Lotteria

Scritto da , il 2020-04-25, genere sadomaso

La festa BDSM era stata organizzata in una villa settecentesca a Scandicci. Per l'occasione l'accesso era stato limitato alle sole mistress accompagnate dai propri schiavi o schiave.
Laura approfittò di una temporanea assenza del marito per invitare il suo miglior amico e confidente a mettere in pratica alcune loro fantasie.
Prima di recarsi alla villa, la donna fece in modo che il suo schiavo potesse farsi una doccia, dopo aver provveduto a fargli un clistere per pulirlo internamente.
Non mancò neppure di depilarlo, operazione necessaria per evitare fastidiosi effetti secondari qualora qualcuna delle padrone volesse usare la cera.
Non era da sottovalutare l'opzione di mettere a fattor comune tutti gli schiavi e creare un serraglio dove ciascuna avrebbe potuto scegliere e usare l'uomo o la donna più attraenti per soddisfare i propri capricci.
Sergio, questo il nome dello schiavo, fu fatto vestire con un paio di calzini, pantaloni di cotone, una maglia aderente e mocassini tutti rigorosamente neri. Non aveva biancheria intima.
Al momento dell'ingresso, Laura ricevette un collare, una cinghia e una catena. Fece indossare il collare a Sergio e agganciò la cintura alla propria vita. La catena fu chiusa su un moschettone cucito sul collare e su un'asola ricavata sulla cintura di lei.
La donna poté quindi girare liberamente per l'ampio salone senza tener occupate le mani per trascinare l'uomo come un cane da compagnia.
Si accomodò al bancone bar su un alto sgabello e, ispirata dalle altre padrone presenti, fece sedere a terra il suo accompagnatore.
A differenza degli altri schiavi che erano totalmente nudi, eccetto per il collare, Sergio era ancora vestito.
Laura non ci fece caso, ma non appena terminato l'aperitivo, trascinò in malo modo il suo schiavo verso lo spogliatoio e lo fece denudare completamente.
Gli applicò un paio di mollette metalliche allo scroto e un altro paio ai capezzoli. Le due coppie di oggetti erano legati tra loro da una catenella e agganciata a questa c'era una campanella. Quando lo schiavo camminava, il tintinnio metallico attirava l'attenzione delle altre donne.
Laura si accomodò su una poltrona e osservò quelli che si potevano definire spettacoli e situazioni inusitate.
La magnifica mora che stava seduta sulla poltrona alla sua destra aveva appoggiato i suoi piedi sulla schiena dello schiavo che se ne stava immobile a quattro zampe.
A sinistra invece, una rossa naturale si faceva beatamente leccare il sesso dalla schiava inginocchiata davanti a lei.
Nella zona centrale, dove era stato allestito un piccolo palco, una coppia di schiavi era stata legata schiena contro schiena e dovevano tenere le gambe larghe. Le loro padrone si divertivano a prendere a calci i loro testicoli, alternativamente, senza però usare molta energia. Laura non riuscì a udire cosa si stavano dicendo, ma da quel momento i due schiavi iniziarono a gemere per la forza con cui i loro genitali venivano colpiti.
Un calcio ben assestato fece crollare a terra uno schiavo, trascinando l'altro nella caduta.
La padrona del primo, sciolte le funi, cedette l'uomo alla proprietaria del secondo, già pronta con un enorme strap-on indossato sopra la gonna di pelle nera.
Condotto alla gogna girevole, lo schiavo che ancora si lamentava per il calcio fu fatto inginocchiare a novanta gradi e immobilizzato.
La donna unse il fallo finto e sodomizzò lentamente l'uomo. I gemiti di sofferenza furono sostituiti da grida di dolore quando progressivamente la frequenza delle penetrazioni aumentò. Gli astanti poterono comodamente ammirare la punizione dai diversi punti di vista che la rotazione della piattaforma proponeva loro.
Laura si sentì rinsecchire le labbra per l'aumento della respirazione nel vedere e udire una punizione corporale di tale portata.
Quando le grida si mutarono in urla animalesche, molte dominatrici, in preda a una incontrollabile eccitazione, scelsero o di farsi leccare il sesso oppure di cavalcare i loro schiavi.
Sergio era molto preoccupato per quello che vedeva. Non disdegnava subire punizioni corporali purché recassero piacere alla sua padrona, ma lì si sarebbe sfiorata la violenza gratuita con danni fisici affatto trascurabili.
La padrona che stava sodomizzando lo schiavo appartenente alla seconda mistress probabilmente si rese conto di aver superato il limite e si fermò dopo pochi secondi.
Vedendolo visibilmente provato, la padrona legittima si premunì di intervistare le poche donne accompagnate da schiave e chiedere loro se potesse usarne una per dare conforto al proprio.
Laura osservò la trattativa, la carezza che la donna fece alla propria slave, la consegna del guinzaglio alla richiedente e la marcia della donna a quattro zampe verso la gogna girevole dove l'uomo era stato appena liberato.
La padrona lo legò con delle manette a una croce di Sant’Andrea e fece posizionare la donna davanti al suo sesso.
La schiava iniziò un morbido pompino che in breve fece mutare i gemiti di dolore in mugolii di piacere.
Laura e Sergio rimasero con lo sguardo fisso ad ammirare le prodezze della donna che in pochi minuti si fece schizzare in gola il contenuto delle palle martoriate.
Terminato lo spettacolo, la coppia decise di gironzolare per il vasto salone e ammirare le varie situazioni messe in scena dalle esperte dominatrici.
Una donna si stava rilassando al piacevole gioco di lingua che il suo schiavo riservava ai suoi piedi; un'altra stava frustando il suo giocattolo umano rigando il suo sedere di rosso; una terza troneggiava a gambe larghe sul suo omuncolo nudo che stava sdraiato sul freddo pavimento di marmo e gli stava versando gocce di cera rossa direttamente sui genitali.
Una schiava stava invece leccando l'ano alla sua padrona mentre quest'ultima stava masturbando con foga uno schiavo legato a una sedia, sotto l'occhio divertito della sua proprietaria.
Su un divano si stava consumando una sodomizzazione di massa: 4 uomini erano inginocchiati con le braccia appoggiate allo schienale del divano e i loro culi erano oggetti di furiose penetrazione da parte di altrettante bellissime donne.
Camminando verso il fondo del salone, i due videro che un gruppo di donne stava costringendo i propri schiavi a comporre un trenino umano, con la sottile differenza che non si capiva chi fosse la locomotiva e chi l'ultimo vagone. Ciascun uomo stava succhiando il membro di un altro che a sua volta spompinava un altro schiavo. Rimasero ad ammirare la rara abilità di chi non sembrava avvezzo a usare la sua bocca per soddisfare un uomo.
In un corridoio parallelo invece si svolgeva una gara tra cavalli. Una coppia di dominatrici stava sulla schiena dei loro schiavi completamente nudi e dotati dell'immancabile butt plug con la finta coda che usciva dal sedere.
Assistettero alle punizioni dei tre perdenti delle tre gare che riuscirono a vedere. Il primo fu fatto sdraiare a terra e la sua padrona lo innaffiò con la propria urina direttamente sul viso. Il secondo si buscò venti bacchettate sul sedere mentre il terzo ebbe le gambe issate in alto e allargate a "V" e il suo ano fu penetrato da un cero acceso che rischiarò la parte finale del corridoio fino al termine del torneo.
Uno scampanellio risuonò nel salone principale e l'organizzatrice della serata dichiarò aperta la lotteria.
Ciascun schiavo avrebbe avuto un numero scritto con un pennarello sulle natiche. Le schiave sarebbero state escluse. Una di esse avrebbe estratto il numero che avrebbe designato la troia della serata ovvero lo schiavo che sarebbe servito per soddisfare tutti gli altri: il suo corpo avrebbe dovuto portare ad avere un orgasmo tutti gli altri suoi simili.
La padrona avrebbe ricevuto in omaggio il montepremi, parziale o totale in funzione di come si sarebbe conclusa la prova, come ricompensa per aver prostituito il proprio servo.
Ciascun biglietto costava cinquanta euro e il montepremi raggiunse la somma di millecento euro, visto che le padrone misero in palio ventidue schiavi.
Sergio fu il numero undici.
I ventidue foglietti di carta furono inseriti in un vaso trasparente e poi mischiato davanti agli occhi di tutti.
La schiava che aveva bevuto lo sperma poco prima, bendata, infilò la mano ed estrasse un foglio.
La padrona di casa prese il biglietto e declamò con molta enfasi:
- La fortunata proprietaria dello schiavo avente il numero che ho in mano riceverà cinquanta euro per ogni uomo che spargerà il suo sperma per merito suo. Il numero estratto è....undici!
Sergio ebbe un mancamento. Laura lo aveva addestrato a farsi possedere da lei e a bere il proprio sperma, ma non aveva mai avuto rapporti omosessuali.
Non ebbe il tempo di pensare a nulla che già quattro energumeni lo trascinarono sopra il palco girevole e lo misero a quattro zampe.
Le padrone si sistemarono comodamente attorno e lasciarono che i loro uomini finalmente potessero sfogarsi liberamente. L'unica seriamente preoccupata era Laura.
Il numero tre si impossessò della bocca di Sergio mentre il numero cinque sputò sul suo cazzo e lo appoggiò allo sfintere dell'uomo che tentò invano di rilassarsi.
Il membro si fece rapidamente largo nel retto dello schiavo e solo dopo pochi movimenti di assestamento, il numero cinque iniziò a pompare lentamente, ma per tutta l'intera lunghezza del suo membro, nel corpo dello schiavo.
I venti schiavi che rimasero attorno, si resero conto che in quella posizione avrebbero dovuto aspettare parecchio, prima che vi fosse il loro turno. Fecero in modo di far inginocchiare Sergio su una poltrona, in modo che il suo petto appoggiasse sullo schienale e avesse così le mani libere per masturbare altri due uomini.
Laura si confidò con la splendida quarantenne bionda che possedeva la schiava che aveva estratto il numero undici.
- Spero che rimanga eccitato a lungo così soffrirà meno.
- Cara - disse in tutta risposta l'affascinante dominatrice, rivolgendosi alla donna accoccolata ai suoi piedi - mi devo ricredere sulla mia promessa di lasciarti masturbare finché l'uomo che sta sul palco si fa inculare dai suoi pari. Ho appena saputo dalla sua padrona che se è eccitato il numero undici soffre meno. Lei non sa che io ho voluto te come mia fedele schiava perché vent'anni fa subii una violenza di gruppo, subendo un trauma talmente grave da odiare tutti gli uomini e quello che sto vedendo è per me un toccasana per i miei occhi. Ti ordino quindi di alzarti, avvicinarti al cazzo del numero undici, spompinarlo come solo tu sai fare, trattenere in bocca la sua sborra e poi restituirgliela. Se fai presto, probabilmente non dovrai neppure entrare in contatto con lo sperma degli altri porci.
Laura rimase allibita e ancor più preoccupata per la sorte del suo Sergio.
La schiava si alzò con una luce pericolosa negli occhi. Era probabilmente divenuta la compagna succube della bionda perché era lesbica o forse perché aveva subito lo stesso destino.
Quasi che i suoi pensieri fossero apparsi sulla fronte, l'affascinante bionda le confidò che la giovane schiava subì le morbose attenzioni di uno zio durante l'intero periodo dell'adolescenza.
La donna si pose di fianco a Sergio che nel frattempo aveva fatto godere il tre, ricevendone gli schizzi sulla faccia e il cinque che gli venne dentro il culo.
Altri due schiavi presero il loro posto e un terzo si aggiunse a fianco di quello che voleva sesso orale, costringendo la vittima a un doppio pompino.
La donna gli prese in bocca l'uccello bello duro e ciò rese Sergio particolarmente portato a darsi da fare. Nel tempo che la schiava riuscì a farsi schizzare in bocca, l'uomo era riuscito a far venire i cinque suoi pari con mani, bocca e culo.
La giovane, obbediente, si fece largo tra quelli in attesa di violentare Sergio, si accucciò davanti alla sua faccia, gli tolse lo sperma che colava dal viso e lo baciò, facendogli bere tutto il suo seme.
La bionda che vide tutta la scena gemette di piacere e Laura notò che si era masturbata furiosamente nell'assistere alla fellatio.
Altri cinque schiavi procedettero a procurarsi il piacere. Sergio ormai era una fontana gocciolante sperma dal mento, dalla schiena e dall'ano slabbrato dai ripetuti e animaleschi assalti che aveva subito.
Ma ora l'umiliazione sarebbe diventata ancor più dolorosa.
Privo dell'eccitazione che smorzava il dolore, la successiva sodomizzazione gli strappò delle grida e dei gemiti di dolore, facendo eccitare ancor più la bionda e le altre padrone che provavano un sadico piacere nell'infliggere sofferenza agli uomini.
Eccitati dallo spettacolo precedente, il gruppo dei cinque schiavi iniziò a ruotare. Chi stava inculando Sergio, si piazzò davanti alla sua bocca e vi rimase fino a schizzargli in faccia. Chi aveva il cazzo nella mano dell'uomo s'impossessò del culo e così via.
Ci fu chi preferì inondare il culo di sperma e chi invece puntò a venire in faccia all'uomo. In tutte le situazioni però, nessuno schiavo ebbe pietà del ruolo di sfortunata vittima che era toccato al numero undici.
Non c'era tatto nel modo in cui i membri entravano e violentavano l'ano dell'uomo; non c'era neppure un minimo ritegno nell'insultarlo e lamentarsi della sua scarsa capacità di fare pompini e seghe.
L'organizzatrice portò novecento euro in mano a Laura e attese di vedere gli orgasmi degli ultimi schiavi o di udire Sergio gridare la safe word.
Ormai si udivano chiaramente i suoi gemiti di dolore e parimenti quelli di assoluto godimento delle dominatrici che si facevano masturbare o leccare dai propri servi.
Passarono pochi, ma lunghissimi minuti e Laura ricevette anche gli ultimi duecento euro.
Missione compiuta.
Quando anche l'ultimo uomo ritirò il suo cazzo moscio dal culo di Sergio, la donna si affrettò verso il palco a sincerarsi delle condizioni dell'uomo.
Lo spettacolo era vomitevole. L'intero corpo era coperto da sperma, soprattutto le cosce erano inondate da tutto il seme che era fuoriuscito dall'ano tumefatto. Il viso e il cranio erano imbrattati di sostanza viscosa, come pure le braccia e le spalle. L'unica zona rimasta pulita era il ventre.
Laura si fece dare dalla padrona di casa un paio di salviette e un catino d'acqua tiepida e con amorevoli cure riuscì a portare sollievo all'uomo devastato.
L'organizzatrice della lotteria si congratulò con Sergio perché era la prima volta che lo schiavo estratto aveva voluto arrivare in fondo e il montepremi massimo che aveva distribuito negli anni precedenti era stato la metà del totale.
Poi accompagnò Laura e Sergio verso un bagno dotato di doccia e mostrò loro un tubetto di crema emolliente.
Fu Laura a lavare l'uomo e a spalmare di crema il suo ano devastato.
Poi lo baciò teneramente e lo abbracciò fino alla macchina.
Se avesse avuto dubbi sull’obbedienza e la fiducia che Sergio aveva in lei, dopo quella notte sarebbero svaniti come lo scroscio di pioggia caduto sull’asfalto bollente di agosto.

Questo racconto di è stato letto 4 9 9 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.