe sul divano e io da dietro la penetro. Mi afferro ai suoi seni facendoli uscire dalla divisa e la cavalco così. E’ facile trattenersi, la telecamera manovrata dall’operatore, non tanto esperto, mi sfiora, mi urta e mi distrae mentre mi gira intorno per variare inquadrature.
Il regista ordina e noi ubbidiamo, così Angela si sfila da me, si gira e lo riprende in bocca guardandomi con occhi colmi di libidine, lo riempie di saliva prima di girarsi ancora e porgermi le sue natiche sode. Glielo struscio nello spacco per un po’ e poi prendo la mira sul suo buchino e spingo entrando facilmente. Lei geme, l’operatore mi si piazza quasi addosso per riprendere un primo piano della penetrazione, poi s’allontana e io la monto aggrappandomi ancora ai suoi seni, stringendole i capezzoli con forza mentre lei, la testa tirata indietro, mugola con forza.
Entra in scena Rick, che finge di passare per caso, ci vede e ci raggiunge porgendo il suo cazzo da succhiare a Anna. Va avanti un minuto poi altro ordine, altro cambio. Senza sfilarmi da lei mi giro e mi siedo sulla cassapanca. Anna è a gambe aperte, il mio cazzo nel suo culetto, e si alza e si abbassa. Fa un cenno a Rick che ci raggiunge, si mette tra le sue gambe e la penetra nella vagina. E’ una doppia classica che manteniamo fino al nuovo ordine del regista che fa inginocchiare Anna tra noi due, prendendoci in bocca, succhiandoci alternativamente sino a quando non le inondiamo il viso di crema bianca e spessa.
Lo stop arriva con mio sollievo. Ho sborrato ma ho provato poco piacere. Che mi stia abituando a questa vita?
Non c’è tempo, ci diamo una ripulita e ci spostiamo nel salone principale. Qui ci sono tutti gli altri, tutta la troupe. Dobbiamo girare la scena “madre”, una grande ammucchiata in cui ci scambiamo i partner come fossero abiti. Mila, Giada, Angela e Paul sono già lì aspettandoci.
Cominciamo la scena: Paul è seduto a gambe larghe su una poltrona, davanti a lui le tre sono in ginocchio deliziandolo con le loro lingue, alternandosi a prenderne in bocca la punta per succhiarla mentre le altre due leccano l’asta che mi pare ancora più grande di quanto ricordassi.
Fuori quadro aspettiamo che il regista ci dia l’ok per entrare, tutti e tre nudi, quasi una scampagnata tra amici. Vicino a me c’è Flavia, prende appunti e guarda costantemente l’affare di Paul che appare e scompare dalle fauci delle tre donzelle. Io non sono ancora del tutto eretto, teoricamente dovrei masturbarmi ma decido di fare uno scherzo, che scherzo poi non è, proprio a Flavia. Mi avvicino e le chiedo com’è andata la notte. Mi risponde, senza distogliere gli occhi dalla scena, che è andata bene ma non se l’aspettava così….grande.
Le chiedo aiuto per la mia non perfetta erezione. So che è quasi un insulto, solitamente in questi film ci sono delle attrici minori addette a questo, dispregiativamente chiamate “rizzacazzi”, anche lei lo sa bene eppure non fa una piega. Allunga la mano verso di me, scende al mio ventre e lo prende in mano, ancora lo sguardo volto verso la scena. Mi masturba lentamente e il calore del suo palmo è sufficiente a farmi eccitare finché si trova l’asta completamente eretta tra le dita. Rick ci ha osservato, dà di gomito a Anna e ci raggiunge mettendosi sull’altro lato. Mi giro e vedo Anna con un’espressione tra la commiserazione e il disprezzo, però negli occhi le leggo l’eccitazione. Flavia, l’efficiente, onnipresente, sempre disponibile Flavia sta travalicando i suoi compiti. Il regista non ci vede, è concentrato sulla scena, ma i due ragazzi delle luci sì e ghignano guardandoci.
Flavia non pare accorgersi di nulla, quando Rick le ha tolto di mano il blocco e la penna sostituendoli col suo cazzo ha semplicemente preso a masturbare anche lui. Rick le preme sulle spalle e lei s’inginocchia. Lo sguardo è calamitato dalle tre ragazze che stanno ancora succhiando Paul. Dobbiamo girarle la testa con la forza per distoglierla e porgere alle sue labbra i nostri cazzi. Li accoglie e li succhia senza ritrosie, e ancora, di sbieco, il suo sguardo è sull’affare di Paul.
Rick e io ci guardiamo sorridendo, siamo già alla massima erezione ma ora è piacere e non lavoro.
Il regista ci chiama. Voltandosi vede la scena e ha un moto di sorpresa, non se l’aspettava nemmeno lui. Fa finta di nulla, per lui l’importante è la scena, vedrà eventualmente dopo con Flavia che, staccatasi da noi, raccoglie blocco e penna e continua a guardare il set.
Io, Rick e Anna ci dirigiamo alla porta da dove facciamo finta di entrare, inquadrati dalla telecamera, spensierati e felici. Particolare che balza subito all’occhio è che Anna ci guida, o meglio trascina, tirandoci per il cazzo. Appena entrati ci fermiamo di colpo, la videocamera gira verso Paul che ci guarda insieme alle tre che hanno girato la testa interrompendo momentaneamente il pompino collettivo.
Seguendo le istruzioni Anna s’avvicina e s’inginocchia insieme a loro, prende a succhiare Paul anche lei mentre io e Rick ci mettiamo dietro rispettivamente a Giada e Mila, le facciamo inginocchiare e le penetriamo a pecora senza far loro interrompere il pompino.
I gemiti salgono, in parte forse falsi, in parte veri. Almeno i miei lo sono. La micina di Giada è rovente, la sento stringermi come un guanto, le sue anche che si muovono circolarmente mi stimolano totalmente i sensi ora concentrati sulla mia terza gamba.
Il regista ordina un cambio e io passo a scopare Angela e Rick Anna.
Sento Angela fremere, la sua vagina è un lago tanto che entro senza alcuna frizione. Da dietro vedo le sue gote incavarsi nel succhiare la cappella di Paul. Lo fa con passione, perché lo vuole. Vedo i suoi occhi un istante quando gira la testa verso di me, nascosti da una mascherina, unica concessione alla privacy che ha scelto, e sono liquidi, eccitati. Dalla bocca aperta escono fili di saliva che le colano sul mento, sta godendo veramente di questa “finzione”, e lo fa mentre la scopo. La sento bagnarsi, irrigidire il corpo, emettere un mugolio basso inarcando la testa prima di buttarsi ancora su Paul a contendere la sua asta alle altre.
E’ troppo per me, esco di scatto da lei per non venire, contravvenendo agli ordini del regista. Appoggio il mio affare alla sua schiena ma anche quel contatto è troppo, devo staccarmi, alzarmi, pizzicarmi una gamba per resistere. Il regista intuisce e mi agevola dando lo stop. Ci fermiamo tutti. Io con affanno, qualcuna con dispiacere.

Cambiamo posizioni, Paul si stende per terra e il suo affare sembra l’albero maestro di una nave. Ancora il ciack, Giada sale sopra Paul e piano lentamente vedo scomparire quel cazzo enorme fino a metà. Le altre tre sono loro intorno carezzando indifferentemente l’uno o l’altra. Il regista mi fa cenno e m’inginocchio dietro Giada per sodomizzarla. Faccio fatica, il buchino è più stretto a causa della presenza enorme appena al di là della membrana di pelle. Giada ha un sussulto, credo di averle fatto male e mi fermo, appoggio il mento all’incavo della sua spalla e le sussurrò di guidarmi lei, che non voglio farle male. Cerca di rilassarsi ma è evidente la sua fatica eppure allunga la mano dietro di se, mi impugna e mi fa strada dentro di lei fino a farmi entrare del tutto. Siamo come una statua, immobili, tre elementi a cui si aggiunge Rick mettendosi davanti alla sua bocca. Giada lo ingoia e inizia a muoversi lentamente, penetrata in tutti i suoi orifizi del piacere, noi uomini lasciamo che sia lei a decidere ritmo e profondità. Andiamo avanti per due minuti e è lei a dare lo stop, le fanno male i muscoli delle gambe troppo sforzati in quella posizione.
Paul sale sopra Anna e la penetra nella classica missionaria, Mila siede sulla faccia di Anna, Giada e Angela sono a quattro zampe di fianco, penetrate da dietro da me e Rick. Io scopo ancora Angela per un po’ e poi, sempre su ordine del regista, l’inculo. Non fa una piega. Praticamente da quando è iniziata la scena è in eccitazione costante. La sento venire ancora una volta, la bocca che mugola chiusa sopra un capezzolo di Anna. Giada finge (finge?) un orgasmo dall’altra parte, non so dove le sia dentro Rick, Mila geme carezzandosi i seni e Anna…….. Anna esplode in un vero orgasmo, sobbalzando sotto tutti noi, disarcionando Mila, il cazzo enorme di Rick dentro di lei che la pistona con forza pur non entrando totalmente.
E’ il via che ci dà il regista a scatenare tutti noi altri, con me e Rick che veniamo cospargendo le schiene di seme e Paul che esce portandosi tra i seni di Anna, la lingua di questa che lo aspetta nel movimento e le bocche di Angela e Giada su ogni lato. E’ una doccia di sborra quella che cade sulla gola di Anna, sul suo viso, nella sua bocca, una bianca pioggia che pare non finire mai. Anna si lecca le labbra, così fanno Angela e Giada, Mila prende un po’ di quel seme cospargendosene il seno. Arriva lo stop.
Il regista è soddisfatto, penserà poi col montaggio a unire ad hoc le scene girate.
Noi attori ci rilassiamo stesi sul tappeto soffice, riprendiamo fiato fino a quando il regista chiama me, Rick e Angela. Vuole che giriamo un’ultima scena di doppia penetrazione. Ha visto che Angela partecipa, vuole vederla godere così, in mezzo a noi.
Sarebbe il mio terzo orgasmo in poco tempo, però la pillolina fa il suo effetto e durante il pompino a due cazzi fatto da Angela, con primo piano della sua bocca che ci ingoia in alternanza, torno duro come occorre.
Mi sdraio per terra e Angela mi sale sopra, s’impala e inizia una giga impazzita con le anche. Sopra di me vedo la sua bocca piena del cazzo di Rick. Dopo poco Rick si sposta dietro e lei s’immobilizza, pare quasi in ansia nell’attesa e grida di piacere a sentirlo entrare nel suo buchino oramai abituato.
Il regista aveva ragione, Angela non sta affatto recitando, è preda di una frenesia erotica che le fa dimenticare dove si trova, con chi e perché. Sta scopando come un’assatanata perché le piace. In parte questa visione mi eccita, in parte mi deprime ma, in fondo, non è la mia ragazza…….. eppure mi deprime lo stesso.

Mi concentro solo sulle sensazioni fisiche. Sento i colpi forti che Rick le dà riflettersi sul mio cazzo che naviga in una vagina colma di umori. E’ bellissimo sentirla dimenarsi sopra di me, tra me e Rick, mugolare selvaggiamente godendo a ripetizione. Il regista ha ciò che voleva, manca solo la scena finale e c’impone di uscire dal suo corpo, metterci davanti al suo viso e darle i cazzi da succhiare. Angela non fa una piega, imbocca prima me e fa su e giù con le guance incavate, sento la lingua aggiungere piacere al piacere fino a quando per me è troppo e le vengo in gola. Nulla le sfugge dei primi schizzi, poi sento il regista che le dice di tirarlo fuori, farsi schizzare in faccia e lei esegue masturbandosi contemporaneamente. Angela mi ripulisce per bene il cazzo dopo l’orgasmo e passa a Rick lì accanto, ripete su di lui ciò che ha fatto a me e al culmine, quando lui le ricopre il volto e la lingua protesa col suo seme viene ancora una volta conficcandosi profondamente due dita nella micina prima di accasciarsi a terra semisvenuta.
Ho visto quest’ultima scena da poco distante, dopo l’orgasmo mi ero fatto da parte e di fianco a me tutti quanti guardano affascinati la scena. Anna mi parla piano:

- E’ veramente troia, un po’ la invidio però -.

Giada è abbracciata a Mila, mi vede e mi sorride facendo cenno con la testa verso Angela che sta ricevendo in quel momento lo sperma di Rick. Dopo che tutto è finito si fa aiutare da Mila, la fa alzare e l’accompagnano verso il bagno.
Paul è dall’altra parte della stanza, vicino Flavia. Lui s’è eccitato nuovamente guardando Angela, Flavia ha gli occhi lucidi. Li vedo uscire dalla stanza, lui che la tira senza che lei si opponga. Sicuramente vanno a cercare un angolino tranquillo dove sfogare l’eccitazione rinata.
Il regista è al settimo cielo, il davanti dei suoi calzoni ha un evidente bozzo. Esce dietro Paul e Flavia credo alla ricerca anche lui di uno sfogo, il che mi fa pensare che non conosco poi bene i rapporti tra i membri della troupe, però poco me ne importa. Alzo le spalle e mi dirigo verso la doccia. E’ lì che Giada riappare e mi blocca dandomi un pezzo di carta.

- Questo è il mio indirizzo. Domenica vi aspetto, tu e Angela -

Mi lascia così senza altre parole.
Il ritorno a casa è lento, non mi va di guidare veloce. Angela mi segue con la sua auto. Questa volta lo so e la osservo ogni tanto dal retrovisore. Occhiali scuri, espressione impenetrabile, concentrata sulla guida. Parcheggio vicino casa e scendo dall’auto, lei fa lo stesso e mi segue. Faccio come se non ci fosse anche quando entra dietro di me.
Si dirige al frigo, prende due birre fresche e me ne porge una. Beviamo in silenzio senza guardarci seduti agli estremi opposti del divano.
Non ho voglia di parlare però so che devo farlo, che lei si attende da me qualche parola, fosse anche un insulto. Invece ho la mente vuota, ogni giudizio è sospeso, non ho proprio idea di cosa dirle. Non voglio giudicarla perché significherebbe giudicare anche me stesso, però in cuor mio già so che l’ho fatto. Ricordo la rabbia nel vederla in ginocchio davanti a Paul, e ricordo anche la notte con lei, Giada e Mila. Sento di essere a un bivio: devo decidere se gli avvenimenti degli ultimi due giorni possono cambiare il rapporto tra me e lei. Mi aggrappo al fatto che non stiamo insieme……. Eppure ci stiamo, come ha detto Giada. Quindi se assolvo me stesso per quel che faccio da diversi mesi perché condannare lei per la stessa cosa?
In definitiva ognuno fa quel che vuole, mi scoccia di più il fatto che non mi abbia dato retta quando mi ha seguito, però perché doveva darmi retta?
Che confusione.
Angela sorseggia la birra direttamente dalla bottiglietta e mi guarda. Assorto nei miei pensieri non me ne ero accorto. Poggia la bottiglietta sul tavolino e mi si avvicina:

- Mauro, lo so che sei arrabbiato con me, però devi sapere che io a te ci tengo tantissimo –

- Anche dopo quel che è successo? –

- Sì. Non lo so cosa mi è preso, la testa mi diceva di no ma è stato il mio corpo a decidere. Non sono in grado di descriverti cosa ho provato nel vedere Paul nudo, è iniziato tutto da lì e il resto è venuto di conseguenza. Non ho mai provato un tale livello di eccitazione, sia per intensità che durata. Anche ora ripensandoci mi sto bagnando. Ho goduto da morire in questi giorni, come mai avevo fatto. Avevo solo voglia di scopare ancora e ancora e ancora……… Avevo il cervello in tilt, troppe sensazioni nuove, tutte insieme -

Tace Angela, si mordicchia le labbra con gli occhi che le brillano ricordando il tour de force di sesso appena concluso.

- Hai intenzione di rifarlo? -

- Sì…no….non lo so. Razionalmente non vorrei ma se ripenso al piacere che ho avuto, alla pelle di Giada, alla micina di Mila……….sai che non avevo mai toccato una donna prima? E poi tutti quegli uomini, anche tu, tutti lì per me. Non avevo mai provato nemmeno a prenderne due insieme. Mauro, ho goduto come una cagna per tutto il tempo e sì, ho voglia di rifarlo. Non subito magari ma voglio provare quel piacere ancora. -

- Giada ci aspetta domenica prossima, lo sai? Sai cosa vuole da te, da noi? -

- No, lo immagino però. Mi ha affascinato, sa essere dura e dolce insieme, la sua lingua su di me la sento ancora adesso mmmmhhhhhhhhh. Voglio andarci Mauro…… e tu? -

- Non penso di poter scegliere. Giada mi intimorisce e non ho voglia di scoprire cosa può succedere se la faccio arrabbiare -

- Allora è deciso, andiamo. …………. E tra di noi? -

- Tra di noi cosa? -

- Continuerà tutto come prima? Anche adesso che sono diventata una …pornostar? -

Ridacchia divertita

- Il regista mi ha dato una busta con tantissimi soldi, mi ha detto che me li meritavo. Se sapesse che mi sono divertita a farlo, che neanche sapevo mi avrebbero pagata -

- Lo sa, è un patito della “verità” come la chiama lui. Gli piace quando le espressioni sono reali e non simulate, e tu gliene hai fornite tantissime. Credo che verrà fuori un bel film, si capisce che partecipi, che non fingi -

- Oddio Mauro, e se mi riconoscono? Chi vedrà il film? -

- Non lo so, penso all’estero, comunque con quella mascherina difficilmente potranno riconoscerti, fino a quando non deciderai di toglierla e mostrarti apertamente -

- Non lo farò mai. Non hai risposto -

- Tra di noi? Credo che continuerà come prima, in fondo ora siamo colleghi in due lavori….diversi -

Ora sono io a ridacchiare. Ho deciso, inutile crearsi problemi che so di non saper risolvere. Angela mi piace e se devo vederla scopare con altri…… ebbene, anche io lo faccio. E’ “lavoro”. Bisogna accettarlo”

- Sì Angela, non cambia nulla……. A meno che Giada non decida per noi. –

- E’ veramente terribile quando ti guarda, ho un po’ paura di lei, eppure credo anche di amarla un po’. Non vedo l’ora che arrivi domenica -

- Se fossi un maschio staresti sempre col cazzo duro. Andiamo “troietta”, ho voglia di una pizza -

Le tiro un cuscino ridendo e lei ride rilanciandomelo. Ci alziamo per uscire. Tutto è risolto, o così almeno pare.
In pizzeria ci comportiamo come due innamorati/amici/complici escludendo il resto del locale dal nostro piccolo mondo privato. Torniamo a casa ancora ridendo e ridendo ci salutiamo.
Sul telefono di Angela ci sono diverse chiamate del suo ragazzo, chiamate che lei ha ignorato tranquillamente, è un problema suo che vuole affrontare da sola. Forse Angela attende che le chieda di fermarsi per la notte, però non mi va, questa sera tutto meno che il sesso. Io mi metto davanti alla TV sereno e rilassato, e sprofondo nel sonno durante una partita. Dormo come un angioletto.

Questo racconto di è stato letto 1 3 5 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.